Archivio Attività internazionale

Al via i Mondiali Militari a Rio de Janeiro16/07/2011

Al via i Mondiali Militari a Rio de Janeiro

Si è svolta la cerimonia di apertura della V edizione dei Giochi Mondiali Militari di Rio 2011. All’evento, svoltosi nella splendida cornice dello stadio Engenho de Dentro di Rio, erano presenti numerose autorità civili, militari e sportive. Il Presidente del Consiglio Internazionale dello Sport Militare (CISM), Col. Hamad Kalkaba Malboum (Cam), nel suo discorso ha evidenziato il ruolo determinante dell’Italia nello sviluppo dei Giochi fortemente voluti dal suo predecessore Generale di Divisione Gianni Gola. Circa 45.000 spettatori hanno applaudito atleti di 114 Paesi giunti a Rio per contendersi il podio in numerose discipline sportive. Esibizioni di alcuni gruppi musicali brasiliani e spettacolari fuochi d’artificio hanno accompagnato gli atleti durante la cerimonia. La delegazione italiana ha sfilato con un rappresentante di ogni Forza Armata / Comando Generale con in testa il suo alfiere, il 1° Caporal Maggiore dell’Esercito Mauro Sarmiento, medaglia d’oro ai Campionati Mondiali Militari 2008 e 2010 nel taekwondo, il quale ha avuto l’onore di sventolare alto il tricolore all’interno dello stadio. La V edizione dei Giochi Mondiali Militari è stata ufficialmente aperta con l’accensione del braciere da parte del mitico Pelé e dal messaggio augurale del Presidente del Brasile, Dilma Rousseff. I Giochi sono ufficialmente aperti e domani potrebbero arrivare le prime medaglie italiane con il nuoto. L’Italia partecipa con una squadra nazionale militare composta da centocinquantasei atleti appartenenti ai Gruppi Sportivi delle Forze Armate e della Guardia di Finanza. La squadra italiana, in particolare, partecipa a sedici discipline: atletica leggera, pallacanestro maschile, pallavolo femminile, beach volley, scherma, pugilato, judo, equitazione, pentatlon moderno, paracadutismo, vela, tiro, nuoto, taekwondo, triatlon e pentatlon militare.
Copa Internacional a Brasiia: riscatto italiano, 3 a 1 contro il Peru'15/07/2011

Copa Internacional a Brasiia: riscatto italiano, 3 a 1 contro il Peru'

Sconfitta dal Giappone nella prima giornata, la nazionale femminile italiana di Massimo Barbolini si e’ riscattata nel secondo match della Copa Internacional a Brasilia superando per 3-1 il Peru’ di Luca Cristofani 3-1 (22-25 25-20 25-14 25-12), trascinate da Simona Gioli (27 punti di cui 8 a muro). Le azzurre tornano in campo domani alle ore 15 italiane contro le padrone di casa brasiliane.
A Rio de Janeiro la quinta edizione dei Giochi Mondiali Militari15/07/2011

A Rio de Janeiro la quinta edizione dei Giochi Mondiali Militari

Prenderà il via domani a Rio de Janeiro, Brasile, la quinta edizione dei Giochi Mondiali Militari, manifestazione organizzata dal Consiglio Internazionale dello Sport Militare (CISM). La delegazione italiana sarà composta da 220 militari tra atleti e accompagnatori appartenenti all’Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare, Carabinieri e Guardia di Finanza. Tra le rappresentative italiane a scendere in campo ci saranno una di pallavolo e una di beach volley, entrambe femminili. La squadra di pallavolo, guidata dal primo maresciallo Rocco Rainò e dal suo vice, il primo maresciallo Michele Carbone, è composta da dodici atlete: Magistrali, Lupo, Zonca, Prencipe, Bertone, Palano, Marini, Lo Muscio, Casini, Micheli, Denaro e Marrella.Nel beach volley a rappresentare l'Italia le due azzurre dell’Aeronautica Militare Greta Cicolari e Marta Menegatti, attualmente impegnate nel Grand Slam di Mosca. Le gare di pallavolo e beach volley inizieranno domenica 17. La manifestazione si concluderà il 24 luglio.
Copa Internacional: a Brasilia Italia battuta dal Giappone14/07/2011

Copa Internacional: a Brasilia Italia battuta dal Giappone

La nazionale azzurra femminile è uscita sconfitta dalla sfida con il Giappone nella prima partita della Copa Internacional di Brasilia, a cui prendo parte anche Peru' e Brasile. Nel match che ha segnato il debutto di Carolina Costagrande, la prima di Simona Gioli e il ritorno in azzurro di Martina Guiggi e Francesca Ferretti, l'Italia si è arresa al Giappone per 3-0 (25-21 25-19 25-15). Domani alle 21 seconda gara contro il Peru'L'Italia, in pratica all'esordio stagionale, ha trovato molte difficoltà a superare il sistema difensivo del Giappone. Nrl primo set le ragazze di Barbolini hanno inziato tardi la rimonta, nel secondo ha fatto vedere buone cose e grandi recuperi nella fase centrale. Meno combattuto il terzo set.Barbolini ha schierato Ferretti in regia, Gioli opposto, Guiggi e Arrighetti al centro, Costagrande e Bosetti di banda. Leonardi libero. Cambio tattico per Garzaro nel primo set. Buono l'inserimento di Bechis nella parte centrale del secondo set.Le due squadre hanno dato spettacolo soprattutto con degli eccezionali interventi difensivi. Davvero particolare quello messo a segno da Valentina Arrighetti nel terzo set, quando ricadendo dal muro, con un colpo degno di un calciatore ha alzato con il piede destro un pallone preciso che Carolina Costagrande ha messo a terra.
Azzurri: inizia a Cavalese la preparazione per l'Europeo14/07/2011

Azzurri: inizia a Cavalese la preparazione per l'Europeo

Sono 18 gli atleti convocati, su indicazione del ct azzurro Mauro Berruto, per il collegiale che in programma dal 21 al 29 luglio a Cavalese, prima tappa della preparazione per il Campionato Europeo, che si svolgerà in Austria e Repubblica Ceca dal 10 al 18 settembre. Ci sono alcune novità rispetto ai giocatori utilizzati nella World League, alcuni ritorni e novità. Torneranno a lavorare in azzurro il centrale Luigi Mastrangelo e Simone Parodi. Quest'ultimo, ancora convalescente per l'operazione subita alla vigilia dei play off scudetto, sta lavorando sodo per mettersi a disposizione dello staff della nazionale. Le novità assolute sono Dante Boninfante e Simone Giovi. Il primo alzatore d'esperienza, potrà svolgere al meglio il ruolo di rilievo del difficile ruolo di alzatore; il secondo libero che nelle ultime stagioni ha fatto registrare dei significativi progressi. L'elenco è completato da 13 dei protagonisti delle finali di World Laegue di Gdansk più Kovar, ormai recuperato dall'infortunio alla caviglia, che ne ha vietato l'impiego nella seconda parte del torneo. Alzatori: Travica e Boninfante. Opposti: Lasko e Sabbi. Centrali: Barone, Birarelli, Buti, De Togni e Mastrangelo. Schiacciatori: Della Lunga, Kovar, Maruotti, Parodi, Savani, Zaytsev. Liberi: Bari, De Pandis e Giovi.
World League: Russia campione11/07/2011

World League: Russia campione

di Adelio PistelliEsaltante finale di una World League 2011: vince la Russia, 2-3 (25-23 25-27 23-25 25-22 11-15). Onore al merito. Secondo trionfo in questa particolare manifestazione da parte di un team che sino ad oggi aveva centrato anche cinque argenti e sette bronzi. Primo successo di mister Alekno (il sue secondo è l'italiano Busato ormai... russo di adozione); Alekno al suo ritorno aulla panchina russia che aveva lasciato dopo gli Europei persi proprio a Mosca nel 2007. Adesso Alekno (tecnico del Kazan) è tornato ed ha vinto contro chi, da anni e tanti sta dominando il mondo del volley. Russia che vince, soffrendo il gioco dei brasiliani; Russia che vendica la sconfitta di un anno fa proprio in finale WL a Cordoba,vince ma baglia tanto. Però intorno al solito Mikhaylov (27 punti personali finali) matura il trionfo, inseguito ed ottenuto dopo un ruolino di marcia impressioante: una sola sconfitta (ininfluiente e all'ultima gara di qualificazione), dall'inizio della World League alla finalissima di Danzica. Dove c'era ed ha giocato di nuovo e a tempo pieno anche Giba. Il capitano dei brasiliani, tornato sottorete senza soluzione di continuità, è stato l'ultimno ad arrendersi. Applausi.
Anastasi sì10/07/2011

Anastasi sì

di Adelio PistelliAndrea Anastasi e la sua sperimentale Polonia ha vinto la finalina della World League 2011. Bronzo doopo aver battuto l'Argentina (3-0) in un match sempre nelle mani degli uomini di Anastasi. Piccola grande soddisfazione per il coach di Poggio Rusco (da due mesi sulla panchina polacca) ed il suo 'secondo' Andrea Gardini, arrivati a queste finali con tanta tantissima responsabilità sulle spalle. La Polonia era, infatti, il Paese organizzatrice delle finali ad otto e si presentava davanti al suo meraviglioso pubblico dopo una fase di qualificazioine tutt'altro che ricca di soddisfazioni. A Danzica, invece, prima vittoria contro la Bulgaria (3-2) poi capitombolo contro l'Italia (0-3), quindi vttoria (3-2) con l'Argentina, autentica squadra rivelazione dele finali. Sconfitta (1-3) contro la russia in semifinale, la Polonia ha stravinto però la finalina tra il tripudio degli oltre 18 mila presenti.
Sigla.com - Internet Partner