Archivio Attività internazionale

L'Italia vince la medaglia di bronzo al Grand Prix10/09/2006

L'Italia vince la medaglia di bronzo al Grand Prix

A Reggio Calabria la nazionale italiana allenata da Marco Bonitta, in vantaggio per 2 set a 0, viene raggiunta dalle caraibiche trascinate da Yumilka Ruiz, ma si impone d'autorità al tie break anche grazie ad un quinto set super di Togut e Rinieri. Le azzurre sfatano il tabù di Cuba e conquistano la medaglia d'argento. Nella finale per il 1° e 2° posto si affrontano Brasile e Russia; la squadra verdeoro ha superato in semifinale per 3-0 (25-20, 25-15, 25-18) Cuba, le russe hanno battuto l'Italia al tie break.Il tabellino della partita:Italia - Cuba 3-2 (25-17, 25-15, 23-25, 23-25, 15-11) ITALIA: Lo Bianco 4, Rinieri 14, Anzanello 8, Togut 24, Piccinini 11, Paggi 15. Libero: De Gennaro. Guiggi 3, Fiorin, Centoni. Non entrate: Dall’Igna, Del Core. Allenatore: Bonitta. CUBA: Gonzalez 6, Ramirez 11, Ruiz 11, Carrillo 20, Mesa 9, Calderon 13. Libero: Arredondo. Ortiz 5, Carcases, Santos 1. Allenatore: Calderon. ARBITRI: Chang (Tpe) e Iordanidis (Gre).Spettatori: 4700 - Durata set: 18, 23, 28, 29. Italia: battute sbagliate 6, aces 3, muri 20, errori 11. Cuba: bs 6, a 8, m 9, e 27.
Europei maschili 2007: le squadre qualificate10/09/2006

Europei maschili 2007: le squadre qualificate

Si sono qualificate all'Europeo che si disputerà a Mosca e S. Pietroburgo dal 6 al 16 Settembre 2007: Russia (organizzatore), Italia (campione), Serbia (3a), Spagna (4a), Polonia (5a), Grecia (6a), Francia (7a); dalle qualificazioni: Belgio, Slovacchia, Bulgaria, Turchia, Croazia, Olanda; dagli spareggi: Finlandia, Slovenia, Germania.
Domani riparte il Club Italia09/09/2006

Domani riparte il Club Italia

Parte domani da Ravenna, un nuovo ciclo del Club Italia il progetto della Fipav che tante soddisfazioni sta regalando, buona ultima la vittoria nel Campionato Europeo juniores della scorsa settimana in Francia, con una formazione per la maggioranza composta da atlete provenienti dal club federale. Sono sedici le atlete che faranno parte del progetto nel prossimo biennio, un numero più ampio ripsetto al solito, perchè a giudizio dei tecnici azzurri, si tratta di un gruppo particolarmente interessante. Due di loro (Okaka e Corna) facevano parte dell’organico che si è laureato campione continentale. Ecco le atlete del nuovo Club Italia: Bertone (Pallavolo Mondovì), Baldini (Pallavolo Pecciolese), Cagninelli (Volley Bergamo), Caneva (Pol. Santa Croce), Carli (Pallavolo Gaiga Verona), Corna (Volley Bergamo), Gabrieli, Gentili (Sportclub Nuegries), Mautino (Chieri Volley), Okaka (Più Sport Vicenza), Orsi Toth (Alfieri Volley), Partenio (Pallavolo Macerata), Signorile (Chieri Volley), Sirressi (Alfieri Volley), Zago (Pallavolo Stra), Zambelli (Pallavolo Zogno).
Italia superata dalla Russia nella semifinale del Grand Prix09/09/2006

Italia superata dalla Russia nella semifinale del Grand Prix

ITALIA-RUSSIA 2-3 (25-21 25-23 23-25 15-25 10-15) ITALIA: Lo Bianco 5, Rinieri 12, Anzanello 13, Togut 15, Piccinini 9, Paggi 9. Libero: De Gennaro. Fiorin 2, Del Core 1, Centoni, Guiggi 3, Dall’Igna. Allenatore: Bonitta. RUSSIA: Akulova, Sokolova 9, Borodkova 8, Gamova 34, Safronova 3, Zhitova 3. Libero: Kryuchkova. Sheshenina, Merkulova 18, Bruntseva, Kulikova 9, Godina. Allenatore: Caprara. ARBITRI: Radi (Hun) e Nava (Mex) Spettatori: 4800. Durata set: 20, 25, 27, 24, 14. Italia: battute sbagliate 12, vincenti 3, muri 14, errori 11. Russia: bs 11, v 9, m 20, e 18. Reggio Calabria. Le azzurre non ce l’hanno fatta, sono state sconfitte dalla Russia al tie-break e sono fuori dalla finale per la vittoria del World Grand Prix 2006. La squadra di Bonitta mastica amaro perchè si è trovata in vantaggio per 2-0, ma il suo gioco poi non è stato più fluido e convincente. La ricezione ha iniziato a traballare e la Russia con merito, trascinata dalla Gamova ha fatto sua la partita e domani affronterà il Brasile, che ha travolto Cuba, per la conquista del prestigioso trofeo. Inizio di gara molto equilibrato, poi grande break azzurro, con Anzanello al servizio le azzurre “piazzano” un importante 7-0 che le porta sino al 15-9. La squadra di Caprara balbetta in ricezione e l’Italia con tranquillità chiude 25-21, al terzo set point. Le azzurre ripartono superconcentrate e convinte, volano subito avanti sino al 16-7. Caprara cerca di rigenerare la sua squadra facendo ricorso alla panchina e trova il modo di riaprire il parziale. Complice la ricezione italiana la Russia arriva al 19-18! Poi opera il sorpasso sul 21-20 e subito dopo la Gamova ha in mano il punto del break, ma il suo attacco si ferma sul nastro. Le azzurre ritrovano un momento di concentrazione e chiudono 25-23 su un errore della Safranova in attacco. All’inizio del terzo il tecnico della Russia rilancia la Sokolova (che nei primi due parziali non si era mai vista efficace), che inizia subito bene due battute vincenti. L’Italia non trova sbocchi in attacco e le russe crescono notevolmente a muro ed in ricezione. Il secondo time-out tecnico trova Rinieri e compagne in svantaggio di 6 punti 16-10, che diventano subito sette. Poi parte la rimonta tricolore che arriva al pari con un muro della Paggi sul 22-22, ma la Russia ha ancora la forza per imporsi 25-23 e tenere viva la gara. Anche nel quarto l’Italia non si ritrova e Bonitta decide di mettere in campo tutta la panchina, ma in campo sono sempre le russe a guidare la danza ed a imporsi 25-15. Nel quinto set la Russia si porta ancora avanti 7-3, le azzurre sempre con gli stessi problemi di ricezione e di cambio-palla stentano a riportarsi sotto. Uno sprazzo firmato da due punti della Fiorin, subentrata ad una scarica Piccinini riaccende l’entusiasmo del PalaCalafiore portando le azzurre sul 9-11, troppo poco la Russia chiude 15-10 e va in finale. Alle azzurre rimane la finalina per il terzo posto contro Cuba. I commenti in allegato.
Europei juniores maschili: Italia-Francia vale la semifinale09/09/2006

Europei juniores maschili: Italia-Francia vale la semifinale

Giornata di riposo a Kazan (Rus) nell’Europeo juniores maschile. Domani alle 14.30 italiane l’Italia affronta la Francia nella quarta giornata del girone B. Entrambe le formazioni sono a punteggio pieno e le inseguitrici hanno già perso due gare. L’incontro con i transalpini vale quindi l’aritmetica partecipazione alla semifinale di mercoledì. "La Francia è una delle squadre più forti di tutto il torneo. – spiega Angelo Lorenzetti – dal punto di vista tecnico assomiglia come gioco alla seniores transalpina, sono molto bravi e molto tecnici, sarà una gara difficile. I numeri dicono che il valore dei nostri sestetti sono molto simili – conclude il tecnico azzurro. – Bisogna cercare di vincere per non incontrare la Russia in semifinale: gioca in casa ed è la favorita, ma è in un girone molto combattuto. Noi dobbiamo fare un passo alla volta. Adesso pensiamo ai francesi poi agli avversari successivi. "
Italia sconfitta da Cuba al Grand Prix08/09/2006

Italia sconfitta da Cuba al Grand Prix

ITALIA SCONFITTA DA CUBA DEVE BATTERE LA CINA PER ENTRARE IN SEMIFINALE ITALIA-CUBA 1-3 (24-26 25-19 23-25 23-25) ITALIA: Lo Bianco 2, Rinieri 9, Anzanello 12, Togut 13, Piccinini 15, Paggi 11. Libero: De Gennaro. Fiorin, Dall’Igna, Del Core 1, Centoni 1. Non entrate: Guiggi. Allenatore: Bonitta. CUBA: Gonzalez 6, Ramirez 8, Ruiz 20, Carrillo 10, Santos 2, Calderon 20. Libero: Arredondo. Ortiz 2, Mesa 3, Carcases 1. Allenatore: Calderon. ARBITRI: Radi (Hun) ed Al Muhanna (Ksa) Spettatori: 4000 Durata set: 21, 26, 29, 24. Totale 1h40. Italia: battute sbagliate 9, aces 5, muri 6, errori 9. Cuba: b.s. 11, a. 4, m. 13, e 19. Note – Cartellino giallo (punto tecnico in favore dell’Italia) alla cubana Ramirez per esultanza scomposta dopo il punto del 24-22 del quarto set. Reggio Calabria. L’Italia sconfitta per 3-1 da Cuba, domani deve assolutamente battere la Cina (ore 20.30), per entrare nelle semifinali del World Grand Prix 2006. Partita equilibrata, con le squadre sempre vicine nel punteggio, decisa dalla potenza dell’attacco cubano. Il ct tricolore ha mandato in campo la formazione più esperta, affidando la regia ad Eleonora Lo Bianco, con Togut opposto, Paggi e Anzanello centrali, Rinieri e Piccinini schiacciatrici di banda. De Gennaro libero. Nel primo set ha rilevato la capitana con Del Core, poi ha provato a dare una scossa cambiando la diagonale. L’Italia ha iniziato bene, ma sull’8-6 la sua marcia si è interrotta, Cuba ha rimontato ed allungato a più 3, poi grazie a qualche errore azzurro di troppo è arrivata a condurre 19-14. Le azzurre generose hanno lottato in difesa e rimontato a loro volta e sullo slancio sono arrivate sul 24-22. Cuba è stata fortunata nel servizio che ha toccato il nastro e di fatto impedito alla squadra di Bonitta di attaccare il set-point. Nel prosequio del parziale le cubane sono tornate avanti ed hanno chiuso 26-24. Nel secondo set Bonitta ha riproposto la formazione iniziale, con Rinieri in campo. La capitana ha risposto sul campo alla fiducia lanciando subito la squadra in avanti a suon di attacchi vincenti. Le azzurre senza nessun regalo arrivano sul 22-16, subiscono un mini break di 0-3, ma poi chiudono con autorità 25-19. Il terzo set s’infiamma nel finale dopo che Cuba ha conquistato e tenuto a lungo un paio di lunghezze di vantaggio. Le azzurre in svantaggio 18-21, con Anzanello in battuta rimontano ed arrivano a condurre 22-21, poi in un acceso finale hanno con Rinieri (muro della Gonzalez) in mano la palla del 24-23, ma non chiudono e Cuba non perdona, siglando sempre a muro con la stessa centrale il punto del 25-23. Nel quarto set, Cuba continua a spingere con le sue attaccanti di banda, l’Italia è poco Positiva a muro e la partita si avvia alla conclusione, ravvivata sul match point da un cartellino giallo dato a Cuba, per l’esultanza poco sportiva della Ramirez, ma è la Calderon a chiudere il set ed il match. Pool A – ieri Cina – Cuba 3-1; oggi Italia – Cuba 1-3 (24-26 25-19 23-25 23-25); domani ore 20.30 Italia – Cina. Classifica: Cina e Cuba 2, Italia 0. Pool B – ieri Brasile – Russia 3-0; oggi Russia-Giappone 3-0 (25-15, 25-22, 29-27); domani Brasile – Giappone. Classifica: Brasile e Russia 2, Giappone 0. 9 settembre - ore 11.30 Finale 5-6 posto; ore 14.30 Semifinale 1A-2B; ore 17.30 A2-B1 10 settembre – ore 17.30 Finale 3-4 posto; ore 20.00 Finale 1-2 posto.
Seconda vittoria per gli azzurrini agli Europei07/09/2006

Seconda vittoria per gli azzurrini agli Europei

La juniores maschile azzurra ha colto la seconda vittoria del suo campionato Europeo. A Kazan i ragazzi di Angelo Lorenzetti, dopo la Bulgaria hanno superato anche la Slovacchia per 3-0 (26-25 25-19 25-16) e proseguono il loro cammino imbattuti. Il tecnico azzurro ha leggermente variato il sestetto iniziale, inserendo Barone al posto di Parusso, per il resto confermati Saitta in regia, Bellei opposto, Gitto al centro, Maruotti e Cuda martelli, Cesarini libero. Domani sera l’Italia è attesa da un confronto molto importante con l’Olanda, in prospettiva qualificazione per le semifinali. Nell’altra pool, nel primo incontro c’è stata la sorprendente affermazione della Slovenia sulla Polonia per 3-2.
Azzurre al debutto nella finale del Grand Prix07/09/2006

Azzurre al debutto nella finale del Grand Prix

La nazionale azzurra femminile debutta questa sera nella Final Six del World Grand Prix affrontando alle 20.30 Cuba, piegata nel primo match 3-1 ad opera della Cina. L’Italia ha trascorso una vigilia tranquilla, ha sostenuto una buona seduta di allenamento sul terreno del palaCalafiore, in cui tutto il gruppo ha confermato di essere in buone condizioni fisiche. Completamente recuperato il giovane llibero De Gennnaro, che scenderà in campo insieme a Lo Bianco in regia, Togut opposto, Paggi e Anzanello centrali, Fiorin (o Rinieri) e Piccinini martello. Cuba è una delle due squadre che hanno superato l’Italia nella fase preliminare. A Taipei le ragazze di Calderon si imposero per 3-1 al termine di una gara in cui l’Italia non riuscì ad esprimersi al massimo delle sue possibilità: “Battere Cuba sarebbe un grande passo avanti, soprattutto per noi e non solo per il Grand Prix.” Parole semplici ed importanti di Eleonora Lo Bianco la regista azzurra, che in linea con quanto va ripetendo il ct Bonitta da qualche giorno ha aggiunto: “Noi siamo vicinissime alle squadre più forti, per batterle non ci manca molto, dobbiamo riuscire a dare qualcosa in più, soprattutto a metterla in campo.” Nell’altra gara della giornata, la Russia travolta al debutto dal Brasile, affronta l’abbordabile Giappone, cercando di strappare il passaggio alle semifinali. 6 settembre - Brasile – Russia 3-0 (25-15 25-19 25-22); Cina - Cuba 3-1 (25-19, 21-25, 25-23, 25-16)7 settembre - ore 17.30 Russia - Giappone; ore 20.30 Italia - Cuba 8 settembre - ore 17.30 Brasile - Giappone; ore 20.30 Italia - Cina 9 settembre - ore 11.30 Finale 5-6 posto; ore 14.30 Semifinale 1A-2B; ore 17.30 A2-B1 10 settembre – ore 17.30 Finale 3-4 posto; ore 20.00 Finale 1-2 posto.
Debutto vincente per gli azzurrini agli Europei juniores06/09/2006

Debutto vincente per gli azzurrini agli Europei juniores

Prima vittoria per gli azzurrini di Lorenzetti impegnati negli Europei Juniores in svolgimento in Russia. L’Italia batte la Bulgaria con il punteggio di 3-0 (25-19; 25-19; 25-20) in poco più di un’ora. Una prestazione discreta, come lo stesso Lorenzetti ha detto a fine partita: “La prima partita non è mai facile, quindi siamo contenti di questa vittoria. Abbiamo vinto la gara soprattutto nel finale dei tre parziali. Abbiamo avuto dei passaggi a vuoto nel secondo set e all’inizio del terzo abbiamo avuto alcuni problemi in ricezione, ma poi la partita è andata via facile: buona la battuta, discreto l’attacco”. In evidenza Maruotti (16 punti) e Bellei (14 punti). RisultatiPool 1: Ucraina-Polonia 1-3; Pool 2: Francia-Slovacchia 3-0, Italia-Bulgaria 3-0. Oggi: Pool 1: Polonia-Slovenia; Belgio-Serbia; Russia-Ucraina. Pool 2: Slovacchia-Italia, Germania-Bulgaria, Olanda-Francia.
Il calendario ufficiale della Final Six del World Grand Prix05/09/2006

Il calendario ufficiale della Final Six del World Grand Prix

E' stato annunciato oggi il calendario definitivo ufficiale della Final Six del World Grand Prix, che rispetto alla prima stesura ha dei cambiamenti soprattutto per quel che riguarda le gare delle azzurre. L'Italia inserita nel girone B con Cina e Cuba, debutterà giovedì alle 20,30 affrontando Cuba e il giorno seguente alla stessa ora giocherà contro la Cina. Il torneo inizierà mercoledì con due sfide di grande cartello Brasile-Russia e Cuba-Cina. Girone A: Italia (paese organizzatore); Cina (3 fase preliminare); Cuba (4 fase preliminare). Girone B: Brasile (1 fase preliminare); Russia (2 fase preliminare); Giappone (5 fase preliminare). Questo il calendario ufficioso della fase finale. 6 settembre - ore 17.30 Brasile - Russia; ore 20.30 Cina - Cuba 7 settembre - ore 17.30 Russia - Giappone; ore 20.30 Italia - Cuba 8 settembre - ore 17.30 Brasile - Giappone; ore 20.30 Italia - Cina 9 settembre - ore 11.30 Finale 5-6 posto; ore 14.30 Semifinale 1A-2B; ore 17.30 A2-B1 10 settembre ? ore 17.30 Finale 3-4 posto; ore 20.00 Finale 1-2 posto.
Le azzurre chiudono vincendo la prima fase del Grand Prix04/09/2006

Le azzurre chiudono vincendo la prima fase del Grand Prix

Le azzurre chiudono in meno di un’ora l’incontro con la Repubblica Dominicana, ultima gara della fase preliminare del Grand Prix. Ad Okayama in Giappone l’Italia di Marco Bonitta ha raccolto due vittorie e una sconfitta e si presenta a Reggio Calabria con l’obiettivo centrato: essere tra le prime sei anche se come paese organizzatore avrebbe avuto un posto di diritto. Una gara dove le caraibiche non hanno mai impensierito le azzurre. Ancora un sestetto inedito quello schierato dal tecnico italiano: dentro Paggi, Fiorin e Del Core libero, fuori Anzanello, Piccinini e De Gennaro tutte e tre per problemi fisici anche se in parte risolti. Quindi queste le diagonali tricolori: Lo Bianco-Togut, Guiggi-Paggi, Rinieri-Fiorin con Del Core libero. Beato Miguel Cruz parte con Gonzalez-Rodriguez, Vargas-Bautista, Cabral-Arias, Caso libero, ma durante la gara ha effettuato molti cambi per cercare qualche rinforzo dalla panchina ma alla fine solo la Vargas e’ stata all’altezza. Domani mattina la comitiva azzurra ritorna in Italia per trasferirsi a Reggio Calabria dove e' attesa nella tarda serata. ITALIA-REP. DOMINICANA 3-0 (25-13, 25-19, 25-26) ITALIA: Rinieri 13, Paggi 6, Togut 10, Fiorin 14, Guiggi 9, Lo Bianco 2; Del Core (L), Centoni 3, Dall'Igna 1. N.e. Anzanello e Piccinini. All. Bonitta. REP.DOMINICANA: Gonzalez, Cabral 4, Bautista 2, Rodriguez 3, Arias 2, Vargas 11; Caso (L), Echenique, Rivera 3, Moreta 1, De La Cruz 7. N.e. Rondon. All: Beato Miguel Cruz ARBITRI: Kang (Kor) e Chang (Tpe).Spettatori: 5500. Durata set: 18', 20', 19'; totale 57'. Italia: battute sbagliate 7, vincenti 2, muri 11, seconda linea 6, errori 14. Rep.Dominicana: b.s. 8, v. 0, m. 3, s.l. 3, e. 16. In allegato i commenti, le squadre qualificate e il calendario della Final Six.
Sigla.com - Internet Partner