A1 femminile: l'Imoco fa 13 contro il Club Italia e vola a +7 sulla Pomì a riposo. Foppapedretti e Metalleghe, volate vincenti

19/02/2017

A1 femminile: l'Imoco fa 13 contro il Club Italia e vola a +7 sulla Pomì a riposo. Foppapedretti e Metalleghe, volate vincenti
L'Imoco Volley Conegliano approfitta del 'turno di riposo' della Pomì Casalmaggiore - che recupererà il suo match della 18^ giornata a Firenze il 2 marzo - e con il successo per 3-0 in casa del Club Italia Crai sale a 46 punti, 7 in più delle rosa e 10 in più dell'Igor Gorgonzola Novara, sconfitta nell'anticipo dalla Liu Jo Nordmeccanica Modena. La Foppapedretti Bergamo consolida la quarta posizione uscendo vittoriosa dalla 'battaglia' contro il Saugella Team Monza, piegato 15-13 al tie-break. Altro quinto set al PalaGeorge di Montichiari, dove la Metalleghe supera il Sudtirol Bolzano e tiene accese le speranze della salvezza. La Unet Yamamay Busto Arsizio sfrutta il fattore campo e i 29 punti di Valentina Diouf per porre fine alla striscia vincente della Savino Del Bene Scandicci. 

CLUB ITALIA CRAI - IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 0-3 (23-25, 22-25, 11-25)
Un combattivo Club Italia Crai non ha scampo nella sfida con la capolista Imoco Volley Conegliano, che esce dal PalaYamamay con tre punti preziosi per consolidare il primato in classifica. A dispetto del divario di punti tra le due squadre, nei primi due set il team della Federazione Italiana Pallavolo riesce a restare a lungo in scia delle avversarie (23-24 nel primo parziale, 22-23 nel secondo), salvo arrendersi in volata alla maggiore esperienza delle venete. Senza storia il terzo set, in cui l'Imoco prende subito il largo.
In una partita giocata su ritmi piuttosto bassi, da segnalare la buona prova delle azzurre a muro e in difesa; bene l'ex di turno Chiara De Bortoli, recuperata all'ultimo dopo che un fastidio al collo l'aveva tenuta ferma alla vigilia. Positivo l'approccio alla gara di Rachele Morello e di Alessia Arciprete, schierata tra le titolari e autrice di 8 punti con il 39% in attacco. La top scorer è ancora una volta Paola Egonu con 22 punti, tra cui anche due muri. Da segnalare il rientro in campo di Alessia Orro, subentrata a Morello nel finale dei primi due set e a metà del terzo. Anche per l'Imoco il muro è un fattore chiave: ben 13 i punti nel fondamentale, tre a testa per Kelsey Robinson e Jenny Barazza. Protagonista in attacco Serena Ortolani, autrice di 15 punti, mentre nel terzo set sale in cattedra l'altra ex Anna Danesi (7 su 10 in attacco e 2 muri). Il Club Italia Crai resta all'ultimo posto nella classifica della Samsung Gear Volley Cup; le azzurre torneranno in campo domenica 26 febbraio, ancora a Busto Arsizio, contro la Foppapedretti Bergamo.
 La cronaca. Circa 600 gli spettatori presenti al PalaYamamay, con una buona rappresentanza di tifosi da Conegliano. Novità per entrambe le squadre nella formazione di partenza: il Club Italia, con Orro solo in panchina, presenta la diagonale Morello-Piani e Arciprete in posto 4 in coppia con Egonu. L'Imoco non recupera Bricio e conferma Ortolani opposto, con Fawcett e Robinson schiacciatrici; al centro c'è l'ex Anna Danesi insieme a Barazza (in panchina De Kruijf). 
Buona la partenza delle azzurre, che riescono a portarsi sul 4-2 con un muro vincente di Morello. Conegliano risponde però con Danesi e Ortolani, ribaltando il risultato sul 5-8 e allungando a più 4 dopo il time out chiesto da Lucchi. Arciprete tiene in corsa le azzurre (7-9) e Morello firma l'ace del 9-10, fino al mani-out di Egonu che completa la rimonta sul 13-13. Il Club Italia riesce anche a portarsi avanti 17-16 con un altro muro di Morello, ma dal 18-17 l'Imoco passa direttamente al 18-22 con l'aiuto dell'esperienza di Barazza (3 punti). Entra Orro, ma Fawcett si procura tre set point sul 21-24; Egonu ne annulla due, poi Ortolani mette a terra la palla del 23-25.
L'equilibrio prosegue anche in avvio di secondo set, con Egonu a firmare il 5-4. Il Club Italia risponde colpo su colpo all'Imoco e prova anche a piazzare il break dell'11-9 con la stessa Egonu; Conegliano però pareggia subito i conti e dal 12-11 si porta in vantaggio 12-16 grazie a Robinson e Ortolani, malgrado il time out azzurro. Arciprete prova a limitare i danni (15-17) ma Barazza piazza il muro del 16-20; Lucchi ferma il gioco ed Egonu risponde con tre punti di fila (due attacchi e un muro) per il 19-20. L'Imoco comunque allunga subito per il 19-22, ma la neoentrata Lubian accorcia ancora le distanze e le azzurre riescono a risalire fino al 22-23. Subito dopo, però, un attacco di Barazza e un muro di Ortolani mettono fine al parziale.
Ben diverso l'andamento del terzo parziale, che l'Imoco sblocca subito con il muro di Danesi (4-7) allungando fino al 4-9 con l'ace di Ortolani. La scatenata Danesi firma anche il 5-12; Lucchi prova a reinserire Orro sul 7-14, ma Conegliano dilaga e dall'8-15 vola direttamente all'8-22 con i muri di Fawcett e i servizi di Skorupa. Gli ingressi di Perinelli ed Enweonwu rivitalizzano le azzurre (11-23) ma l'incontro è ormai segnato e Ortolani lo chiude con l'attacco dell'11-25.
 Cristiano Lucchi, allenatore Club Italia CRAI: "Faccio un applauso alle ragazze per l'approccio alla gara: quando giochiamo contro i team di prima fascia riusciamo sempre a entrare in campo con l'atteggiamento e la testa giusti. Abbiamo fatto bene quello che avevamo preparato in battuta, a muro e in difesa. Mi spiace per i black out che ultimamente condizionano le nostre prestazioni. Dobbiamo imparare a rimanere aggrappati alla partita anche quando siamo sotto di qualche punto e avere la forza mentale di cercare una soluzione".
Anna Danesi, centrale Imoco Volley Conegliano: "Giocare contro le mie ex compagne è sempre emozionante: all'inizio mi sono sentita un po' strana, poi il clima della partita ha preso il sopravvento. Era importante mantenere la concentrazione alta, perché se il Club Italia trova l'entusiasmo diventa una squadra difficile da affrontare. Credo che nei primi due set non abbiamo giocato sui nostri livelli, poi abbiamo inserito quella marcia in più che avremmo dovuto ingranare fin dal primo set e tutto è filato liscio".

SAUGELLA TEAM MONZA - FOPPAPEDRETTI BERGAMO 2-3 (18-25, 25-23, 28-26, 25-27, 13-15)
Dopo due ore e mezza di grande intensità e di più che buona pallavolo, il Saugella Team Monza viene fermato dalla Foppapedretti Bergamo che, nella settima giornata di ritorno della Samsung Gear Volley Cup Serie A1 Femminile, vince al tie-break al Palazzetto dello Sport di Monza. Davanti ad oltre 2250 spettatori la squadra di Delmati dimostra di essere in un momento assolutamente positivo esaltato, dopo la vittoria di Modena, anche stasera contro la temibile squadra di Lavarini. Cuore e grinta sono gli ingredienti con cui la squadra brianzola mette alle corde le bergamasche, senza però riuscire ad approfittare dei black-out di Lo Bianco e compagne per chiudere la gara, pur avendo avuto la possibilità di farlo. Dopo un primo set conquistato dalle bergamasche (sugli scudi una Guiggi ispirata, 7 punti e 3 muri solo nel primo parziale), infatti, Dall'Igna e compagne reagiscono con carattere nel secondo e terzo gioco, chiudendoli rispettivamente grazie ad un deciso sprint finale agevolato da una scatenata Begic (24 punti e 2 muri, con il 48% in attacco), una superlativa Candi (15 punti, 2 muri e 2 ace) e un'Aelbrecht di quantità (13 punti, 3 muri) capaci di finalizzare con estrema puntualità le difese di Arcangeli e la regia di Dall'Igna. Nel quarto set si prosegue punto a punto, con la Saugella trainata anche da una maiuscola Nicoletti (15 punti, 1 ace e 1 muro) brava a firmare il secondo set-point a disposizione delle monzesi 25-24. Con un colpo d'esperienza, però, Bergamo accelera con Partenio (20 punti e 2 muri) e chiude il set con Guiggi (muro su Nicoletti), 27-25. Nel tie-break l'entusiasmo e una super Sylla (MVP della gara con 24 punti e 3 muri) spingono Bergamo sul 13-9, la Saugella risale con generosità fino al meno uno, 14-13 (filotto di quattro punti monzese) ma è ancora Sylla a risultare decisiva con il muro su Segura che chiude set, 15-13 e partita 3-2 per Bergamo. Per Monza comunque un punto importantissimo che gli permette di mantenere un vantaggio di tre lunghezze sull'inseguitrice Montichiari.  
La cronaca. Il punto a punto delle prime battute (3-3) viene interrotto dal break bergamasco (due muri di Guiggi), 5-3. La Saugella rimane attaccata grazie all'errore di Sylla, 5-4, ma Bergamo sprinta con un'altra giocata di Guiggi, 7-4. Le brianzole ritornano a meno uno approfittando di un errore di Sylla, 7-6, poi però si fanno sorprendere dalla Foppapedretti, brava a riallungare di nuovo con Gennari, 9-6. Con pazienza e grazie al prolifico turno di Candi al servizio (filotto di tre punti), la squadra di Delmati aggancia il pari (10-10) e poi sorpassa sempre con l'ace di Candi: 11-10 e Lavarini chiama time-out. Le ospiti, però, non mollano: Gennari firma due ace di fila e riporta le sue avanti, 14-11, con Delmati costretto a chiamare time-out. Aelbrecht tenta di spingere le sue a ridurre il gap (16-13), ma una Guiggi scatenata prima va a segno e poi mura Tomsia, 18-13. L'opposto brianzolo lascia spazio a Nicoletti ma le cose non cambiano: Guiggi schiaccia a terra la fast e Delmati chiama time-out sul 20-13 per la Foppapedretti. Con la giocata centrale di Candi, grazie ad un errore bergamasco e all'attacco di Eckerman, il Saugella Team si rifà sotto, 22-17. Partenio e Paggi, però, chiudono il primo gioco per le ospiti, 25-18.  
Grande equilibrio nelle prime battute del secondo set (4-4), con qualche errore da entrambe le parti, poi il Saugella Team Monza fa le prove di allungo grazie ad un filotto di tre punti (Begic, Aelbrecht, Begic), 9-6 e Lavarini chiama time-out. La Foppapedretti aggancia la parità con tre punti di fila (ottimo turno al servizio di Gennari), 10-10 e Delmati chiama time-out. Al ritorno in campo le brianzole si fanno trascinare da Aelbrecht: tornano avanti e piazzano il break (errore di Guiggi), 14-12. Nel momento del possibile allungo, qualche sbavatura monzese agevola il pareggio di Bergamo (14-14) che poi, con la giocata di Paggi, torna avanti, 16-15. Si viaggia sulla parità fino al 16-16, poi la Foppapedretti incrementa con due assoli di Paggi (18-16) e Delmati inserisce Segura per Eckerman. Gennari guida Bergamo al vantaggio, 20-18, Dall'Igna firma il meno uno, ma Guiggi schiaccia a terra il nuovo più due Bergamo. Sale in cattedra Nicoletti: due giocate valgono la parità Saugella, 21-21, e Lavarini chiama la pausa. Al ritorno in campo le padrone di casa si fanno trascinare dal proprio pubblico, da Eckerman e da Dall'Igna, 23-22, ma Gennari firma il pari, 23-23 e Delmati chiama time-out. Riprende il gioco: Eckerman non sbaglia da posto quattro e Candi mura Gennari, con il Saugella Team Monza che si aggiudica il secondo gioco, 25-23.
Nuovo gioco ma sempre grande equilibrio in campo (3-3). Due lampi di Sylla (ottimo impatto per lei sul set) vale il più due Bergamo, 5-3, che poi incrementa grazie all'errore di Begic, 7-4. Col cuore il Saugella Team acciuffa il pari (Candi ed Eckerman), 7-7, poi passa avanti ancora con due giocate di Candi (muro su Paggi e primo tempo), 10-8. La qualità consente alla Foppapedretti di ricucire lo strappo (11-11) e passare in vantaggio con Partenio, 12-11, anche se la Saugella è sempre lì, incollata al punteggio (13-13). Quando Begic spara out il servizio e Guiggi va a segno con un primo tempo sembra che le ragazze di Lavarini possano allungare, ed invece Begic ed Eckerman firmano la parità, 15-15. Qualche sbavatura monzese ed un'ottima generosità in difesa consentono alle ospiti di calare il break (18-16) e Delmati chiama time-out. Alla ripresa del gioco, però, Candi non sbaglia il primo tempo, Eckerman firma l'ace, Monza difende con continuità e Lavarini ferma il gioco sul 18-18. Punto a punto fino al 20-20, poi la Saugella spinge sull'acceleratore con Eckerman 22-21, Partenio firma il pari ma poi sbaglia al servizio (23-22 Monza). Finale incandescente: Sylla non sbaglia da posto quattro (23-23), Delmati chiama time-out, Eckerman attacca out, Nicoletti fa il contrario e Gennari la imita bene, 25-24 Bergamo. Una Nicoletti scatenata tiene in corsa le sue (25-25), Eckerman firma l'ace (26-25), Lo Bianco risponde per Bergamo (26-26) ma Begic e l'errore di Partenio regalano il set al Saugella Team Monza, 28-26.
Prologo di quarto parziale simile ai precedenti, con entrambi i sestetti che non vogliono concedere nulla all'avversario (5-5). Nicoletti stampa un muro importante su Gennari ed il Saugella Team firma un break di due punti, 8-6, che però le ospiti recuperano prontamente (8-8), facendo le prove di allungo con Partenio, 11-9 e Delmati chiama time-out. La poca continuità brianzola, soprattutto in attacco, agevola l'allungo della Foppapedretti, 12-10, che arriva a gestire fino al 15-12. Nel momento di maggiore difficoltà esce fuori nuovamente tutto il carattere di Dall'Igna e compagne che, grazie all'errore di Partenio, torna a meno due, 17-15 e Lavarini chiama time-out. Bergamo scappa e Monza risponde (19-17), con l'andamento del gioco che prosegue in questo modo fino al 23-21 per le bergamasche. Con carattere Aelbrecht mura Gennari (23-22), Lavarini chiama time-out e, al ritorno in campo, Begic piazza il pallonetto della parità (23-23). Candi firma l'ace (24-23), Partenio le risponde da posto quattro (24-24), Nicoletti non sbaglia, ma Sylla le risponde da posto quattro (25-25). Nel finale Partenio gioca bene il mani fuori e Guiggi mura Nicoletti, 27-25 Bergamo.
Tre giocate di Gennari regalano il break alla Foppapedretti (4-1) e Delmati chiama time-out. Al ritorno in campo è Begic a spingere la Saugella al recupero (due giocate di fila), 4-3, ma Sylla continua a martellare con convinzione (due lampi consecutivi), 8-6. L'errore al servizio di Suelen e quello di Gennari da posto quattro valgono il meno uno Saugella, 9-8, costringendo Lavarini a chiamare time-out. Al ritorno in campo Bergamo allunga grazie ad una maggiore convinzione (13-9), ma la Saugella non molla fino alla fine con Nicoletti (attacco vincente ed ace) e Begic, 14-13. Sylla mura Segura e chiude set, 15-13 e partita 3-2 per Bergamo.
Anna Nicoletti, schiacciatrice Saugella Team Monza: "Anche stasera abbiamo dimostrato di essere in crescita. Con il giusto atteggiamento siamo riuscite a risalire la china e a mettere in difficoltà un'ottima squadra come Bergamo. Avevamo l'opportunità di chiudere la partita e di portarci a casa i tre punti, è vero, e forse c'è mancata un po' di esperienza. In ogni caso, però, dobbiamo guardare al punto conquistato come con fiducia per il prosieguo della stagione".
Miriam Sylla, schiacciatrice Foppapedretti Bergamo: "Siamo scese in campo consapevoli che sarebbe stata dura. La Saugella è una squadra che non molla mai e che, anche in allenamento congiunto, ci aveva dimostrato di essere un osso duro. Siamo state molto brave a non disunirci nei momenti delicati della partita. Sono due punti molto importanti che non ci fanno perdere terreno con le prime posizioni. Ci tengo a fare comunque i complimenti a Monza per come ha giocato: il punto se l'è davvero meritato".

METALLEGHE MONTICHIARI - SUDTIROL BOLZANO 3-2 (23-25, 25-20, 25-21, 21-25, 15-13)
Un match davvero intenso con fasi altalenanti da entrambe le parti della rete: Metalleghe non molla mai e conquista il tie break contro Südtirol con caparbietà e cuore, fa un piccolo passo in avanti e continua a credere nella salvezza. 
 Salvagni parte con Pincerato in palleggio, Popovic-Gamma opposto, Bartsch e Papa schiacciatrici, Bauer e Zambelli centrali con Bruno libero. Barbieri schiera Dalia e Malagurski, Gioli e Lualdi al centro, Nikolic e Busa in banda con Ruzzini libero.
Avvio concreto e 4-0 per Metalleghe, che si fa sentire subito a muro con Malagurski; Bolzano recupera e inverte il vantaggio a suo favore grazie al fruttuoso turno di servizio di Papa. Bauer fa male con il primo tempo e Neruda difende con continuità. Montichiari ritorna in partita quando ritrova il muro e il finale si infiamma dal 21 pari. Decide il video check che svela un tocco delle padrone di casa sull'attacco di Bolzano che va in vantaggio 1-0 (23-25).
Pressione al servizio con Lualdi e 5-1 per le biancorosse, ma le ospiti non hanno intenzione di mollare e si avvicinano 9-7; è ancora il muro a dare la spinta in più assieme a una super Gioli (18-13). Bolzano rincorre con Matuszkova e Spinello a dare ossigeno a Bartsch e Pincerato, ma Nikolic (6 punti nel set) chiude le ostilità con un bel lungolinea che vale il 25-20.
Efimienko rileva Lualdi sul 5-9: Metalleghe recupera e, complice qualche errore di Bolzano in attacco, riesce a farsi sotto 11-12, prima di subire l'accelerata arancioblu (13-17). Montichiari non si arrende e, con Gravesteijn dentro per  Busa, inizia la rimonta che la porta sopra 22-20. Sono gli ace della centrale polacca e della banda serba appena rientrata, a regalare il 25-21 finale.
L'ingresso di Ikic per Bartsch nel quarto set fa bene a Bolzano che va in vantaggio (8-14); con tenacia e pazienza, Metalleghe accorcia (16-17) e pareggia a 20 con un murone di Gioli. E' comunque Neruda ad avere la meglio con un altro 25-21.
Avvio di tie break con un po' di tensione e i tabellone segna 2-5: arrivano la reazione e il pareggio di Montichiari a 6 con un muro di Efimienko. Punto a punto: Ikic mette giù 5 palle, tra cui quella del 13-11, ma Montichiari non trema e trova il 13 pari. Salvagni gioca la carta Bartsch che rientra non in modo efficace: il suo attacco out è un urlo di liberazione per Montichiari (15-13).
 Jelena Nikolic, schiacciatrice Metalleghe: "È una vittoria che significa molto perché ha fatto vedere ancora una volta che giochiamo con tutto il cuore e se anche non cambia la classifica, cambia il mio modo di sentire. Siamo partite un po' affaticate ma siamo riuscite a tornare nel match sempre, nonostante un'avversaria molto brava a non smettere mai di giocare. Se c'è anche solo un 1% di probabilità di fare una buona fine di stagione, io e la squadra ci siamo".
Francois Salvagni, allenatore Sudtirol: "Tecnicamente abbiamo giocato una brutta partita, ma per merito di Montichiari che ci ha messo pressione e ha giocato con un gran voglia di vincere. Noi siamo arrivati forse prosciugati dai 14 set giocati in questa settimana, ma ringrazio le mie atlete che dimostrano che di gruppo, di volontà e impegno, si può ottenere un risultato anche quando non siamo al massimo".

UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO - SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-1 (25-22, 29-27, 12-25, 25-23)
Ottiene un'altra vittoria importante la Unet Yamamay Busto Arsizio che, davanti ai suoi 3400 tifosi, batte la Savino del Bene Scandicci per 3-1 e riavvicina in classifica proprio le toscane, quinte a 29 punti. La partita è stata bella ed equilibrata, decisa nei finali di set dal cinismo della squadra di Mencarelli e soprattutto delle sue due trascinatrici Diouf (29 punti) e Martinez (24 ed MVP del match). Sotto 2-0 la Savino del Bene, che con Loda inserita in corsa su Meijners ha trovato la miglior quadratura, ha riaperto i giochi al cospetto del calo delle farfalle. Nel tiratissimo quarto set un muro di Pisani (5 in totale quelli realizzati dalla capitana) ha chiuso i giochi 25-23. Tra le toscane nota di merito per Havlickova (23) e Ferreira Da Silva (14).
Nonostante l'assenza di Stufi, che scalpita in panchina per rientrare in campo, le farfalle sembrano dunque uscite dal periodo buio e guardano con fiducia al proseguio della stagione, festeggiando con tutto il Palayamamay a fine gara.
In pillole. Mencarelli inizia con Signorile - Diouf, Berti - Pisani, Martinez - Fiorin, Witkowska libero. Beltrani parte con Rondon - Havlickova, Arrighetti - Ferreira Da Silva, Meijners - Cruz, Merlo libero.
Primo set: Pisani attacca e serve bene, propiziando il 2-0 di Diouf, Martinez mette a terra in pipe il lungo scambio del 3-0, Arrighetti invade ed è 4-0. Rondon trova il primo punto toscano (4-1), ma berti e l'errore di Meijners fanno (6-1 tempo Beltrami). Due ingenuità bustocche, il muro di Ferreira Da Silva  e l'errore di Diouf portano al 6-5, poi è la stessa Diouf a trova il 7-5. Un'imprecisione al palleggio di Signorile propizia il 7-7, un nuovo muro di Ferreira Da Silva vale il primo vantaggio ospite (time-out UYBA). Martinez attacca con continuità da posto 4 (9-9), ma due buone battute di Havlickova fanno fuggire la Savino del Bene (9-12); Martinez e Diouf non ci stanno (13-13 con super Fiorin in difesa), ma Arrighetti e ancora Havlickova riallungano (13-15); il muro di Berti rimette tutto in pari (15-15), ma la doppietta di Havlickova vale di nuovo il +2 per le ospiti (15-17). Diouf tiene in scia le farfalle (17-18), Martinez mura il 18-18, Cruz spara out il 19-18, il muro di Pisani e l'attacco di Martinez fanno 21-18. Negretti, dentr al servizio, firma l'ace del 22-18, Diouf sigla il 23-19, Pisani chiude a muro (25-22).
Secondo set: l'avvio è equilibrato (6-6), con Martinez e Havlickova sempre sugli scudi. La dominicana è ispirata anche al servizio (ace del 7-6), Diouf passa da 2 (9-9), Martinez di nuovo chiude il bellissimo 10-9. Diouf firma l'ace dell'11-9 (tempo Beltrami), poi Meijners sfrutta la rice errata bustocca per impattare (11-11); l'errore di Arrighetti vale un piccolo break per le farfalle e fa chiamare tempo a Beltrami (14-12). Al rientro le ospiti cercano di rifarsi sotto (dentro Loda per Meijners) e trovano il pari con il muro di Ferreira Da Silva (16-16), mentre Fiorin spara largo il 16-17. Diouf c'è e tiene incollate le farfalle (18-18), Fiorin (ace) e Berti allungano (21-19). Il muro di Martinez fa 23-20, Diouf conquista due set ball (24-22), ma Loda annulla entrambe le possibilità. Ai vantaggi Diouf è perfetta e la UYBA la spunta 29-27.
Terzo set: si parte con un rosso alla panchina ospite (1-0, confermata in campo Loda) e con il muro di Berti (2-0); Havlickova pareggia presto (2-2) e continua ad attaccare con continuità da posto 2 (3-5); è sempre l'ex farfalla a colpire e a far chiamare time-out a Mencarelli (3-7), mentre al rientro Cruz piazza il 3-8 e Diouf trova il cambio palla con l'attacco del 4-8. Pisani mura il 6-9, ma l'errore di Diouf vale il +5 ospite (6-11); Ferreira da Silva firma la doppietta del 6-13 che fa interrompere il gioco a Mencarelli. Sul 6-16 la UYBA prova Vasilantonaki e Cialfi per Martinez e Signorile, ma il set è compromesso. La Savino del Bene amministra con calma e chiude rapidamente 12-25.
Quarto set: l'avvio è ancora equilibrato, con Martinez e Fiorin che tengono avanti le farfalle (4-3). La dominicana mura il 5-3, Ferreira Da Silva non molla (6-5), Loda pareggia (6-6); il muro di Pisani lancia ancora le farfalle (8-6), ma Scandicci è subito lì con Ferreira Da Silva (8-8). Martinez strappa ancora applausi con due pipe vincenti (10-9), dall'altra parte Cruz colpisce con continuità da posto 4 (11-11); Arrighetti risponde a Martinez per il 12-13, e si procede in pari fino al 14 (errore Ferreira Da Silva). Martinez firma l'ace del sorpasso (16-15 tempo Beltrami), Fiorin allunga (17-15), Diouf conferma il gap due volte (19-17). Il muro di Berti e il mani-out di Diouf fanno chiamare tempo alle toscane (21-18), ma Loda e un'indecisione bustocca riaprono tutto (23-23). Nel finale decidono Diouf e il muro di Pisani (25-23).

I RISULTATI DELLA 18^ GIORNATA DI SERIE A1 FEMMINILE
Sabato 18 febbraio, ore 20.30 (differita Rai Sport + HD ore 23.30)

Liu Jo Nordmeccanica Modena - Igor Gorgonzola Novara 3-2 (25-20, 26-28, 30-28, 22-25, 15-7)
ARBITRI: Florian-Zanussi  ADDETTO VIDEO CHECK: Selmi
Domenica 19 febbraio, ore 15.00 (diretta LVF TV)
Club Italia Crai - Imoco Volley Conegliano 0-3 (23-25, 22-25, 11-25)
ARBITRI: Prati-Canessa  ADDETTO VIDEO CHECK: Ugolotti
Domenica 19 febbraio, ore 17.00 (diretta LVF TV)
Saugella Team Monza - Foppapedretti Bergamo 2-3 (18-25, 25-23, 28-26, 25-27, 13-15)
ARBITRI: Venturi-Pristerà  ADDETTO VIDEO CHECK: Mamprin
Metalleghe Montichiari - Sudtirol Bolzano 3-2 (23-25, 25-20, 25-21, 21-25, 15-13)
ARBITRI: Piana-Cappelletti  ADDETTO VIDEO CHECK: Biasin
Domenica 19 febbraio, ore 18.00 (diretta LVF TV)
Unet Yamamay Busto Arsizio - Savino Del Bene Scandicci 3-1 (25-22, 29-27, 12-25, 25-23)
ARBITRI: La Micela-Boris  ADDETTO VIDEO CHECK: Tiziani
Giovedì 2 marzo, ore 19.00 (diretta LVF TV)
Il Bisonte Firenze - Pomì Casalmaggiore

LA CLASSIFICA
Imoco Volley Conegliano 46, Pomì Casalmaggiore* 39, Igor Gorgonzola Novara 36, Foppapedretti Bergamo 34, Savino Del Bene Scandicci 29, Unet Yamamay Busto Arsizio 28, Liu Jo Nordmeccanica Modena 24, Sudtirol Bolzano 24, Il Bisonte Firenze* 20, Saugella Team Monza 17, Metalleghe Montichiari 14, Club Italia Crai 10.
* una partita in meno 

I TABELLINI
CLUB ITALIA CRAI - IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 0-3 (23-25, 22-25, 11-25) 
CLUB ITALIA CRAI: Enweonwu 1, Perinelli 1, Morello 2, Lubian 2, Ferrara, Orro, Piani 3, De Bortoli (L), Mancini 5, Arciprete 8, Melli, Botezat, Egonu 22. Non entrate Bulovic. All. Lucchi. 
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Ortolani 15, Robinson 7, Malinov, Cella, Skorupa 3, De Gennaro (L), Danesi 9, Fawcett 11, Barazza 10. Non entrate Folie, Fiori, Costagrande, De Kruijf. All. Mazzanti. 
ARBITRI: Prati, Canessa. 
NOTE - Spettatori 600, durata set: 29', 30', 23'; tot: 82'. 

UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO - SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-1 (25-22, 29-27, 12-25, 25-23) 
UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Signorile 1, Cialfi, Fiorin 6, Witkowska (L), Martinez 24, Vasilantonaki 1, Diouf 29, Moneta, Berti 5, Negretti Beatrice 1, Pisani 6. Non entrate Stufi, Spirito, Badini Beatrice. All. Mencarelli. 
SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Crisanti, Havlickova 23, Ferreira Da Silva 14, Loda 13, Merlo (L), Cruz 14, Scacchetti, Arrighetti 8, Meijners 3, Rondon 5. Non entrate Casillo, Zago, Giampietri. All. Beltrami. 
ARBITRI: La Micela, Boris. 
NOTE - Spettatori 3359, durata set: 31', 37', 27', 31'; tot: 126'. 

SAUGELLA TEAM MONZA - FOPPAPEDRETTI BERGAMO 2-3 (18-25, 25-23, 28-26, 25-27, 13-15) 
SAUGELLA TEAM MONZA: Arcangeli (L), Balboni, Tomsia 2, Candi 15, Aelbrecht 13, Begic 24, Dall'igna 2, Nicoletti 15, Segura, Bezarevic, Eckerman 16. Non entrate Devetag, Lussana. All. Delmati. 
FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Mori, Santana Pinto, Partenio 20, Gennari 19, Cardullo (L), Guiggi 20, Paggi 7, Lo Bianco 3, Sylla 24. Non entrate Civitico Giada, Popovic, Venturini. All. Lavarini. 
ARBITRI: Venturi, Pristerà. 
NOTE - Spettatori 2251, durata set: 27', 33', 35', 34', 20'; tot: 149'. 

METALLEGHE MONTICHIARI - SUDTIROL BOLZANO 3-2 (23-25, 25-20, 25-21, 21-25, 15-13) 
METALLEGHE MONTICHIARI: Busa 9, Dalia 3, Efimienko 3, Malagurski 22, Gravesteijn 1, Nikolic 21, Lualdi 7, Ruzzini (L), Gioli 14. Non entrate Domenighini, Boldini, Baraggi Martina. All. Barbieri. 
SUDTIROL BOLZANO: Bruno (L), Ikic 9, Rossi Matuszkova 1, Spinello, Bauer 15, Papa 13, Pincerato 2, Popovic-gamma 16, Bartsch 11, Zambelli 12. Non entrate Bertone. All. Salvagni. 
ARBITRI: Piana, Cappelletti. 
NOTE - durata set: 27', 26', 27', 27', 19'; tot: 126'. 

IL PROSSIMO TURNO
Sabato 25 febbraio, ore 20.30 (diretta Rai Sport + HD)

Pomì Casalmaggiore - Liu Jo Nordmeccanica Modena
Sabato 25 febbraio, ore 20.30 (diretta LVF TV)
Imoco Volley Conegliano - Metalleghe Montichiari
Domenica 26 febbraio, ore 17.00 (diretta LVF TV)
Igor Gorgonzola Novara - Saugella Team Monza
Sudtirol Bolzano - Savino Del Bene Scandicci
Club Italia Crai - Foppapedretti Bergamo
Il Bisonte Firenze - Unet Yamamay Busto Arsizio
Sigla.com - Internet Partner