Archivio Campionato maschile

Roca va30/12/2011

Roca va

di Adelio PistelliIl richiamo della Russia, i suoi soldi, la possibilità di giocare un campionato a più alti livelli: alias, Alain Roca se ne va. Meglio, è già andato via. Lo schiacciatore cubano di Latina, da questa mattina è un ex del nostro torneo. Ha giocato l'ultima partita giovedi sera al 'Pala De Andrè' contro Ravenna (15 punti dal personalissimo tabellino) poi ha fatto la valigia e via in Russia. Lo aspetta l'Ufa di Angiolino Frigoni. Una notizia improvvisa? Forse sì o forse no. La società pontina, comunque, sembra averla presa nel modo migliore, sembra. <Alain (Roca, ndr) aveva una grande possibilità. E' giusto che provasse a sfruttarla. E' stato molto importante per questo primo scorcio di campionato ma a lui, adesso, va solo uin grosso in bocca al lupo per la nuova avventura. Per quanto ci riguarda abbiamo già una preziosa alternativa>.
Anche le Assicurazioni Generali SpA vicini alla Casa Luce e Sorriso25/12/2011

Anche le Assicurazioni Generali SpA vicini alla Casa Luce e Sorriso

Apprezzabilissimo gesto da parte dei rappresentanti procuratori delle Assicurazioni Generali S.p.A. di Reggio Emilia. I dottori Erio Mazzoli, Claudio Rovacchi, Filippo Morlini e Paolo Santi hanno devoluto un importante contributo alla Lega Italiana per la lotta contro i tumori, proprio alla Casa Luce e Sorriso di Casola di Montefiorino a cui da anni è vicina la redazione del portale dallarivolley.com . A loro va un sentito ringraziamento per la grandissima sensibilità dimostrata.
Arbitri contestati: il pensiero del commissario Vito Sante Achille23/12/2011

Arbitri contestati: il pensiero del commissario Vito Sante Achille

di Adelio Pistelli-Da settimane, o quasi, nel mondo delle schiacciate, il leit motiv sottorete non è solo tecnico e agonistico. Fanno notizia anche e soprattutto vicende legate alla prestazione di questa o quella coppia arbitrale protagoniste, ultimamente, di episodi che hanno scatenato pesanti polemiche e, in diversi campi. Partite ‘minate’ dai giudizi arbitrali e come conseguenza diretta, sono state inviate lettere da parte di chi si è sentito danneggiato durante un match. Ultimamente hanno scritto il direttore generale di Belluno (Gravina), il diesse di San Giustino (Sartoretti); a Macerata è stato un coro generale contro la coppia arbitrale che ha diretto Lube-Monza. Alle corte: fischietti forse mai come in questo momento nel mirino delle contestazioni. Il Commissario, ruolo A, Vito Sante Achille, il ‘numero’ degli arbitri nazionali ha voluto fare la sua valutazione che potete leggere sotto. Eccola.Nel pieno rispetto dei ruoli e delle attività che quotidianamente vengono svolte per il movimento rivolgo a Tutti un invito a riflettere su questa nuova tendenza di pubblicare “lettere aperte”. Sento il dovere di “aprirne” una anche io al fine di chiarire alcuni aspetti. Premetto che la classe arbitrale italiana è da un punto di vista tecnico fra le migliori al mondo, anche grazie all’elevata qualità dei nostri campionati. Non è una visione interna, ma un riconoscimento che viene sia da organismi internazionali che da realtà esterne al nostro mondo. Ma ovviamente non è esente dal commettere errori; la tendenza è cercare di ridurli.
Il "PalaValentia" chiesa per una sera21/12/2011

Il "PalaValentia" chiesa per una sera

“Un momento spirituale bello ed emozionante”. Le parole del presidente Pippo Callipo, non potevano sintetizzare meglio quello che molti hanno percepito come l’evento più toccante vissuto negli ultimi tempi in casa Volley Tonno Callipo. Solo che, per una volta, a farla da padrone non sono state le gesta tecniche o atletiche del team giallorosso, bensì una cerimonia dal profondo valore spirituale e simbolico. Teatro dell’avvenimento: il PalaValentia dove, messi da parte rete, palloni e schemi, sono comparsi altare e paramenti sacri per celebrare una Santa Messa in occasione dell’annuale iniziativa benefica realizzata in collaborazione tra L’Associazione Italiana Persone Down di Vibo e la Volley Tonno Callipo. Una funzione sacra voluta, quest’anno, soprattutto in ricordo del piccolo Emanuele Naso, bambino down prematuramente scomparso alcuni mesi fa, “il cui ricordo - come è stato più volte rimarcato - è ancora vivo in tutti coloro che lo hanno conosciuto”. A dar vita alla celebrazione, davanti ai soci dell’Aipd, agli atleti e ai dirigenti vibonesi, un celebrante d’eccezione: il Vescovo della Diocesi di Mileto, monsignor Luigi Renzo, accompagnato da diversi sacerdoti.Il rapporto tra l’associazione di volontariato e la Tonno Callipo Vibo Valentia può così annotare un altro importante capitolo di una storia di sport e solidarietà che da cinque anni vede le due realtà unite nella realizzazione di un calendario al quale atleti, tecnici, dirigenti e tifosi prestano volentieri la propria immagine per sostenere le iniziative dell’Aipd.
Sigla.com - Internet Partner