Conclusa la regular season di SuperLega maschile: Perugia al primo posto

24/03/2019

Risultati della 13a giornata di ritorno della SuperLega Credem Banca: 
Revivre Axopower Milano-Sir Safety Conad Perugia 3-2 (16-25, 25-22, 18-25, 25-19, 15-10);
Calzedonia Verona-Azimut Leo Shoes Modena 2-3 (15-25, 20-25, 25-23, 25-19, 12-15);
Emma Villas Siena-Consar Ravenna 3-2 (18-25, 25-23, 26-28, 25-14, 15-12);
Kioene Padova-Top Volley Latina 3-0 (25-21, 26-24, 25-23); Cucine Lube Civitanova-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-0 (28-26, 25-22, 25-15);
Globo Banca Popolare del Frusinate Sora-BCC Castellana Grotte 3-0 (25-20, 25-14, 25-19).
Itas Trentino-Vero Volley Monza 3-1 (25-17, 23-25, 25-20, 25-18);

Revivre Axopower Milano - Sir Safety Conad Perugia 3-2 (16-25, 25-22, 18-25, 25-19, 15-10)
Revivre Axopower Milano: Sbertoli 2, Clevenot 17, Bossi 11, Abdel-Aziz 9, Cebulj 12, Kozamernik 9, Hoffer (L), Pesaresi (L), Izzo 0, Basic 0, Hirsch 2. N.E. Innocenzi, Piano, Gironi. All. Giani.
Sir Safety Conad Perugia: De Cecco 5, Lanza 17, Podrascanin 13, Atanasijevic 12, Leon Venero 21, Ricci 3, Piccinelli (L), Colaci (L), Seif 0, Della Lunga 0, Berger 1, Galassi 1, Hoogendoorn 1, Hoag 0. N.E. All. Bernardi.
ARBITRI: Sobrero, Tanasi. NOTE - Spettatori 4.213, durata set: 24', 26', 25', 27', 18'; tot: 120'. MVP: Kozamernik

È la Revivre Axopower Milano ad aggiudicarsi l’ultima gara di Regular Season al PalaYamamay di Busto Arsizio contro la Sir Safety Conad Perugia. Vittoria in rimonta al tie break per la squadra di casa che aggiunge altri due punti al proprio bottino in Campionato e si porta a quota 49 in classifica, con quinto posto finale in virtù del successo per 3-2 di Modena su Verona. Primato solitario invece per Perugia (67). È il forfait di Maar per un risentimento muscolare l’unica novità in campo. La Sir Safety Conad si conferma temibile a servizio e in attacco e con i due fondamentali (5 ace e 65% di positività) chiude il primo set 16-25, con il punto finale di Podrascanin. Nettamente più combattuto il secondo parziale, con Perugia che prova l’allungo ma è la Revivre Axopower a trovare la forza per portarsi sul 22-18, con Clevenot che attacca in diagonale per il 25-22. È però nuovamente Perugia a tornare avanti, spingendo in attacco (71% di squadra nel quarto parziale) e chiudendo 18-25 sul servizio out di Nimir. Lo spettacolo non finisce perché la Powervolley, grazie ai colpi di Nimir e Cebulj, porta il match al tie break (25-19). Emozioni a non finire nel quinto set, con Milano a spingere fin dall’inizio con una prova corale. I meneghini si impongono con un 15-10 finale, decretato dall’errore di Leon in battuta. Grande spettacolo pallavolistico offerto al PalaYamamay di Busto Arsizio e Regular Season chiusa per entrambe le squadre che ora potranno dedicarsi con testa e gambe ai Play Off, pronti ad iniziare nel prossimo week end con Milano impegnata in trasferta a Modena e Perugia che ospiterà Monza.
Spettatori: 4.213
MVP: Jan Kozamernik (Revicre Axopower Milano)
Jan Kozamernik (Revivre Axopower Milano) : “Per noi era importante scendere in campo e dimostrare di essere al livello delle grandi. La vittoria contro Perugia è una grandissima iniezione di fiducia, anche se un po’ ci dispiace perché potevamo chiudere al quarto posto. Siamo consapevoli di essere molto forti e lo stiamo dimostrando, perché questa prestazione è il miglior modo per prepararci all’inizio dei Play Off”.
Luciano De Cecco (Sir Safety Conad Perugia) : “E’ stata una partita combattuta e i valori in campo lo hanno dimostrato. Noi abbiamo giocato una buona pallavolo a tratti, quindi merito a Milano di aver vinto la partita, merito nostro per aver messo i rivali in difficoltà per due set. Ora è tempo di spostare l’attenzione ai Play Off”.
 
Calzedonia Verona - Azimut Leo Shoes Modena 2-3 (15-25, 20-25, 25-23, 25-19, 12-15)
Calzedonia Verona: Spirito 1, Manavinezhad 1, Solé 10, Boyer 16, Kaziyski 24, Alletti 4, Giuliani (L), Marretta 0, De Pandis (L), Birarelli 5, Sharifi 5, Pinelli 1. N.E. Magalini. All. Grbic.
Azimut Leo Shoes Modena: Christenson 2, Urnaut 7, Mazzone 8, Zaytsev 26, Bednorz 16, Holt 15, Pierotti (L), Tillie 3, Rossini (L), Kaliberda 2. N.E. Anzani, Van Der Ent, Keemink, Pinali. All. Velasco.
ARBITRI: Cesare, Bartolini. NOTE - Spettatori 5.086, durata set: 23', 24', 30', 30', 18'; tot: 125'. MVP: Christenson.

Una partita da urlo all’Agsm Forum. Un vero spettacolo di pallavolo, in cui Modena agguanta il quarto posto contro una Calzedonia Verona che non molla fino alla fine. Un saluto in grande stile alla Regular Season, accompagnato prima da un momento di grandissima emozione, con la consegna al piccolo Tommy del ricavato della raccolta fondi in favore dell’Associazione UNITI per il Comitato UFFI Onlus, per finanziare la ricerca sull’ittiosi lamellare. I primi due set sono di marca modenese. Gli emiliani, grazie a una grande prestazione al servizio, mettono parecchio in difficoltà i padroni di casa. La Calzedonia gioca di esperienza ma non riesce a tenere il passo di Modena, che con Bednorz in battuta crea un buon break e chiude il primo set. Il secondo parziale è più combattuto, Verona mette la testa avanti in un paio di occasioni. Ace dell’ex Pinelli, ma Modena martella con Bednorz e Zaytsev e sembra poter portare a casa l’intera posta. Cambia tutto, però, nel terzo set, che inizia punto a punto. Verona si accende, con Solé (migliore a muro per questa Regular Season) e con un monumentale Kaziyski. Nella seconda parte del set i conti si chiudono con un doppio ace del bulgaro. Nel quarto set le cose sembrano ribaltate, è Verona che domina e prende il largo, si va alla resa dei conti, in cui gli uomini di Velasco stabiliscono un vantaggio iniziale e riescono a portare a casa una vittoria sofferta ma fondamentale.
Spettatori: 5.086
MVP: Micah Christenson (Azimut Leo Shoes Modena)
Nikola Grbic (allenatore Calzedonia Verona) : “Il nostro atteggiamento iniziale non era sbagliato, ma loro hanno battuto bene e ci hanno messo pressione. Chiedevo ai ragazzi di aspettare il nostro momento, ne siamo venuti fuori poco a poco nel terzo set, per poi dominare nel quarto. Siamo rimasti attaccati al match, voglio questo approccio anche nei Play Off, sarà una bellissima partita contro la Lube. Voglio che la mia squadra giochi al meglio delle sue possibilità, poi il risultato lo darà il campo”.
Micah Christenson (Azimut Leo Shoes Modena) : “Siamo stati molto fortunati, a portare a casa il quarto posto senza i tre punti. Abbiamo rischiato, ma è importante vivere anche momenti come questi, ci aiutano a mantenere alta la tensione. La partita? È stata a due facce, nel terzo set ci siamo rilassati e Verona ha cominciato a giocare forte. Abbiamo rimesso a posto la testa per il tie break, cambiando mentalità. Kaziyski e Zaytsev? È stata una bellissima partita per entrambi, la loro qualità è incredibile. È stato un buon match, con un grandissimo contorno di pubblico”.
 
Emma Villas Siena - Consar Ravenna 3-2 (18-25, 25-23, 26-28, 25-14, 15-12)

Emma Villas Siena: Giraudo 5, Ishikawa 10, Van De Voorde 15, Hernandez Ramos 35, Savani 7, Cortesia 6, Caldelli (L), Mattei 0, Giovi (L), Marouflakrani 0, Maruotti 11. N.E. Vedovotto, Crivellari, Spadavecchia. All. Cichello.
Consar Ravenna: Saitta 4, Poglajen 15, Verhees 8, Rychlicki 25, Lavia 11, Elia 8, Marchini (L), Di Tommaso 0, Argenta 0, Goi (L), Raffaelli 3. N.E. Russo, Smidl. All. Graziosi.
ARBITRI: Zavater, Goitre. NOTE - Spettatori 1.358, incasso 9.109 euro, durata set: 25', 29', 34', 23', 17'; tot: 128'. Mvp: Hernandez.

La Emma Villas Siena vince in rimonta la gara contro Ravenna valevole per l’ultima giornata del Campionato di Superlega. Il team biancoblù viene trascinato da Fernando Hernandez, autore di 35 punti con il 51% in attacco. Gli ospiti partono forte con Rychlicki, Poglajen e Lavia, che fanno subito vedere buone cose. Consar avanti uno a zero e poi due a uno nel computo dei set, prima della reazione e rimonta senese. Il team di casa serve anche alla grande: sono 10 gli ace di giornata e ben 7 di questi portano la firma del cubano Hernandez. Il quarto set non ha storia: 25-14 per Siena, che alla fine si aggiudica anche il tie break 15-12.
Spettatori: 1.358
Incasso: 9.108 euro
Mvp: Fernando Hernandez (Emma Villas Siena)
Giammarco Bisogno (presidente Emma Villas Siena) : “La nostra storia è sempre stata piena di emozioni. Dobbiamo essere fieri e orgogliosi di quello che abbiamo fatto fino. Nessuno ci ha mai regalato niente. Abbiamo conquistato tante vittorie sul campo, oggi accettiamo con dignità la retrocessione. Non smetteremo mai di lottare per tenere alto il nostro nome e la nostra storia. Grazie a tutti i nostri sponsor, ai tifosi, alla città di Siena e grazie a quanti continuano a nutrire questo amore per la Emma Villas. Non smetteremo mai di lottare per tornare a rappresentare questa maglia, questa città, questa famiglia. Il prossimo anno saremo di nuovo pronti a lottare”.
Gianluca Graziosi (allenatore Consar Ravenna) : “Ci è capitato diverse volte in questa stagione di non riuscire a difendere il vantaggio verso la fine del set: è l’aspetto in cui dobbiamo crescere. Ce lo siamo detti tante volte e ancora non siamo riusciti a fare quel piccolo step quando abbiamo tre punti di vantaggio, a mantenere il cambio palla. Dobbiamo lavorare su questo: la stagione è ormai finita ma dobbiamo fare tesoro di questo per la prossima. Riusciamo a prendere anche vantaggi importanti, siamo tosti nella fase break, ma quando si tratta di mantenere il cambio palla a volte andiamo in difficoltà. Un grosso merito va comunque a Hernandez che in quei frangenti ha tirato battute quasi imprendibili”.
 
Kioene Padova - Top Volley Latina 3-0 (25-21, 26-24, 25-23)
 
Kioene Padova: Travica 2, Louati 14, Polo 9, Torres 8, Barnes 9, Volpato 10, Bassanello (L), Danani La Fuente (L), Cottarelli 0, Lazzaretto 0. N.E. Premovic, Sperandio, Cirovic. All. Baldovin.
Top Volley Latina: Sottile 1, Parodi 6, Rossi 1, Gavenda 11, Palacios 8, Gitto 2, Caccioppola (L), Stern T. 4, Santucci (L), Huang 0, Barone 3, Stern Z. 5, Ngapeth 6. N.E. All. Tubertini.
ARBITRI: Pozzato, Simbari. NOTE - Spettatori 2.220, incasso 8.749 euro, durata set: 25', 28', 27'; tot: 80'. MVP: Louati.

La Kioene Padova conquista il settimo posto grazie a una prova caparbia e concreta. Latina prova fino alla fine a riaprire il match, ma l’ottima giornata di Louati e il costante supporto dei centrali patavini fanno la differenza. Un 3-0 senza repliche, ma soprattutto una grande festa alla Kioene Arena in attesa dell’inizio dei Quarti di finale Play Off Superlega Credem Banca, che vedranno i patavini affrontare l’Itas Trentino. Grande equilibrio nelle prime fasi di gioco, col primo break ad arrivare sull’11-8 grazie a Volpato. Palacios mette in difficoltà la ricezione di casa (12-12) ma è con il turno alla battuta di Travica che la Kioene si riporta avanti (17-14). Da quel momento i bianconeri contengono i laziali ed è il doppio errore consecutivo sul finale di Rossi a chiudere il primo set per 25-21. Coach Tubertini manda in campo Ziga Stern e Barone, ma l’avvio è di Padova con Louati e Volpato a portare la Kioene sul 7-4. Punto dopo punto la Top Volley recupera sfruttando bene il muro vincente di Barone e l’attacco out di Torres (18-19). Si gioca punto a punto e sul finale Polo e un errore al palleggio di Latina assegnano il 26-24 alla Kioene. Dopo l’ennesimo avvio positivo per la Kioene Padova (6-3 con Torres), i bianconeri commettono qualche errore di troppo facendosi recuperare. Louati tiene in piedi la squadra grazie all’attacco del 15-13 e, nonostante il 22-18 raggiunto con Barnes, Ngapeth si rivela una spina nel fianco per i veneti. Louati e il servizio sulla rete di Gitto chiudono però set e match per 25-23.
Spettatori: 2.220
Incasso: 8.749 euro
MVP: Yacine Louati (Kioene Padova)
Valerio Baldovin (allenatore Kioene Padova) : “Latina ha una grande efficienza di gioco, è dotata di una panchina lunga e di qualità. Per noi era un test importate anche per preparare la prossima sfida di Play Off. Dedico questo settimo posto ai miei ragazzi, che hanno giocato sempre con grande intensità riuscendo a risollevarsi dai momenti difficili e trovando la forza per raggiungere un obiettivo per noi importante”.
Lorenzo Tubertini (allenatore Top Volley Latina) : “Ai ragazzi avevo chiesto di mantenere lo stile che ci ha contraddistinto per tutto l’anno. E’ un gruppo che ha dimostrato per tutta la stagione un grande spirito combattivo e lo si è visto anche oggi. Ho dato modo a tutti di dare un contributo in campo e, a prescindere dal risultato , sono stato contento dall’atteggiamento con cui hanno disputato il match”.
 
Cucine Lube Civitanova - Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-0 (28-26, 25-22, 25-15)
Cucine Lube Civitanova: D'Hulst 1, Kovar 8, Cester 9, Sokolov 4, Massari 12, Diamantini 11, Balaso (L), Mossa De Rezende 1, Cantagalli 1, Marchisio (L), Sander 2, Stankovic 1. N.E. Leal, Simon. All. De Giorgi.
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Marsili 1, Skrimov 7, Vitelli 9, Al Hachdadi 11, Barreto Silva 3, Mengozzi 7, Cappio (L), Strohbach 1, Lopez 2, Domagala 3, Marra (L), Presta 0. N.E. Zhukouski, Focosi. All. Bagnoli.
ARBITRI: Lot, Rapisarda. NOTE - Spettatori 3.064, incasso 27.318 euro, durata set: 30', 24', 21'; tot: 75'. MVP: Massari

Si chiude con una vittoria, la nona di fila in campionato, la Regular Season Credem Banca 2018/19 della Cucine Lube Civitanova, che nella 13a giornata di ritorno batte con punteggio netto Vibo Valentia davanti ai 3 mila spettatori dell’Eurosuole Forum di Civitanova Marche. Squadre che si presentano all’appuntamento con i rispettivi destini già scritti: Vibo salva e da stasera in vacanza, mentre la Cucine Lube in virtù della vittoria di Trento nell’anticipo chiude la stagione regolare al terzo posto, e nei quarti di finale dei Play Off Scudetto se la dovrà vedere con Verona (Gara 1 domenica prossima a Civitanova). Tante novità nei sestetti iniziali, specialmente nella metà campo di casa dove Ferdinando De Giorgi utilizza i soli Sokolov e Cester dei titolari abituali. Tra i calabresi c’è invece Marsili al palleggio al posto di Zhukouski, febbricitante. I cucinieri si aggiudicano il set d’apertura in rimonta, dopo essersi trovati sotto anche di cinque lunghezze (11-16). Sul 22-24 un contrattacco vincente di Sokolov e il successivo ace di Massari annullano i primi due set point ai calabresi (ne avranno 4), che ai vantaggi si arrendono dopo un muro di Cester (27-26), seguito nell’azione successiva da uno splendido contrattacco in pipe ancora di Massari (28-26). Nel secondo set la partenza buona è dei marchigiani (15-10), che però si fanno riacciuffare a quota 17. Nel testa a testa finale, Vibo si scioglie, stavolta in concomitanza dell’ingresso in campo dell’inedita diagonale Bruno-Cantagalli. Il registra brasiliano piazza l’ace del nuovo break sul 21-19, che fa da preludio alla fuga (24-21 dopo un fallo in palleggio di Marsili). Chiuderà sul 25-22 capitan Stankovic, inserito nel finale al posto di Cester. Il terzo parziale è un monologo della Cucine Lube Civitanova, che sfodera un sontuoso Diamantini al centro (11 punti con 4 muri e l’86% di efficacia in attacco) e sul 18-10 getta nella mischia anche il giovane americano Brenden Sander. Firmerà lui il punto del 25-15 finale. Jacopo Massari è eletto Mvp dai giornalisti presenti, forte di 12 punti col 56% in attacco e il 54% in ricezione su 13 palloni giocati.
Spettatori 3.064
Incasso 27.318 euro
MVP: Jacopo Massari (Cucine Lube Civitanova)
Jacopo Massari (Cucine Lube Civitanova) : “Siamo molto contenti della prova, ancora di più per aver giocato la gara con un sestetto di fatto inedito. Abbiamo commesso qualche errore di troppo all’inizio, poi siamo riusciti a trovare la quadratura e una discreta continuità. Adesso vogliamo presentarci al meglio ai Play Off”.
Daniele Bagnoli (allenatore Tonno Callipo Vibo Valentia) : “Mi aspettavo di più dai miei, specialmente nei primi due parziali in cui abbiamo avuto delle buone occasioni per vincere. Siamo mancati nei momenti più importanti e questo è stato un po' quello che ci è capitato sempre nel corso della stagione. La Lube, invece, oggi ha dimostrato una volta di più di avere una rosa di grandissimo livello”.
 
Globo Banca Popolare del Frusinate Sora - Bcc Castellana Grotte 3-0 (25-20, 25-14, 25-19)
Globo Banca Popolare del Frusinate Sora: Kedzierski 3, De Barros Ferreira 19, Caneschi 1, Petkovic 22, Fey 4, Di Martino 7, Bonami (L), Mauti (L), Farina 0, Esposito 3. N.E. Rawiak, Bermudez, Marrazzo. All. Barbiero.
Bcc Castellana Grotte: Falaschi 2, Wlodarczyk 10, Studzinski Rodrigues 7, Zingel 9, Mirzajanpourmouziraji 4, Scopelliti 2, Cavaccini (L), Quartarone 0, Pace 0, Agrusti 2. N.E. Kruzhkov, De Togni. All. Di Pinto.
ARBITRI: Vagni, Luciani. NOTE - Spettatori 871, incasso 3.707, durata set: 23', 26', 24'; tot: 73'. MVP: Petkovic.

Meravigliosa festa al PalaCoccia di Veroli con l’Argos Volley e tutto il pubblico a esultare per la vittoria della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora per 3-0 sulla BCC Castellana Grotte, per il raggiungimento del nono posto della classifica, per Joao Rafael, il migliore di tutta la Lega nelle ricezioni perfette, ma soprattutto per il nuovo record, nel massimo Campionato italiano, fatto registrare da Dusan Petkovic. Il capitano dei sorani, MVP del match, autografa 22 punti e diventa così il recordman di tutti i tempi - dall’introduzione del rally point system (1999/2000) - portando via lo scettro ad Angel Dennis. Il cubano, nella stagione 2009/2010 con la maglia di Modena, ne totalizzò 588. Oggi Petkovic con 590 realizzazioni totali, chiude la stagione regolare da capocannoniere della SuperLega per la seconda volta consecutiva e con il primato per il maggior numero di attacchi vincenti messi a segno, ben 525. Applausi anche per la New Mater Volley che saluta definitivamente la massima serie nazionale, condannata già da un paio di settimane al ritorno in Serie A2.
Coach Barbiero affida la regia a Kedzierski e il posto 2 a Petkovic, il centro a Di Martino e Caneschi, le bande a Fey e Joao Rafael, e la seconda linea al libero Bonami in fase di ricezione e a Mauti quella di difesa. Di Pinto schiera Falaschi in diagonale con Zingel, Scopelliti e Studzinski in posto 3, Mirzajanpour e Wlodarczyk in banda, e Cavaccini libero. Sora apre il match 6-1. Rincorre bene Castellana fino alla parità dell’8-8, ma sale in cattedra bomber Petkovic per l’allungo del 14-9. Si ripropongo gli ospiti fino al 20-18, ma Sora chiude 25-20. In apertura del secondo set stesso copione del precedente per (16-7). La BCC non riesce ad andare oltre il cambio palla mentre nell’altra metà campo è Joao Rafael show (21-13). Di Pinto cambia regia inserendo Quartarone per Falaschi, ma l’andamento non cambia (25-14). Più equilibrato l’avvio del terzo parziale con Castellana Grotte a dire la sua fino al 9-13. Poi sale di nuovo in cattedra capitan Petkovic, che con 7 punti trascina tutti al 23-18 e al fantastico record (25-19) e 3-0 per Sora.
Spettatori: 871
Incasso: 3.707 euro
MVP: Dusan Petkovic (Globo Banca Popolare del Frusinate Sora)
Maurizio Colucci ( secondo allenatore Globo Banca Popolare del Frusinate Sora) : "Abbiamo giocato due buoni set. Nonostante i problemi di formazione di Castellana Grotte, con Zingel opposto, si sono ben comportati e hanno fatto una buona partita soprattutto in fase di muro-difesa. Un po' nel terzo set è sceso il livello, per via anche dei cambi degli avversari. Noi siamo stati bravi a restare in partita. A un certo punto l'attenzione si è concentrata sul nostro opposto, Petkovic, per raggiungere un record ineguagliabile, quello dei 590 punti in SuperLega".
Vincenzo Di Pinto (allenatore BCC Castellana Grotte): "Sora ha meritato ampliamente di vincere. Noi siamo in grandissima emergenza mentre loro hanno fatto una buona annata piazzandosi molto bene alla fine della stagione. Noi siamo stati dignitosi, ma c'era decisamente tanta differenza tra i sestetti".
 
Giocata sabato 23 marzo 2019 :
Itas Trentino - Vero Volley Monza 3-1 (25-17, 23-25, 25-20, 25-18)
Itas Trentino: Giannelli 7, Kovacevic 10, Candellaro 5, Vettori 27, Russell 15, Codarin 8, De Angelis (L), Grebennikov (L), Van Garderen 0, Nelli 0, Cavuto 0. N.E. Lisinac, Daldello. All. Lorenzetti.
Vero Volley Monza: Orduna 1, Plotnytskyi 9, Yosifov 6, Ghafour 1, Dzavoronok 12, Beretta 4, Botto 7, Rizzo (L), Arasomwan 0, Buti 2, Calligaro 0, Buchegger 19, Galliani 1. N.E. All. Soli.
ARBITRI: Braico, Venturi. NOTE – Spettatori: 2.858. Incasso: 21.780 euro, durata set: 27', 32', 31', 25'; tot: 115'. MVP: Vettori.
Sigla.com - Internet Partner