Archivio Attività internazionale

Appuntamenti importanti per Azzurre ed Azzurrine30/08/2008

Appuntamenti importanti per Azzurre ed Azzurrine

Prosegue, dopo i Giochi Olimpici, l’attivitá della nazionale femminile di Massimo Barbolini, che dal 16 al 21 settembre sará imnpegnata ad Omsk in Russia nel Torneo di Qualificazione al World Grand Prix 2009. Le azzurre (con cinque reduci del torneo olimpico) si raduneranno il 7 settembre ad Alassio. Queste le 14 convocate: Fiorin e Centoni del Cannes (Fra); Pincerato, Crisanti e Decordi della Despar Sirio Perugia; Ortolani, Croce, Arrighetti e Merlo della Foppapedretti Bergamo; Guiggi, Ferretti e Garzaro della Scavolini Pesaro; Bosetti della Unicom Starker Kerakoll Sassuolo; Viganò della Yamamay Busto Arsizio. AZZURRINE - Ultimi giorni di preparazione per le azzurrine della nazionale juniores che dal 5 al 13 settembre saranno impegnate in Umbria nell’Europeo juniores. Il tecnico federale Marco Mencarelli ha convocato per domani a Trevi 15 atlete: Frigo della Amatori Atletica Orago; Mautino dell’ Asystel Volley Novara; Signorile della Famila Chieri; Zambelli e Cagninelli Foppapedretti Bergamo; Biccheri della Ius Pallavolo Arezzo; Gentili della Olimpia Teodora Ravenna; Masotti della Omega San Donà di Piave; Partenio della Pallavolo Macerata; Zago della Pallavolo Stra; Rastelli della Sassuolo Volley; Sirressi della Tena Santeramo; Orsi Toth della Volley Lines Altamura; Folie della Volleyball Ueberetsch, Corna della Volley Life Milano.
Gli Stati Uniti conquistano la medaglia d'oro. Italia superata 3 a 0 dalla Russia che si aggiudica la medaglia di bronzo.24/08/2008

Gli Stati Uniti conquistano la medaglia d'oro. Italia superata 3 a 0 dalla Russia che si aggiudica la medaglia di bronzo.

L'Italia non riesce a salire sul podio a Pechino 2008, nella finale per il 3°-4° posto viene superata dalla Russia col risultato di 3 a 0. Gli Stati Uniti hanno conquistato la medaglia d'oro, impresa epica per la nazionale a stelle e strisce capace di spodestare dal trono il Brasile inponendosi in finale per 3 a 1 (20-25, 25-22, 25-21, 25-23) trascinata da Stanley miglior realizzatore del match con 20 punti, seguito da Salmon con 13 e Priddy con 12. Tra i brasiliani i migliori a referto sono stati Dante con 15 punti di bottino personale, seguito da Giba con 14. ITALIA - RUSSIA 0-3 (22-25, 19-25, 23-25) Italia: Birarelli 4, Fei 15, Zlatanov 4, Mastrangelo 4, Vermiglio, Martino 10, Corsano (L), Cisolla 4, Meoni, Bovolenta 2. N.e. Gavotto, Paparoni. All. Anastasi. Russia: Kosarev 10, Kuleshov 6, Mikhaylov 20, Tetyukhin 6, Volkov 12, Grankin 1, Verbov (L), Poltavsky. N.e. Korneev, Berezhko, Khamuttskikh, Ostapenko. All. Alekno. Arbitri: Arbitri: leuthauser (Ger) e Jovanovic (Ser).
Il Brasile femminile vince la medaglia d'oro a Pechino23/08/2008

Il Brasile femminile vince la medaglia d'oro a Pechino

La nazionale brasiliana ha vinto la sua prima medaglia d'oro olimpica battendo in finale gli Stati Uniti con il punteggio di 3-1 e parziali di 25-15, 18-25, 25-13, 25-21: la partita, diretta da Massimo Menghini, e' durata un'ora e 44 minuti davanti a 13.000 spettatori al Capital Indoor Stadium. Storica impresa per il tecnico della Seleçao Ze' Roberto, che ha messo a segno un formidabile bis dopo aver trionfato con la nazionale maschile a Barcellona nel 1992. La medaglia di bronzo e' andata alle campionesse in carica della Cina, riuscite a piegare Cuba per 3-1, con parziali di 25-16, 21-25, 25-13, 25-20.
Domenica il cinese Wei succedera' a Ruben Acosta22/08/2008

Domenica il cinese Wei succedera' a Ruben Acosta

Il presidente della Federazione Internazionale di pallavolo Rubén Acosta cedera' ufficialmente lo scettro mondiale al cinese Jizhong Wei in una cerimonia speciale che si svolgera' domenica presso l'Istituto di Tecnologia di Pechino, 24 anni dopo la sua investitura avvenuta in occasione dell'Olimpiade di Los Angeles. Si chiude un'epoca storica per lo sviluppo della pallavolo, che ha significato la diffusione capillare di questo sport nel mondo e il boom del beach volley, entrato nel novero delle discipline a Cinque Cerchi.
Gli azzurri piegati dal Brasile nella semifinale olimpica22/08/2008

Gli azzurri piegati dal Brasile nella semifinale olimpica

L’Italia ha ceduto in semifinale al Brasile e domenica giocherá alle ore 4 italiane la finale per il terzo posto contro la Russia. Gli azzurri sono usciti dal campo a testa alta, dopo aver giocato una partita coraggiosa contro un avversario di primo livello. Vinto il primo set con grande personalitá, perduto il secondo contro il miglior Brasile, l’Italia ha lottato nel terzo e soprattutto nel quarto, in cui ha avuto la possibilitá di prolungare il match, ma non ha sfruttato quei quattro-cinque contrattacchi che ha avuto. Inizialmente Andrea Anastasi è stato costretto a rinunciare a Mirko Corsano, solito problema al ginocchio sinistro, sostituito ancora da Paparoni ed ha preferito Bovolenta a Birarelli. Nel corso della gara la malasorte si è ancora accanita con il sestetto azzurro, e nel corso del terzo set Gigi Mastrangelo si infortunato (distorsione alla caviglia sinistra) ed è dovuto uscire. Il ct italiano le ha provate tutte, ha fatto scendere in campo anche Fei, guarito, ma non al massimo della condizione, ma non è bastato per superare un’avversaria fortissima, ma non irraggiungibile come altre volte. ITALIA-BRASILE 1-3 (25-19, 18-25, 21-25, 22-25) ITALIA: Bovolenta 3, Gavotto 13, Cisolla 15, Mastrangelo 6, Vermiglio 2, Martino 7, Paparoni (L), Zlatanov 4, Birarelli 8, Fei 4, Meoni. All. Anastasi. BRASILE: Dante 1, Gustavo 11, Marcelo, Giba 17, Andrè Nascimento 10, Andrè Heller 12, Sergio (L), Bruninho 1, Samuel, Murilo 9. N.e. Rodrigao, Anderson. All. Bernardinho. ARBITRI: Kim (Kor) e Salas (Mex). Spettatori: 12000. Durata set: 24 27 27 29. Italia: bs 16, a 2, m 10, e 17. Brasile: bs 12, a 2, m 11, e 12.
Menghini dirigera' la finale femminile22/08/2008

Menghini dirigera' la finale femminile

Grande soddisfazione per la pallavolo italiana: Massimo Menghini e' stato infatti scelto dalla Federazione Internazionale per dirigere la finale femminile tra Stati Uniti e Brasile. Ottima scelta, che va a gratificare un ottimo arbitro che di certo onorera' un match che potra' vantare una platea planetaria.
Stati Uniti-Russia e Italia-Brasile le Semifinali maschili di Pechino 200821/08/2008

Stati Uniti-Russia e Italia-Brasile le Semifinali maschili di Pechino 2008

Tra gli azzurri e la terza finale olimpica della loro storia c’è un tabú: il Brasile che non battono da oltre cinque anni e ben dieci incontri. Domani poco dopo l’ora di pranzo, italiani e verdeoro si troveranno di fronte, divisi da una rete, con il pronostico che logicamente pende tutto dalla parte dei brasiliani assoluti dominatori della scena internazionale dal 2002. C’è un giorno preciso in cui la storia della pallavolo maschile ha cambiato il suo corso: il 9 ottobre 2002, a Cordoba nel Mondiale argentino gli azzurri si arresero nei quarti di finale al Brasile 3-2. da quel giorno la selecao del volley ha dominato il mondo, sostituendo la sua “dittatura” a quella italiana. In quell’Italia giocavano diversi dei ragazzi che oggi giocano qui a Pechino, soprattutto in panchina c’era Andrea Anastasi. Anche il Brasile è piú o meno lo stesso di allora ed a guidarlo c’è sempre Bernardinho. L’Italia giunge a questo grande appuntamento dopo una Olimpiade quanto mai travagliata. La squadra che ha vinto all’esordio con il Giappone è stata profondamente mutata dagli eventi (leggi infortuni). Priva a lungo di Corsano ed a tuttoggi di Fei, con Mastrangelo a mezzo servizio o poco piú la formazione italiana ha scoperto personaggi inattesi: come l’opposto mancino Mauro Gavotto, che sta vivendo la sua favola nel paese dei balocchi; come Vigor Bovolenta (35 anni), uno che la finale olimpica l’ha giocata ad Atlanta e che Anastasi ha ritirato fuori dal dimenticatoio; come il talento emergente Matteo Martino, un predestinato dicono molti, che si riconquistato il posto da titolare dopo che all’arrivo in Cina lo aveva perduto, come Emanuele Birarelli che dopo la grande felice avventura in campionato con Trento sta coronando la sua stagione piú bella con un’ottima Olimpiade.
Impresa degli azzurri contro il Brasile?21/08/2008

Impresa degli azzurri contro il Brasile?

Tra gli azzurri e la terza finale olimpica della loro storia c’è un tabú: il Brasile che non battono da oltre cinque anni e ben dieci incontri. Domani poco dopo l’ora di pranzo, italiani e verdeoro si troveranno di fronte, divisi da una rete, con il pronostico che logicamente pende tutto dalla parte dei brasiliani assoluti dominatori della scena internazionale dal 2002. C’è un giorno preciso in cui la storia della pallavolo maschile ha cambiato il suo corso: il 9 ottobre 2002, a Cordoba nel Mondiale argentino gli azzurri si arresero nei quarti di finale al Brasile 3-2. da quel giorno la selecao del volley ha dominato il mondo, sostituendo la sua “dittatura” a quella italiana. In quell’Italia giocavano diversi dei ragazzi che oggi giocano qui a Pechino, soprattutto in panchina c’era Andrea Anastasi. Anche il Brasile è piú o meno lo stesso di allora ed a guidarlo c’è sempre Bernardinho. L’Italia giunge a questo grande appuntamento dopo una Olimpiade quanto mai travagliata. La squadra che ha vinto all’esordio con il Giappone è stata profondamente mutata dagli eventi (leggi infortuni). Priva a lungo di Corsano ed a tuttoggi di Fei, con Mastrangelo a mezzo servizio o poco piú la formazione italiana ha scoperto personaggi inattesi: come l’opposto mancino Mauro Gavotto, che sta vivendo la sua favola nel paese dei balocchi; come Vigor Bovolenta (35 anni), uno che la finale olimpica l’ha giocata ad Atlanta e che Anastasi ha ritirato fuori dal dimenticatoio; come il talento emergente Matteo Martino, un predestinato dicono molti, che si riconquistato il posto da titolare dopo che all’arrivo in Cina lo aveva perduto, come Emanuele Birarelli che dopo la grande felice avventura in campionato con Trento sta coronando la sua stagione piú bella con un’ottima Olimpiade. Basterá questa Italia per battere il Brasile? Lo dirá il campo. Ma nelle parole dei due tecnici alla vigilia c’è tutta la sintesi della sfida: Anastasi ha detto: “Non siamo perfetti, ma loro sanno che siamo un osso duro.” Bernardinho ha ammesso: “La pressione questa volta è tutta dalla nostra parte.” VIGILIA – Gli azzurri hanno trascorso una vigilia serena. Qualche ora di libertá al mattino, poi per tutti pranzo alle 12. Nel pomeriggio due ore di allenamento all’Hongfu Activity Centre. Sempre grande lavoro di terapia dello staff medico guidato dal dottor Benelli. Corsano sente sempre dolore al ginocchio, ma stringerá i denti, Fei continua a migliorare, ma il suo rientro è ancora in forte dubbio. PRECEDENTI - La storia delle sfide tra Italia e Brasile è lunga 68 partite, di cui 28 vinte dagli azzurri. La prima gara con il Brasile risale al 9 settembre del 1956 nel Mondiale di Parigi vinta dai brasiliani per 1-3. La prima vittoria azzurra (per 3-0) è arrivata sedici anni dopo l’8 giugno 1972 in un torneo a Sofia. L’ultima gara è stata giocata il 28 novembre 2006 a Hiroshima nel corso dei Campionati del Mondo vinsero i sudamericani 3-0. L’ultima vittoria azzurra risale al 21 giugno 2003 a Brasilia un 3-0 ottenuto in una gara della fase intercontinentale della World League. Da allora la squadra italiana ha subito 10 sconfitte consecutive. Nelle Olimpiadi Italia e Brasile si sono sfidate 6 volte (tra cui la semifinale di Los Angeles 1984 e la finale di Atene 2004) ed hanno vinto sempre i verdeoro. A favore dell’Italia il bilancio delle “grandi” semifinali infatti dopo la sconfitta in quella di Olimpica di Los Angeles, sono venute due vittorie in quelle Mondiale del 1990 e del 1998. SEMIFINALI – Le due sfide di semifinale sono le stesse delle finali di quattro anni fa: Usa-Russia fu decisiva per il terzo posto; Brasile-Italia per l’oro. Una conferma per quattro grandi scuole. Questo il programma orario delle attese sfide: ore 6.30 Stati Uniti-Russia; ore 14 Brasile-Italia.
Stati Uniti e Brasile si giocheranno l'oro femminile a Pechino21/08/2008

Stati Uniti e Brasile si giocheranno l'oro femminile a Pechino

Stati Uniti e Brasile sono le due squadra finaliste del torneo femminile di Pechino. La formazione stelle e strisce allenata da Jenny Lang Ping ha piegato per 3-0 le tre volte vincitrici del titolo a Cinque Cerchi di Cuba con il punteggio di 3-0 e parziali di 25-20, 25-16, 25-17, mentre le verdeoro di Ze' Roberto hanno superato in un'ora e 19 minuti le olimpioniche in carica della Cina per 3-0 (con parziali di 27-25, 25-22, 25-14) davanti a 13.000 tifosi. Il match per la medaglia d'oro si giochera' sabato alle ore 20.00 cinesi presso il Capital Indoor Stadium: l'ultima volta in cui gli Stati Uniti hanno disputato una finale olimpica e' stato 24 anni fa a Los Angeles, quando a vincere fu la Cina con Jenny Lang Ping sugli scudi. Per il bronzo di fronte invece sabato alle 12.30 Cuba e China.
Pechino 2008: l'Italia batte 3 a 2 la Polonia e conquista la semifinale20/08/2008

Pechino 2008: l'Italia batte 3 a 2 la Polonia e conquista la semifinale

ITALIA-POLONIA 3-2 (25-19, 25-22, 18-25, 26-28, 17-15) ITALIA: Birarelli 4, Gavotto 21, Cisolla 17, Bovolenta 15, Vermiglio 3, Martino 14, Corsano (L), Mastrangelo 6, Paparoni, Zlatanov. N.e. Meoni, Fei. All. Anastasi. POLONIA: Zagumny 3, Winiarski 19, Plinski 1, Wlazly 29, Swiderski 10, Kadziewicz 8, Ignaczak (L), Wika 8, Woicki 1, Mozdozonek 5, Gruszka. N.e. Gierczynski. All. Lozano. ARBITRI: Sokullu (Tur) e Deregnaucourt (Fra). Spettatori: 6000, Durata set: 24 27 25 31 20. Italia: bs 14, a 2, m 12, e 11. Polonia: bs 13, a 5, m 9, e 18. Pechino. Gli azzurri si sono qualificati per le semifinali. I ragazzi di Andrea Anastasi hanno battuto 3-2 la Polonia in un match intenso e spettacolare pieno di capovolgimenti di punteggio. Una grande prestazione che porta l’Italia per la quinta volta (quarta consecutiva) tra le migliori squadre del torneo olimpico. In semifinale gli azzurri giocheranno con la vincente di Brasile-Cina. Partita davvero combattuta vinta adalla squadra italiana grazie ad una eccezionale prova di carattere. Esaltante la prestazione difensiva del rientrate Corsano, da incorniciare quella del giovane Martino, da sottolineare come si espresso il sostituto di Fei (tornato almeno in panchina), Gavotto. Cisolla e Vermiglio con il veterano Bovolenta e gli altri centrali Birarelli e Mastrangelo sono stati davvero grandi interpreti di una sfida che rilancia ai massimi livelli il volley italiano maschile.
Sigla.com - Internet Partner