Archivio Campionato maschile

L'AIPAV sul caso Pineto06/07/2009

L'AIPAV sul caso Pineto

La società Pineto esulta dando alla stampa un comunicato intitolato “La verità viene a galla”. Ma qual è la verità? Non conosciamo le argomentazioni in fatto e in diritto sviluppate dalla società Pineto nel procedimento giudiziale pendente avanti il Tribunale di Teramo. In questa sede non entriamo nel merito della legittimità o meno di tale provvedimento giudiziale, nonché delle eventuali responsabilità di chi ha rilasciato tale fideiussione (che in forza delle conciliazioni raggiunte in Lega avrebbe dovuto coprire anche tali obbligazioni del Pineto nei confronti degli ex giocatori del Milano) e di chi ha accettato una siffatta fideiussione all’atto dell’iscrizione del campionato da parte della società Pineto. Ci limitiamo ad osservare che da quanto scritto nel suddetto comunicato pare che il Tribunale di Teramo abbia inibito l’escussione della fideiussione perché, a suo dire, riguardava un’obbligazione non ricompresa in detta fideiussione. Dunque, un’obbligazione c’è ed è lo stesso Tribunale di Teramo che lo dice, quella del Pineto nei confronti degli ex giocatori del Milano. E tale obbligazione non è stata interamente adempiuta. Pineto, dunque, invece che cantar vittoria per il provvedimento d’urgenza riguardante la fideiussione, dovrebbe pagare subito (avrebbe dovuto farlo già da tempo) quanto promesso ai giocatori del Milano, oppure spiegare i motivi – sempre che ve ne siano - per cui non intende adempiere tale obbligazione. Così facendo il Pineto farebbe venire a galla la sua verità. Al momento, l’unica verità che tutti noi conosciamo, e in special modo gli ex atleti del Milano, è quella di una promessa non mantenuta da parte di una società che, nonostante tale inadempimento, ha portato a termine il campionato scorso e parteciperà, forse, al campionato venturo. AIPAV – Associazione Italiana Pallavolisti
I chiarimenti della Lega Pallavolo sulla vicenda Pallavolo Pineto27/06/2009

I chiarimenti della Lega Pallavolo sulla vicenda Pallavolo Pineto

In riferimento al Comunicato Stampa Federale del 25 giugno 2009 a cura dell'Ufficio Stampa della FIPAV, in merito alla decisione della FIPAV sulla situazione della Società Pallavolo Pineto, la Lega Pallavolo intende chiarire quanto segue. Concorda che l'eventuale legittimazione ad assumere decisioni in merito all'eventuale esclusione di un sodalizio da un campionato rientra, esclusivamente, nella potestà degli Organi Giurisdizionali della FIPAV. Ed infatti ha proceduto ad una segnalazione alla FIPAV sulla base del predetto assunto. Occorre inoltre chiarire che la Lega ha trasmesso gli atti alla FIPAV non appena scaduto il termine di messa in mora della Pallavolo Pineto, cioè il 23 marzo 2009. La Lega resta indifferente all'osservazione che il 22 marzo 2009 si sia conclusa la Regular Season e con questa il campionato della Pallavolo Pineto, non qualificata ai Play Off. Prende atto che è stato interposto appello avverso la decisione della Commissione Giudicante Nazionale sulla sanzione inflitta alla Pallavolo Pineto e al suo Presidente. Precisa infine che la Commissione Ammissione ai Campionati di Serie A valuterà unicamente la richiesta di iscrizione di tutte le società di Serie A, sulla base della classifica della Regular Season 2008/09, così come omologata dalla FIPAV.
La Lega maschile precisa sul caso Pineto26/06/2009

La Lega maschile precisa sul caso Pineto

In riferimento al Comunicato Stampa Federale del 25 giugno 2009 a cura dell'Ufficio Stampa della FIPAV, in merito alla decisione della FIPAV sulla situazione della Società Pallavolo Pineto, la Lega Pallavolo intende chiarire quanto segue. Concorda che l'eventuale legittimazione ad assumere decisioni in merito all'eventuale esclusione di un sodalizio da un campionato rientra, esclusivamente, nella potestà degli Organi Giurisdizionali della FIPAV. Ed infatti ha proceduto ad una segnalazione alla FIPAV sulla base del predetto assunto. Occorre inoltre chiarire che la Lega ha trasmesso gli atti alla FIPAV non appena scaduto il termine di messa in mora della Pallavolo Pineto, cioè il 23 marzo 2009. La Lega resta indifferente all'osservazione che il 22 marzo 2009 si sia conclusa la Regular Season e con questa il campionato della Pallavolo Pineto, non qualificata ai Play Off. Prende atto che è stato interposto appello avverso la decisione della Commissione Giudicante Nazionale sulla sanzione inflitta alla Pallavolo Pineto e al suo Presidente. Precisa infine che la Commissione Ammissione ai Campionati di Serie A valuterà unicamente la richiesta di iscrizione di tutte le società di Serie A, sulla base della classifica della Regular Season 2008/09, così come omologata dalla FIPAV.
La posizione della Pallavolo Pineto26/06/2009

La posizione della Pallavolo Pineto

Con nota del 31 marzo il Presidente della Lega Sig. Diego Mosna ribadiva “l’esclusiva competenza degli Organi della Giustizia Federale per l’adozione di eventuali sanzioni di carattere sportivo” a carico del Pineto; con memoria del 23/04/2009 e con ricorso del 18 giugno avverso la decisione della Commissione Giudicante Fipav, il Volley Forlì ha confermato che la decisione in ordine alle sanzioni a carico del Pineto non “ rientra nella competenza degli organi politici, ma in quella dei giudici sportivi.” Il suddetto concetto è stato ribadito nella memoria difensiva del Pineto e, soprattutto, costituisce l’elemento centrale della decisione assunta ieri dalla Giunta Federale Fipav. Quindi dai documenti ufficiali si evince un’assoluta univocità interpretativa da parte di tutti i soggetti coinvolti nella vicenda, sia istituzionali (FIPAV e LEGA) che sportivi (Forlì e Pineto). La Pallavolo Pineto attende con serenità la decisione della CAF già convocata per il prossimo 2 luglio, fiduciosa del fatto che la decisione detta non possa essere peggiorativa rispetto alle sanzioni già irrogate ed impugnate. Stupiscono ed amareggiano, pertanto, alcuni commenti apparsi oggi sugli organi di stampa, commenti che smentiscono precedenti ed inequivoche prese di posizione anche dei soggetti direttamente coinvolti nella vicenda. Quanto al linciaggio morale cui è stata sottoposta la Pallavolo Pineto ed il suo Presidente (linciaggio che prosegue imperterrito anche in dispregio delle decisioni degli Organi Istituzionali), nei prossimi giorni verranno ufficializzare le iniziative già intraprese a tutela dei diritti dei soggetti lesi. La Pallavolo Pineto non tornerà più sull’argomento, attenendosi scrupolosamente a quanto deciso e deliberato dagli organi competenti. Infine, la Società comunica che da oggi è esclusivamente impegnata a perfezionare il progetto che la vede coinvolta a fianco di Organi Istituzionali e sportivi di tutta la Regione, nonché ovviamente, all’allestimento della formazione più competitiva possibile. Ufficio stampa Pallavolo Pineto
Pineto rompe gli indugi e si prepara al nuovo campionato26/06/2009

Pineto rompe gli indugi e si prepara al nuovo campionato

Con nota del 31 marzo il Presidente della Lega Sig. Diego Mosna ribadiva “l’esclusiva competenza degli Organi della Giustizia Federale per l’adozione di eventuali sanzioni di carattere sportivo” a carico del Pineto; con memoria del 23/04/2009 e con ricorso del 18 giugno avverso la decisione della Commissione Giudicante Fipav, il Volley Forlì ha confermato che la decisione in ordine alle sanzioni a carico del Pineto non “ rientra nella competenza degli organi politici, ma in quella dei giudici sportivi.” Il suddetto concetto è stato ribadito nella memoria difensiva del Pineto e, soprattutto, costituisce l’elemento centrale della decisione assunta ieri dalla Giunta Federale Fipav. Quindi dai documenti ufficiali si evince un’assoluta univocità interpretativa da parte di tutti i soggetti coinvolti nella vicenda, sia istituzionali (FIPAV e LEGA) che sportivi (Forlì e Pineto). La Pallavolo Pineto attende con serenità la decisione della CAF già convocata per il prossimo 2 luglio, fiduciosa del fatto che la decisione detta non possa essere peggiorativa rispetto alle sanzioni già irrogate ed impugnate. Stupiscono ed amareggiano, pertanto, alcuni commenti apparsi oggi sugli organi di stampa, commenti che smentiscono precedenti ed inequivoche prese di posizione anche dei soggetti direttamente coinvolti nella vicenda. Quanto al linciaggio morale cui è stata sottoposta la Pallavolo Pineto ed il suo Presidente (linciaggio che prosegue imperterrito anche in dispregio delle decisioni degli Organi Istituzionali), nei prossimi giorni verranno ufficializzare le iniziative già intraprese a tutela dei diritti dei soggetti lesi. La Pallavolo Pineto non tornerà più sull’argomento, attenendosi scrupolosamente a quanto deciso e deliberato dagli organi competenti. Infine, la Società comunica che da oggi è esclusivamente impegnata a perfezionare il progetto che la vede coinvolta a fianco di Organi Istituzionali e sportivi di tutta la Regione, nonché ovviamente, all’allestimento della formazione più competitiva possibile.
Decisione FIPAV sulla situazione della Società pallavolo Pineto25/06/2009

Decisione FIPAV sulla situazione della Società pallavolo Pineto

La Giunta Esecutiva della FIPAV si è riunita oggi per esaminare, tra gli altri argomenti all?ordine del giorno, anche la situazione relativa alla Società pallavolo Pineto. In relazione al concluso campionato 2008/2009, la Giunta Esecutiva ritiene che la legittimazione ad assumere decisioni in merito al l?eventuale esclusione di un sodalizio da un campionato rientra, esclusivamente, nella potestà degli Organi Giurisdizionali della FIPAV. La Giunta Esecutiva, inoltre, fa notare come la Lega Nazionale di serie A maschile abbia interessato la FIPAV della vicenda riguardante la Pallavolo Pineto, solo dopo la conclusione della Regular season del campionato di serie A1 maschile, a risultati sportivi già omologati. Gli Organi di Giustizia federali hanno già sentenziato sulla responsabilità disciplinare del Pineto e del suo Presidente pro tempore per violazione dei principi statutari di lealtà e probità sportiva, pur allo stato pendendo gravame avverso la decisione della Commissione nazionale giudicante FIPAV. Infine, si fa rilevare come, al di là delle notizie apparse su organi di stampa, sia ancora in corso, presso gli Organi di Lega a ciò deputati, l?istruttoria riguardante le condizioni di ammissione al campionato 2009/2010, le cui risultanze dovranno essere sottoposte a ratifica della FIPAV, dopo le opportune decisioni della commissione di Lega.
La Volley Tonno Callipo giocherà al Palavalentia22/06/2009

La Volley Tonno Callipo giocherà al Palavalentia

È scaduto questa mattina il termine di iscrizione al Campionato Nazionale di Pallavolo Serie A e la società del Presidente Callipo, nel confermare la partecipazione della squadra per la stagione agonistica 2009/2010, ha indicato come campo di gioco il Palavalentia. Nonostante i partner istituzionali non abbiano dato ulteriori indicazioni circa il sostegno economico che intendono accordare alla società, malgrado si fossero impegnati a farlo entro il 31/05/2009, il Presidente Callipo ha deciso di non trasferire la squadra altrove e di mantenere la denominazione che da oltre 15 anni l’accompagna, vale a dire TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA. Pippo Callipo: “Non posso nascondere di essere stato fortemente allettato dalla proposta pervenutami da altre amministrazioni comunali e provinciali di spostare la Volley Tonno Callipo in un’altra città della regione ma alla fine non ho voluto accettare. Da una parte avrei voluto dimostrare alle istituzioni locali che per altre città sarebbe stato un grandissimo onore accogliere la squadra, ma dall’altra il mio cuore sapeva bene che trasferire la Volley Tonno Callipo avrebbe significato solamente dare una mortificazione e fare un grande torto ai vibonesi, togliendo alla città l’unica sana occasione di aggregazione sociale, l’unico svago per tanti giovani, famiglie ed anziani. Ho riguardato alcuni video delle passate stagioni, anche se non ne avrei avuto bisogno in quanto le immagini sono bene impresse nel mio cuore, ed ho visto l’amore, il calore, l’affetto che ad ogni partita casalinga traspare dagli spalti, le migliaia di persone che, provenendo da ogni parte della regione, incitano Vibo, perché la vittoria di questa squadra è la vittoria di tutta la Calabria. Per tutti questi motivi, anche se conosco il sacrificio economico a cui deve andare incontro il Gruppo Callipo, soprattutto in questo momento di grave crisi economica, ho scelto ancora Vibo ”.
Al vaglio le domande di iscrizione ai campionati di serie A1 e A2 maschili22/06/2009

Al vaglio le domande di iscrizione ai campionati di serie A1 e A2 maschili

Dalla prima esamina dei documenti presentati in Lega Pallavolo Serie A dalle società aventi diritto per l'iscrizione ai Campionati di Serie A TIM 2009/10, si evince che la società Volley Forlì ha presentato domanda d'iscrizione per la massima serie del Campionato italiano di pallavolo maschile. Hanno presentato richiesta d'iscrizione al campionato di Serie A1 TIM 2009/10: Piemonte Volley Cuneo Volley Forlì Volley Lube Macerata Prisma Volley Taranto Pallavolo Modena Gabeca Pallavolo Montichiari Perugia Volley Copra Volley Piacenza Pallavolo Pineto Trentino Volley Volley Treviso Bluvolley Verona Callipo Sport Vibo Valentia Top Volley Latina Pallavolo Loreto Hanno presentato richiesta d'iscrizione al campionato di Serie A2 TIM 2009/10: Bassano Volley Zinella Volley Bologna New Mater Castellana Grotte Pallavolo Cavriaghese Città di Castello Pallavolo Pallavolo Reima Crema Gioia del Colle La Fenice Volley Isernia Top Team Volley Mantova M. Roma Volley Lupi Pallavolo S. Croce Pallavolo Padova Quasar Massa Versilia Marcegaglia Ravenna Globo Sora Frosinone
Sabato 20 Giugno 2009 19:57  Clinic APIV: dal prossimo anno la Fipav inquadrerà la figura professionale del Preparatore20/06/2009

Sabato 20 Giugno 2009 19:57 Clinic APIV: dal prossimo anno la Fipav inquadrerà la figura professionale del Preparatore

Grande consenso di partecipazione al 1° Clinic italiano organizzato dall’Associazione Preparatori Fisici Volleyball in corso a Perugia. Notizia bomba del Presidente Celani all’apertura dei lavori: dal prossimo anno la Fipav inquadrerà la figura professionale del Preparatore in modo analogo a quella dell’allenatore con possibilità di sedere in panchina. Ospitata nella palestra della Piscina Pellini di Perugia, è iniziato in mattinata l’importante evento che ha radunato nel capoluogo umbro la crema dei Preparatori Fisici operanti nel mondo della pallavolo italiana. Assenti, evidentemente giustificati, solo quelli impegnati con qualche squadra nazionale che, come gli allenatori e gli scout, sono molto appetiti all’estero per la loro notevole professionalità. Ha aperto i lavori Andrea Celani, Presidente dell’Associazione, con uno scoop: “Il giorno Venerdì 5 Giugno 2009 unitamente al nostro vicepresidente Angelo Miano ho incontrato a Roma alcuni importanti rappresentanti della FIPAV, più in particolare il segretario generale Alberto Rabiti , il consigliere federale referente del CQN Guido Pasciari e il responsabile CQN e Antidoping Stefano Bellotti. Come sapete, in precedenza avevamo ripetutamente sollecitato un incontro per approfondire le tematiche inerenti la nostra categoria professionale e il riconoscimento ufficialmente della nostra associazione che, di fatto, annovera tra i propri iscritti la gran parte dei professionisti attualmente impiegati nei team di alto livello e non solo. Il consigliere Pasciari ci ha confermato che i quadri tecnici saranno completati entro l’anno solare e che si provvederà all’inserimento della figura del preparatore fisico nell’organigramma societario. Bellotti ha giustamente rimarcato tutte le difficoltà pratiche ed esecutive che bisognerà superare per l’entrata in regime dell’aggiornamento dei quadri. Sono molto soddisfatto per il clima cordiale dell’incontro e per la disponibilità espressa dalla Fipav a riconoscere l’APIV nel momento in cui saranno completati i lavori, ancora in corso, di formazione dei quadri tecnici federali. Ci siamo salutati dandoci appuntamento a Settembre quando, in un incontro promosso dalla Fipav, ci ritroveremo con tutti i colleghi formatisi nei corsi nazionali organizzati a livello federale”. Ricco il programma della giornata sia in argomenti trattati sia in relatori che si sono avvicendati e che hanno stimolato l’interesse e il costruttivo dibattito tra i partecipanti. Giusto per citarne alcuni: dai metodi di preparazione fisica, agli aspetti legati alla nutrizione, dall’organizzazione di un team di alto livello ad esempi pratici di applicazioni in sala pesi con la brillante esposizione di personaggi di spicco come il prof. Luigi Bertini e Enrico Rejc a rappresentare il corpo accademico, piuttosto che Nicola Turci, Christian Verona e Alessandro Contadin da tempo inseriti in club della massima serie maschile e femminile.
Il parere di Meyer sugli Under 2316/06/2009

Il parere di Meyer sugli Under 23

Arriva dalla CEV e dal suo presidente Andrè Meyer l'ultima presa di posizione ufficiale in merito alle regole che limitano la possibilità di impiegare giocatori Comunitari nel nostro campionato. Meyer si compiace del fatto che la FIVB abbia deliberato di non dover interferire con la legislazione della Comunità Europea e ad abolire le discriminazioni basate sulla nazionalità. Riportiamo la traduzione integrale della risposta fornita da Meyer sull'argomento all'interno di una lunga intervista concessa per il tramite dell'organo ufficiale della CEV, con la speranza che ciò possa servire alla nostra FIPAV per riconsiderare le posizioni assunte in tema di "Under 23" e ad accelerare il perfezionamento di un accordo di buon senso con la Lega anche per programmare l'impiego di giocatori Comunitari equiparandoli, finalmente, agli Italiani. Da e-news n° 28, organo ufficiale della CEV, Giugno 2009 Una Nuova Era per il Volley mondiale: intervista al presidente Andrè Meyer L'ultima sessione (dell'Assemblea FIVB) ha deliberato il trasferimento alle singole federazioni nazionali di ogni decisione in merito al numero massimo di giocatori stranieri schierabili nelle competizioni per club. Come giudica questo passo? "La mia opinione è che tale soluzione sia decisamente valida per un dibattito che dura ormai da molto tempo. La FIVB ha chiaramente affermato che non ha più alcun diritto, né volontà di interferire con la legislazione della Comunità Europea, che attribuisce particolare enfasi (alle problematiche in oggetto) e mira ad assicurare il libero movimento dei cittadini - e quindi dei lavoratori - tra i paesi membri. Ora spero vivamente che tutte le Federazioni Nazionali intraprenderanno azioni precise volte sia a salvaguardare la futura competitività delle proprie squadre nazionali, sia ad eliminare qualsivoglia discriminazione basata sulla nazionalità dei giocatori che partecipano a tornei per squadre di club. Nella misura in cui i giocatori percepiscono un compenso per la loro attività, in quanto professionisti devono essere assimilati a lavoratori ordinari, e ad essi va garantito il diritto alla libera circolazione".
Giani, spazio ai giovani16/06/2009

Giani, spazio ai giovani

Si è parlato molto di giovani, durante la conferenza stampa di presentazione di Andrea Giani, neo allenatore della M. Roma Volley. Un evento che, per Massimo Mezzaroma, segna un altro passo in avanti verso la realizzazione di un sogno importante: regalare alla Capitale una squadra di vertice, composta, possibilmente, da ragazzi romani. “Sono stato colpito da Andrea Giani – ha affermato il presidente Massimo Mezzaroma – perché è una persona umile e concreta ed è un allenatore che parla di sport come si dovrebbe fare. Andrea sa quali sono i doveri di un capitano, sa stare tra i giovani ma, soprattutto, conosce l’iter difficile che porta un ragazzo a diventare prima atleta e poi campione. Credo che Giani potrà essere la persona giusta per riportare a Roma l’entusiasmo per la pallavolo. E mi aspetto da Coni e Comune, il massimo contributo per aprirci le porte del Palazzetto”. Dall’altra parte, Andrea Giani, non poteva non confermare le chiare espressioni del suo presidente: “A Roma – ha spiegato il neo allenatore - ho trovato una società seria ed importante che ha come obiettivo principale quello di creare un gruppo omogeneo attraverso il reclutamento dei giovani. Questo mi permetterà di lavorare meglio, in primo luogo perché non è necessario dare vita ad allenamenti differenziati, e poi perché i ragazzi, con la loro voglia di imparare ed il loro entusiasmo, avranno certamente maggiori possibilità per crescere tecnicamente. Ed il progetto della M. Roma Volley è proprio questo: partire dagli Under 18, farli crescere e formarli per inserirli nell’Under 20. Il che significa anche allenamenti con la prima squadra, fino al definitivo salto di qualità”. Il titolo nazionale conquistato domenica dall’Under 18 della M. Roma Volley dà maggior concretezza a questo progetto. “La vittoria di questi giovani – ha detto Massimo Mezzaroma – è soltanto il primo traguardo di un progetto che io inseguo dal 2006. Per questo motivo non posso che ringraziare tutti: dirigenti, tecnici, atleti e genitori, per aver realizzato, almeno in parte, questo mio desiderio”.
L’Under 18 di Roma è campione d’Italia14/06/2009

L’Under 18 di Roma è campione d’Italia

La selezione under 18 della M. Roma Volley è campione d’Italia. I ragazzi allenati da Alfredo Guerrini hanno battuto questa mattina la Sisley Treviso con il punteggio di 3-0 nella finale dei campionati nazionali di categoria, disputati negli ultimi quattro giorni a Trapani. Vittorio Sacripanti, direttore generale della M. Roma Volley, ha una dedica speciale da fare al termine della manifestazione: “È un titolo che vogliamo regalare a Massimo Mezzaroma per la passione e l’impegno rivolti all’attività giovanile. Un grazie va anche a tutte le società di Roma e del Lazio che condividono con noi questo successo: da loro, infatti, sono cresciuti questi ragazzi che da anni lottano per primeggiare, seppur ignorati nelle convocazioni delle selezioni nazionali giovanili. Si corona il lavoro di tre anni, impreziositi da tante finalissime e da ottimi piazzamenti, sotto la guida di Ermanno Piacentini, di tanti altri e dell’ultimo arrivato Alfredo Guerrini, tecnici cha da alcuni sono giudicati fuori dal sistema volley, ma che hanno dimostrato che a Roma si può vincere anche uscendo da questo sistema”. È chiaramente euforico Alfredo Guerrini, il coach dei campioni d’Italia: “È il successo di tutto uno staff che ha lavorato duramente nel corso dell’intera stagione, mettendoci sempre impegno e dedizione. Per quanto mi riguarda, sono stato bravo a gestire un gruppo favoloso, che grazie alla società è cresciuto e ha potuto così sviluppare un percorso tecnico indispensabile. La vittoria su Trento nella prima partita ha confermato le nostre carte e ci ha dato la spinta e la convinzione delle nostre capacità. Questa vittoria è la dimostrazione che abbiamo un gruppo straordinario, molto più di tante altre formazioni che arrivavano a questo impegno con grandissime potenzialità. Vorrei ringraziare Ermanno Piacentini, che ci ha messo la sua consueta grandissima preparazione, e dedicare il trionfo al presidente Mezzaroma che immagino molto contento”.
Sigla.com - Internet Partner