eventi volley, calendario incontri pallavolo, risultati volley, regole pallavolo, albo d'oro volley, programma pallavolo, descrizione competizioni volley


incontri volley, competizioni pallavolo, informazioni gare volley, descrizione eventi volley, squadre vincitrici pallavolo
Home
Profilo
Olimpiadi di Londra 2012
Il volley
Parliamo di volley
Campionato maschile
Campionato femminile
Attivitā internazionale
Coppe europee
Beach volley
Volley mercato
Volley Story e interviste
Eventi
Volley Maschile
Volley Femminile
Archivio Eventi
Work shop 2014
Volley in Tv
Editoriali
Medicina e Sport
Angolo della Tecnica
Preparazione fisica
Regolamento del volley
Libri
DallariVolley.com sostiene
Cerca
Mappa e guida

regolamento eventi volley, palmares squadre vincitrici pallavolo, date incontri volley, appuntamenti pallavolo, informazioni volley


Guida al Volley 2010
EVENTI :  Volley Maschile - Nazionali


World League

La World League 2014 č stata vinta dagli Stati Uniti in finale contro il Brasile
WORLD LEAGUE 2014

La Fase Intercontinentale: 23 maggio – 6 luglio 2014
L’edizione numero 25 della World League si disputerà con una nuova formula.
Ventotto le formazioni partecipanti suddivise in sette pool da quattro, appartenenti a tre fasce per un totale di 144 match nella Fase Intercontinentale.

Prima fascia
Pool A: Italia, Brasile, Iran e Polonia
Pool B: Russia, Stati Uniti, Bulgaria e Serbia
Seconda fascia
Pool C: Belgio, Canada, Australia e Finlandia
Pool D: Argentina, Germania, Francia e Giappone
Pool E: Olanda, Corea del Sud, Portogallo e Repubblica Ceca
Terza fascia
Pool F: Tunisia, Turchia, Cuba e Messico
Pool G: Portorico, Cina, Slovacchia e Spagna

Fase Intercontinentale
Le formazioni inserite nelle pool A, B, C, D ed E giocheranno con la tradizionale formula della doppia sfida sia in casa che in trasferta, mentre quelle delle Pool F e G disputeranno due tornei indipendenti.

Final Four
È la Fase Finale delle pool C, D ed E che qualifica la squadra vincitrice alla Final Six che assegnerà il titolo. Si disputerà l’11 e 12 luglio a Sidney, Australia.

Final Six
Alla Final Six, in programma a Firenze dal 16 al 20 luglio, parteciperanno l’Italia Paese Organizzatore, le prime due classificate delle Pool A e B e la vincitrice della Final Four della seconda fascia.
Se l’Italia nella Pool A dovesse piazzarsi tra le prime due si qualificherebbe la terza classificata.
Il sistema di punteggio prevede che nel caso in cui un match terminerà 3-0 o 3-1, alla squadra vincitrice andranno 3 punti, alla perdente 0. In caso di 3-2, 2 punti alla vincente e 1 alla perdente. In caso di parità (uguale numero di punti) le squadre verranno classificate in base al numero di match vinti, quoziente set e, in caso di ulteriore parità di punteggio, quoziente punti.
La classifica dei gironi sarà determinata dai risultati di tutte le partite vinte e perse.

La fase finale: 16-20 luglio, Firenze
La fase conclusiva della World League torna in Italia dopo dieci anni. Il nostro Paese, infatti, non ospita le Finali dal 2004 quando a Roma, il Brasile si impose 3-1 (27-25, 25-19, 25-27, 25-17) proprio sugli Azzurri nella gara che valse la quarta medaglia d’oro per i verdeoro (ora sono a quota nove).
Quella in programma a Firenze sarà la sesta edizione disputata in casa, la prima in assoluto in Toscana. Precedentemente la Federazione Italiana Pallavolo ha organizzato l’atto conclusivo tre volte a Milano (1991, 1994 e 1998), Genova (1992) e Roma (2004).
La formula prevede che le sei squadre qualificate verranno suddivise in due gironi che si sfideranno con il Round Robin system. Le prime due classificate di ogni pool giocheranno le semifinali incrociate che decreteranno poi le formazioni che si sfideranno per le medaglie.
Il programma
16-18 luglio: incontri delle pool
19-20 luglio: semifinali e finali

FASE INTERCONTINENTALE

POOL A - 23 MAGGIO-6 LUGLIO 2014

23/5 BRASILE-ITALIA 1-3 (19-25, 25-27, 25-22, 21-25)
BRASILE: Sidao 9, Vissotto 16, Murilo 5, Lucas 12, Bruno 2, Lucarelli 13, Mario (L), Theo 5, Raphael, Gustavo, Felipe (L). N.e. Mauricio. All. Bernardo Rezende.
ITALIA: Birarelli 8, Zaytsev 19, Parodi 12, Piano, Travica 3, Kovar 20, Rossini (L), Buti 6, Randazzo, Vettori. N.e. Baranowicz, Sabbi, All. Mauro Berruto.
Arbitri: Cespedes (DOM) e Ilkiw (CAN).

24/5 BRASILE-ITALIA 1-3 (17-25, 26-24, 23-25, 20-25)
BRASILE: Sidao 9, Vissotto 5, Murilo, Lucas 11, Bruno 1, Lucarelli 16, Mario (L), Theo 15, Mauricio 9, Raphael, Felipe (L), Gustavo. All. Bernardo Rezende.
ITALIA: Birarelli 8, Zaytsev 23, Parodi 13, Piano 9, Travica 2, Kovar 13, Rossini (L), Buti. N.e, Randazzo, Vettori, Baranowicz, Sabbi. All. Berruto.
Arbitri: Ilkiw (CAN) e Cespedes (DOM).

29/5 Brasile-Polonia 3-0 (25-23, 29-27, 25-19)
30/5 Brasile-Polonia 0-3 (24-26, 26-28, 21-25)

30/5 ITALIA-IRAN 3-0 (25-19, 25-22, 25-23)
ITALIA: Parodi 14, Birarelli 8, Travica 2, Kovar 15, Piano 5, Zaytsev 12, Rossini (L), Vettori 1. N.e. Maruotti, Saitta, Lanza, Buti, All. Berruto.
IRAN: Seyed 9, Marouf 2, Ghaemi 7, Faezi 5, Mahmoudi 13, Ebadipour 3, Alizadeh (L), Ghafour, Gholami, Mobosheri, Mahdavi. N.e. Mirzajanpour. All. Kovac.
ARBITRI: Casamiquela (Arg) e Perez Broche (Pur).

1/6 ITALIA-IRAN 3-0 (27-25 25-18 25-22)
ITALIA: Parodi 8, Birarelli 6, Travica 1, Kovar 16, Piano 4, Zaytsev 17, Rossini (L), Buti 2, Vettori. N.e. Maruotti, Saitta, Lanza, All. Berruto.
IRAN: Seyed 8, Marouf 1, Ghaemi 4, Gholami 2, Mahmoudi 8, Ebadipour 11, Alizadeh (L), Ghafour 1, Faezi 1, Mirzajanpour 1, Mahdavi 1. N.e. Mobosheri. All. Kovac.
ARBITRI: Perez Broche (Pur) e Casamiquela (Arg).

6/6 Brasile-Iran 3-2 (25-23, 28-30, 26-28, 25-23, 15-13)

6/6 ITALIA-POLONIA 3-1 (25-23, 20-25, 25-23, 25-20)
ITALIA: Birarelli 8, Travica 4, Kovar 6, Piano 9, Zaytsev 24, Parodi 10, Rossini (L), Randazzo, Lanza 4, Vettori. N.e. Buti, Baranowicz. All. Berruto.
POLONIA: Klos 9, Bociek 24, Buszek 11, Wrona 7, Drzyzga 1, Mika 9, Zatorski (L), Nowakowski 1, Ruciak, Zygadlo , Konarski 1. N.e. Ferens, All. Antiga.
ARBITRI: Loderus (Ned) e Alenezi (Kuw).

7/6 Brasile-Iran 0-3 (18-25, 21-25, 22-25)

8/6 ITALIA-POLONIA 3-1 (25-21 25-20 15-25 25-17)
ITALIA: Birarelli 13, Travica 7, Kovar 6, Piano 9, Zaytsev 18, Parodi 11, Rossini (L), Lanza 1, Buti, Baranowicz 1. N.e. Randazzo, Vettori. All. Berruto.
POLONIA: Klos 10, Bociek 12, Buszek 18, Nowakowski 6, Drzyzga 2, Mika 13, Zatorski (L), Zygadlo , Konarski 2, Ruciak, Wrona. N.e. Ferens. All. Antiga.
ARBITRI: Alenezi (Kuw) e Loderus (Ned).

13/6 Iran-Brasile 3-2 (18-25, 27-25, 20-25, 25-17, 15-9)

13/6 POLONIA-ITALIA: 3-2 (25-23, 24-26, 26-24, 25-27, 15-10)
POLONIA: Klos 3, Wlazly 28, Winiarski 8, Wrona 10, Drzyzga, Mika 14, Zatorski (L), Kurek 15, Konarski 1, Zygadlo 1, Nowakowski. N.e. Buszek. All. Antiga.
ITALIA: Buti 10, Vettori 23, Lanza 7, Piano 11, Baranowicz 2, Randazzo 21, Giovi (L), Maruotti 10, Colaci, Corvetta , Sabbi. N.e. Beretta. All. Berruto.
Arbitri: Labasta (CZE) e Azevedo (POR).

15/6 Iran-Brasile 2-3 (19-25, 16-25, 25-23, 25-23, 10-15)

15/6 POLONIA-ITALIA: 3-1 (25-22, 25-23, 23-25, 25-15)
POLONIA: Klos 11, Wlazly 11, Buszek 15, Wrona 11, Drzyzga , Mika 19, Zatorski (L), Konarski , Kurek, Zygadlo. N.e. Nowakowski, Winiarski. All. Antiga.
ITALIA: Buti 9, Vettori 21, Lanza 6, Piano 6, Baranowicz 1, Randazzo 8, Giovi (L), Maruotti 9, Sabbi 2, Corvetta, Colaci, Beretta. All. Berruto.
Arbitri: Azevedo (POR) e Labasta (CZE).

20/6 IRAN-ITALIA 3-0 (25-18, 25-20, 25-15)
IRAN: Seyed 13, Mahmoudi 10, Mirzajanpour 5, Gholami 1, Marouf 3, Ghaemi 6, Zarif (L), Ebadipour 3, Mahdavi, Tashakori, Fayazi, Ghafour. All. Kovac.
ITALIA: Piano 2, Vettori 4, Randazzo 12, Beretta 4, Baranowicz, Lanza 4, Giovi (L), Maruotti 1, Sabbi 6, Anzani 1, Colaci, Corvetta. All Berruto.
Arbitri: Abdelsamad (EGY) e Al Naama (QAT).

20/6 Polonia-Brasile 3-1 (25-20, 25-21, 28-30, 25-20)

22/6 IRAN-ITALIA 3-1 (25-22, 25-19, 19-25, 25-20)
IRAN: Seyed 13, Mahmoudi 8, Mirzajanpour 14, Gholami 8, Marouf 5, Ghaemi 7, Zarif (L), Ghafour 5, Ebadipour 1, Tashakori, Mahdavi. N.e Fayazi, All. Kovac
ITALIA: Piano 10, Vettori 1, Randazzo 14, Beretta 3, Baranowicz 1, Lanza 13, Giovi (L), Anzani 11, Sabbi 6, Colaci. N.e. Maruotti , Corvetta. All Berruto.
Arbitri: Al Naama (QAT) e Abdelsamad (EGY).

22/6 Polonia-Brasile 0-3 (21-25, 16-25, 17-25)
27/6 Iran-Polonia 3-1 (23-25, 25-16, 25-11, 25-19)
29/6 Iran-Polonia 3-0 (25-22, 25-20, 25-22)
3/7  ITALIA-BRASILE 1-3 (16-25, 25-22, 19-25, 19-25)
ITALIA: Travica 2, Parodi 6, Piano 6, Zaytsev 30, Kovar 7, Birarelli 8, Rossini (L), Randazzo, Vettori, Lanza. N.e. Baranowicz, Buti. All. Berruto.
BRASILE: Sidao 13, Bruno 3, Murilo 7, Lucas 13, Wallace 22, Lucarelli 10, Mario junior (L), Vissotto 4, Lipe, Raphael 1. N.e. Eder, Edoardo. All. Bernardinho.
ARBITRI: Simonovic (Srb) e Zenovich (Rus).

4/7 Polonia-Iran 3-1 (17-25, 26-24, 25-23, 25-23)
5/7 Polonia-Iran 3-0 (25-23, 25-20, 25-17)

6/7 ITALIA-BRASILE 1-3 (25-27, 25-18, 17-25, 16-25)
ITALIA: Travica 1, Parodi 8, Piano 10, Zaytsev 14, Kovar 10, Birarelli 8, Rossini (L), Randazzo 2, Vettori 1, Buti 1, Baranowicz, Lanza 1. All. Berruto.
BRASILE: Sidao 9, Bruno 1, Murilo 10, Lucas 12, Wallace 15, Lucarelli 17, Mario junior (L), Vissotto 1, Raphael, Lipe. N.e. Eder, Loh Lucas. All. Bernardinho.
ARBITRI: Zenovich (Rus) e Simonovic (Srb).

Classifica Pool A: Italia e Iran 19, Brasile e Polonia 17.
Italia, Iran e Brasile qualificate alla Final Six di Firenze .

POOL B - 23 MAGGIO-6 LUGLIO 2014
23/5 Bulgaria-Stati Uniti 2-3 (25-19, 25-22, 25-27, 19-25, 12-15)
24/5 Bulgaria-Stati Uniti 1-3 (25-19, 22-25, 25-27, 17-25)
30/5 Serbia-Russia 3-2 (25-20, 25-17, 22-25, 19-25, 15-13)
31/5 Serbia-Russia 3-1 (21-25, 25-16, 25-18, 25-20)
6/6 Stati Uniti-Russia 3-2 (25-17, 27-25, 20-25, 25-27, 15-12)
7/6 Bulgaria-Serbia 0-3 (26-28, 18-25, 13-25)
7/6 Stati Uniti-Russia 3-0 (25-19, 25-23, 25-17)
8/6 Bulgaria-Serbia 2-3 (18-25, 21-25, 25-20, 25-22, 11-15)
13/6 Stati Uniti-Serbia 3-0 (30-28, 25-20, 25-16)
14/6 Russia-Bulgaria 3-0 (25-18, 25-22, 25-15)
14/6 Stati Uniti-Serbia 3-2 (25-22, 25-12, 26-28, 23-25, 15-13)
15/6 Russia-Bulgaria 3-0 (25-20, 25-21, 25-23)
20/6 Russia-Serbia 3-0 (37-35, 25-15, 25-16)
20/6 Stati Uniti-Bulgaria 3-1 (20-25, 25-22, 25-16, 25-16)
21/6 Russia-Serbia 3-0 (25-19, 27-25, 25-20)
21/6 Stati Uniti-Bulgaria 2-3 (24-26, 17-25, 25-14, 25-13, 12-15)  
27/6 Russia-Stati Uniti 2-3 (18-25, 19-25, 27-25, 25-19, 19-21)
27/6 Serbia-Bulgaria  3-0 (25-21, 25-18, 25-19)
28/6 Russia-Stati Uniti 3-0 (25-21, 25-19, 25-21)  
29/6 Serbia-Bulgaria 3-0 (25-23, 25-21, 25-14)
4/7 Serbia-Stati Uniti 3-0 (25-21, 25-20, 25-17)
5/7 Bulgaria-Russia 1-3 (22-25, 23-25, 25-22, 20-25)
6/7 Bulgaria-Russia 0-3 (14-25, 17-25, 15-25)
6/7 Serbia-Stati Uniti 1-3 (21-25, 25-20, 25-27, 20-25)

Classifica Pool B: Stati Uniti e Russia 24, Serbia 20, Bulgaria 4.

POOL C - 23 MAGGIO-6 LUGLIO 2014
23/5 Belgio-Australia 3-0 (30-28, 25-19, 25-21)
25/5 Belgio-Australia 3-1 (23-25, 26-24, 25-23, 25-16)
31/5 Canada-Finlandia 3-0 (25-21, 25-19, 25-20)
1/6 Canada-Finlandia 3-2 (19-25, 25-21, 25-18, 23-25, 15-11)
6/6 Belgio-Canada 2-3 (25-22, 21-25, 17-25, 25-20, 14-16)
7/6 Australia-Finlandia 3-2 (24-26, 25-22, 24-26, 25-20, 15-12)
8/6 Australia-Finlandia 2-3 (28-30, 25-19, 25-17, 21-25, 9-15)
8/6 Belgio-Canada  3-1 (33-31, 25-12, 21-25, 25-23)
13/6 Canada-Belgio 3-0 (25-15, 25-21, 25-21)
14/6 Finlandia-Australia 1-3 (16-25, 21-25, 26-24, 27-29)
14/6 Canada-Belgio 1-3 (25-22, 18-25, 21-25, 19-25)
15/6 Finlandia-Australia 3-1 (25-16, 23-25, 26-24, 25-19)
20/6 Belgio-Finlandia 3-1 (25-21, 25-16, 22-25, 25-21)
20/6 Canada-Australia 2-3 (27-25, 25-20, 28-30, 17-25, 13-15)
21/6 Canada-Australia 3-1 (27-25, 25-19, 23-25, 25-18)
22/6 Belgio-Finlandia 2-3 (16-25, 20-25, 27-25, 25-22, 10-15)
27/6 Australia-Belgio 1-3 (16-25, 21-25, 25-18, 20-25)
27/6 Finlandia-Canada 3-0 (25-18, 25-17, 26-24)
28/6 Australia-Belgio 0-3 (20-25, 17-25, 19-25)
28/6 Finlandia-Canada 0-3 (14-25, 24-26, 17-25)
4/7 Finlandia-Belgio 3-2 (19-25, 25-22, 20-25, 27-25, 15-12)
5/7 Australia-Canada 3-2 (25-27, 25-23, 25-20, 21-25, 15-7)
5/7 Finlandia-Belgio 3-2 (23-25, 29-27, 22-25, 25-23, 15-8)
6/7 Australia-Canada 3-1 (22-25, 25-22, 25-17, 25-18)

Classifica Pool C: Stati Uniti e Russia 21, Serbia 20, Bulgaria 4.
Belgio e Australia qualificati alla Final Four di Sidney

POOL D - 23 MAGGIO-29 GIUGNO 2014
23/5 Germania-Giappone 3-0 (28-26, 25-19, 25-16)
24/5 Germania-Giappone 3-2 (25-23, 25-21, 27-29, 23-25, 15-9)
24/5 Argentina-Francia 2-3 (25-20, 20-25, 25-21, 22-25, 12-15)
25/5 Argentina-Francia 0-3 (24-26, 18-25, 22-25)
31/5 Francia-Giappone 3-0 (25-16, 25-18, 25-21)
31/5 Argentina-Germania 3-0 (25-22, 25-23, 25-21)
1/6 Argentina-Germania 2-3 (25-20, 25-20, 20-25, 16-25, 13-15)
1/6 Francia-Giappone 3-0 (25-14, 25-15, 25-21)
6/6 Argentina-Giappone 3-1 (20-25, 26-24, 25-19, 25-23)
7/6 Germania-Francia 0-3 (19-25, 16-25, 22-25)
8/6 Germania-Francia 1-3 (25-19, 23-25, 20-25, 30-32)
8/6 Argentina-Giappone 3-0 (25-22, 26-24, 25-15)
13/6 Francia-Germania 1-3 (28-26, 15-25, 21-25, 18-25)
14/6 Giappone-Argentina 0-3 (21-25, 20-25, 15-25)
15/6 Giappone-Argentina 1-3 (21-25, 19-25, 25-23, 17-25)
15/6 Francia-Germania 3-0 (25-18, 25-20, 25-20)
20/6 Germania-Argentina 0-3 (24-26, 23-25, 20-25)
21/6 Giappone-Francia 0-3 (23-25, 18-25, 16-25)
21/6 Germania-Argentina 0-3 (16-25, 19-25, 21-25)
22/6 Giappone-Francia 1-3 (16-25, 25-19, 25-27, 18-25)
27/6 Francia-Argentina 2-3 (20-25, 25-19, 25-17, 20-25, 13-15)
28/6 Giappone-Germania 0-3 (16-25, 17-25, 27-29)
29/6 Giappone-Germania 3-2 (25-22, 25-22, 14-25, 23-25, 17-15)
29/6 Francia-Argentina 3-1 (25-21, 25-22, 23-25, 25-16)

Classifica Pool D: Francia 30, Argentina 25, Germania 14, Giappone 3.
Francia qualificata alla Final Four di Sidney

POOL E - 31 MAGGIO-6 LUGLIO 2014
31/5 Olanda-Corea del Sud 3-0 (25-19, 28-26, 25-23)
31/5 Portogallo-Rep. Ceca 3-1 (25-23, 19-25, 25-18, 25-20)
1/6 Olanda-Corea del Sud 1-3 (18-25, 23-25, 25-20, 22-25)
1/6 Portogallo-Rep. Ceca 0-3 (23-25, 18-25, 22-25)
5/6 Rep. Ceca-Corea del Sud 3-2 (31-33, 25-19, 26-24, 26-28, 20-18)
6/6 Rep. Ceca-Corea del Sud 3 -2 (25-20, 23-25, 19-25, 25-21, 15-11)
7/6 Olanda-Portogallo 3-2 (25-21, 25-13, 19-25, 18-25, 16-14)
8/6 Olanda-Portogallo 2-3 (22-25, 25-21, 23-25, 25-21, 10-15)
13/6 Rep. Ceca-Olanda 2-3 (25-19, 25-13, 18-25, 17-25, 14-16)
14/6 Corea del Sud-Portogallo 1-3 (21-25, 18-25, 25-15, 20-25)
14/6 Rep. Ceca-Olanda 1-3 (21-25, 15-25, 26-24, 13-25)
15/6 Corea del Sud-Portogallo 0-3 (20-25, 23-25, 18-25)
21/6 Corea del Sud-Rep. Ceca 2-3 (17-25, 25-18, 27-29, 25-23, 11-15)
21/6 Portogallo-Olanda 0-3 (16-25, 23-25, 22-25)
22/6 Corea del Sud-Rep. Ceca 3-0 (25-16, 25-23, 27-25)
22/6 Portogallo-Olanda 3-1 (25-20, 28-26, 21-25, 25-18)
27/6 Rep. Ceca-Portogallo 3-2 (18-25, 23-25, 25-23, 25-23, 15-11)
28/6 Corea del Sud-Olanda 2-3 (31-29, 16-25, 25-23, 30-32, 14-16)
28/6 Rep. Ceca-Portogallo 3-1 (26-24, 25-14, 17-25, 25-17)
29/6 Corea del Sud-Olanda 2-3 (21-25, 27-25, 25-18, 19-25, 9-15)
5/7 Olanda-Rep. Ceca 3-1 (25-15, 22-25, 25-18, 25-18)
5/7 Portogallo-Corea del Sud 3-0 (25-21, 25-22, 25-19)
6/7 Olanda-Rep. Ceca 3-0 (25-20, 25-16, 25-21)
6/7 Portogallo-Corea del Sud 1-3 (23-25, 23-25, 25-18, 21-25)

Classifica Pool E: Olanda 24, Portogallo 19, Rep. Ceca 15, Corea del Sud 14.
Olanda qualificata alla Final Four di Sidney

POOL F - 6-15 GIUGNO 2014
6/6 Turchia-Cuba 1-3 (18-25, 26-24, 21-25, 31-33)
6/6 Messico-Tunisia 3-0 (25-22, 25-18, 25-22)
7/6 Tunisia-Cuba 1-3 (24-26, 25-23, 19-25, 21-25)
7/6 Messico-Turchia 3-2 (23-25, 31-29, 16-25, 27-25, 19-17)
8/6 Turchia-Tunisia 3-1 (25-18, 25-20, 15-25, 25-22)
8/6 Messico-Cuba 0-3 ( 21-25, 21-25, 22-25)
13/6 Tunisia-Turchia 1-3 (25-16, 17-25, 18-25, 19-25)
13/6 Messico-Cuba 0-3 (23-25, 16-25, 20-25)
14/6 Tunisia-Cuba 0-3 (21-25, 20-25, 23-25)
14/6 Messico-Turchia 0-3 (22-25, 18-25, 27-29)
15/6 Turchia-Cuba 3-1 (33-35, 25-14, 25-17, 25-19)
15/6 Tunisia-Messsico 3-2 (25-23, 25-23, 21-25, 21-25, 15-13)
Classifica Pool F: Cuba 15, Turchia 13, Messico 6, Tunisia 2.

POOL G - 6-15 GIUGNO 2014
6/6 Slovacchia-Spagna 3-1 (25-13, 18-25, 25-20, 28-26)
6/6 Portorico-Cina 0-3 (20-25, 23-25, 22-25)
7/6 Spagna-Cina 0-3 (29-31, 18-25, 23-25)
7/6 Portorico-Slovacchia 3-2 (22-25, 25-21, 25-19, 19-25, 15-10)
8/6 Cina-Slovacchia 3-1 (23-25, 25-20, 25-22, 25-18)
8/6 Portorico-Spagna 2-3 (24-26, 25-18, 20-25, 25-21, 17-19)
13/6 Slovacchia-Portorico 3-1 (25-21, 25-22, 24-26, 25-19)
13/6 Cina-Spagna 3-2 (22-25, 25-19, 22-25, 25-20, 16-14)
14/6 Cina-Slovacchia 0-3 (20-25, 23-25, 20-25)
14/6 Spagna-Portorico 2-3 (22-25, 25-20, 25-20, 20-25, 13-15)
15/6 Spagna-Slovacchia 3-2 (27-29, 25-21, 22-25, 25-17, 15-10)
15/6 Portorico-Cina 0-3 (28-30, 18-25, 20-25)
Classifica Pool G: Cina 14, Slovacchia 11, Spagna 6, Portorico 5.

Risultati ultimo week end e qualificate
Pool A: Italia-Brasile 1-3, 1-3; Polonia-Iran 3-1, 3-0
Classifica: Italia 19, Iran 19, Brasile 17, Polonia 17.
Italia (paese organizzatore), Iran e Brasile qualificate alla Final Six di Firenze.
Pool B: Serbia-Stati Uniti 3-0, 1-3; Bulgaria-Russia 1-3, 0-3
Classifica: Stati Uniti 24, Russia 24, Serbia 20, Bulgaria 4.
Stati Uniti e Russia qualificate alla Final Six di Firenze
Pool C: Finlandia-Belgio 3-2 e 3-2; Australia-Canada 3-2 e 3-1.
Classifica: Belgio 25, Canada 18, Finlandia 16, Australia 13.
Belgio e Australia (paese organizzatore) qualificati alla Final Four di Sidney
Pool D: Classifica finale: Francia 30, Argentina 25, Germania 14, Giappone 3.
Francia qualificata alla Final Four di Sidney
Pool E: Olanda-Repubblica Ceca 3-1, 3-0; Portogallo-Corea del Sud 3-0 e 1-3.
Classifica: Olanda 24, Portogallo 19, Repubblica Ceca 15, Corea del Sud 14.
Olanda qualificata alla Final Four di Sidney

Il calendario della FINAL SIX
Firenze, Mandela Forum
16-20 luglio 2014


Pool H
H1 Italia (Paese Organizzatore e 1° Pool A)
H2 Stati Uniti (1° pool B)
H3 Australia (vincitrice F4 Sydney)

Pool I
I1 Iran (2° pool A)
I2 Russia (2° pool B)
I3 Brasile (3° pool A)

16 luglio 2014
Pool I Russia-Iran 3-2 (18-25 25-18 25-21 35-37 15-8)
Pool H Italia-Stati Uniti 3-0 (25-22, 25-21, 26-24)
Italia: Piano 2, Zaytsev 21, Parodi 7, Birarelli 6, Travica 3, Kovar 10, Rossini (L), Baranowicz, Buti 1, Randazzo 3. N.e. Giovi, Anzani, Vettori, Lanza. All. Berruto.
Stati Uniti: Anderson 17, Rooney 6, Sander 4, Holt 3, Christenson 2, Lee 8, Shoji E. (L),. Clark 4, Lotman, Shoji K. 1. N.e. Holmes, Muagututia. All. Speraw.
Arbitri: Zenovich (Rus) e Cespedes (Dom).

17 luglio 2014
Pool I Russia-Brasile 1-3 (24-26, 25-22, 23-25, 22-25)
Pool H Stati Uniti-Australia 3-1 (22-25, 25-18, 25-23, 25-19)

18 luglio 2014
Pool I Brasile-Iran 1-3 (21-25, 19-25, 25-23, 26-28)

Pool H ITALIA-AUSTRALIA 3-0 (25-14, 25-22, 25-21)
ITALIA: Buti 9, Travica 2, Lanza 11, Piano 4, Zaytsev 15, Parodi 6, Rossini (L), Anzani 4, Baranowicz, Vettori 1, Randazzo 2. N.e. Birarelli, Giovi, Kovar. All. Berruto.
AUSTRALIA: Mote 5, Sukochev 1, Sanderson 2, Zingel 4, Edgar 19, White 7, Perry (L), Douglas-Powell, N.e. Guymer, Walker 1, Carroll, Dosanjh. All. Uriarte.
ARBITRI: Wang (Chn) e Zenovich (Rus).

Classifica Pool H: Italia 6, Stati Uniti 3; Australia 0.
Classifica Pool I: Iran 4 ; Brasile 3; Russia.

19 luglio 2014 – Semifinali
Stati Uniti - Iran 3-0 (25-18, 25-22, 25-16)
Stati Uniti: Anderson 9, Rooney 11, Sander 17, Lee 11, Christenson 2, Holt 10,  Shoji E. (L). N.e. Shoji K., Muagututia, Lotman, Holmes, Clark. All. John Speraw.
IRAN: Ghaemi 5, Gholami 5, Ghafour 10, Mirzajanpour 5, Marouflakrani 2, Zarif (L), Mahdavi, Tashakori, Ghara, Fayazi 1, Mostafavand 2, N.e. Ebadipour,  Alizadeh (L). All. Slobodan Kovac.
Arbitri: Cholakian (Arg) e Wang (Cin).

Brasile - Italia 3-0 (25-11, 25-23, 25-20)

BRASILE: Bruno 2, Murilo 3, Lucas Saatkamp 11, Wallace 10, Lucarelli 13, Sidao 10, Mario Junior (L), Raphael, Vissotto. N.e. Araujo,Bonatto, Eder, Douglas. All. Bernardinho.
ITALIA: Piano, Zaytsev 9, Parodi 7, Birarelli 5, Travica, Lanza 7, Rossini (L), Buti 10, Baranowicz, Vettori 1. N.e. Kovar, Giovi, Anzani, Randazzo. All. Berruto.
ARBITRI: Zenovich (Rus) e Shaaban (Egy).

20 luglio 2014 - Finali
Finale 3-4 posto
Italia-Iran 3-0 (25-22, 25-18, 25-22)
ITALIA: Anzani 8, Travica 3, Lanza 10, Buti 7, Zaytsev 14, Parodi 10, Rossini (L), Vettori, Giovi. N.e. Kovar, Piano, Birarelli, Baranowicz, Randazzo. All. Mauro Berruto.
IRAN: Ghaemi 6, Gholami 2, Ghafour 8, Mirzajanpour 2, Mousavi 6, Marouflakrani, Zarif (L), Mahdavi 2, Tashakori 1, Ebadipour 6, Ghara 5. N.e. Fayazi, Mostafavand, Alizadeh (L). All. Slobodan Kovac.
ARBITRI: Cespedes (Dom) e Cholokian (Arg).

Finale 1-2 posto
Stati Uniti-Brasile 3-1 (31-29, 21-25, 25-20, 25-23)
Stati Uniti: Anderson 23, Rooney 1, Sander 24, Lee 12, Christenson 6, Holt 9, Muagututia 3, Shoji K, Shoji E. (L). N.e. Lotman, Holmes, Clark. All. John Speraw.
Brasile: Bruno, Wallace 16, Sidao 11, Murilo 9, Lucarelli 14, Lucas Saatkamp 8, Mario Junior (L), Eder 2, Vissotto 5, Raphael 1. N.e. Lucas Loh, Douglas, Araujo, Bonatto. All. Bernardinho.
Arbitri: Labasta (Cze) e Wang (Cin).

Sistema di punteggio
Il sistema di punteggio prevede che nel caso in cui un match terminerà 3-0 o 3-1, alla squadra vincitrice andranno 3 punti, alla perdente 0. In caso di 3-2, 2 punti alla vincente e 1 alla perdente. In caso di parità (uguale numero di punti) le squadre verranno classificate in base al numero di match vinti, quoziente set e, in caso di ulteriore parità di punteggio, quoziente punti.
La classifica dei gironi sarà determinata dai risultati di tutte le partite vinte e perse.

World League: il palinsesto tv della Final Six
Sara' Rai Sport 1 a trasmettere le emozionanti sfide della Final Six di World League. Il canale tematico riservera' ampio spazio alla competizione con dirette delle gare e approfondimenti. Questo il dettaglio:

16 luglio ore 17.30 diretta: Iran-Russia (più replica a partire dalle ore 00.15)
16 luglio ore 20.30 diretta: Italia-Stati Uniti (più replica a partire dalle ore 02.55)
17 luglio ore 17.30 diretta: Russia-Brasile (più replica a partire dalle ore 00.15)
17 luglio ore 20.30 diretta: Stati Uniti- Australia (più replica a partire dalle ore 02.55)
18 luglio ore 20.30 diretta: Italia- Australia (più replica a partire dalle ore 02.55)
18 luglio ore 22.50 differita: Brasile-Iran (più replica a partire dalle ore 04.30)
19 luglio: semifinale delle ore 17.30 (differita ore 23)
19 luglio: semifinale delle ore 20.30 diretta
20 luglio: Finale 3°-4° posto (differita ore 23)
20 luglio Finale 1°-2° posto (diretta ore 20.30)


I 12 AZZURRI: alzatori Baranowicz e Travica; martelli/opposti Kovar, Parodi, Randazzo, Sabbi, Vettori e Zaytsev; centrali Birarelli, Buti e Piano; libero Rossini.

Il calendario degli Azzurri
Gli Azzurri faranno il loro esordio il 23 maggio a Jaragua Do Sul (Brasile) dove se la vedranno con i padroni di casa alle ore 19.35; match che verrà replicato il giorno successivo alle ore 15. La settimana seguente giocheranno contro l’Iran a Trieste (30/5 ore 20.30) e a Verona (1/6 ore 20). Successivamente sarà la volta di Bari (6 giugno ore 20.30) e Roma (8 giugno ore 20) quando l’Italia giocherà contro la Polonia; la nazionale polacca ospiterà poi gli Azzurri nel week end 13-15 giugno (13 giugno ore 19.30 Katowice, 15 giugno ore 19.30 Lodz). La formazione tricolore volerà poi in Iran dove affronterà la nazionale asiatica il 20 e 22 giugno a Teheran alle ore 18.30. L’ ultimo week end della fase preliminare vedrà la Nazionale maggiore impegnata contro i campioni del mondo verdeoro il 3 luglio a Bologna (ore 20) e il 6 luglio a Milano (ore 17).

Il Montepremi
Il montepremi totale della World League 2014 è pari a 4.291.200.00 dollari, che verranno così ripartiti:

Fase Intercontinentale

Premi di squadra in base al ranking della Pool
1° posto: $ 250.000.00
2° posto: $ 200.000.00
3° posto: $ 150.000.00
4° posto: $ 100.000.00

Premi di squadra per ogni match giocato
Squadra vincente: $ 9.600.00
Squadra perdente: $ 4.800.00

Fase Finale
Premi di squadra nella Fase Finale
1° posto: $ 1.000.000.00
2° posto: $ 500.000.00
3° posto: $ 300.000.00
4° posto: $ 150.000.00
5° posto: $ 75.000.00
6° posto: $ 75.000.00

Premi individuali
MVP: $ 30.000.00
Miglior alzatore: $ 10.000.00
Miglior opposto: $ 10.000.00
Miglior ricevitore (1): $ 10.000.00
Miglior ricevitore (2): $ 10.000.00
Miglior centrale (1): $ 10.000.00
Miglior centrale (2): $ 10.000.00
Miglior libero: $ 10.000.00
Totale $100.000.00
Solo i giocatori partecipanti alla Fase Finale potranno concorrere per i premi individuali.

I piazzamenti dell’Italia nella World League

1990: 1° posto; 1991: 1° posto; 1992: 1° posto; 1993: 3° posto; 1994: 1° posto; 1995: 1° posto; 1996: 2° posto; 1997: 1° posto; 1998: 4° posto; 1999: 1° posto; 2000: 1°posto; 2001: 2° posto; 2002: 4°posto; 2003: 3°posto; 2004: 2° posto; 2005: 7°posto; 2006: 6°posto; 2007: 9°posto; 2008: 7° posto; 2009: 7°posto; 2010: 6°posto; 2011: 6° posto; 2012: 11° posto; 2013: 3°posto.

La biglietteria
Continua a gonfie vele la vendita dei biglietti per assistere alle partite degli azzurri. I tagliandi sono acquistabili sul circuito Ticketone, presso le sedi dei Comitati Organizzatori Locali, nei punti vendita Ticketone e sul sito internet: www.ticketone.it
Per avere ulteriori informazioni e maggiori dettagli sui costi è possibile chiamare il call center di Ticketone al numero: 892.101

Il tecnico azzurro Mauro Berruto
Mauro Berruto è nato a Torino l’8 maggio 1969. Sposato con la signora Margherita, ha due figli Francesco e Beatrice Athina. Si è laureato in Filosofia (disciplina di laurea Antropologia Culturale) presso l'Università di Torino. Nominato allenatore della seniores maschile il 18 dicembre 2010, è arrivato sulla panchina azzurra dopo aver guidato per sei anni (2005-2010) la nazionale della Finlandia, con cui ha raggiunto ottimi risultati, tra cui uno storico quarto posto nell’Europeo 2007. In precedenza aveva svolto il ruolo di assistant coach nello staff della nazionale seniores italiana, guidata da Gian Paolo Montali nel biennio 2003-2004, in cui il sestetto tricolore ha vinto l’argento Olimpico ad Atene 2004, l’oro Europeo a Berlino 2003 e due medaglie nella World League (bronzo nel 2003 e argento nel 2004).
Al suo primo anno da tecnico della nazionale seniores, esordio il 27 maggio 2011 a Lione Francia-Italia 0-3, ha conquistato il sesto posto nella World League, ha vinto la medaglia d’argento ai Campionati Europei in Austria e Repubblica Ceca e ha chiuso al quarto posto la World Cup disputata in Giappone.
Ai Giochi Olimpici di Londra 2012 ha guidato la nazionale italiana alla conquista della medaglia di bronzo.
Nel 2013 ha guidato la Nazionale Italiana alla conquista del bronzo nella World League a distanza di nove anni dall’ultima medaglia nella manifestazione (2004 Roma, secondo posto) e dell’argento nei Campionati Europei (secondo argento consecutivo dopo quello del 2011) disputati in Danimarca.
La stagione si è poi conclusa con la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup disputata in Giappone.
A livello di club ha lavorato come “head coach” in serie A1 con la Copra Piacenza, Unimade Parma, Giotto Padova e Lube Macerata, con la Kappa Torino e la Copra Piacenza, in B1 e A2. In Grecia ha guidato il Panathinaikos Atene (in precedenza aveva fatto l’assistente all’Olympiacos). Tra i suoi successi: 1 Coppa Cev (Lube Macerata 2004-05); 1 Challenge Cup (Lube Macerata 2010-11); 1 Coppa di Grecia (Panathinaikos); 1 promozione dalla A2 alla A1 (Copra Piacenza); 1 promozione dalla B1 alla A2 (Kappa Torino); 2 Coppa Italia serie A2 (Kappa Torino e Copra Piacenza).

Mauro Berruto sulla panchina azzurra

Esordio: 27/5/2011, Lione Francia-Italia 0-3 World League
Presenze: 92
Vittorie: 62
Sconfitte: 30
Palmarès
2011: Argento Campionati Europei
2012: Bronzo Giochi Olimpici
2013: Bronzo World League
Argento Campionati Europei
Bronzo Grand Champions Cup

Lo staff della Nazionale Italiana Maschile

Allenatore: Mauro Berruto
Vice allenatore: Andrea Brogioni
Assistente allenatore: Andrea Giani
Scoutman: Ivan Contrario
Assistente allenatore e scoutman: Adriano Di Pinto
Preparatore atletico: Andrea Pozzi
Medico: Piero Benelli
Fisioterapista: Davide Lama
Assistente fiosioterapista: Leonardo Arici
Team manager: Stefano Sciascia

I 22 Azzurri per la World League*

Alzatori: Baranowicz, Corvetta, Saitta, Travica
Centrali: Anzani, Beretta, Birarelli, Buti, Mazzone, Piano
Schiacciatori: Fedrizzi, Randazzo, Kovar, Parodi, Maruotti, Zaytsev, Lanza, Vettori, Sabbi
Liberi: Colaci, Giovi, Rossini.

Tre gli esordienti assoluti in maglia azzurra: Corvetta, Anzani e Randazzo.
Due gli esordienti nella manifestazione: Saitta e Mazzone.
Colaci è già stato inserito precedentemente nella lista della World League, ma non è mai sceso in campo.

1.Thomas Beretta
E’ nato a Milano il 18 aprile 1990. Altezza 205. Centrale. Gioca nella Casa Modena. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 32
Esordio: 31 maggio 2013 Cuneo, Italia-Francia 1-3.
Presenze in World League: 14
Esordio in World League: 7 giugno 2013 Modena, Italia-Germania 3-0

2. Jiri Kovar
E’ nato a Zlin (Repubblica Ceca) il 10 aprile 1989. Altezza 202. Schiacciatore. Gioca nella Lube Banca Marche Macerata. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 42
Esordio: il 27 maggio 2011 a Lione Francia-Italia 0-3.
Presenze in World League: 17
Esordio in World League: 27 maggio 2011 Lione, Francia-Italia 0-3

3. Simone Parodi

E’ nato a Sanremo (IM) il 16 giugno 1986. Altezza 195. Schiacciatore. Gioca nella Lube Banca Marche Macerata. Con la maglia azzurra ha vinto l’argento agli Europei 2011, la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici 2012, la medaglia di bronzo nella World League 2013 e la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013.
Presenze in Nazionale: 116
Esordio: 26 novembre 2008 a Monza Italia - All Stars 2-3.
Presenze in World League: 41
Esordio in World League: 12 giugno 2009 a Verona, Italia-Cina 3-0.

4. Luca Vettori

E’ nato a Parma il 26 aprile 1991. Altezza 199. Opposto. Gioca nella Copra Elior Piacenza. (La prossima stagione a Casa Modena). In maglia azzurra ha vinto la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 35
Esordio: 15 giugno 2012 a Lione Italia-Stati Uniti 0-3.
Presenze in World League: 19
Esordio in World League: 15 giugno 2012 Lione, Italia-Stati Uniti 0-3.

5. Antonio Corvetta
E’ nato ad Ancona il 28 settembre 1977. Altezza 188. Palleggiatore. Gioca nell’Altotevere Città di Castello. Esordiente in nazionale.
6. Gabriele Maruotti
E’ nato a Fiumicino (RM) il 25 marzo 1988. Altezza 196. Schiacciatore. Gioca nella Bre Banca Lannutti Cuneo. Con la maglia azzurra ha vinto i Giochi del Mediterraneo 2009 a Pescara e la medaglia d’argento agli Europei 2011.
Presenze in Nazionale: 62
Esordio: il 15 maggio 2009 a Mantova Italia - Slovacchia 2-3.
Presenze in World League: 31
Esordio in World League: 4 giugno 2010 Parma, Italia-Francia 3-0

7. Salvatore Rossini

È nato a Formia (LT) il 13 luglio 1986. Altezza 184. Libero. Gioca nell’Andreoli Latina (la prossima stagione a Casa Modena). Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 37
Esordio: il 16 giugno 2012 a Lione Francia-Italia 3-1.
Presenze in World League: 19
Esordio in World League: 16 giugno 2012 Lione, Francia-Italia 3-1

8. Davide Saitta

È nato a Catania il 23 giugno 1987. Altezza 188. Palleggiatore. Gioca nell’Exprivia Molfetta. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013.
Presenze in Nazionale: 11
Esordio: 7 settembre 2013 a Cavalese Italia – Slovacchia 3-0.

9. Ivan Zaytsev
E’ nato a Spoleto (PG) il 2 ottobre 1988. Altezza 202. Schiacciatore. Gioca nella Lube Banca Marche Macerata. (La prossima stagione alla Dinamo Mosca). Con la maglia azzurra ha vinto i Giochi del Mediterraneo 2009 a Pescara, la medaglia d’argento agli Europei 2011, la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici 2012, la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 118 presenze
Esordio: 21 maggio 2010 ad Ankara Italia - Bielorussia 3-1.
Presenze in World League: 44
Esordio in World League: 4 giugno 2010 Parma, Italia-Francia 3-0

10. Filippo Lanza
È nato a Zevio (VR) il 3 marzo 1991. Altezza 194. Schiacciatore. Gioca nella Itas Diatec Trentino. Con la maglia azzurra ha vinto i Giochi del Mediterraneo 2013 a Mersin, la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 20
Esordio: 15 giugno 2012 Lione Italia - Stati Uniti 0-3.
Presenze in World League: 9
Esordio in World League: 15 giugno 2012 Lione, Italia-Stati Uniti 0-3.

11. Simone Buti

E’ nato a Fucecchio (FI) il 19 settembre 1983. Altezza 208. Centrale. Gioca nella Sir Safety Perugia. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d’argento agli Europei 2011.
58 presenze in nazionale, esordio il 21 maggio 2010 ad Ankara Italia - Bielorussia 3-1.
Esordio in World League: 4 giugno 2010 Parma, Italia-Francia 3-0
Presenze in World League: 30

12. Daniele Mazzone

È nato a Chieri (TO) il 4 giugno 1992. Altezza 208. Centrale. Gioca nell’Exprivia Molfetta. Con la maglia azzurra ha vinto i Giochi del Mediterraneo 2013 a Mersin, la medaglia di bronzo nella World League 2013 e la medaglia d’argento agli Europei 2013.
Presenze in Nazionale: 8
Esordio: 7 settembre 2013 Cavalese Italia – Slovacchia 3-0

13. Dragan Travica

E’ nato a Zagabria (Croazia) il 28 agosto 1986. Altezza 200. Alzatore. Gioca nel Lokomotiv Belogorie Belgorod. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d’argento agli Europei 2011, la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici 2012, la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 163
Esordio: 11 novembre 2007 a Forlì Italia - All Stars A2 2-0.
Presenze in World League: 69
Esordio in World League: 21 giugno 2008 Ulsan, Corea del Sud-Italia 2-3

14. Matteo Piano
È nato ad Asti il 24 ottobre 1990. Altezza 208. Centrale. Gioca nell’Altotevere Città di Castello (Il prossimo anno a Casa Modena). Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 30
Esordio: 31 maggio 2013 a Cuneo Italia-Francia 1-3
Presenze in World League: 14
Esordio in World League: 7 giugno 2013 Modena, Italia-Germania 3-0

15. Emanuele Birarelli - Capitano
E’ nato a Senigallia (AN) l’8 febbraio 1981. Altezza 202. Centrale. Gioca nella Itas Diatec Trentino. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d’argento agli Europei 2011, la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici 2012, la medaglia di bronzo nella World League 2013, la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 159
Esordio: 15 maggio 2008 Modena Italia - Spagna 3-1
Presenze in World League: 67
Esordio in World League: 13 giugno 2008 L’Avana, Cuba-Italia 3-2

16. Michele Baranowicz

E’ nato a Mondovì (CN) il 5 agosto 1989. Altezza 195. Alzatore. Gioca nella Lube Banca Marche Macerata. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 34
Esordio: 27 maggio 2011 Lione Francia - Italia 0-3.
Presenze in World League: 27
Esordio in World League: il 27 maggio 2011 Lione, Francia-Italia 0-3

17. Andrea Giovi
È nato a Perugia il 19 agosto 1983. Altezza 185 cm. Libero. Gioca nella Sir Safety Perugia. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo nel 2009, la medaglia d’argento agli Europei 2011, la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici 2012, la medaglia di bronzo nella World League 2013 e la medaglia d’argento ai Campionati Europei 2013.
Presenze in Nazionale: 65
Esordio: 18 agosto 2011 a Monza Italia - Repubblica Ceca 2-3
Presenze in World League: 20
Esordio in World League: 18 maggio 2012 Firenze, Italia-Corea del Sud 3-2

18. Giulio Sabbi

E’ nato a Palestrina (RM) il 10 agosto 1989. Altezza 201. Opposto. Gioca Gioca nell’Exprivia Molfetta. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d’argento agli Europei 2011 e la medaglia di bronzo nella FIVB Grand Champions Cup 2013.
Presenze in Nazionale: 50
Esordio: il 27 maggio 2011 a Lione Francia - Italia 0-3.
Presenze in World League: 23
Esordio in World League: 27 maggio 2011 a Lione, Francia-Italia 0-3

19. Simone Anzani

È nato a Como il 24 febbraio 1992. Altezza 203. Centrale. Gioca nella Calzedonia Verona. Esordiente in Nazionale.

20. Massimo Colaci

E’ nato a Gagliano del Capo (LE) il 21 febbraio 1985. Libero. Gioca nella Itas Diatec Trentino. Esordiente in Nazionale.

21. Michele Fedrizzi
È nato a Trento il 21 maggio 1991. Altezza 192. Schiacciatore. Gioca nella Itas Diatec Trentino. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia di bronzo nella World League 2013.
Presenze in Nazionale: 10
Esordio: 31 maggio 2013 a Cuneo Italia - Francia 1-3.
Presenze in World League: 8
Esordio in World League: 7 giugno 2013 Modena, Italia-Germania 3-0

22. Luigi Randazzo

È nato a Catania il 30 aprile 1994. Altezza 198 cm. Schiacciatore. Gioca nella Tonno Callipo Vibo Valentia.
Esordiente in Nazionale.

*Statistiche aggiornate a marzo 2014
Un po’ di numeri sugli Azzurri
Il più giovane: Luigi Randazzo (20 anni)
Il più anziano: Antonio Corvetta (36 anni)
L’azzurro con più presenze: Dragan Travica 163 totali
Gli esordienti assoluti : Corvetta, Anzani, Randazzo
Gli esordienti in World League: Saitta e Mazzone; Colaci è già stato inserito precedentemente nella lista della World League, ma non è mai sceso in campo.
Gli azzurri che hanno vinto più medaglie: Birarelli, Travica, Zaytsev (5)
L’azzurro con più presenze in World League: Dragan Travica (69)
Il primo azzurro a esordire in World League: Emanuele Birarelli, L’Avana 13/6/2008 Cuba-Italia 3-2
Gli Azzurri presenti a Mar del Plata 2013: Beretta, Parodi, Vettori, Rossini, Zaytsev, Mazzone, Travica, Piano, Birarelli, Giovi e Fedrizzi.

Le avversarie dell’Italia


Brasile
1. Bruno 2/07/1986 190 cm Pallavolo Modena. Alzatore – Capitano
2. Isac 13/12/1990 205 cm Sada Cruzeiro Volei. Centrale
3. Eder 19/10/1983 204 cm Sada Cruzeiro Volei. Centrale
4. Wallace 26/06/1987 198 cm Sada Cruzeiro Volei. Opposto
5. Sidão 9/07/1982 203 cm SESI. Centrale
6. Vissotto 30/04/1983 212 cm CBV. Opposto
7. William 31/07/1979 185 cm Sada Cruzeiro Volei. Alzatore
8. Murilo 3/05/1981 190 cm SESI. Schiacciatore
9. Lopes 31/08/1983 199 cm UPCN San Juan Volley. Opposto
10. Lucarelli 14/02/1992 195 cm SESI. Schiacciatore
11. Felipe 25/08/1990 188 cm BMG São Bernardo. Libero
12. Lipe 19/06/1984 196 cm Fenerbahce. Schiacciatore
13. M. Souza 29/09/1988 209 cm Halkbank. Centrale
14. Rafael Araujo 13/06/1991 206 cm Taubaté. Opposto
15. Gustavo 2/01/1986 214 cm Meddley Campinas. Centrale
16. Lucas 6/03/1986 209 cm Sesi. Centrale
17. Murilo R. 31/01/1989 194 cm Canoas. Alzatore
18. Maurício 4/02/1989 197 cm Minas Tênis Clube. Schiacciatore
19. Mario 3/05/1982 192 cm RJ. Libero
20. Raphael 14/06/1979 190 cm Halkbank. Palleggiatore
21. Douglas 20/08/1995 198 cm São Bernardo. Schiacciatore
22. Lucas E.L. 18/01/1991 195 cm Minas Tenis Clube. Schiacciatore
All. Bernardo Rezende

PRECEDENTI:
I precedenti totali tra gli azzurri e i verdeoro sino ad oggi sono 74. 29 vittorie italiane, 45 brasiliane.
Ultima sfida in assoluto
Tokyo, 24 novembre 2013 Italia-Brasile 2-3 Tokyo Grand Champions Cup
Ultima sfida casalinga in World League (Fase Intercontinentale)
Bologna, 1 giugno 2003 Italia – Brasile 3-2 (23-25, 21-25, 25-21, 25-22, 16-14)
Ultima sfida fuori casa in World League: (Fase Intercontinentale)
Brasilia, 22 giugno 2003 Brasile-Italia 3-1 (23-25, 27-25, 25-22, 25-21)
Ultima vittoria in Brasile
Brasilia, 21 giugno 2003 Brasile-Italia 0-3 (27-29, 23-25, 19-25)
Ultima sfida nella Fase Finale
Finale 1°-2° posto
Roma, 18 luglio 2004 Brasile-Italia 3-1 (27-25, 25-19, 25-27, 25-17)

Iran
1. Shahram Mahmoudi 20/07/1988 198 cm Matin Varna. Opposto
2. Saeed Mostafavand 4/02/1983 195 cm Matin Varna. Centrale
3. Saman Faezi 23/08/1991 204 cm Paykan. Centrale
4. Mir Saeid Marouflakrani 20/10/1985 189 cm Matin Varna. Alzatore - Capitano
5. Farhad Ghaemi 28/08/1989 197 cm Barij Esans. Schiacciatore
6. Seyed Mohammad Mousavi Eraghi 22/08/1987 203 cm Matin Varna. Centrale
7. Pourya Fayazi Damnabi 12/01/1993 194 cm Shahrdari Urmia. Schiacciatore
8. Farhad Zarif Ahangaran V. 3/03/1983 165 cm Kalleh. Libero
9. Adel Gholami 9/02/1986 195 cm Kalleh. Centrale
10. Amir Ghafour 6/06/1991 202 cm Barij Esans. Opposto
11. Rahman Davoodi 18/02/1988 195 cm Mizan. Schiacciatore
12. Mojtaba Mirzajanpour M. 7/10/1991 195 cm Matin Varna. Schiacciatore
13. Mehdi Mahdavi 13/02/1984 191 cm Barij Esans. Alzatore
14. Arash Keshavarzi 16/02/1987 198 cm Paykan. Schiacciatore
15. Abdolreza Alizadeh Gh. 19/02/1987 183 cm Shahrdari Urmia. Libero
16. Armin Tashakori 8/12/1986 200 cm Barij Esans. Centrale
17. Reza Ghara 31/07/1991 200 cm Kalleh. Schiacciatore
18. Mohammad Taher Vadi 10/10/1989 194 cm Matin Varna. Alzatore
19. Mahdi Marandi 12/05/1986 172 cm Shahrdari Tabriz. Libero
20. Alireza Mobasheri Demneh 10/06/1988 190 cm Mizan. Schiacciatore
21. Alireza Jadidi 11/02/1989 202 cm Kalleh. Centrale
22. Milad Ebadipour Ghara H. 17/10/1993 202 cm Kalleh. Schiacciatore
All. Slobodan Kovac

PRECEDENTI:
Le strade di Italia e Iran si sono incrociate 8 volte: il bilancio è di 6 vittorie italiane e 2 asiatiche.
Ultima sfida in assoluto
Kyoto, 20 novembre 2013 Italia-Iran 2-3 Grand Champions Cup
Ultima sfida casalinga in World League (Fase Intercontinentale)
Sassari, 30 giugno 2013 Italia-Iran 3-2 (25-22, 25-20, 20-25, 18-25, 15-13)

Polonia

1. Piotr Nowakowski 18/12/1987 205 cm Asseco Resovia. Centrale
2. Michal Winiarski 28/09/1983 200 cm Fakiel Novy Urengoy. Schiacciatore
3. Dawid Konarski 31/08/1989 198 cm Asseco Resovia. Opposto
4. Lukasz Wisniewski 3/02/1989 198 cm ZAKSA. Centrale
5. Pawel Zagumny 18/10/1977 200 cm ZAKSA. Alzatore
6. Bartosz Kurek 29/08/1988 205 cm Lube Banca Marche. Schiacciatore
7. Karol Klos 8/08/1989 201 cm PGE Skra. Centrale
8. Andrzej Wrona 27/12/1988 205 cm PGE Skra. Centrale
9. Grzegorz Bociek 6/06/1991 206 cm ZAKSA. Opposto
10. Mariusz Wlazly 4/08/1983 194 cm PGE Skra. Opposto
11. Fabian Drzyzga 3/01/1990 196 cm Asseco Resovia. Alzatore
12. Pawel Woicki 29/06/1983 183 cm Transfer Bydgoszcz. Alzatore
13. Michal Kubiak 23/02/1988 191 cm Jastrzebski Wegiel. Schiacciatore
14. Michal Ruciak 22/08/1983 189 cm ZAKSA. Schiacciatore
15. Lukasz Zygadlo 2/08/1979 200 cm Zenit Kazan. Alzatore
16. Krzysztof Ignaczak 15/05/1978 188 cm Asseco Resovia. Libero
17. Pawel Zatorski 21/06/1990 184 cm PGE Skra. Libero
18. Marcin Mozdzonek 9/02/1985 211 cm ZAKSA. Centrale
19. Wojciech Ferens 5/04/1991 194 cm ZAKSA. Schiacciatore
20. Mateusz Mika 21/01/1991 206 cm Montpellier UC. Schiacciatore
21. Rafal Buszek 28/04/1987 194 cm Indykpol AZS. Schiacciatore
22. Lukasz Perlowski 3/04/1984 203 cm Asseco Resovi. Centrali
All. Stephane Antiga

Polonia – 66 i match totali tra Italia e Polonia, 28 le vittorie italiane, 38 quelle polacche
Ultima sfida in assoluto:
Italia-Polonia 1-3 (25-21, 20-25, 23-25, 14-25) Londra, 29 luglio 2012 Giochi Olimpici
Ultima sfida casalinga in World League (Fase Intercontinentale)
13 giugno 1999, Napoli Italia-Polonia 3-1 (25-20, 25-19, 22-25, 25-18)
Ultima sfida fuori casa in World League: (Fase Intercontinentale)
3 luglio 1999, Danzica Polonia-Italia 0-3 (24-26, 21-25, 16-25)
Ultima sfida nella Fase Finale:
7 luglio 2011, Danzica Italia-Polonia 3-0 (25-15, 25-20, 25-20)

I PRECEDENTI CONTRO GLI AVVERSARI

Pool H
Stati Uniti
Precedenti totali: 73 match giocati. L’Italia vanta 43 vittorie e 30 sconfitte.
Ultima sfida nella Final Six: Rotterdam (NED), 10/7/00 Italia Stati Uniti 3-1
Ultima sfida in assoluto: Grand Champions Cup, Tokyo 22/11/2013 Stati Uniti-Italia 3-2
Ultima partecipazione nella World League: 2013 (12° posto)
Miglior piazzamento in World League: 1° posto nel 2008

Australia

Precedenti totali: 13 match giocati. L’Italia vanta 13 vittorie e 0 sconfitte.
Ultima sfida nella Final Six: l’Australia è all’esordio nella Fase Finale
Ultima sfida in assoluto: Giochi Olimpici, Londra 4/8/2012 Australia-Italia 2-3 (25-21, 25-18, 21-25, 14-25, 13-15)
Ultima partecipazione nella World League: 1999 (10°posto)
Miglior piazzamento in World League: 10° posto nel 1999

POOL I
Brasile
Precedenti totali: 78 match giocati. L’Italia vanta 31 vittorie e 47 sconfitte.
Ultima sfida nella Final Six: Mosca (RUS), 24/8/06 Italia-Brasile 1-3
Ultima sfida in assoluto: Fase Intercontinentale World League 2014, Milano 6/7/2014 Italia-Brasile 1-3
Ultima partecipazione nella World League: 2013 (2° posto)
Miglior piazzamento in World League: 1° posto (1993, 2001, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2009, 2010)

Russia
Precedenti totali: 58 match giocati. L’Italia vanta 26 vittorie e 32 sconfitte.
Ultima sfida nella Final Six: Mar del Plata (ARG), 20/7/2013 Italia-Russia 1-3
Ultima sfida in assoluto: Grand Champions Cup, Kyoto 19/11/2013 Italia-Russia 1-3
Ultima partecipazione nella World League: 2013 (1° posto)
Miglior piazzamento in World League: 1° posto (2002, 2011,2013).

Iran
Precedenti totali: 12 match giocati. L’Italia vanta 8 vittorie e 4 sconfitte.
Ultima sfida nella Final Six: Iran è esordiente in Fase Finale
Ultima sfida in assoluto: World League, Teheran 22/6/2013 Iran-Italia 3-1
Ultima partecipazione nella World League: 2013 (9° posto)
Miglior piazzamento in World League: 9° posto nel 2013

Albo d’oro

1990 Italia; 1991 Italia; 1992 Italia; 1993 Brasile; 1994 Italia; 1995 Italia; 1996 Olanda; 1997 Italia; 1998 Cuba; 1999 Italia; 2000 Italia; 2001 Brasile; 2002 Russia; 2003 Brasile; 2004 Brasile; 2005 Brasile; 2006 Brasile; 2007 Brasile; 2008 Usa; 2009 Brasile; 2010 Brasile; 2011 Russia; 2012 Polonia; 2013 Russia.

I piazzamenti dell’Italia nella World League
1990: 1° posto; 1991: 1° posto; 1992: 1° posto; 1993: 3° posto; 1994: 1° posto; 1995: 1° posto; 1996: 2° posto; 1997: 1° posto; 1998: 4° posto; 1999: 1° posto; 2000: 1°posto; 2001: 2° posto; 2002: 4°posto; 2003: 3°posto; 2004: 2° posto; 2005: 7°posto; 2006: 6°posto; 2007: 9°posto; 2008: 7° posto; 2009: 7°posto; 2010: 6°posto; 2011: 6° posto; 2012: 11° posto; 2013: 3° posto.

I risultati dell’Italia nelle Finali della World League
2013-Terzo posto
Mar del Plata ARGENTINA 18-lug-13 Bulgaria-Italia 1-3
Mar del Plata ARGENTINA 19-lug-13 Italia-Argentina 3-1
Mar del Plata ARGENTINA 20-lug-13 Italia-Russia 1-3 SF
Mar del Plata ARGENTINA 21-lug-13 Italia-Bulgaria 3-2 F 3°-4°
2011-Sesto posto
Gdansk POLONIA 8-Lug-11 Italia-Bulgaria 0-3
Gdansk POLONIA 7-Lug-11 Italia-Polonia 3-0
Gdansk POLONIA 6-Lug-11 Argentina-Italia 3-1
2010- Sesto posto
Cordoba ARGENTINA 22-Lug-10 Italia-Cuba 0-3
Cordoba ARGENTINA 21-Lug-10 Italia-Russia 2-3
2006- Sesto posto
Mosca RUSSIA 25-Ago-06 Italia Bulgaria 0-3
Mosca RUSSIA 24-Ago-06 Italia Brasile 1-3
Mosca RUSSIA 23-Ago-06 Italia Francia 2-3
2004-Secondo posto
Roma ITALIA 18-lug-04 Italia Brasile 1-3
Roma ITALIA 17-lug-04 Italia Bulgaria 3-0
Roma ITALIA 16-lug-04 Italia Serbia Montenegro 3-0
2003-Terzo posto
Madrid ESP 12-lug-03 Italia Jugoslavia 1-3
Madrid ESP 10-lug-03 Italia Brasile 1-3
Madrid ESP 09-lug-03 Italia Bulgaria 3-1
Madrid ESP 08-lug-03 Italia Russia 2-3
2002-Quarto posto
Belo Horizonte BRASILE 18-ago-02 Italia Jugoslavia 1-3
Belo Horizonte BRASILE 17-ago-02 Italia Russia 1-3
Belo Horizonte BRASILE 15-ago-02 Italia Jugoslavia 3-2
Belo Horizonte BRASILE 14-ago-02 Italia Polonia 3-1
Belo Horizonte BRASILE 13-ago-02 Italia Francia 3-0
2001-Secondo posto
Katowice POLONIA 30-giu-01 Italia Brasile 0-3
Katowice POLONIA 29-giu-01 Italia Jugoslavia 3-2
Katowice POLONIA 27-giu-01 Italia Cuba 3-0
Katowice POLONIA 26-giu-01 Italia Olanda 3-1
Katowice POLONIA 25-giu-01 Italia Russia 2-3
2000-Primo posto
Rotterdam OLANDA 16-lug-00 Italia Russia 3-2
Rotterdam OLANDA 15-lug-00 Italia Jugoslavia 3-2
Rotterdam OLANDA 14-lug-00 Italia Olanda 1-3
Rotterdam OLANDA 12-lug-00 Italia Brasile 3-0
Rotterdam OLANDA 11-lug-00 Italia Russia 3-2
Rotterdam OLANDA 10-lug-00 Italia Stati Uniti 3-1
1999-Primo posto
Mar del Plata ARGENTINA 17-lug-99 Italia Cuba 3-1
Mar del Plata ARGENTINA 16-lug-99 Italia Russia 3-1
Mar del Plata ARGENTINA 14-lug-99 Italia Argentina 3-1
Mar del Plata ARGENTINA 13-lug-99 Italia Brasile 2-3
1998-Quarto posto
Assago ITALIA 21-lug-98 Italia Olanda 1-3
Assago ITALIA 20-lug-98 Italia Cuba 0-3
Assago ITALIA 19-lug-98 Italia Russia 2-3
1997-Primo posto
Mosca RUSSIA 5-lug-97 Italia Cuba 3-0
Mosca RUSSIA 4-lug-97 Italia Cuba 3-1
Mosca RUSSIA 2-lug-97 Italia Bulgaria 3-0
Mosca RUSSIA 1-lug-97 Italia Brasile 3-0
Mosca RUSSIA 30-giu-97 Italia Olanda 1-3
1996-Secondo posto
Rotterdam OLANDA 29-giu-96 Italia Olanda 2-3
Rotterdam OLANDA 28-giu-96 Italia Cina 0-3
Rotterdam OLANDA 27-giu-96 Italia Russia 3-2
Rotterdam OLANDA 25-giu-96 Italia Cuba 3-0
Rotterdam OLANDA 24-giu-96 Italia Brasile 3-1
1995-Primo posto
Rio de Janeiro BRASILE 9-lug-95 Italia Brasile 3-1
Rio de Janeiro BRASILE 8-lug-95 Italia Russia 1-3
Belo Horizonte BRASILE 6-lug-95 Italia Brasile 3-2
Belo Horizonte BRASILE 5-lug-95 Italia Cuba 3-0
Belo Horizonte BRASILE 4-lug-95 Italia Corea del Sud 3-1
1994-Primo posto
Milano ITALIA 30-lug-94 Italia Cuba 3-0
Milano ITALIA 29-lug-94 Italia Bulgaria 3-0
Cuneo ITALIA 27-lug-94 Italia Olanda 3-2
Torino ITALIA 26-lug-94 Italia Brasile 0-3
1993-Terzo posto
San Paolo BRASILE 31-lug-93 Italia Cuba 3-0
San Paolo BRASILE 30-lug-93 Italia Brasile 0-3
1992-Primo posto
Genova ITALIA 6-set-92 Italia Cuba 3-1
Genova ITALIA 4-set-92 Italia Stati Uniti 3-0
Firenze ITALIA 5-lug-92 Italia Olanda 2-3
Firenze ITALIA 3-lug-92 Italia Olanda 3-2
1991-Primo posto
Milano ITALIA 27-lug-91 Italia Cuba 3-0
Milano ITALIA 26-lug-91 Italia Olanda 3-2
1990–Primo posto
Osaka GIAPPONE 15-lug-90 Italia Olanda 3-0
Osaka GIAPPONE 14-lug-90 Italia U.R.S.S. 3-2

Le precedenti cinque finali in Italia

Per la sesta volta l’Italia ospiterà la fase decisiva di una delle manifestazioni più spettacolari del movimento sportivo internazionale che mette a confronto da 25 anni il gotha del volley mondiale.
La World League è la manifestazione che più di ogni altra ha contribuito a creare il mito della “generazione dei fenomeni” che l’hanno vinta otto volte imponendo una vera dittatura al volley mondiale per dieci lunghi anni dal 1990 al 2000. Di seguito un breve riepilogo delle cinque precedenti finali giocate nella penisola.
1991 - La prima fase finale “italiana” della World League si gioca al Forum di Assago. Gli Azzurri detentori del trofeo (vinto nella prima edizione ad Osaka), campioni del mondo in carica richiamano oltre 12mila appassionati sugli spalti. La semifinale con l’Olanda rischia di trasformarsi in una piccola tragedia sportiva. La squadra di Julio Velasco arriva sull’orlo del baratro in svantaggio 2-0, 14-10 (ancora non esisteva rally point system) riesce a risorgere. Lucchetta e compagni annullano 3 match point, vincono il terzo 16-14 e si scatenano, imponendosi 15-5 e 15-7. La finale contro Cuba è la rivincita di quella Mondiale di Rio de Janeiro dell’anno precedente. Zorzi e compagni si impongono 3-0 lottando. Quello di Milano è il secondo trionfo in una manifestazione nata insieme al sorgere della loro stella. 1992 - Difficile dire se le finali di Genova sono state le più belle o le più amare della storia degli Azzurri. Per celebrare una squadra con pochi eguali si era costruito un impianto da pallavolo all’interno del salone nautico di Genova e l'atto conclusivo si è giocato in settembre all'indomani dei Giochi Olimpici di Barcellona. Una grande Italia vince per il terzo anno consecutivo la World League, ma non riesce a godersi a pieno il trionfo, troppo vicina, infatti, era la delusione olimpica. Gli Azzurri battono in semifinale gli Stati Uniti e in finale Cuba, ma non si prendono la rivincita sul Brasile, oro in Spagna, che non si era nemmeno qualificato per la Final Four. Un sestetto verdeoro che gli uomini di Velasco avevano battuto ben due volte a San Paulo nella prima fase. 1994 - Ancora il Forum di Assago, ancora un infuocato fine luglio. L'Italia ospita nuovamente la fase finale che è divenuta Final Six. Incontri decisivi che si iniziano in Piemonte (Cuneo e Torino) dove si disputano le sfide delle prime giornate. L’Italia perde nettamente con il Brasile (3-0) ed arriva vicina all’eliminazione quando si ritrova in svantaggio 2-0 con l’Olanda, nel match del dentro o fuori. Gli Azzurri si aggrappano ad uno scatenato Andrea Giani che con 35 (16 punti + 19 cambi) palloni messi a terra guida la squadra alla rimonta. L’Italia entra in semifinale in cui travolge la Bulgaria (3-0), poi in finale trova quella che è divenuta la sua vittima preferita Cuba, a cui non lascia scampo. Il trofeo torna nella penisola per la quarta volta. Gardini e compagni prendono slancio da questo nuovo trionfo per arrivare al secondo trionfo Mondiale che arriverà ad Atene. 1998 - Si gioca ancora ad Assago in luglio, si gioca ancora nell’anno dei Mondiali. A fine stagione arriverà un nuovo trionfo iridato, questa volta con la regia di Bebeto in panchina, ma le finali lombarde sono avare di soddisfazioni. Gli azzurri per la prima volta scendono dal podio della manifestazione a causa delle sconfitte con Olanda (1-3), Cuba (0-3) e Russia (2-3) concludendo soltanto al quarto posto. 2004 – E’ l'ultima tappa prima dei Giochi Olimpici di Atene e il suo verdetto sarà identico a quello dell'Olimpiade: primo il Brasile e seconda l’Italia. Si gioca a Roma in un impianto stracolmo d’entusiasmo, lo stesso che gli azzurri ritroveranno l’anno seguente per gli Europei.
Si gioca una Final Four dalla formula “diversa” con Azzurri e Verdeoro che battono nella prima giornata Serbia e Bulgaria e poi si ripetono ad avversari invertiti nella seconda. Nel gran finale l’Italia si arrende al Brasile 3-1, ma la partita è palpitante, soprattutto nel primo e nel terzo set che finiscono ai vantaggi. L’Italia è d’argento, ma parte per la Grecia con rinnovate certezze che la porteranno alla seconda finale olimpica della sua storia.

La storia della World League
1990–ITALIA. Gli azzurri di Velasco conquistano ad Osaka la vittoria nella prima edizione, battendo in finale l’Olanda. Il torneo, innovativo nella sua formula, conquista subito l’interesse del pubblico che accorre in gran numero.
1991–ITALIA. Dodici mesi dopo l’Italia si ripete vincendo ai danni di Cuba la finale, ma la grande impresa la
compie in semifinale riprendendo per i capelli una partita già persa con l’Olanda, prima grande sfida di una serie interminabile. Le Finali si svolgono al Forum di Assago, gremito nonostante si giocasse a fine luglio.
1992–ITALIA. Ancora una vittoria azzurra, in casa a Genova, una vittoria agrodolce, perché ripaga soltanto in parte della delusione olimpica. La battuta d’arresto di Barcellona 92, brucia sulla pelle degli azzurri che siglano una piccola vendetta.
1993–BRASILE. Arriva il primo stop ai trionfi Italiani. In casa il Brasile di Ze’ Roberto prosegue la sua serie d’oro vincendo la World League dopo le Olimpiadi. Gli azzurri si devono accontentare del terzo gradino del podio.
1994–ITALIA. Le finali tornano nella penisola e la squadra di Velasco si riprende il gradino più alto del podio. Si ripete la storia del 91, gli azzurri arrivano ad un passo dall’eliminazione in semifinale, ma recuperano miracolosamente e al Forum di Assago impongono ancora una volta in finale la loro legge su Cuba.
1995–ITALIA. E’ una delle vittorie più belle, perché davvero inattesa. Velasco decide di affidarsi a Giani e a un gruppo di giovani e sbaraglia egualmente la concorrenza zittendo due volte la torcida verdeoro prima a Belo Horizonte, poi a Rio.
1996–OLANDA. Per la prima volta l’Italia perde una finale. A Rotterdam subisce, nell’atto decisivo, al tie-break la legge degli olandesi, è l’antefatto della sfortunata finale olimpica di Atlanta.
1997–ITALIA. L’Italia non più di Velasco, ma di Bebeto conquista a Mosca la sua vittoria numero sei, ancora una volta in maniera rocambolesca. Il girone finale inizia male, ma si conclude con una esaltante doppia vittoria ai danni della solita Cuba.
1998–CUBA. Le Finali si giocano ancora una volta al Forum di Assago, ma gli azzurri non sono protagonisti. Bebeto, considerando che i Mondiali si giocano in novembre in Giappone ha fatto una preparazione particolare e la squadra nelle Finali delude. Vince finalmente Cuba.
1999–ITALIA. Il settimo sigillo arriva in Argentina, a Mar del Plata, dove il debuttante Anastasi guida gli azzurri (in formazione rinnovata) al successo. Russia e Cuba sono le favorite della vigilia, ma l’Italia nel momento decisivo impone la sua legge.
2000–ITALIA. Si torna a giocare la fase finale a Rotterdam e questa volta l’Italia, guidata da un super Sartoretti, si vendica della sconfitta del 1996. Le rimonte con Yugoslavia e Russia offrono spettacolo ed emozioni. Sembra un buon viatico per le Olimpiadi, che si concluderanno ancora una volta in modo amaro.
2001–BRASILE. La stagione dopo Sydney vede il ritorno di Bernardi a cui Anastasi affianca un gruppo di giovani talenti. L’Italia tra alti e bassi arriva alla finale di Katowice, un po’ scarica e si deve accontentare del secondo posto contro un dirompente Brasile.
2002-RUSSIA. L'Italia di Anastasi gioca una buona prima fase, facendo esperimenti in vista anche della rassegna Iridata. Fei, spostato da centrale ad opposto mostra grandi potenzialità, ma deve rallentare (per infortunio) la preparazione alla vigilia delle Finali in cui l'Italia deve fare a meno del libero titolare Corsano. Gli azzurri giocano bene il girone e battono la Jugoslavia, ma in semifinale vengono bloccati dalla Russia (poi vincitrice). L'Italia conclude al quarto posto battuta dalla Jugoslavia nella finale 3°-4° posto.
2003–BRASILE. Sulla panchina Italiana debutta Gian Paolo Montali. Gli azzurri affrontano la manifestazione senza una specifica preparazione, ma giocano gare di altissimo livello. Nella fase di qualificazione si tolgono la soddisfazione di battere due volte il Brasile campione del Mondo: prima in casa a Bologna e poi in trasferta a Brasilia. Le Finali si giocano a Madrid: vince la seleçao guidata da Bernardinho, l’Italia torna sul podio. Per il nuovo ct la medaglia di bronzo è la prima della sua avventura azzurra.
2004–BRASILE. Nella stagione di Atene 2004, l’Italia ha avuto l’onore di organizzare la fase finale, che si rivelerà un grande successo di pubblico ed una eccezionale promozione per la nostra disciplina. Gian Paolo Montali ed i suoi ragazzi, dopo una fase di qualificazione altalenante, giocano una grande pallavolo nella due giorni romana, travolgono la Serbia in semifinale e conquistano l’argento alle spalle del Brasile.
2005–BRASILE. Per la prima volta la Serbia & Montenegro ospitano a Belgrado le fasi finali della World League. La Nazionale verdeoro si posiziona per la terza volta consecutiva sul gradino più alto del podio battendo in finale i padroni di casa. Solo ottavi gli azzurri di Montali.
2006–BRASILE. Nella stagione 2006 le finali i vengono organizzate a Mosca e il Brasile difende il proprio primato con una vittoria per 3-2 sulla Francia. Nella gara per la medaglia di bronzo la Russia padrona di casa batte una forte Bulgaria grande rivelazione del torneo. L’Italia di Montali si posizionerà al sesto posto dopo aver avuto accesso alle fasi finali tramite una wild card.
2007–BRASILE. Ancora un successo per i verdeoro di Bernardinho che nella finalissima di Katowice (Polonia) hanno avuto la meglio sulla Russia. L’Italia, di Gian Paolo Montali ha affrontato il torneo con una squadra profondamente rinnovata e penalizzata da diversi infortuni, finendo con l’essere eliminata al termine della prima fase.
2008–STATI UNITI. Questa edizione passerà alla storia per essere stata la prima vinta dagli Stati Uniti (che nella stessa estate poi vinceranno anche a Pechino). Si è così interrotta la serie dei trionfi del Brasile di Bernardinho. Gli Usa hanno vinto il trofeo superando nella finale di Rio de Janeiro per 3-1 la Serbia. L’Italia di Anastasi ha utilizzato la manifestazione per preparare i Giochi Olimpici e in campo, pur opposta a squadre di livello, si è tolta anche delle buone soddisfazioni.
2009–BRASILE. La World League è stata vinta dal Brasile che in finale ha avuto la meglio sulla Serbia con il punteggio di 3-2 (22-25, 25-23, 25-22, 23-25, 15-12). Con la vittoria ottenuta a Belgrado i verdeoro sono saliti a quota otto successi, raggiungendo proprio gli azzurri. Medaglia di bronzo per la Russia che ha superato Cuba 3-0 (25-13, 26-24, 25-16).
2010–BRASILE. Ancora un successo per i verde oro che in finale si sono imposti 3-1 (25-22, 25-22, 16-25, 25-23) sulla Russia e grazie al quale sono diventati l’unica formazione con nove successi. Bronzo alla Serbia che ha avuto la meglio 3-2 (28-30, 25-20, 22-25, 25-22, 15-12) su Cuba.
2011-RUSSIA. La Russia di Vladimir Alekno si prende la rivincita sul Brasile che l’anno precedente aveva superato la formazione allora allenata da Daniele Bagnoli. Mikhaylov e compagni, a Gdansk, vincono 3-2 una finale molto combattuta durata più di due ore e trenta minuti. L’Italia di Mauro Berruto disputa la sua seconda fase finale consecutiva.
2012–POLONIA. La Polonia allenata da Andrea Anastasi vince la prima World League della sua storia. Nella finale di Sofia, in Bulgaria, i biancorossi superano 3-0 (25-17, 26-24, 25-20) gli Stati Uniti. Sul gradino più basso del podio sale Cuba mentre gli azzurri di Berruto chiudono all’undicesimo posto.
2013-RUSSIA. E’ ancora la Russia ad imporsi nuovamente sul Brasile due anni dopo la sfida Gdansk. Gli uomini di Andrey Voronkov s’impongono nettamente con il punteggio di 3-0. Terzo posto per i ragazzi di Berruto che salgono sul podio della World League dopo nove anni (Roma 2004).
 
calendario eventi pallavolo, albo d'oro volley, risultati pallavolo, regole volley, regolamento pallavolo, date gare volley, appuntamenti pallavolo, palmares volley