Archivio Volley mercato

Simone Serafini come allenatore-giocatore della Mojoli in B226/06/2009

Simone Serafini come allenatore-giocatore della Mojoli in B2

Si è celebrato all’aula Cutuli (testimoni d’eccezione l’assessore allo sport Fulvia Fanciulli, il presidente onorario Ernesto Mojoli e ed il fiore all’occhiello del vivaio dell’Asp, quel Giordano Mattera che è arrivato a vestire la maglia azzurra) il matrimonio tra Simone Serafini e la Mojoli Index. Ricoprirà il doppio ruolo di allenatore e giocatore. Dopo nove anni il palleggiatore civitavecchiese torna a casa, reduce dai playoff scudetto con l’Rpa Perugia (“con la quale ho passato due anni meravigliosi e ringrazio per avermi proposto il rinnovo”) ed una serie di stagioni ad alto livello nelle massime categorie del volley nazionale. Un prodotto del vivaio rossoblu che riparte proprio da Civitavecchia per un progetto imperniato sulla crescita e la valorizzazione della linea verde dell’Asp. Il neo coach rossoblu si è detto entusiasta di questa nuova avventura, che considera una sfida per se stesso: “Il doppio ruolo non mi spaventa, - ha commentato Serafini- anzi mi affascina. Il progetto è davvero importante, ho deciso di tornare per una scelta di vita, perchè nell’Asp Civitavecchia ci sono tutte le condizioni per poter lavorare in modo proficuo. È una società solida, stabile, che ha dei grandi numeri a livello giovanile e una concreta organizzazione. Il mio compito sarà anche quello di lanciare nuovi elementi nel panorama della pallavolo. E poi giocare per la propria città è sempre stimolante, emozionante”. “Si continua a lavorare sui giovani ed in funzione di essi - ha detto il presidente Giancarlo de Gennaro - e Simone è quello che ci vuole per far decollare il nostro programma”. La massima carica rossoblu ha inoltre anticipato che verrà regolamentato diversamente il rapporto tra Asp e Alto Lazio, archiviando così la divisione in sostanza tra settore maschile e femminile, convogliando nella prima società tutta l’attività agonistica e lasciando alla seconda la parte promozionale. “La prima squadra maschile e quella femminile - aggiunge De Gennaro - saranno unite per dare un segnale di forza ad iscritti, ma soprattutto alle altre società italiane”. Il neo coach rossoblù dimostra comunque di avere già le idee chiare sulla squadra che andrà a guidare nella prossima stagione, formazione che non avrà l’apporto del partente Serrani in ricezione: "Il modulo va adattato in base ai giocatori – dice Serafini - e poi posso contare su Malizia e dare una veste nuova al ruolo di Cristini. Lavoreremo molto sulla fase di muro-difesa e contrattacco, perché credo che sia questo che spesso fa la differenza. E poi sulla stabilizzazione della prestazione, anche questa a mio modo di vedere fondamentale nella pallavolo di oggi". L’impegno di Serafini sarà a più livelli, visto che il 33enne civitavecchiese sarà anche il direttore tecnico dall’under 16 (il gruppo che sotto la guida di Fabio Cristini è arrivato tra le prime otto squadre d’Italia) e collaborerà al Progetto Scuola, che già quest’anno ha visto il sodalizio guidato da Giancarlo de Gennaro coinvolgere gli alunni di 92 classi.
Jardel e Giosa a Castellana Grotte26/06/2009

Jardel e Giosa a Castellana Grotte

Insieme a Vito Insalata comporranno un trio di centrali di grande duttilità ed esperienza con un mix di caratteristiche tali da affrontare al meglio qualunque avversario. Rodrigo Alves Dos Santos alias Jardel ha esordito nel volley a Rio de Janeiro ed è lì che sin da piccolo viene tenuto d’occhio da Radames Lattari perché il ragazzo si allena con un giocatore del tecnico. 28 anni, 200 centimetri per 97 kg ha grandi doti atletiche ed è stato uno dei migliori battitori del campionato brasiliano. Nell’ultima stagione ha vestito la maglia dell’Ulbra Suzano risultando primo nelle statistiche stagionali del fondamentale del servizio. In precedenza ha disputato due finali scudetto consecutive con il Minas di Belo Horizionte, una vinta ed una persa, entrambe affrontando il Cimed di Florianopolis ed incrociando il neo compagno Evandro con il quale ha anche condiviso in passato alcune convocazioni con la nazionale.
Chiara Borgogno e Marta Bertolotto a Chieri26/06/2009

Chiara Borgogno e Marta Bertolotto a Chieri

Doppio colpo di mercato per il Chieri Volley Club che comunica di aver raggiunto un'intesa per la stagione 2009/2010 con la centrale piemontese Chiara Borgogno e con la palleggiatrice Marta Bertolotto. Chiara Borgogno, piemontese di Mondovì classe 1984, è una giocatrice dalla grande prestanza fisica, 190 cm di altezza, proveniente dalla Riso Scotti Pavia con la quale ha ottenuto la promozione in A-1 nella stagione 2007-2008. Alla prima stagione nella massima serie ha collezionato 26 partite con 227 punti realizzati. Marta Bertolotto, classe 1989, 184 cm di altezza, ha giocato nell'ultima stagione nel Terre Verdiane Volley, formazione militante in B-2 di Fontanellato (PR). Si tratta di un prodotto del settore giovanile dell'Ags Volley San Donà, nel quale ha potuto crescere sotto gli insegnamenti di uno dei migliori tecnici italiani, Giuseppe Giannetti. "Borgogno è una giocatrice che giocherà quasi in casa - spiega Bruno Napolitano - essendo piemontese doc, reduce da un campionato eccellente in A-1. Un'atleta importante, molto forte a muro e con un temperamento deciso, che si completa bene con la Corvese, con la quale comporrà una delle migliori coppie di centrali della categoria". "Per quanto riguarda la Bertolotto è una palleggiatrice giovane che ha appena concluso un'esperienza importante in B-2. Arriva dalla scuola di Giannetti, una garanzia". "La Pinedo è un grande colpo di mercato - ha concluso Napolitano - trattandosi della seconda miglior realizzatrice dello scorso campionato all'interno di un contesto di squadra più equilibrato rispetto a quello della Kenny Moreno. Sono convinto che con il suo temperamento darà tante soddisfazioni ai tifosi di Chieri".
Gallotta a Castellana Grotte26/06/2009

Gallotta a Castellana Grotte

Tredici stagioni in A1 con 292 presenze alle quali si aggiungono le 74 in A2 per due stagioni; due Supercoppe Italiane, una Supercoppa Europea, uno scudetto ed una Coppa Campioni insieme al bis di Coppa e Campionato in A2; esordio in nazionale il 28.07.99 contro l'Ucraina. Sono queste le credenziali di Cosimo Gallotta che arriva a regalare grande spessore ed esperienza all'attacco della New Mater per il prossimo campionato. Il trentaduenne schiacciatore di Salerno è alla sua seconda esperienza pugliese dopo la parentesi di Gioia del Colle con Pino Lorizio allenatore e Rafa Pascual al suo fianco in campo. Treviso, Cuneo, Padova, Trento, queste solo alcune fra le società in cui ha militato il neo acquisto castellanese dove ha sempre mostrato grandi doti tecniche sia in ricezione che in attacco e dando sempre sfoggio di grande continuità. Un ingaggio dunque di grande livello per Castellana Grotte anche in virtu' dei molti altri interessamenti cui il giocatore era oggetto. Gallotta ha preferito pero' reincontrare Lattari, suo tecnico a Trento nel 2006/07, con il quale si trovo' molto a suo agio. LA SCHEDA Cosimo GALLOTTA schiacciatore Oliveto Citra (SA) 25.05.1977 195 cm 85 kg 2009-2010 New Mater Castellana Grotte 2008-2009 Sisley Treviso 2007-2008 Volley Corigliano 2006-2007 Trentino Volley 2005-2006 Cagliari Volley 2004-2005 Gioia del Colle 2003-2004 Pallavolo Parma 2002-2003 Padova da gen 2003 2002-2003 Piemonte Volley fino a gen 2003 2001-2002 Pallavolo Piacenza 2000-2001 Pallavolo Loreto 1998-2000 Cuneo VBC 1997-1998 Zinella Bologna 1996-1997 Napoli Volley 1994-1996 Sisley Treviso 1991-1994 Sisley Treviso Giov 1987-1991 Battipaglia Giov.
Vasil Stoyanov a Città di Castello26/06/2009

Vasil Stoyanov a Città di Castello

Lo schiacciatore Vasil Stoyanov, bulgaro, classe 1979, è il nuovo schiacciatore della Gherardi Cartoedit Tratos per la stagione 2009/10. Dopo gli arrivi del regista Orduna e del libero Romiti , la conferma dell’opposto Enzo Di Manno, l’ufficialità di Stoyanov è un tassello importante nello scacchiere del tecnico Radici, una garanzia nel suo ruolo una pedina fondamentale nella nuova Gherardi Cartoedit Tratos che pian piano sta prendendo corpo. Nell’ultima stagione dopo la reve parentesi a Catania, 3 gare, è tornato in patria per vincere il campionato. Styanov è un atleta che ha vinto molto in tutti i campionati a cui ha preso parte. Campione d’Italia con Trento nel 2008, pur non partendo nel sestetto titolare, Stoyanov, aveva già vinto il campionato e la coppa di Bulgaria 2007 con il Lukoil Neftochimics Bourgas, quello cipriota nel 2006 (Pafiakos) e prima ancora un’altra coppa di Bulgaria (Slavia Sofia) e una coppa di Romania (Petrom Ploiesti). Con Di Manno, Stoyanov comporrà una batteria di attaccanti di primissimo piano a Vasil potrà puntare anche sulle sue qualità a muro ed al servizio. 2008-2009 A Lukoil Neftochimic Bourgas (BUL) 2007-2008 A1 Itas Diatec Trentino 10 BUL 2006-2007 A Lukoil Neftochimic Bourgas (BUL) 2005-2006 A Pafiakos V.C. (CYP) 2004-2005 A Slavia Sofia (BUL) 2003-2004 A Petrom Ploiesti (ROM) 1998-2003 A Slavia Sofia (BUL)
Nasce la Pallavolo Padova26/06/2009

Nasce la Pallavolo Padova

E’ una giornata storica per la pallavolo padovana. La Società bianconera si appresta ad affrontare una nuova stagione sportiva e lo fa rinascendo come Pallavolo Padova, che nel 2009/2010 affronterà il campionato italiano di Pallavolo Maschile di serie A2. Memore della storia di questa Società, del suo trascorso glorioso e di tutti coloro che hanno permesso che Padova diventasse un punto di riferimento per il volley nazionale, la Pallavolo Padova è formata da un gruppo di Soci accomunati dalla passione per questo sport e dalla coesione tra di loro. La presentazione della Società è avvenuta quest’oggi nella suggestiva cornice della «Canottieri Padova», alla presenza anche di Claudio Sinigaglia del Comune di Padova, del Presidente del Coni Regionale e del Presidente del Comitato Provinciale Fipav. Pallavolo Padova raccoglie il testimone dal Sempre Volley Padova del suo Presidente Maurizio Sartorati, che sarà comunque presente anche in questa nuova avventura per mettere al servizio della Società l’amore per questa squadra e la grande esperienza nel settore. Presidente della Pallavolo Padova è Fabio Cremonese, pronto ad affrontare questa stimolante sfida al timone del gruppo. «Per me è un onore poter intraprendere quest’avventura – dice Cremonese – perché al mio fianco so di avere un gruppo compatto che ama questa disciplina». Maurizio Sartorati – presidente bianconero dal novembre 1990 – è entusiasta della nuova compagine societaria. «Rimarrò al fianco di questo gruppo di amici – ha detto Sartorati – per mettere al loro servizio la mia esperienza e il mio amore per la pallavolo». Vice Presidente sarà invece Maurizio Guglielmi, personaggio già noto nel mondo della pallavolo padovana. Questi i nomi dei soci che compongono la Pallavolo Padova: Fabio Cremonese (Blucostruzioni Spa), Maurizio Guglielmi, Igino Negro (Lender Spa), Maurizio Sartorati, Gabriele Graziani (Cos.Idra. Srl), Stefano Venturini (Aquatech Snc - Venturini Sas), Alessandro Bastianello, Ivo Lamenti (Tecnogas), Scapin Spa. Il ruolo del Direttore Sportivo, così come lo scorso anno, sarà affidato a Stefano Santuz, elogiato sia da Cremonese che Sartorati. «E’ soprattutto grazie a lui se oggi Padova può continuare a sognare», ha detto Cremonese. Pallavolo Padova lavora già come un gruppo solido e pronto ad accogliere a braccia aperte tutti coloro che vorranno sposare questo progetto. Un progetto per mettere la propria passione al servizio di un nuovo sogno.
Alessandro Paoli a Pineto26/06/2009

Alessandro Paoli a Pineto

Altro nuovo arrivo in casa Pallavolo Loreto. Dopo l’opposto olandese Kay van Dijk la società del Presidente Serenelli ufficializza l’acquisto del centrale Alessandro Paoli. Il posto 3 trentino giunge nella società loretana dopo un’ottima stagione passata con la Zinella Bologna dove è riuscito ad agguantare la permanenza nella serie cadetta. Per Alessandro Paoli è stato un anno, quello trascorso, molto positivo: al primo anno di serie A2 ha concluso la regular season con 216 punti messi a segno, con una media in attacco del 57,6% (133 punti in 29 partite disputate) e soprattutto ha fatto segnare ben 83 muri (media di 0,86% di muri a set) che gli sono valsi il primo posto nella classifica dei muri vincenti in serie A2 Tim. Centrale inusuale da vedere (194 cm di altezza), Alessandro Paoli è dotato di una elevazione incredibile che unita alla sua agilità e velocità gli permettono di essere molto efficace soprattutto nel fondamentale del muro. Per il centrale nativo di Trento sarà la prima stagione nella massima serie dopo aver giocato a lungo in B2 (Volley Ball Trento, Alpina Sudtirol Bolzano e Cles) ed in B1 (Volley Trento e Zinella Bologna) ed aver trascorso una sola stagione nella seconda serie nazionale (Zinella Bologna). Questo il breve commento di Luca Moretti sul nuovo acquisto Alessandro Paoli: “E’ sicuramente un ottimo giocatore nonostante un’altezza atipica per il ruolo di centrale. E’ un ragazzo giovane, acerbo tecnicamente ma con grandi doti che gli permettono comunque di esprimersi su ottimi livelli soprattutto nel fondamentale del muro. Alessandro è molto motivato per questa possibilità di giocare in A1 ed ha rifiutato altre offerte pur di venire a giocare a Loreto”. LA SCHEDA Nome: ALESSANDRO PAOLI Nato a TRENTO il 19-03-1084 Nazionalità: ITALIANA Ruolo: CENTRALE LA CARRIERA 2000-2001 Argentario Trento B2 2001-2003 Volley Ball Trento B2 2003-2004 Alpina Sudtirol Bolzano B2 2004-2005 Pallavolo Cles (TN) B2 2005-2006 Volley Trento B1 2006-2008 Zinella Bologna B1 2008-2009 Wayel Bologna A2 2009-2010 PALLAVOLO LORETO A1
Della Lunga a Verona26/06/2009

Della Lunga a Verona

Dore Della Lunga è il nuovo schiacciatore della Marmi Lanza Verona. L’atleta, classe 1984, è nato a Chiaravalle (AN) ed ha iniziato la sua carriera pallavolistica nel 1999-2000 in serie C con la Sira Falconara; poi anno dopo anno si è conquistato la serie A2 e la serie maggiore fino ad arrivare nel 2005 all’Itas Diatec Trentino. Con Trento ha esordito il 9/10/2005 (Trento-Modena 3-1) e da allora ha realizzato 114 presenze e 339 punti totali. Della Lunga ha indossato anche la maglia azzurra con la quale è stato medaglia d’Oro agli Europei Juniores 2002 e medaglia di Bronzo alle Universiadi del 2005. Nel suo palmares il neo schiacciatore gialloblù vanta la Coppa Campioni (2009), la vittoria del Campionato Italiano (2008), una promozione in serie A1 nel 2002 con la Sira Ancora oltre al Premio Badiali come miglior under 23 di A1 nel 2006. Robert Kromm e Dore Della Lunga saranno così i nuovi posti 4 della squadra di coach Bagnoli, per Della Lunga il contratto è di un anno con l’opzione sul secondo. Il direttore generale Gabriele Cottarelli commenta così l’arrivo di Della Lunga: “Siamo contenti di aver concluso questa trattativa che porta a Verona uno schiacciatore di livello, sicuramente pronto a vestire con entusiasmo la maglia gialloblù. Oltre in attacco e a muro darà equilibrio in seconda linea, aspetto fondamentale per una buona gestione della squadra”. Dore Della Lunga sarà presentato ufficialmente alla stampa lunedì 29 giugno alle ore 12.00, presso la Sala Riunioni del Palazzetto dello Sport di Verona.
Francesco Corsini a Trento25/06/2009

Francesco Corsini a Trento

Conclusa la seconda operazione del mercato estivo 2009 della Trentino Volley. La Società di via Manci ha infatti siglato in queste ultime ore un contratto biennale con il centrale di origine umbra Francesco Corsini, nella seconda parte della scorsa stagione in serie A1 TIM con la maglia della Stamplast Martina Franca. Con il suo arrivo la formazione campione d’Europa torna quindi ad affidarsi in questo ruolo esclusivamente a giocatori italiani. Nato a Città di Castello (provincia di Perugia) il primo gennaio 1979 ma cresciuto nel settore giovanile del San Giustino prima e di Forlì poi, la sua carriera racconta di una lunga militanza in serie A2 fra Forlì, Santa Croce Ancona, Spoleto (dove nel 2007/08 è stato il secondo centrale della categoria per punti realizzati) e Catania, ma anche di importanti esperienze in serie A1, l’ultima delle quali vissuta proprio durante lo scorso campionato a Martina Franca. In Puglia Corsini era arrivato ai primi dicembre per fare il terzo centrale, dopo aver giocato la prima parte di stagione in serie A2 a Catania; l’infortunio di Moltò e la contemporanea partenza di Vulin gli hanno permesso di giocare invece con grande continuità e di mettersi in mostra, collezionando 71 punti (di cui 15 a muro) in 12 partite complessive. Le sue qualità sono emerse in particolar modo nelle sfide casalinghe giocate contro Macerata (quando ottenne anche il premio di mvp del match) e soprattutto contro Trento, circostanza in cui mise a terra 12 palloni contribuendo al successo per 3-2 della Stamplast sull’Itas Diatec Trentino e facendosi notare da Stoytchev che lo ha voluto fortemente nella rosa della formazione del prossimo anno. Corsini, trentenne centrale di 202 centimetri, è un giocatore dotato di un primo tempo molto efficace ma anche di una buona capacità di lettura a muro. Nel suo curriculum spiccano due promozioni in serie A1, entrambe ottenute con la maglia di Forlì nel 1997 e nel 1999, e la vittoria della Coppa Italia di serie A2, conquistata sempre nel 1999 con la compagine romagnola.
Filippo Sbrolla torna a Mantova25/06/2009

Filippo Sbrolla torna a Mantova

La società Top Team Volley Mantova, nella giornata di ieri ha perfezionato l'accordo con il palleggiatore tesserato Itas Diatec Trento, Filippo Sbrolla che dopo la stagione di Latina,torna a Mantova,squadra con la quale ha conquistato la promozione in serie A2. Sbrolla insieme ad Axel Jacobsen formerà la coppia di palleggiatori della squadra bianco rossa.
Georgina Pinedo a Chieri25/06/2009

Georgina Pinedo a Chieri

Il Chieri Volley Club comunica l'accordo raggiunto tra il dg Antonio Vagliengo e l'attaccante argentina Georgina Pinedo, lo scorso anno in forza al San Vito dove con ben 569 punti si è segnalata quale miglior banda del campionato di A2. Pinedo, attualmente impegnata con la propria Nazionale ai Giochi Panamericani di Miami, ha a lungo temporeggiato prima di accettare la proposta di Chieri proprio per il legame intenso creatosi con la società e la città di San Vito in questa stagione. Nei prossimi giorni Oronzo Chilla, procuratore dell'atleta, sarà a Torino per firmare il nuovo contratto. "Dopo aver declinato altre offerte non ritenendole progettualmente importanti - ha commentato Oronzo Chilla - abbiamo sciolto l'ultima riserva in favore di Chieri, società ambiziosa che ha accolto tutte le nostre richieste con grande disponibilità. Devo riconoscere che è stato difficilissimo dover dire di no al Presidente Sabatelli per l'assoluta correttezza dimostrata anche in questa circostanza e per il legame profondo creatosi tra Georgina e l'intera comunità di San Vito". "Con l'arrivo a Chieri della Pinedo - spiega Antonio Vagliengo - abbiamo raggiunto uno degli obiettivi primari della nostra campagna, una giocatrice cercata fin dai primi giorni di mercato. La soddisfazione è molta perchè si tratta di una schiacciatrice di assoluto livello che porterà un valore aggiunto al nostro ambizioso progetto. Desidero ringraziare tutte le parti che hanno collaborato a questa complessa trattativa per la disponibilità dimostrata".
Lucio Antonio Oro ad Isernia25/06/2009

Lucio Antonio Oro ad Isernia

La campagna acquisti de La Fenice Volley Isernia entra nel vivo. Nella giornata di ieri, infatti, la dirigenza biancoazzurra ha piazzato un colpo da novanta portando nel capoluogo della provincia pentra il brasiliano, naturalizzato italiano, Lucio Antonio Oro. Roma, Vibo Valentia, Cuneo sono solo le ultime casacche indossate nella ormai lunga carriera in Italia del forte opposto verdeoro, approdato nel bel paese, e precisamente a Cagliari, nel 2002. Oro sarà, dunque, il terminale offensivo della formazione del riconfermato Fenoglio, la punta di diamante che la tifoseria attendeva con ansia; di sicuro, i supporters biancoazzurri saranno più che soddisfatti nel nuovo arrivo, già un loro beniamino ai tempi in cui lo schiacciatore brasiliano martellava per l’Ermolli Castelnuovo. “ E’ vero – sottolinea il posto due – sin da allora i tifosi di Isernia sono stati molto affettuosi nei miei confronti e sono davvero felice di poter ricambiare tanto affetto giocando per Isernia. Al momento, però, non mi sento di fare promesse poiché non conosco tutti i miei nuovi compagni, in particolare il palleggiatore Batista e lo schiacciatore Janusek, ma una volta insieme in palestra potremo determinare il nostro reale valore. L’unica promessa che mi sento di fare è che da parte mia ci sarà il massimo impegno: la pallavolo è passione, ma a questi livelli è anche un lavoro e, quindi, è giusto che la società e la tifoseria ottengano da me la massima professionalità. Poi è naturale che sia a livello di squadra che a livello personale l’obiettivo è di fare meglio di quanto fatto nelle stagioni precedenti”. Fino a questo momento la campagna acquisti portata avanti dal dg Fraraccio, di concerto con il trainer Fenoglio, ha disegnato una squadra giovane, seguendo quella “linea verde” che La Fenice porta avanti già da qualche anno. Di conseguenza, il trentaduenne Lucio Antonio Oro, oltre al compito di mettere a terra i palloni che scottano, dovrà assumere anche il ruolo di “chioccia” del gruppo. “E’ la mia prima volta da ‘vecchietto’ della squadra…gli anni passano! Comunque, sono contento di poter vivere questa interessante esperienza con il ruolo da più esperto. In allenamento soprattutto, i più giovani saranno la mia benzina, perché loro avranno tanto entusiasmo e tanta voglia di fare e io dovrò tenere il passo. Mi piace questo ruolo: è stimolante!” Con l’arrivo di un giocatore di esperienza e di livello come Oro, al sestetto base messo a disposizioni di coach Fenoglio mancano solo due pedine: i centrali, ma in questi giorni la società si sta muovendo anche per completare il resto della rosa.
Sigla.com - Internet Partner