Daniele De Pandis a Molfetta

22/06/2015

Daniele De Pandis  Daniele De Pandis
Daniele De Pandis
Un pugliese di ritorno. Un ragazzone made in Salento capace di scalare le vette del volley italiano fino a raggiungere livelli di eccellenza. Parliamo di Daniele De Pandis, nuovo libero della Pallavolo Molfetta. È lui il secondo tassello della squadra che disputerà il prossimo campionato. Sarà lui a comandare in difesa e in ricezione, a porre le basi per ogni palla da giocare, per ogni punto potenziale.
Un vero e proprio colpaccio per la Pallavolo Molfetta, che potrà vantare tra le sue fila un giocatore dalle qualità indiscutibili e dal curriculum d’eccezione. De Pandis infatti, classe ’84, è stato nominato miglior libero dell’edizione 2012/2013 della Champions League. In quella stagione vestiva la maglia di Cuneo, sfiorò la vittoria nella massima competizione continentale ed ebbe un riconoscimento che tuttora, a livello individuale, è in bella mostra nel suo ideale biglietto da visita. Un risultato da applausi che rappresenta uno dei momenti più alti della sua carriera pallavolistica. Con le squadre di club, almeno.
Due anni prima, in realtà, al termine della sua seconda stagione disputata a Forlì, De Pandis era stato convocato in Nazionale da Mauro Berruto per la World League. Nel corso di quella competizione esordì da titolare contro Cuba. Gli azzurri vinsero 3-0 e De Pandis riscosse applausi a scena aperta.
Una carriera ricca di soddisfazioni per lui, cresciuto nell’Acli Lecce, ma ben presto ingaggiato dalla Pallavolo Squinzano, con cui disputa cinque stagioni tra B2 e B1. Nel 2006 passa al Taviano, con cui prende parte al suo primo campionato di A2.
La prima esperienza fuori dalla Puglia ha luogo invece a Santa Croce (2008-2009). È questa la sua ultima volta in A2, visto che dall’annata successiva diventa una presenza immancabile nei campionati di A1. Prima con Forlì (dal 2009 al 2011), poi con Latina (2011-12).
Dal 2012 al 2014, come detto, è libero di Cuneo, prima di passare, e siamo alla scorsa stagione, a Monza. Ora il ritorno in Puglia, 8 anni dopo, con la stessa voglia di sempre, per sposare convintamente la causa molfettese.
Un matrimonio perfetto, che al PalaPoli non vedono l’ora di applaudire.
Sigla.com - Internet Partner