Busto Arsizio e Villa Cortese conquistano la finale scudetto femminile

04/04/2012

Busto Arsizio e Villa Cortese conquistano la finale scudetto femminile
Gara 3 Semifinali (04/04/2012) - Play Off A1, Stagione 2011/2012

YAMAMAY BUSTO ARSIZIO - REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA 3-0 (25-17, 25-20, 25-22)
YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Lloyd 7, Havlickova 10, Dall'ora 2, Leonardi (L), Marcon 10, Bauer 15, Meijners 15, Lotti, Bisconti. N.e. Caracuta, Havelkova, Pisani. All. Carlo Parisi.
REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA: Pachale 10, Davis (L), Leggeri 4, Richards 1, Turlea 16, Dall'igna, Nicolini 3, Lehtonen 6, Cella. N.e. Mazzocchi, Callegaro, Malvestito. All. Riccardo Marchesi.
ARBITRI: Daniele Rapisarda e Andrea Puecher. NOTE - Spettatori 3582, durata set: 23', 25', 27'; tot: 75'.

MC-CARNAGHI VILLA CORTESE - NORDA FOPPAPEDRETTI BERGAMO 3-0 (25-19, 26-24, 25-13)
MC-CARNAGHI VILLA CORTESE: Carocci (L), Stufi, Perinelli, Berg 1, Pavan 21, Guiggi 5, Cruz 13, Bosetti 11, Pincerato, Bosetti, Wilson 11, Puerari (L). N.e. Barborkova. All. Marcello Abbondanza.
NORDA FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Nucu 4, Signorile 1, Quaranta 4, Diouf 4, Merlo (L), Di Iulio, Ruseva 2, Piccinini 7, Arrighetti 8, Vasileva 8, Serena 2. N.e. Gabbiadini. All. Davide Mazzanti.
ARBITRI: Nico Castagna e Roberto Boris. NOTE - Spettatori 1550, durata set: 27', 29', 24'; tot: 80'.

Saranno la Yamamay Busto Arsizio e l'MC-Carnaghi Villa Cortese le due squadre che si contenderanno lo Scudetto dell'edizione numero 67 della storia del Campionato Pallavolo Serie A1 Femminile.
Decisiva Gara 3 delle semifinali. La Yamamay Busto Arsizio ha superato per 3-0 (2-1 nella serie) la rivelazione Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, mentre l'MC-Carnaghi Villa Cortese ha battuto, sempre per 3-0 (2-1 nella serie), la Norda Foppapedretti Bergamo, campione d'Italia uscente.
In virtù dei risultati di questa sera Yamamay Busto Arsizio e MC-Carnaghi Villa Cortese parteciperanno alla prossima Champions League, Rebecchi Nordmeccanica Piacenza e Chateau d'Ax Urbino alla CEV Cup, Liu Jo Volley Modena alla Challenge Cup.
Dunque sarà nuovamente un derby lombardo la finalissima dello Scudetto, dopo quello palpitante ed emozionante di un anno fa tra Bergamo e Villa Cortese.
All'ultimo atto di questo campionato, sempre più bello ed avvincente, arriva da una parte la Yamamay Busto Arsizio, mattatrice di una stagione che l'ha vista protagonista non solo nella regular season, ma anche dominatrice della Coppa Italia e della Cev Cup, vinte con pieno merito e ora pronta ad entrare nella storia con l'esordio assoluto in una finale tricolore. Per le 'farfalle' di Parisi la possibilità di centrare il 'triplete'.
L'altra finalista è l'MC-Carnaghi Villa Cortese che coglie così la sua terza finale Scudetto in tre anni di militanza in Serie A1 con l'obiettivo di sfatare il tabù che l'ha vista soccombere prima contro Pesaro e poi contro Bergamo. Villa Cortese in questa stagione ha dimostrato qualità nell'organico, arrivando in fondo alla Champions League con l'accesso alla Final Four di Baku, un campionato sempre di grande livello ed una Supercoppa Italiana sfuggita al tie-break di un soffio proprio contro Bergamo.
Al PalaYamamay, la squadra di Parisi fa valere il fattore campo e, con un netto 3-0, elimina la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza dalla corsa Scudetto.
Battuta e correlazione muro-difesa le chiavi di un match vinto a pieno merito dalla formazione di Parisi dove hanno brillato le stelle di Meijners (punti, 46% in attacco, 3 muri) e di Marcon.
Primo set con la Yamamay subito in avanti (7-0) sfruttando il servizio di Bauer davvero devastante. Pachale e Lehtonen rimettono in partita Piacenza, ma è ancora Bauer a fare la differenza (15-10). Havlickova allunga sul 18-10 poi è la Bauer a chiudere sul 25-17.
Nel secondo set Havlickova e Meijners rilanciano subito le ambizioni della Yama che subisce il ritorno delle avversarie mai dome. Leggeri e Turlea riavvicinano le emiliane (20-17), ma nel finale Meijners e Bauer portano le lombarde sul 2-0 (25-20).
Terzo set con Havlickova in grande spolvero (6-2), poi però è la Rebecchi Nordmeccanica a rialzare la testa e con Leggeri e Turlea riacciuffa le padrone di casa (12-12). Si viaggia sui binari della perfetta parità (17-17), ma l'errore di Pachale (22-21) e il muro di Llyod (23-21) portano Busto ad un passo dal sogno che prende corpo quando due grandi gesti tecnici di Marcon (25-22) mandano in visibilio il PalaYamamay per l'accesso alla prima storica finale Scudetto.
Al PalaBorsani, invece, s'infrange il sogno della Norda Foppapedretti Bergamo di difendere il titolo tricolore conquistato quasi un anno fa al Mediolanum Forum di Assago. Merito di una MC-Carnaghi Villa Cortese tatticamente perfetta e sempre protagonista di una partita dove muro e difesa han fatto la differenza. Sugli scudi Pavan, match-winner in una serata dove l'ottima Lucia Bosetti ha messo in mostra colpi d'alta scuola e dove Cruz è stata superlativa. Bergamo ha retto solo nel secondo set quando ha portato ai vantaggi le padrone di casa dopo una rimonta nel finale di frazione deciso dalla solita Pavan.
Parte subito forte l'MC-Carnaghi che gioca sul velluto davanti ad un PalaBorsani esaurito in ogni ordine di posto e grado. Subito 13-8 con Pavan in evidenza. L'attacco out di Piccinini (15-9) e la pipe di Lucia Bosetti (17-9) permettono a Villa Cortese di guadagnare un buon vantaggio nonostante il ritorno nel finale di Bergamo affidato a Piccinini (23-17). Lucia Bosetti chiude sul 25-19. Secondo set di buon livello con la Norda Foppapedretti Bergamo che prova a mettere il cuore oltre la rete. Arrighetti si carica la squadra sulle spalle, ma Villa Cortese non cede di un centimetro (11-9). E' a muro che l'MC-Carnaghi costruisce la prima mini fuga con Wilson (18-15) che sbarra la strada a Piccinini e Vasileva. La bulgara però si riscatta e riporta sotto la Foppa (20-19) in un finale emozionante che lancia la squadra cortesina sul 24-21. La Norda non demorde, annulla tre set ball e costringe Villa Cortese ai vantaggi dove due prodezze di Pavan fanno esplodere il PalaBorsani per il 26-24. Terzo set senza storia con la squadra di casa decisamente con una marcia in più (15-7) e una Foppa che tenta di rientrare in partita aggrappandosi alla Piccinini. Mazzanti prova a rivoluzionare l'assetto, ma Villa Cortese è cinica. Cruz sigla il 23-13, poi Berg innesca Guiggi che in fast mette a terra il 25-13.
Da sabato 7 aprile sarà spettacolo assicurato con Gara 1 della finale Scudetto al PalaYamamay (diretta Rai Sport 1). Fischio d'inizio alle ore 20,30. La storia continua: una tra Busto Arsizio e Villa Cortese per la prima volta scriverà in calce il proprio nome nell'albo d'oro del Campionato Pallavolo Serie A1 Femminile.

Il programma della Finale Scudetto
Gara 1
Sabato 7 aprile ore 20.30 (diretta Rai Sport 1)
Yamamay Busto Arsizio - MC-Carnaghi Villa Cortese
Gara 2
Lunedì 9 aprile ore 20.30 (diretta Rai Sport 2)
Yamamay Busto Arsizio - MC-Carnaghi Villa Cortese
Gara 3
Mercoledì 11 aprile ore 20.30 (diretta Rai Sport 1)
MC-Carnaghi Villa Cortese - Yamamay Busto Arsizio
Ev. Gara 4
Venerdì 13 aprile ore 20.30 (diretta Rai Sport 1)
MC-Carnaghi Villa Cortese - Yamamay Busto Arsizio
Ev. Gara 5
Domenica 15 aprile ore 20.30 (diretta Rai Sport 2)
Yamamay Busto Arsizio - MC-Carnaghi Villa Cortese

67° CAMPIONATO PALLAVOLO FEMMINILE A1 - La formula della Finale Scudetto
La Finale Scudetto si giocherà al meglio delle tre partite vinte su cinque (gara 1, gara 2 e l'eventuale gara 5 si disputano in casa della squadra con la miglior classifica al termine della regular season).
Sigla.com - Internet Partner