campionato volley maschile serie a, risultati partite, foto, immagini giocatori volley a1 a2, statistiche squadre pallavolo maschile, formazioni maschili volley


volley maschile, campionato pallavolo maschile a1 a2, giocatori campionato volley serie a, foto, immagini volley maschile, formazioni maschili volley, mercato volley maschile
Home
Olimpiadi di Rio 2016
Il volley
Parliamo di volley
Campionato maschile
Campionato femminile
Attivitā internazionale
Coppe europee
Beach volley
Volley mercato
Volley Story e interviste
Eventi
Volley in Tv
Editoriali
Regolamento del volley
Libri
DallariVolley.com sostiene
Cerca
Mappa e guida

news pallavolo maschile, analisi schemi gioco volley, interviste, commenti campionato pallavolo, mercato volley maschile




Guida al Volley 2010
PARLIAMO DI VOLLEY :  Campionato maschile



08.10.2017 - Perugia ha vinto la Del MonteŽ Supercoppa maschile
Del Monte® Supercoppa 2017
Eurosuole Forum sold out per il successo della Sir Safety Conad Perugia in 4 set contro la Cucine Lube Civitanova. E’ il primo storico trionfo della società umbra. Block Devils in festa. Russell è Del Monte® MVP
 
Risultato Finalissima Del Monte® Supercoppa 2017
 
Cucine Lube Civitanova - Sir Safety Conad Perugia 1-3 (20-25, 25-22, 17-25, 26-28)
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 20, Candellaro, Sander 6, Juantorena 12, Stankovic 5, Kovar 6, Grebennikov (L), Christenson 3, Cester 8. Non entrati Marchisio, Casadei, Milan, Zhukouski. All. Medei.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Shaw, Russell 21, Zaytsev 11, Della Lunga, Colaci (L), Atanasijevic 17, De Cecco 2, Anzani 12, Podrascanin 13. Non entrati Ricci, Cesarini, Siirila, Berger, Andric. All. Bernardi.
ARBITRI: Boris, Sobrero.
NOTE - Spettatori 4291, incasso 76343, durata set: 34', 30', 28', 36'; tot: 128. Del Monte® MVP Russell
 
Festa sul campo tricolore davanti ai 4291 di Civitanova Marche per la Sir Safety Conad Perugia che alza al cielo la prima Del Monte® Supercoppa al termine di una splendida due giorni di volley e divertimento. E’ il primo trofeo della storia per la società di Gino Sirci alla sesta Finale tra eventi nazionali ed europei.
 
Lo spettacolo all’Eurosuole inizia ben prima della finale grazie ai colori in tribuna garantiti dalle tifoserie e alla presentazione in campo dei protagonisti, condita da quiz con i tifosi e interviste anche ai direttori di gara, da parte di Lorenzo Dallari.
 
Entusiasmante, prima dell’inizio del match, lo spettacolo del giovanissimo batterista Edoardo Lovatti, di soli 8 anni, terzo classificato ad Italia’s got talent, che ha intrattenuto il pubblico ed ha poi accompagnato gli starting six all’ingresso in campo tra le ovazioni degli spettatori dell’Eurosuole Forum.
 
Cucine Lube Civitanova in campo con il 6+1 campione d’Italia formato da Christenson-Sokolov, Juantorena-Kovar, Stankovic-Cester e Grebennikov libero, dall’altra parte i Block Devils sono schierati con il solito sestetto e cioè De Cecco-Atanasijevic, Russel-Zaytsev, Anzani-Podrascanin e Colaci libero
 
L’avvio del match è di marca Sir soprattutto col servizio di De Cecco e Zaytsev (2-6), la Lube prova a riavvicinarsi con l’ace di Cester (7-9) ma una spettacolare difesa di piede di Zaytsev consente la rigiocata vincente di Russell (9-13). Il servizio degli umbri è più incisivo e consente un nuovo scatto (17-22, time out Medei). L’allenatore marchigiano toglie Kovar per Sander, prima aveva avvicendato Stankovic con Candellaro, ma Perugia viaggia spedita verso il successo (20-25) col 67% in attacco contro il 33% dei cucinieri.
 
Nel secondo set l’equilibrio regna nelle prime battute (6-6) e si protrae fino all’11-9 (Video Check favorevole alla Lube su attacco di Anzani); Perugia pareggia col muro di Russell e sorpassa con Atansijevic (13-14). La reazione marchigiana è veemente (19-16), immediato il recupero dei Block Devils (19-19): c’è battaglia in campo e battaglia sugli spalti tra le due tifoserie fin quando Kovar inchioda Atanasijevic e chiude la seconda frazione (25-22) nella quale l’attacco Lube è tornato su livelli di eccellenza (57%).
 
Il punto a punto caratterizza anche i primi scambi del terzo set (5-5): Russell e il muro perugino rompono l’equilibrio (5-10) e consentono alla Sir Safety Conad di condurre con tranquillità le operazioni grazie al vantaggio acquisito. Medei manda in campo Candellaro e Sander per mescolare la carte ma la squadra di Bernardi non consente alcuna rimonta (17-25) grazie al 79% in attacco.
 
Candellaro e Sander partono in sestetto anche nel quarto set nel quale la Sir Safety Conad prende subito tre lunghezze di vantaggio (1-4) prima di essere rimontata da Sokolov e Cester a muro (8-7, time out Bernardi). Sander spinge avanti dalla zona uno i cucinieri (12-9), imitato poi da Sokolov per il 19-15. Perugia non molla e tre ace, il terzo con l’aiuto del nastro, di Russel riportano avanti la compagine del presidente Sirci (19-20). Il finale è al cardiopalma: Lube ha un set point ma a chiudere è la Sir Safety Conad alla terza occasione con un punto di Russel dopo una spettacolare azione.
 
A consegnare il riconoscimento agli arbitri è Massimo Righi, Amministratore Delegato della Lega Volley. Paola De Micheli, Presidente della Lega Pallavolo Serie A, e Albino Massaccesi, vicepresidente della Lega consegnano le medaglie d’argento e la targa per il secondo posto ai giocatori della Cucine Lube Civitanova. A premiare il capitano della Sir Safety Perugia Luciano De Cecco sono la Presidente della Lega Pallavolo Serie A, Paola De Micheli, e il vice Presidente della Fipav, Adriano Bilato, che consegnano ai ragazzi di Lorenzo Bernardi e del Presidente Gino Sirci la Del Monte® Supercoppa, mentre l’amministratore delegato della Lega Pallavolo Serie A, Massimo righi, consegna allo schiacciatore Aaron Russell il trofeo di Del Monte®lube MVP.
 
Del Monte® MVP è Aaron Russell (Sir Safety Conad Perugia)
 
Le dichiarazioni dei protagonisti:
Giampaolo Medei (allenatore Cucine Lube Civitanova): “Anche oggi non siamo partiti bene e questo è un aspetto da analizzare e da migliorare al più presto. Oggi Perugia ci ha creato molte difficoltà e abbiamo sempre provato a reagire, questo mi è piaciuto: c’è mancato un pelo per arrivare al quinto set contro una squadra che ha giocato meglio di noi e ha meritato di vincere la Supercoppa. Kovar? L’ho fatto uscire per un piccolo problema muscolare perché non era il caso di rischiare e, comunque, avevo anche l’intenzione di utilizzare Sander. Abbiamo affrontato questa manifestazione con voglia di vincere. Ne abbiamo ancora di più e vogliamo lavorare per raggiungere molto velocemente al top della nostra condizione: siamo una squadra forte e l’abbiamo dimostrato anche oggi, pur essendo coscienti del valore degli avversari”.
 
Dragan Stankovic (Cucine Lube Civitanova): “Ci aspettavamo una Finale così complicata: Perugia è entrata in campo carica mentre noi siamo stati un po’ mosci lasciando a loro il primo set. Poi, nel quarto parziale, abbiamo reagito. E’ finita punto a punto e alla fine hanno meritatamente vinto i nostri avversari, sicuramente oggi più bravi di noi al servizio. Un fondamentale dove hanno sbagliato poco, mentre noi abbiamo commesso troppi errori soffrendo anche in ricezione. Anche un anno fa abbiamo perso la Supercoppa, ma poi sappiamo come è andata a finire: quindi guardiamo avanti con fiducia, insieme ai nostri tantissimi tifosi che anche oggi erano qui a sostenerci”.
 
 
Lorenzo Bernardi (allenatore Sir Safety Conad Perugia): “Sono felicissimo per la società, i nostri tifosi e, soprattutto, lo dico col cuore, per i giocatori perché troppe volte l’urlo gli si era strozzato in gola in passato. E sono felice perché hanno provato la gioia di vincere che è unica!”
 
Marko Podrascanin (Sir Safety Conad Perugia): “L’anno scorso ero arrivato a Perugia per questo! Lo scorso anno abbiamo perso due finali e da quelle abbiamo imparato tanto su come si giocano e come si vincono partite del genere. Stasera abbiamo prevalso contro una grande squadra perché ci abbiamo sempre creduto, anche nel quarto set quando eravamo sotto. E con questo grande pubblico possiamo fare tanto ancora”.
 

La Azimut Modena si aggiudica la Finale per il 3° posto in 4 set con la Diatec Trentino. In campo ora all’Eurosuole Forum la Cucine Lube Civitanova e la Sir Safety Conad Perugia per la conquista del trofeo tricolore

 
Risultato Finale 3°-4° posto Del Monte® Supercoppa
 
Diatec Trentino - Azimut Modena 1-3 (20-25, 24-26, 25-23, 30-32)
DIATEC TRENTINO: Kovacevic 18, Hoag, Kozamernik 5, Cavuto, Vettori 19, Chiappa (L), Giannelli 3, Lanza 13, Zingel 3, Teppan, Carbonera 7, De Pandis (L). Non entrati Partenio. All. Lorenzetti.
AZIMUT MODENA: Mossa De Rezende 1, Argenta, Rossini (L), Ngapeth 22, Sabbi 22, Holt 6, Urnaut 12, Mazzone 5. Non entrati Franciskovic, Van Garderen, Tosi, Bossi, Marra, Pinali. All. Stoytchev.
ARBITRI: Vagni, Saltalippi. NOTE - durata set: 27', 31', 31', 37'; tot: 126'.
 
La Azimut Modena conquista il terzo posto alla Del Monte® Supercoppa Italiana grazie al successo in quattro set contro la Diatec Trentino nella Finale di consolazione all'Eurosuole Forum di Civitanova Marche. Un successo alimentato da un gioco più incisivo nella prima parte del match e da una buona dose di cinismo nel parziale decisivo, vinto ai vantaggi dopo aver annullato 7 set point. Cornice colorata a fine match con “il muro” dei tifosi modenesi ai margini del campo, davanti alla mascotte della Del Monte®, Mister Banana, per incitare allenatore e giocatori.
 
Le due squadre riservano le maggiori emozioni per la seconda parte dell’incontro. In avvio gli uomini di Radostin Stoytchev tengono meglio il campo e portano a casa il primo set senza particolari patemi. Nel secondo parziale l’ingresso di Kozamernik per Zingel porta vivacità tra i trentini e puntella il muro, ma il collettivo emiliano è più incisivo ai vantaggi. Quando i giochi sembrano chiusi Angelo Lorenzetti trova la chiave giusta di lettura e Modena vacilla sotto i colpi di Vettori. Nel quarto set succede di tutto. I trentini hanno il merito di prendere l’iniziativa, ma la macchia di gettare al vento 7 set point per poi capitolare sulle giocate di Sabbi e Urnaut. Top scorer del match Ngapeth e Sabbi con 22 punti a testa, seguiti da Vettori con 19 sigilli.
 
Divertimento e interazione all’Eurosuole Forum con i quiz a premi del pre-partita, i giochi sul maxi-schermo e le interviste in campo del noto giornalista Lorenzo Dallari. I decibel lievitano con i siparietti della mascotte Mister Banana, la carica dello speaker Giuseppe Baratta e le ovazioni del pubblico. Affollati gli stand Del Monte® e dell’associazione solidale di Jack Sintini.
 
Grande lavoro anche oggi per il Video Check System con software di ultima generazione, essenziale per aiutare gli arbitri e riportare la serenità in campo sui palloni più dubbi.
 
Starting six immutati rispetto alla prima giornata. Diatec Trentino schierata con Giannelli in cabina di regia per il finalizzatore Vettori, al centro Carbonera e Zingel, laterali Kovacevic e Lanza, libero De Pandis. Azimut Modena in campo con Bruno al palleggio per Sabbi opposto, centrali Holt e Mazzone, Ngapeth e Urnaut schiacciatori di banda, Rossini libero.
 
In avvio di match è Modena a imporre il ritmo alla gara (3-7). Alla distanza i trentini limano il gap (9-10), ma nel punto a punto il sestetto emiliano chiude ogni varco con lucidità e astuzia (15-20). Più efficaci gli attacchi modenesi. Il tentativo di rimonta dei gialloblù viene spezzato sul 20-23 dal diagonale vincente di Urnaut e il diagonale fuori misura di Kovacevic (20-25).
 
Nel secondo set errori da ambo le parti. I 2 ace di Sabbi lanciano Modena (7-10), che allunga per le incertezze dei rivali (9-13). Giannelli e compagni lottano (13-15). In campo c’è Kozamenrik per Zingel. Sul 17-19 l’arbitro ricorre al Video Check, che premia Trento prima del pareggio di Lanza (19-19). Di Kozamernik il 20-19, ma Modena realizza 3 punti con mani out finale di Sabbi (20-22). L’attacco di Ngapeth sull’asta riapre i giochi (23-23). Trento stecca al servizio, ma Vettori rimedia (24-24). Un errore della Diatec e la stoccata di Sabbi chiudono i giochi (24-26).
 
Punto a punto nel terzo parziale, con Trento che conferma Kozamernik e trova il doppio break a muro (13-10). Agonismo e team a braccetto sul muro di Holt (15-15). Poi sorpasso di Sabbi dai 9 metri e mani out di Urnaut (15-17). La Diatec restituisce il filotto (18-17) e tiene il naso avanti sulla giocata di Kovacevic per poi andare sul +3 sull’attacco out degli avversari (22-19). Si lotta su ogni pallone (22-21). Sul 23-22 a rete il servizio di Ngapeth (24-22). Poi Lanza riapre il match (25-23).
 
L’inizio del quarto set è di marca trentina (10-7), ma basta un calo di tensione e gli uomini di Stoytchev impattano (11-11). Su una leggerezza modenese e un attacco di Kozamernik i gialloblù pescano il doppio break (16-13). Il sestetto di Lorenzetti fa buona guardia a muro (19-15), ma la tenacia di Modena manda in affanno i vice campioni d’Italia (20-19) e su un’incomprensione tra Lanza e Kovacevic matura il pareggio (21-21). Poi arriva il lungolinea di Ngapeth per il sorpasso (21-22). Nel finale tengono banco gli errori dai 9 metri (24-23). Modena annulla 7 set point (30-30) per poi centrare il sorpasso con Sabbi (30-31) e chiudere il match con Urnaut (30-32).
 
 
Le dichiarazioni
Radostin Stoitchev (allenatore Azimut Modena): “Era una gara complicata. Non è facile giocare due giorni di seguito, soprattutto, dopo una delusione come quella di ieri. Ho ricevuto buone risposte nel contrattacco, ma non siamo riusciti ad avere un cambio palla fluido. Sabbi? E' un giocatore che dà sempre tutto, in allenamento e partita, e ha risposto alla grande. E’ovvio che per avere i migliori meccanismi in attacco occorre tempo, ma sono molto soddisfatto del suo inizio di stagione”.
 
Giulio Sabbi (Azimut Modena): “E' una vittoria che ci dà più sicurezza. Abbiamo giocato contro una squadra importante e siamo stati bravi a non mollare mai. Domenica iniziamo il campionato e vogliamo assolutamente farlo con il piede giusto”.
 
 
Angelo Lorenzetti (allenatore Diatec Trentino): “Dopo un primo set non all’altezza abbiamo giocato i tre successivi parziali su buoni livelli. Ci sarebbe piaciuto arrivare al tie break perché così avremmo potuto giocare un altro set per conoscerci ancora meglio, ma in ogni caso in questo weekend abbiamo raccolto tante indicazioni utili per il lavoro che andremo a svolgere durante la prossima settimana. Abbiamo potenzialità importanti, ma dobbiamo avere anche la pazienza e il tempo per svilupparle”.
 
Filippo Lanza (Diatec Trentino): “E' stata una bella partita, giocata con carattere e determinazione ben oltre la posta in palio. Al di là della medaglia di bronzo, si vedeva che entrambe le squadre tenevano molto a ben figurare. Non siamo stati eccezionali nella gestione dei secondi tocchi sulle ricostruite e da questo punto di vista qualcosa abbiamo pagato, ma ci portiamo via da Civitanova tante indicazioni utili. Attendevamo con curiosità e interesse i primi riscontri del campo”.
 
Albo d’oro Supercoppa Italiana
1996 Alpitour Traco Cuneo
1997 Casa Modena Unibon
1998 Sisley Treviso
1999 TNT Alpitour Cuneo
2000 Sisley Treviso
2001 Sisley Treviso
2002 Noicom Brebanca Cuneo
2003 Sisley Treviso
2004 Sisley Treviso
2005 Sisley Treviso
2006 Lube Banca Marche Macerata
2007 Sisley Treviso
2008 Lube Banca Marche Macerata
2009 CoprAtlantide Piacenza
2010 Bre Banca Lannutti Cuneo
2011 Itas Diatec Trentino
2012 Cucine Lube Banca Marche Macerata
2013 Diatec Trentino
2014 Cucine Lube Banca Marche Treia
2015 DHL Modena
2016 Azimut Modena
2017 Sir Safety Conad Perugia


 
news volley maschile, partite campionato italiano pallavolo maschile serie a, formazioni, analisi tecniche schemi, commenti, risultati gare, mercato giocatori pallavolo, news pallavolo maschile, statistiche giocatore volley