Archivio Attività internazionale

Mondiali maschili: seconda vittoria dell'Italia che supera l'Iran 3 a 119/11/2006

Mondiali maschili: seconda vittoria dell'Italia che supera l'Iran 3 a 1

ITALIA-IRAN 3-1 (25/15, 21/25, 25/21, 25/19)ITALIA: Vermiglio 5, Cernic 19, Semenzato 5, Fei 17, Cisolla 18, Mastrangelo 11, Corsano (L). Lasko 1, Coscione, Savani 1. N.e. Papi, Cozzi. All. Montali.IRAN: Hosseini, Torkashvand 1, Mansouri 10, Mahmoudi 5, Akbari 9, Nadi 8, Zarif (L), Bazargard 6, Shariati, Mohammadkazem 12, Moghbeli, Sadeghiany. ARBITRI: Abdel (Egy) e Oliveira (Por).Spettatori: 2500. Durata set: 21, 23, 24, 20. Italia: battute sbagliate 15, vincenti 6, muri 13, errori 13. Iran: bs 10, v 3, m 6, e 9. Nagano. Gli azzurri colgono la seconda vittoria a spese dell’Iran. La squadra guidata dal serbo Kijac è stata più insidiosa del previsto, dopo aver perduto il primo set è riuscita nell’impresa di riequilibrare il match, ma alla lunga ha ceduto alla maggiore calsse ed esperienza di Papi e compagni. Gian Paolo Montali, come ha spiegato nel post partita, ha schierato nel sestetto base il martello Cernic e il centrale Semenzato, al posto di papi e Cozzi, due novità decise prima del match per permettere a tutto l’organico di arrivare alla migliore condizione in vista dei prossimi impegni. Soprattutto Matej Cernic, tornato titolare dopo oltre 100 giorni (ultima uscita a Le Cannet in World League) ha fornito confortanti sensazioni, giocando una gara positiva sotto molti aspetti, sia in battuta, che in attacco, ma anche in difesa e ricezione. Accanto a lui bene Cisolla e il libero Corsano. La vittoria, la seconda della serie pone adesso gli azzurri al secondo posto nella classifica della pool di Nagano, dietro all’imbattuta Bulgaria (che oggi ha superato per 3-1 il Venezuela) e alla pari con i sudamericani. Dopo il riposo di domani i ragazzi italiani sono attesi da due gare fondamentali con Stati Uniti e Venezuela nell’ordine. Il primo set è stato a senso unico con gli azzurri dominatori in attacco ed a muro, che si sono imposto 25-15. Nel secondo ancora Italia avanti sino al 10-5, poi molto fallosa sino afarsi rimontare ed a cedere 25-21. Al ritorno in campo i ragazzi italiani non hanno regalato più nulla ed hanno chiuso sul 3-1, grazie al 25-21 ed al 25-19 con cui hanno chiuso gli ultimi due parziali. I COMMENTI DELLA SQUADRA AZZURRA Gian Paolo Montali: “La vittoria che volevamo ottenuta contro una squadra più forte di quel che si pensa. Abbiamo iniziato bene, poi nel secondo set abbiamo commesso cinque errori, tre schiacciate fuori campo e due battute sbagliate. Loro si sono galvanizzati, hanno difeso bene ed hanno vinto il parziale, ma al rientro in campo abbiamo controllato la gara ed il risultato.” Alberto Cisolla: “Abbiamo avuto qualche calo di tensione, che ci è costato il secondo set, ma l’importante era vincere e ci siamo riusciti, non è così semplice quando affronti squadre che giacono ad un ritmo troppo lento.” Samuele Papi: “Sino a metà del secondo set abbiamo giocato molto bene, poi abbiamo avuto un calo che ci è costato il parziale, è bastato riconcentraci per vincere. In questo Mondiale, i risultati lo dimostrano ogni avversario è insidioso e tutte le gare sono difficili.” In allegato tutti i risultati della terza giornata delle 4 Pool.
Mondiali maschili: l'Italia batte 3 a 0 la Repubblica Ceca18/11/2006

Mondiali maschili: l'Italia batte 3 a 0 la Repubblica Ceca

ITALIA-REPUBBLICA CECA 3-0 (25-22 25-19 25-23) ITALIA: Vermiglio 2, Papi 9, Cozzi 5, Fei 12, Cisolla 15, Mastrangelo 8. Libero: Corsano. Semenzato. N.e. Savani, Cernic, Coscione, Lasko. All. Montali. REPUBBLICA CECA: Lebl 12, Tihacek, Hudecek 8, Rak 9, Stokr 5, Platenik 4. Libero: Obdrzalek. Zapletal 2, Novotny, Konecny 10. N.e. Zadrazil, Popelka. All. Hanik. ARBITRI: Rodriguez (Pur) e Abdel (Egy) Spettatori: 2500. Durata set: 22 23 24 totale 1h08. Italia: battute sbagliate 6, vincenti 2, muri 16, errori 8. Repubblica Ceca: bs 14, v 2, m 5, e 10. Nagano. L’Italia con una prestazione convincente, supera la Repubblica Ceca e conquista il primo successo del suo Mondiale. In una gara temuta, sia per il valore dell’avversaria, che per le implicazioni psicologiche dopo la sconfitta dell’esordio, Papi e compagni hanno fatto vedere di avere carattere e convinzione, giocando molto bene in battuta ed a muro, costringendo spesso Lebl e compagni all’errore. L’Italia ha giocato con la stessa intensità della prima gara con la Bulgaria, ma questa volta i suoi cali di rendimento sono stati piuttosto limitati, in avvio di match, e nel finale, nel mezzo tante buone cose. Individualmente e piaciuta la prestazione delle bande Papi e Cisolla, puntuali in attacco, bravi in ricezione preziosi a muro. Bene anche Corsano in difesa e ricezione. L’Italia non ha iniziato benissimo il match, si è trovata in svantaggio 8-4, ma non si è innervosita, ha continuato a fare il suo gioco e lentamente ha rimontato sino ad allungare con tre muri punto consecutivi: il primo di Papi, il secondo di Cozzi ed il terzo di Fei. In vantaggio 18-15 i ragazzi di Montali hanno controllato il gioco e chiuso 25-22. Nel secondo l’Italia ha iniziato con più sicurezza, accumulando quattro lunghezze di vantaggio (13-9) che sono divenute sei alla fine del parziale chiuso da un attacco di Papi sul 25-19. Nel terzo ancora Italia avanti a suon di muri che arriva in scioltezza sul 21-16, ma poi ha un momento di rilassamento, la squadra di Hanik ne approfitta parzialmente rimonta qualche punto, ma finisce 25-23. Domani alle dieci terza gara mondiale contro l’Iran, ancora ferma a quota zero. I COMMENTI POST PARTITA DELLA SQUADRA AZZURRA Gian Paolo Montali: “Come qualità è stata una gara simile a quella giocata contro la Bulgaria, ma siamo stati più disciplinati e rigorosi a muro. L’Iran, il prossimo avversario è una squadra che gioca una pallavolo dignitosa. Oggi ha preso un set al Venezuela ed ha lottato per tutto il match. In questo Mondiale ogni gara è una battaglia.” Samuele Papi: “Una vittoria importante per ripartire. Adesso dobbiamo cercare di fare bottino pieno nelle restanti gare di questa prima fase, poi si vedrà.” Luigi Mastrangelo: “Avversario diverso, ma stessa intensità di gioco della prima partita. E’ arrivato un successo meritato e direi anche abbastanza facile.” Alberto Cisolla: “C’è una netta differenza di valori tra Bulgaria e Repubblica Ceca, ma in questa gara siamo stati decisamente più continui sia a muro che in battuta.” In allegato i risultati delle 4 Pool della seconda giornata dei Mondiali maschili.
Il palinsesto Rai per i Mondiali maschili17/11/2006

Il palinsesto Rai per i Mondiali maschili

Questo il palinsesto delle gare degli azzurri nella prima fase: sabato 18 novembre Italia-Repubblica Ceca diretta su Raidue dalle ore 7.55; domenica 19 novembre Italia-Iran diretta su Raitre dalle ore 9,55; martedì 21 novembre Italia-Stati Uniti diretta su Raitre dalle ore 9,55; mercoledì 22 novembre Italia-Venezuela diretta su Raitre dalle ore 9,55.
Gli azzurri e i loro avversari17/11/2006

Gli azzurri e i loro avversari

Questi i precedenti tra l'Italia e i suoi avversari al Mondiale:REPUBBLICA CECA - I precedenti tra gli azzurri e la Repubblica Ceca sino ad oggi sono stati 5 con tutte vittorie italiane. La prima partita fu giocata il 12 settembre 1995 a Patrasso in occasione degli Europei poi vinti dall’Italia e finì 3-0. L’ultima gara è stata giocata il 5 settembre 2005 a Karlsruhe agli Europei e si concluse con il successo italiano per 3-1. Ai Mondiali non si sono mai incontrati IRAN - Un solo precedente con l’Iran, vecchio di oltre 36 anni: ai Campionati del Mondo il 24 settembre 1970 a Sofia l’Italia vinse per 3-0 STATI UNITI - I precedenti tra gli azzurri e gli Stati Uniti sino ad oggi sono stati 55 con 37 vittorie italiane. La prima partita risale al 20 agosto 1953 in amichevole a Brescia vinto dagli Usa per 0-3. La prima vittoria degli azzurri risale al 17 agosto 1978 a Kharkov nel Memorial Savine per 3-0. L’ultima sfida giocata è del 25 novembre 2005 nella Grand Champions Cup di Tokyo vinta dagli americani per 3-0. L’ultima vittoria dell’Italia (per 3-1) è arrivata in occasione delle Olimpiadi di Atene. Ai Mondiali si sono incontrati quattro volte con due vittorie per parte VENEZUELA – 8 le sfide sino ad oggi con il Venezuela, tutte vinte dagli azzurri. La prima partita risale al 15 ottobre 1974 a Guadalajara in Messico nell’ambito dei Mondiali, l’Italia vinse per 3-1. L’ultima gara si è giocata proprio a Nagano il 17 novembre 2003 in Coppa del Mondo, finì 3-0. Tre i precedenti Mondiali.
Le quote Totosì per la seconda giornata dei Mondiali17/11/2006

Le quote Totosì per la seconda giornata dei Mondiali

Queste le quote Totosi per il secondo turno dei Mondiali di Volley in Giappone:ARGENTINA-POLONIA 2.42-1.45 BRASILE-GRECIA 1.03-7.70 IRAN-VENEZUELA 3.33-1.25 RUSSIA-TUNISIA 1.02-8.30 EGITTO-PORTO RICO 3.02-1.30 AUSTRALIA-FRANCIA 5.20-1.10 REP.CECA-ITALIA 5.20-1.10 SERBIA-KAZAKISTAN 1.02-8.30 GIAPPONE-CINA 1.43-2.48 GERMANIA-CUBA 2.60-1.40 BULGARIA-USA 1.50-2.30 COREA DEL SUD-CANADA 1.95-1.70 ANTEPOST VINCENTE MONDIALI VOLLEY ARGENTINA 50.00 BRASILE 2.20 BULGARIA 10.00 CUBA 25.00 FRANCIA 25.00 GIAPPONE 100.00 ITALIA 10.00 POLONIA 15.00 RUSSIA 6.00 SERBIA 6.00 USA 35.00 ALTRO 50.00
I risultati della prima giornata del Mondiale maschile17/11/2006

I risultati della prima giornata del Mondiale maschile

Pool A (Saitama) Risultati: Polonia-Cina 3-0 (25/21, 25/20, 25/21), Portorico-Argentina 3-2 (19/25, 34/32, 28/26, 21/25, 15/13) Egitto-Giappone 2-3 (13/25, 21/25, 26/24, 26/24, 12/15) Classifica: Polonia 2, Portorico 2, Argentina 0, Cina 0. Domani ore 13 Argentina-Polonia, ore 15 Egitto-Portorico, ore 18 Giappone-CinaPool B (Fukuoka) Risultati: Cuba-Brasile 1-3 (25/21, 19/25, 15/25, 22/25), Grecia-Francia 1-3 (22/25, 22/25, 25/22, 17/25), Germania-Australia 3-1 (20/25, 25/22, 25/21, 30/28) Classifica: Brasile 2, Francia 2, Germania 2, Grecia 0, Australia 0, Cuba 0. Domani ore 14 Brasile-Grecia, ore 16 Australia-Francia, ore 18 Germania-Cuba Pool C (Nagano)Risultati: Stati Uniti-Venezuela 1-3 (18/25, 25/20, 21/25, 18/25), Repubblica Ceca-Iran 3-0 (25/23, 25/19, 25/22), Italia-Bulgaria 2-3 (25/20, 24/26, 16/25, 25/16, 8/15) Classifica: Repubblica Ceca 2, Venezuela 2, Bulgaria 2, Italia 0, Stati Uniti 0, Iran 0. Domani ore 14 Iran-Venezuela, ore 16 Repubblica Ceca-Italia, ore 18 Bulgaria-Stati Uniti Pool D (Sendai) Risultati: Canada-Kazakhistan 3-0 (25/21, 26/24, 25/21), Serbia&Montenegro-Russia 3-0 (25/22, 25/18, 25/23), Tunisia-Corea del Sud 3-2 (25/22, 24/26, 17/25, 28/26, 15/13) Classifica: Serbia 2, Canada 2, Tunisia 2, Corea del sud 0, Kazakhistan 0, Russia 0. Domani ore 14 Russia-Tunisia, ore 16 Serbia&Montenegro-Kazakhistan, ore 18 Corea del Sud –Canada
Tencati infortunato salta i Mondiali16/11/2006

Tencati infortunato salta i Mondiali

A causa di un problema muscolare, il centrale azzurro Luca Tencati, uno dei campioni d’Europa 2005, non giocherà i Campionati del Mondo e domani farà ritorno a casa. “Mi dispiace per l’uomo e per l’atleta - ha tenuto a sottolineare Montali – Questo infortunio ci toglie un titolare, ma sono certo che chi lo sostituirà sarà all’altezza. Abbiamo chiesto l’opinione di quattro medici in Italia, ma per il tipo di problema che ha accusato ci vogliono almeno sette giorni per recuperare e non si puó rischiare di affrontare un Mondiale con soli due centrali”.
Domani gli azzurri iniziano il Mondiale con la Bulgaria16/11/2006

Domani gli azzurri iniziano il Mondiale con la Bulgaria

S’iniziano domani i Campionati del Mondo maschili. La nazionale azzurra maschile debutta alle 10 contro la Bulgaria, in un match subito importante non solo nell’ottica del girone della prima fase del torneo, ma anche in prospettiva, perchè la formula del Mondiale (identica a quella del femminile) fa si che le squadre più forti i risultati degli scontri diretti se li portino dietro anche nella seconda parte della rassegna. La Bulgaria è il primo ostacolo a cui seguiranno sabato 18 la Repubblica Ceca, domenica 19 l’Iran, martedì 21 gli Stati Uniti e mercoledì 22 il Venezuela. “Abbiamo lavorato bene, sia nei collegiali a Salsomaggiore Terme, che in questa settimana in Giappone – ha sottolineato il ct azzurro Gian Paolo Montali – Ho visto una squadra molto motivata, con una comunità d’intenti. Abbiamo fatto un buon lavoro anche dal punto tecnico e spero di vedere i risultati in campo.” Poi parlando delle ambizioni della squadra il tecnico non si sbilancia ma dice: “Non facciamo proclami, come sempre da quando sono sulla panchina azzurra giocheremo partita dopo partita, set dopo set, punto dopo punto, cercando di fare risultato. Poi il campo ci dirà il nostro valore.” Gli azzurri sono stati inseriti nella pool di Nagano, abbstanza ostica, ma il “peggio” verrà nella seconda fase: “Sì, come sorteggio non siamo stati proprio fortunati - ha proseguito Montali – nel nostro girone ci sono squadre forti come la Bulgaria, che affronteremo già domani, che negli due anni ci ha battuto 4 volte su 5 o gli Stati Uniti che ci hanno superato proprio qui in Giappone nel 2005. Poi c’è una formazione come la Repubblica Ceca che dobbiamo temere, perchè è faormata da ottimi giocatori. Superato questo primo gruppo ci attendono altre squadre molto forti: il Brasile che da anni vince tutto, la Francia finalista dell’ultima World League e Cuba”.
Quarto posto mondiale per le azzurre16/11/2006

Quarto posto mondiale per le azzurre

Quarto posto finale per le azzurre, superate dalla Serbia Montenegro nella finale per il bronzo. La squadra di Barbolini dopo la brillante fase di qualificazione (in cui ha ottenuto otto vittorie consecutive) ha chiuso il Mondiale con due sconfitte. C’è amarezza nella squadra azzurra, per non aver coronato le aspirazioni di medaglia, ma nell’atto decisivo la squadra ha smarrito quella continuità di rendimento necessaria per avere ragione di formazioni di valore assoluto come la Russia di Caprara o in grande crescita come la Serbia Montenegro grande rivelazione del Mondiale. Il risultato finale non puó esaltare, entrare nelle prime quattro, rimanere nell’elite del Mondiale era il risultato minimo da raggiungere e Rinieri e compagne lo hanno fatto, ma il loro sogno di tornare su quel podio che quattro anni fa le aveva viste guardare tutti dall’alto in basso, questa volta non si è realizzato. L’Italia e la Serbia Montenegro nel primo set si sono fronteggiate alla pari sino all’8-7, poi la squadra di Terzic, approfittando di un passaggio a vuoto delle azzurre (3 errori) ha allungato sino al 13-8. Barbolini ha inserito Valentina Fiorin, l’Italia ha reagito riducendo le distanze, ma ha ceduto 25-22 su un “mani e fuori” della Nikolic. L’inizio del secondo set delle azzurre è stato negativo, e in svantaggio 20-11, il ct azzurro ha fatto abbondante ricorso alla panchina inserendo Centoni per Togut, poi Guiggi per Paggi, infine Ortolani al posto della capitana Rinieri. La squadra ha cambiato ritmo, ha lottato, ha rimontato ma si è arresa ancora 25-22 su un diagonale della Djersilo da posto 2. Ancora cambi nella formazione nel terzo set: è uscita la Anzanello, è rientrata la Paggi insieme alla Togut: l’Italia ha dato segni di risveglio portandosi avanti 7-2, ma poi si è disunita. La rabbia e la grinta delle giovani Ortolani e Guiggi non è bastata, Spasojevic (davvero eccellente il suo mondiale) e compagne sono volate via 16-11. L’ultimo sussulto è stato sul 18-17: nelle mani di Valentina Fiorin c'era la palla del pareggio, ma non è caduta, la Serbia Montenegro ha difeso e la strada verso il podio non ha trovato più ostacoli. Il tabellino della partita:ITALIA-SERBIA&MONTENEGRO 0-3 (22/25, 22/25, 21/25) ITALIA: Rinieri 6, Anzanello 2, Togut 3, Piccinini 5, Paggi 8, Lo Bianco 4, Cardullo (L), Fiorin 6, Centoni 6, Guiggi 7, Ortolani 7. N.e. Dall’Igna. All. Barbolini. SERBIA&MONTENEGRO: Nikolic 10, Krsmanovic 3, Djersilo 14, Spasojevic 13, Citakovic 9, Ognjenovic 1, Cebic (L). N.e. Rankovic, Molnar, Brakocevic, Vesovic, Simanic. All. Terzic. Arbitri: Shafir (Isr) e Kiszczak (Pol). Spettatori: 2000 - Durata set: 24, 27, 24. Totale: 1h15. Italia: battute sbagliate 7, vincenti 6, muri 11, errori 18. Serbia&Montenegro: bs 5, v 5, m 6, e 6. In allegato i commenti azzurri. Tutti i risultati del Mondiale femminile nella sezione eventi.
Mondiali femminili: Brasile-Russia per l'oro, Italia-Serbia per il bronzo15/11/2006

Mondiali femminili: Brasile-Russia per l'oro, Italia-Serbia per il bronzo

Giovedì 16 novembre alle ore 4 del mattino italiane le ragazze italiane guidate da Massimo Barbolini tornano in campo per affrontare la Serbia Montenegro nella finale per il 3°-4° posto. Diretta su raidue, replica sullo stesso canale alle ore 10. La squadra russa allenata da Caprara che in semifinale ha superato le azzurre per 3-0 (25-19 25-16 25-20) affronterà in finale il Brasile che in semifinale si è imposta per 3-1 (25-17 25-14 21-25 25-20) sulla Serbia.
Mondiali femminili: la Russia batte 3 a 0 l'Italia e vola in finale15/11/2006

Mondiali femminili: la Russia batte 3 a 0 l'Italia e vola in finale

Prova perfetta delle russe che disputano una gara impeccabile e conquistano meritatamente la finale Mondiale infliggendo un pesante 3 a 0 all'Italia in una gara a senso unico. Nel team russo allenato da Giovanni Caprara prestazione maiuscola di Sokolova e Gamova, inarrestabili in attacco. Per l'Italia si arresta la serie di 8 vittorie consecutive e svanisce il sogno della finale. Le azzurre domani lottano per la medaglia di bronzo nella finale per il 3°-4° posto contro la Serbia Montenegro. Italia - Russia 0-3 (19/25, 16/25, 20/25) Italia: Piccinini 9, Paggi 2, Lo Bianco 1, Rinieri 2, Guiggi 5, Cardullo (L), Anzanello 4, Togut 14, Fiorin 5, Centoni. N.e. Dall'Igna. All. Barbolini. Russia: Sokolova 21, Akulova, Borodakova 7, Gamova 16, Godina 11, Merkulova 6, Kryuchova (l), Safronova, Kulikova. N.e. Bruntseva, Zhitova, Sheshenina. All. Caprara. Arbitri: Loderus (Olanda) e Leuthausser (Germania)
Sigla.com - Internet Partner