Archivio Volley mercato

Lasko triennale a Cuneo14/06/2006

Lasko triennale a Cuneo

E’ andata a buon fine la trattativa di mercato che porta l’opposto azzurro Michal Lasko alla Bre Banca Lannutti di Silvano Prandi per i prossimi tre anni. I primi contatti con il giocatore, in forza al Vibo Valentia ma dal cartellino di proprietà della Sisley di Treviso, sono iniziati a maggio subito dopo la fine del Campionato. Lasko è giocatore molto apprezzato oltre ad essere il miglior giovane opposto italiano sul mercato, quindi obiettivo ambito anche da altri importanti club. Ieri, però, il general manager di Piemonte Volley, Marco Pistolesi, in un decisivo incontro con i vertici della società trevigiana, è riuscito nell’intento siglando un accordo sia con questi ultimi che con l’atleta, che vestirà la maglia di Cuneo per i prossimi tre anni. “Sono onorato che una società come Cuneo abbia deciso di puntare su di me – dice Lasko raggiunto telefonicamente a Salsomaggiore nel ritiro della Nazionale - per la mia carriera è un passo molto importante, forse il più importante fino adesso. Ho scelto di venire a Cuneo per il progetto, per il retaggio e le ambizioni della squadra, nonostante avessi altre proposte ma nessuna mi sembrava così concreta, Cuneo ha un grande nome, risultati e un storia societaria importanti. Naturalmente hanno influito sulla mia scelta la possibilità di avere Silvano Prandi come allenatore e i compagni di squadra, il gruppo mi sembra buonissimo anche caratterialmente, il che è importante per lavorare bene.” Con la Nazionale: “è dura però è bello, mi diverto sempre e faccio quello che mi piace ad un livello altissimo: spero di rimanerci al più lungo possibile!”. L’acquisto di Michal Lasko si aggiunge ad altre operazioni di mercato mirate a rinforzare la Bre Banca Lannutti, che il prossimo anno disputerà la competizione internazionale più prestigiosa: la Champions League. Infatti questa estate si uniranno al gruppo di Prandi gli schiacciatori Giacomo Rigoni (già a Cuneo dal 1996 al 2000 prima in B1 poi in A1) nell’ultima stagione nella rosa di Cagliari ed il brasiliano Manius Abbadi, tra i migliori attaccanti dell’A2, che ha esordito in Italia con Gioia del Colle. Vice di Coscione sarà il palleggiatore astigiano Edoardo Rabezzana, lo scorso anno secondo di Grbic a Piacenza, con cui ha conquistato la Top Teams Cup. Soddisfazione per la dirigenza cuneese, certa di offrire ai propri tifosi una rosa competitiva per i grandi appuntamenti della prossima stagione, al lavoro ancora i tecnici per possibili nuovi innesti.
Chiara Negrini ancora a Castelfidardo13/06/2006

Chiara Negrini ancora a Castelfidardo

Un altro assenso importante, di quelli che consentono di guardare con ottimismo al domani. Il matrimonio tra la Marche Metalli e Chiara Negrini continua: la schiacciatrice vestirà la maglia gialloblu per la quarta stagione complessiva, la terza consecutiva. La nuova Marche Metalli raccoglie così anche il “sì” della sua capitana, che va ad aggiungersi alle firme sui contratti già sottoscritte da Swiderek, Campanari e Mazzoni. Una conferma importante, che permette al club di piazzale Olimpia di “gestire” il mercato con maggiore serenità. “Nel momento in cui prendo una decisione – sottolinea la schiacciatrice chiaravallese – so che quella è la scelta giusta. Di offerte ne ho ricevute tante, anche da club di serie A1, ma con Castelfidardo c’è un profondo legame”. La Marche Metalli riparte dunque dalle sue certezze. “E’ molto bello sapere di avere in squadra compagne come Claudia, Barbara ed Anna, le sento tutte molto vicine”. Gli obiettivi sono presto tracciati. “Ci siamo lasciate alle spalle una stagione davvero positiva, in tutto e per tutto. Ma chi l’ha detto che non si possa far meglio? Non dobbiamo pensare che sia difficile ripetere quanto abbiamo fatto nell’ultimo campionato. L’A1? E’ il sogno di tutti gli atleti, anche il mio. Ma credo sia più gratificante conquistarla sul campo. Preferisco entrare sempre dalla porta principale. Moretti? Ci conosciamo da tanti anni, già in passato avevamo tentato di lavorare assieme, ma senza successo. Credo di avere la sua stima, di sicuro lui ha la mia”.
Birarelli a Verona13/06/2006

Birarelli a Verona

La Società BluVolley Verona comunica di essersi assicurata per le prossime tre stagioni le prestazioni sportive di Emanuele Birarelli, centrale di 200 centimetri classe 1981. Birarelli arriva a Verona dopo l’ultima stagione giocata nella Mercatone Uno Pineto dove ha collezionato trentasei presenze mettendo a segno 302 punti (media di 8,6 a partita); in precedenza il centrale nato a Senigallia (An) ha vestito le maglie di Falconara (98-99 in Serie A2), Bottega (99-00 in Serie B1), ancora Falconara (00-02) e Ancona (02-03). Nelle successive due stagioni sportive, Birarelli è rimasto inattivo.
Raphael Oliveira e Jim Polster a Vibo12/06/2006

Raphael Oliveira e Jim Polster a Vibo

Il progetto della Volley Tonno Callipo 2006/2007 comincia a prendere corpo. Il Presidente Pippo Callipo, con il suo consulente tecnico Nico Agricola ed il Mister Stelio De Rocco, annuncia i primi colpi di mercato messi a segno, che inaugurano la campagna di potenziamento della squadra giallo-rossa. Il nuovo palleggiatore è Raphael Oliveira. Il brasiliano Raphael, classe 79, 190 cm di altezza, era in forza, nel campionato scorso, alla Dinamo Kazan, con la quale ha disputato la Top Team e la semifinale del campionato russo. Con la nazionale brasiliana ha vinto, da titolare, il campionato sud-americano 2005. L’altro arrivo in casa giallo-rossa è lo schiacciatore Jim Polster, classe 79, 198 cm, titolare della Nazionale USA con la quale, a novembre scorso, ha vinto la medaglia d’argento della FIVB World Grand Champions Cup.
Heather Bown ad Jesi12/06/2006

Heather Bown ad Jesi

Dopo la riconferma di Iliyana Petkova, ecco la prima novità per il reparto delle centrali: vestirà la maglia della Monte Schiavo nella prossima stagione, la statunitense Heather Bown. Nata a Orange (USA), il 29 novembre 1978, centrale di 1.91 m, Bown è arrivata in Italia, per la prima volta, nel 2000, dopo essersi esclusivamente dedicata alla nazionale a stelle e strisce. La sua prima squadra italiana è stata la Mirabilandia di Ravenna (nella quale giocava anche Henriette Weersing), dove è rimasta per due stagioni (2000/2001 e 2001/2002) prima di approdare alla Foppapedretti Bergamo (2002/2003) e quindi al Volley Modena (2003/2004). Dopo i grandi club dell'A1, Heather ha deciso di provare l'esperienza di una neopromossa, la Siciliani Santeramo (2004/2005). La scorsa stagione (dal 23 dicembre 2005), la forte centrale americana è arrivata a Tortolì, sempre in A1. Con la Nazionale USA ha disputato la storica finale mondiale del 2002, persa contro l'Italia di Togut e compagne. Vicecampione del mondo, Heather Bown sta prendendo parte al collegiale statunitense di Jenny Lang Ping e probabilmente sarà ai prossimi Mondiali di novembre. Porta in dote un'ottima conoscenza del volley italiano e resta una delle migliori attaccanti nello "stacco ad un piede".
Caponeri vice allenatore di Macerata12/06/2006

Caponeri vice allenatore di Macerata

Massimo Caponeri è il nuovo assistant coach della Lube Banca Marche. – Toscano di Chianciano Terme, 42 anni, Caponeri è reduce da una stagione alla Rpa Perugia iniziata come assistente di Piero Molducci e poi continuata, fino al termine del campionato, nelle vesti di primo allenatore. “Quando ho ricevuto la chiamata di Macerata – ha detto il tecnico, che ha già lavorato con De Giorgi, sempre a Perugia, nelle stagioni 2003/2004 e 2004/2005 - sono letteralmente sobbalzato sulla sedia ed ho immediatamente detto si. Felicissimo di poter tornare a lavorare al fianco di Ferdinando De Giorgi ed ancor più di poterlo fare nella società campione d’Italia”.
Biljana Gligorovic ad Altamura12/06/2006

Biljana Gligorovic ad Altamura

E' finalmente arrivato il primo acquisto della Lines Tradeco Altamura per il prossimo campionato di A1. Si chiama Biljana Gligorovic ed è stata palleggiatrice a Padova, Santeramo, Imola e Reggio Calabria. Ha 24 anni ed è alta 1.82. Nata in Croazia ha fatto carriera in Italia ad alti livelli. Giovane ma dotata d talento e professionalità, ha vinto con il Reggio Calabria la finale scudetto 2000/2001 a soli 19 anni. "Questo primo colpo di mercato dimostra in pieno la volontà della società di allestire una squadra competitiva per la lotta alla salvezza". Ma è solo l'inizio e il diesse Laterza non fa mistero dei contatti avuti in settimana anche con alcuni procuratori per nuovi innesti e atlete della passata stagione da riconfermare: "Stiamo valutando ma non abbiamo intenzione di fare spese folli".
Mari a Pesaro11/06/2006

Mari a Pesaro

E' Marianne Steinbrecher (alias Mari), schiacciatrice titolare della nazionale brasiliana, il primo volto nuovo nella Scavolini 2006/2007. Nata a San Paolo il 23 agosto 1983, Mari è alta 1.89 e proviene dal Finasa Osasco, con cui ha vinto due volte la Superliga brasiliana nel 2003 e 2004. "Mari è una giocatrice di grande valore - dice la sua connazionale Sheilla, al terzo anno a Pesaro - ed una ragazza d'oro. Penso che la nostra squadra abbia fatto un grande acquisto: da parte mia le do il benvenuto tra noi e mi auguro che assieme possiamo mantenere la Scavolini tra le migliori squadre d'Italia e d'Europa". Il presidente Sandro Sardella ricorda: "La seguivamo sin dal Torneo di Courmayeur di due anni fa, quando addocchiammo per la prima volta anche Sheilla. E' la schiacciatrice giovane e potente che cercavamo e che completa alla perfezione il nostro sestetto". Queste le prime parole della neo-biancorossa, raccolte a Montreux al termine di Italia-Brasile (vinta 3-0 dalle verdeoro e chiusa da una sua battuta al salto): "Ho scelto la Scavolini perchè la squadra ha già una giocatrice brasiliana e perché Sheilla mi ha raccontato che il lavoro lì è serio. Ho sentito che a Pesaro i dirigenti sono persone tranquille e amichevoli. Voglio migliorare ogni giorno e aiutare la squadra a vincere i tornei. Voglio vincere il campionato italiano, il più forte al mondo. So che Pesaro è una città tranquilla, ma che fa molto freddo d'inverno. Per noi brasiliane non è facile. Siamo abituate a un clima più caldo. Perchè mi chiamano 'donna di ghiaccio'? A darmi questo soprannome è stato un cronista della TV. Secondo me è perché sono un po' timida e parlo poco in campo. Questo è diverso dalle altre brasiliane e così si vede molto. Se io giocassi in Russia sarebbe una cosa normale".
Sottile a Perugia, Douglas a Latina11/06/2006

Sottile a Perugia, Douglas a Latina

Perugia ha ufficializzato l'acquisto del palleggiatore Daniele Sottile da Vibo Valentia, Latina l'arrivo del centrale brasiliano Douglas Cordeiro dall'On Line-Novo Amburgo,
Valdone Petrauskaite a Vicenza11/06/2006

Valdone Petrauskaite a Vicenza

Per la prima volta nella storia una giocatrice lituana giocherà nel campionato italiano di pallavolo femminile.La Minetti Infoplus ha annunciato, infatti, oggi l’ingaggio della schiacciatrice ricevitrice Valdone Petrauskaite, atleta giovane (compirà 22 anni il 23 agosto) ma che ha già alle spalle un bagaglio di esperienze importante. Dopo aver giocato nell’Heska, squadra della prima divisione lituana, la Petrauskaite ha infatti militato negli ultimi cinque anni nel campionato francese, prima nell’Istres, dove è arrivata appena diciassettenne nel 2001, e poi, dal 2004 al 2006, nel Riom, il secondo club transalpino dopo il Cannes. Proprio con la maglia del Riom, Valdone è stata la seconda miglior realizzatrice del campionato francese del 2005-2006 con una media di 17 palloni messi a terra a partita, guadagnandosi anche un posto nella formazione straniere del primo All Star Game transalpino. Nel suo curriculum, ci sono inoltre 23 presenze con la nazionale lituana indoor e 32 con quella di beach. Numeri che avevano attirato su di lei l’attenzione anche di un club spagnolo, l’Albacete, e di uno brasiliano (il Macaé, la terza forza del campionato carioca). Alla fine, però, l’ha spuntata la caparbietà del presidente della Minetti Infoplus Vicenza, Giovanni Coviello, che, dopo aver seguito la giocatrice negli ultimi tre mesi e dopo aver fatto visionare a coach Benelli un dvd con le sue partite, ha convinto Valdone, nonostante fosse stata già data per certa in Spagna dalla stampa locale, a venire a Vicenza per un provino. Il test, effettuato mercoledì scorso da Manù Benelli, è andato bene (“anche a livello caratteriale” precisa Coviello), e ieri, dopo una lunga trattativa senza agenti e, quindi, diretta (“è stata divertente anche se serrata” commenta il patron vicentino, che ha ammirato l’autonomia della ragazza “che da quando aveva 17 anni ha imparato a gestirsi da sola, lasciata libera di crescere dalla madre”, anche lei giocatrice di volley), è stato firmato il contratto che lega la giocatrice alla società biancorossa per i prossimi due anni. Per la Minetti è l’ottavo ingaggio in vista della prossima stagione, il primo di un’atleta non italiana, comunque comunitaria e in procinto, forse già ad agosto, di ottenere il passaporto francese per poter giocare nella nazionale transalpina. Alta “solo” 1,81 m, la Petruskaite ha però ottime doti atletiche, con un reach senza salto di 237 cm, un salto a muro di 287 e una elevazione in attacco di ben 310 cm. Un’atleta completa e potente, che potrebbe colmare il vuoto lasciato dalla partenza della Djerisilo. “Non è mai opportuno fare paragoni, ma è vero che ci sono delle affinità tra le due giocatrici – aggiunge Coviello -. Anche la Petrauskaite è molto versatile, gioca sia in posto 2 che in posto 4, riceve, batte in salto e schiaccia dalla seconda linea oltre che in fast. E, cosa che non guasta, rientra nei nostri parametri di budget. Darà spettacolo, ne sono certo”.
Pippi a Perugia, è ufficiale09/06/2006

Pippi a Perugia, è ufficiale

Per diverse estati è stato nei desideri di tutta una Società. Oggi il presidente Sciurpa l'ha finalmente riportato a casa. Damiano Pippi, il migliore ed il più esperto libero italiano, vestirà la maglia biancorossa . "Un sogno si è avverato - commenta Claudio Sciurpa -. Far tornare a Perugia uno dei pezzi più pregiati del volley mondiale ci elettrizza e sono sicuro che saprà suscitare lo stesso anche nei nostri tifosi". Nato a Castiglion del Lago il 23 agosto del '71, Nazionale dall'88 e con una bacheca infinita di titoli sulle spalle, Damiano torna nella società con cui iniziò a giocare, quella Trasimeno Volley che da cinque anni si è spostata nel capoluogo sotto il nome di Perugia Volley. "Questa nuova avventura mi entusiasma - confida lo stesso Pippi - giocare nella città dove sono nato è uno stimolo eccezionale e spero di contribuire a far crescere la squadra". Dieci anni a Modena, tre a Padova e Spoleto, due a Treviso e uno a Montichiari. Se facciamo partire la sua carriera dalla stagione '87-'88, dove con l'Olio Venturi Spoleto disputò e vinse il campionato di A2, il 20esimo anno da professionista Damiano Pippi lo trascorrerà sotto le volte del PalaEvangelisti. Pippi difenderà i colori di Perugia per le prossime 4 stagioni sportive.
Carletti a Bassano09/06/2006

Carletti a Bassano

Bertrand Carletti è il nuovo alzatore del Fiorese Spa Bassano: l’accordo era già nell’aria da tempo, ma la firma sul contratto è arrivata solo nelle ultime ore. La società del presidente Signor mette così a segno il primo colpo di mercato garantendosi per la stagione ’06-’07 le prestazioni sportive del giovane regista transalpino. Proveniente in prestito dalla Sisley Treviso, che l’ha scoperto nella sua squadra di origine, l’Arago de Sete, Bertrand Carletti (1982, 205 cm) è una delle giovani promesse della pallavolo francese al punto da essere stato recentemente convocato nei 18 della nazionale maggiore dei “blues” che si stanno preparando per il mondiale, oltre ad essere il palleggiatore titolare della “Francia B”. Carletti arriva dunque in prestito per un anno a ulteriore conferma della bontà dei rapporti che intercorrono tra il Fiorese Spa Bassano e la Sisley Treviso, la casa madre che l’anno scorso ha fatto firmare al giovane regista addirittura un triennale. Con la Sisley è reduce dalla vittoria in Champions League, dalla conquista della Supercoppa Italiana e dalla finale scudetto persa con la Lube. Nato il 19 Aprile del 1982 da padre italiano e madre francese, Carletti è cresciuto pallavolisticamente nel club di serie A francese, Arago de Sete, suo unico club prima dell’esperienza trevigiana. Bassano sarà dunque la sua seconda esperienza fuori dalla Francia e il Fiorese Spa la sua seconda squadra italiana. Carletti, nonostante sia solo al suo secondo anno in Italia, la nostra lingua la conosce e la parla in maniera fluente, per merito delle origini cuneesi dei suoi avi.
Sigla.com - Internet Partner