Archivio Attività internazionale

L'Argentina per i Mondiali06/11/2006

L'Argentina per i Mondiali

Jon Uriarte, ct argentino nell’annunciare le sue scelte per il Mondiale ha sottolineato: “ Il nostro obiettivo mondiale è entrare tra le prime otto, giocheremo tutte le gare con la convinzione di poterle vincere." Questi i 12 per il Mondiale: alzatori De Cecco ed Efrón; martelli Giani, Scholtis, Bidegain e Concina; centrali Spajic, Porporatto e Gramaglia; opposti Milinkovic, Hernández; libero Meana.
Le quote Totosì del Mondiale femminile06/11/2006

Le quote Totosì del Mondiale femminile

Queste le quote di Totosì relative alla vittoria del Mondiale femminile:AZERBAIJAN 60 BRASILE 2,05 CINA 6 COREA 200 CUBA 14 GIAPPONE 22 ITALIA 5,5 POLONIA 40 REP.DOMINICANA 1000 RUSSIA 3,25 USA 20 ALTRO 10
Mondiali femminili, il calendario della seconda fase06/11/2006

Mondiali femminili, il calendario della seconda fase

L’ITALIA INIZIA LA SECONDA FASE CONTRO LA POLONIA Nagoya. Scatta mercoledì la seconda fase del Campionato del Mondo femminile, quella delle azzurre alle 5 di mattina italiane contro la Polonia. A seguire le ragazze di Barbolini si confronteranno con la Corea del Sud (giovedì 9 novembre alle 7); con Cina Taipei (sabato 11 alle 3); infine con il Giappone (domenica 12 alle 10). Seconda fase Pool E - Nagoya 8 novembre: ore 3 Corea del Sud-Serbia; ore 5 Polonia-Italia; ore 7 Taipei-Turchia; ore 10 Giappone-Cuba. 9 novembre: ore 3 Polonia-Serbia; ore 5 Taipei-Cuba; ore 7 Corea del Sud-Italia; ore 10 Giappone-Turchia. 11 novembre: ore 3 Taipei-Italia; ore 5 Corea del Sud-Cuba; ore 7 Polonia-Turchia; ore 10 Giappone-Serbia. 12 novembre: ore 3 Polonia-Cuba; ore 5 Taipei-Serbia; ore 7 Corea del Sud-Turchia; ore 10 Giappone-Italia. Classifica: Serbia 6, Taipei 6, Italia 4, Giappone 4, Polonia 2, Cuba 2, Turchia 0, Corea del Sud 0. Pool F - Osaka 8 novembre: ore 4 Russia-Portorico; ore 6 Germania-Olanda; ore 8 Azerbaijan-Brasile; ore 10 Cina-Stati Uniti. 9 novembre: ore 4 Russia-Olanda; ore 6 Germania-Portorico; ore 8 Cina-Brasile; ore 10 Azerbaijan-Stati Uniti. 11 novembre: ore 4 Russia-Stati Uniti;ore 6 Germania-Brasile; ore 8 Cina-Portorico; ore 10 Azerbaijan-Olanda. 12 novembre: ore 4 Russia-Brasile; ore 6 Germania-Stati Uniti; ore 8 Cina-Olanda; ore 10 Azerbaijan-Portorico. Classifica: Brasile 6, Russia 6, Germania 4, Stati Uniti 4, Cina 2, Olanda 2, Azerbaijan 0, Portorico 0. FORMULA – Li prime quattro di ogni raggruppamento della prima fase, si sono qualificate per la seconda, portandosi dietro i risultati degli scontri diretti, composta da 2 gironi da 8. Le prime due di ciascun girone accedono alle finali per il 1-4 posto; la terza e la quarta a quelle per il 5-8 posto; la quinta e la sesta a quelle per 9-12 posto.
Le azzurre preparano la seconda fase mondiale06/11/2006

Le azzurre preparano la seconda fase mondiale

Le azzurre dopo una mezza giornata di libertà, hanno ripreso ad allenarsi nel pomeriggio, con una lunga seduta nel centro della Denso ad Okazaki. La seconda fase scatta mercoledì, prima dell’alba italiana, quando Rinieri e compagne scenderanno in campo contro la Polonia. A seguire affronteranno giovedì 9 alle 7 inizieranno il trittico asiatico confrontandosi con la Corea del Sud, poi dopo una nuova giornata di riposo sabato 11 la sfida con Cina Taipei e domenica 12 quella che chiuderà la seconda fase alle 10 contro le padrone di casa giapponesi. Il ct Massimo Barbolini ha giudicato in positivo il bilancio dopo la prima fase: “La prima fase l’abbamo chiusa con un bilancio in positivo. Siamo lì con tutte le possibilità di entrare tra le prime quattro. Abbiamo avuto un inizio in salita, perdere la prima gara non è stato semplice da diferire, la nostra sfida dalla seconda partita in poi è stata quella di recuperare posizioni. L’aspetto più positivo è stato come lo stiamo facendo. Ogni gara la squadra ha preso maggiore sicurezza, questo lo prendo come un buon auspicio per il futuro.” Poi il suo discorso si è spostato sul futuro: “In un Mondiale ogni partita è difficile, ogni giorno devi dare il massimo. Adesso il nostro futuro è tutto nelle nostre mani, se facciamo il nostro... Le asiatiche sono squadre particolari, con lo staff abbiamo già iniziato a studiarle, per preparare al meglio le partite. Contro di loro è importante il ritmo della battuta, perchè da quello deriva il piazzamento del muro. Stiamo lavorando, ma prima c’è la Polonia. Quella di mercoledì è una gara molto importante contro un’avversaria insidiosa. E’ vero che a Varna l’abbiamo battuta, ma quella partita ha un valore relativo. Loro sono all’ultima spiaggia, contro di noi si giocano le speranze di rimanere in corsa per il Mondiale. Sono convinto che offriranno una prestazione diversa rispetto alle gare di Tokyo. Loro ci conoscono bene, come noi conosciamo loro. Dovremo giocare molto concentrati.” Sulla strada azzurra anche Taipei una delle grandi sorprese dopo le prime cinque gare “Di Taipei ho visto i primi video ieri sera, è una buona squadra che gioca insieme da tanto tempo. – ha proseguito barbolini - Ha un attaccante di posto 4, Lin Ching I, che gioca vicino al palleggiatore molto brava sulla palla alta, una giocatrice più simile alla pallavolo europea. La prima asiatica che troveremo sulla nostra strada è la Corea del Sud, poi il Giappone. Tutte squadre che si sa che se le lasci giocare come vogliono loro ti fanno male.” Su chi vincerà il Mondiale il ct tricolore non si sbilancia: “Sono venuto in Giappone indicando le mie favorite, ma adesso dopo cinque gare difficile decifrare le più forti. Sicuramente con il passar delle gare alcune formazioni accuseranno la fatica, non tanto fisica perchè i tempi per recuperare gli sforzi ci sono, più che altro mentale. A questo punto del Mondiale non puoi concederti nessuna distrazione.”
La quinta giornata del Mondiale femminile05/11/2006

La quinta giornata del Mondiale femminile

Questi i risultati della quinta giornata del Mondiale femminile: per l'Italia quarta vittoria - facile facile - ottenuta con l'Egitto e secondo posto nel girone alle spalle della Serbia Montenegro:GIRONE ATaipei-Camerun 3-0 (25/10, 25/18, 25/12)Kenya-Sud Corea 0-3 (13/25, 13/25, 12/25)Giappone-Polonia 3-1 (25/22, 30/28, 26/28, 25/18)CLASSIFICA FINALE GIRONE ATaipei 10 (5-0) - Giappone 9 (4-1) - Polonia 8 (3-2) - Sud Corea 7 (2-3) - Costarica 6 (1-4) - Kenya 5 (0-5).GIRONE BGermania-Cina 3-1 (20/25, 25/18, 25/21, 25/23)Messico-Azerbijan 0-3 (14/25, 10/25, 16/25) Russia-Rep.Dominicana 3-1 (25/17, 20/25, 25/18, 25/19)CLASSIFICA FINALE GIRONE BRussia 10 (5-0) - Germania 9 (4-1) - Cina 8 (3-2) - Azerbaijan 7 (2-3) - Rep.Dominicana 6 (1-4) - Messico 5 (0-5). GIRONE CBrasile-Camerun 3-0 (25/13, 25/14, 25/8) Portorico-Stati Uniti 0-3 (14/25, 16/25, 15/25)Olanda-Kazakhistan 3-2 (25/18, 27/29, 25/18, 22/25, 15/13)CLASSIFICA FINALE GIRONE CBrasile 10 (5-0) - Stati Uniti 9 (4-1) -Portorico 7 (2-3) - Olanda 8 (3-2) - Kazakhstan 6 (2-3) - Camerun 5 (0-5).GIRONE DTurchia-Serbia&Montenegro 0-3 (25/27, 22/25, 15/25) Cuba-Perù 3-2 (22/25, 25/16, 17/25, 25/16) Italia-Egitto 3-0 (25/17, 25/7, 25/10) CLASSIFICA FINALE GIRONE DSerbia&Montenegro 10 (5-0) - Italia 9 (4-1) - Cuba 8 (3-2) - Turchia 7 (2-3) - Perù 6 (1-4) - Egitto 5 (0-5). Tutti i risultati del Mondiale femminile nella sezione eventi.
Lunedì ultimo collegiale pre-mondiale per gli azzurri05/11/2006

Lunedì ultimo collegiale pre-mondiale per gli azzurri

S’inizia lunedì l’ultimo collegiale degli azzurri prima della partenza per il Giappone, in programma giovedì 9 novembre. Il ct Gian Paolo Montali ha ulteriormente ridotto l’organico a sua disposizione convocando per questa ultima fase del lavoro 14 elementi: Cernic, Cisolla, Corsano, Coscione, Cozzi, Fei, Lasko, Mastrangelo, Paparoni, Papi, Savani, Semenzato, Tencati, Vermiglio.
Le azzurre battono facile l'Egitto05/11/2006

Le azzurre battono facile l'Egitto

L’Italia regola senza nessuna difficoltà anche l’Egitto ed entra a vele spiegate nella seconda fase dei Campionati del Mondo femminili. La quarta vittoria consecutiva è giunta al termine di un match a senso unico, utilizzato dal ct azzurro per vedere in campo le ragazze che normalmente giocano meno. Barbolini ha schierato Dall’Igna in palleggio, Centoni opposto, Ortolani e Fiorin di banda, Guiggi ed Anzanello centrali, Cardullo libero. Nonostante la modestia delle volenterose ragazze egiziane, il match ha regalato qualche spunto positivo: innanzitutto la voglia di giocare e fare bene che regna all’interno del gruppoo, poi l’entusiasmo che caratterizza lo stare in campo delle giovani come i martelli Fiorin ed Ortolani, la centrale Guiggi, ma anche le più esperte Centoni ed Anzanello. Il commento di Valentina Fiorin:“Avevamo una gran voglia di scendere in campo ed oggi è stata la nostra occasione. All’inizio abbiamo commesso qualche errore di troppo, poi abbiamo preso le misure e nel secondo e nel terzo set ci siamo proprio divertite. Adesso dobbiamo affrontare la seconda fase, la sconfitta con la Serbia alla prima giornata, ci fa partire con due punti di svantaggio, ma possiamo farcela a centrare uno dei primi due posti. Per riuscirci dobbiamo migliorare ancora.” Seconda fase:Con questa ennesima affermazione le azzurre raggiungono il secondo posto nella loro pool, alle spalle della Serbia Montenegro, davanti a Cuba e Turchia. A partire da mercoledì saranno impegnate nella seconda fase del Mondiale contro le prime quattro della pool A: Taipei, Giappone, Polonia e Corea del Sud (il calendario verrà diffuso in serata). In virtù del regolamento, che prevede che le squadre si portino dietro nella seconda fase i risultati degli scontri diretti con le altre qualificate, di questa pool iniziale, Rinieri e compagne hanno già quattro punti in classifica ed inseguono con una vittoria di differenza la Serbia Montenegro. Le prime due della seconda fase accedono alle semifinali per i piazzamenti dal 1° al 4° posto. Il tabellino della partita:ITALIA-EGITTO 3-0 (25-17 25-7 25-10) ITALIA: Fiorin 13, Guiggi 9, Dall’Igna, Ortolani 15, Anzanello 5, Centoni 14. Libero: Cardullo. Non entrate: Togut, Paggi, Rinieri, Lo Bianco, Piccinini. Allenatore: Barbolini. EGITTO: Abd El Fattah 6, Youssef 3, Selim 2, El Shamy 1, Maged 4, Badawy 3. Ali (L). Ebeid 2, Abdel Razek 1, Nassef 2, Abdelkader. Non entrate: Menna. All. Martinez. Arbitri: Garcia (Spa) e Cimino (Bra). Durata set: 21, 17, 19. Totale: 57. Italia: battute sbagliate 6, vincenti 3, muri 11, errori 4. Egitto: bs 3, v, m 2, e 16.
L'Italia maschile batte il Portorico in amichevole04/11/2006

L'Italia maschile batte il Portorico in amichevole

Inserito nel gruppo degli azzurri nella prima fase dei Mondiali a Nagano, sta rifinendo la sua preparazione giocando delle amichevoli con il Portorico nella prima si è imposto per 3-1 (25/22, 23/25, 23/25, 32/34), nel secondo per 3-0 (25/19, 25/22, 25/21).
Mondiali femminili: l'Italia batte Cuba e va alla seconda fase04/11/2006

Mondiali femminili: l'Italia batte Cuba e va alla seconda fase

ITALIA-CUBA 3-1 (25-27 25-19 25-21 25-19) ITALIA: Piccinini 20, Paggi 11, Lo Bianco 3, Rinieri 16, Anzanello 2, Togut 14. Libero: Cardullo. Centoni 1, Guiggi 8, Ortolani. Non entrate: Dall’Igna. Fiorin. Allenatore: Barbolini. CUBA: Gonzalez 6, Ramirez 11, Calderon 13, Carrillo 10, Santos 1, Ruiz 14. Arredondo (L). Mesa 7, Carcases 2, Ortiz 3. Non entrate: Sanchez, Barros. All. Calderon. Arbitri: Cimino (Bra) e Zenovich (Rus). Durata set: 26 23 25 27. Totale: 1h41. Italia: battute sbagliate 10, vincenti 6, muri 10, errori 10. Cuba: bs 11, v 1, m 9, e 15. Nagoya. Una bella Italia trascinata da una eccellente Francesca Piccinini, batte con merito per 3-1 Cuba ed in un colpo solo ha la certezza della qualificazione alla seconda fase, si rilancia nella corsa alle medaglie, lasciando indietro una diretta avversaria, quella più accreditata alla vittoria. Un successo ancora più importante perchè ottenuto contro la squadra che nelle ultime stagioni era stata una sorta di bestia nera per Rinieri e compagne. Contro Cuba l’Italia aveva perso anche nel Mondiale tedesco, poi vinto, aveva perso nei quarti delle Olimpiadi e tante altre gare. Oggi invece le azzurre hanno giocato un match di alti contenuti, sempre precise, sempre concentrate, sempre decise, hanno regalato poco, di importante soltanto il finale del primo set, per il resto hanno dominato. Barbolini ha mandato in campo il sestetto titolare ed inizialemente qualcosa non ha funzionato nella fase difensiva, ma l’ingresso della Guiggi per la Anzanello ha risolto questo problema e le azzurre che sono state costanti nella fase di cambi palla hanno preso il largo. Difficile fare una scala dei valori, ma la regia lucida di Lo Bianco, le difese di Cardullo, la grande continuità in ricezione ed attacco della Piccinini, il finale in crescendo di Paggi, Rinieri e Togut sono “sensazioni” importanti pensando al futuro del Mondiale. Un discorso a parte merita Martina Guiggi, per lei è la prima vittoria importante vestendo la maglia azzurra. La cronaca della gara è facilmente riassumibile. Primo set con le azzurre subito avanti sino al 12-10, poi dopo un primo passaggio a vuoto ad inseguire sul 16-13. Cuba inizia a regalare e l’Italia ribalta il punteggio arriva sul 24-22, ma non chiude con la Rinieri e poi non sfrutta un’altro set-point finendo per perdere 27-25, con due muri finali delle cubane. Dal secondo la gara cambia indirizzo, l’Italia diviene padrona e con grande personalità pareggi con un eloquente 25-19. Nel terzo si impone con poca sofferenza per 25-21, nel quarto ancora con più autorità 25-19. E’ Francesca Piccinini a siglare i punti vincenti nel terzo e nel quarto. Questa è la terza vittoria consecutiva per le ragazze di Barbolini, che accedono alla seconda fase. Domani chiudono il primo girone affrontando il modesto Egitto (ore 10 diretta raidue). Poi due giorni di riposo prima di iniziare le gare che indicheranno le semifinaliste. In allegato i commenti dei protagonisti.
Tutto facile per le azzurre contro la Turchia03/11/2006

Tutto facile per le azzurre contro la Turchia

L’Italia ha vinto ancora a Nagoya. La squadra di Massimo Barbolini ha battuto nettamente per 3-0 la temuta Turchia e si appresta a giocare domani mattina alle 10 una importante sfida con Cuba: in palio due punti pesanti che varranno anche nella seconda fase, quando in palio ci sarà l’accesso alle semifinali. Alla terza giornata del torneo si è vista la vera Italia, lucida e brillante, che con il suo gioco efficace mette in difficoltà qualsiasi avversario. Guidata da una bravissima Lo Bianco, le azzurre hanno sempre avuto la gara in mano. Un solo momento di defaillance nel finale del primo set, superato brillantemente, poi tanta Italia e poca Turchia, anche se occorre riconoscere la bravura dell’opposta mancina Neslihan Demir. L'Italia è partita bene, con Togut e Piccinini perentorie in attacco, e la Turchia ha subito: la Togut ha siglato il punto numero 24, un servizio della Rinieri ha chiuso il parziale sul 25-23. Dal secondo set in poi solo Italia in campo, con le centrali Paggi ed Anzanello lucide a muro e sicure in attacco, con la Rinieri che ripropone la sua mano pesante e la piccola Cardullo a fare vedere quanto sia brava in difesa. Nel momento in cui la squadra turca è scesa rendimento è stata abbandonata anche dalla sorte: nel finale del secondo set ha perduto la Tokatlioglu (distorsione alla caviglia sinistra), poi nel nel corso del terzo la regista titolare Urcu-Mert. Il loro Mondiale rischia di concludersi qui. Il tabellino della partita:ITALIA-TURCHIA 3-0 (25-23 25-17 25-14) ITALIA: Anzanello 8, Togut 15, Piccinini 11, Dall’Igna, Lo Bianco 3, Rinieri 10. Libero: Cardullo. Paggi 12, Centoni, Guiggi. Non entrate: Fiorin, Ortolani. Allenatore: Barbolini. TURCHIA: Ozcelik 6, Demir 17, Gumus 3, Ozbek 7, Urcu 1, Hanikoglu 6. Libero: Kayalar (L) Tokatlioglu 1, Erdem 1, Kirdar, Agca. Non entrate: Hakyemez. All. Yaziciogullari. Arbitri: Zenovich (Rus) e Cimino (Bra). Durata set: 25, 23, 20. Totale: 1h08. Italia: battute sbagliate 5, vincenti 5, muri 9, errori 8. Turchia: bs 7, v 1, m 4, e 8. In allegato i commenti azzurri, nella sezione eventi tutti i risultati del Mondiale.
Il Brasile per il Mondiale maschile03/11/2006

Il Brasile per il Mondiale maschile

Il ct brasiliano Bernardinho ha annunciato la Seleção maschile che giocherà il Mondiale. Confermate le scelte già operate in occasione della finale di World League: gli alzatori Marcelinho e Ricardinho; gli opposti Anderson e André Nascimento; i martelli Dante, Giba, Murilo e Samuel; i centrali André Heller, Gustavo e Rodrigão; il libero Escadinha. L’intelaiatura è la stessa che ha vinto il Mondiale in Argentina nel 2002, soltanto quattro le novità (Marcelinho, Murilo, Samuel e André Heller). Ricardinho, Giba, Gustavo e Andrè Heller erano presenti nella squadra battuta dagli azzurri in semifinale nel Mondiale 1998 a Tokyo.
Sigla.com - Internet Partner