Dopo il Gran premio, finalmente la pallavolo!

30/05/2008

I giocatori della Sparkling Milano: andranno tutti in altre societàI giocatori della Sparkling Milano: andranno tutti in altre società
I giocatori della Sparkling Milano: andranno tutti in altre società
Eccoci qui di nuovo insieme, dopo un week end pazzesco, passato nella bolgia del paddock di Montecarlo, sede del Gran Premio di Formula 1 più glamour dell’anno: scene pazzesche, vip a go-go, barche da sogno, milioni gettati al vento, feste da fantascienza. Una ventata inebriante, una settimana fuori dalla realtà. Monaco è veramente un mondo a parte, ti proietta in un’altra realtà: basta però stare con i piedi ben piantati per terra e comprendere che la vita è ben diversa da quella riservata ai pochi che lì si mettono in bella evidenza. Mah, il mondo è bello perché è decisamente vario. L’importante è tornare alla nostra, cara pallavolo, con qualche inevitabile riflessione.

CIAO CIAO MILANO. Iniziamo dalla città della Madonnina, che ha definitivamente conosciuto il suo triste destino sotto rete: Milano ha malinconicamente chiuso per la quarta volta in 20 anni. Peccato davvero. Claudio Giovanardi (a proposito, in bocca al lupo per una pronta ripresa visto che non sta ancora benissimo) sta per cedere il titolo per sanare in parte la situazione debitoria e ottenere di riflesso le liberatorie dai giocatori (condizione essenziale per chiudere l'operazione). Nonostante ci fossero diverse società pronte a subentrare (Latina e Verona su tutte) i diritti della serie A1 sono andati a Pineto, che giocherà a Pescara o a Roseto degli Abruzzi. A questo punto occorre presentare tutta la documentazione richiesta per l'iscrizione al campionato e attendere l'okay della Lega maschile entro le ore 12 del 2 giugno. Stessa situazione valida per Mantova e Gioia del Colle, che hanno acquistato i diritti della serie A2 rispettivamente da Oderzo e Terlizzi. E intanto Massimo Mezzaroma sta attentamente valutando l'ipotesi di spostarsi dalla capitale, viste le tante difficoltà logistiche passate e future e le offerte che gli stanno giungendo da più parti: il volley non si sposa davvero con le metropoli, bisogna ammetterlo...

VERONA O FORLI’, CHI VA IN A1? La Marmi Lanza di Alberto Giuliani e la Mare&Volley di Piero Molducci si giocano la promozione nell’ultima sfida senza prova d’appello dopo che i veneti hanno vinto gara 1 per 3-1 e i romagnoli si sono imposti con lo stesso punteggio in gara 2. Bellissimo faccia a faccia, pieno di pathos e di emozioni, che premierà la squadra più coriacea e penalizzerà purtroppo un’altra grande protagonista di un campionato che nel complesso ha regalato buona pallavolo. Appuntamento da non perdere, domenica sera 1 giugno in diretta alle 21.00 su Sky Sport 2 con il commento di Stefano Locatelli, Andrea Zorzi e Fabio Vullo.

FORZA AZZURRI. Mentre ero a Montecarlo, alle prese con Ferrari e McLaren, con la pole di Felipe Massa e la voglia di vittoria di Lewis Hamilton, mi ha chiamato Andrea Anastasi. Due chiacchiere con il ct le faccio sempre volentieri (la prossima volta ti porto con me, Nano, tranquillo…): argomento ovviamente la nazionale, con il prossimo impegno in Giappone, ovvero l’ultimo torneo di qualificazione olimpico che scatterà sabato alle ore 11.00 contro i padroni di casa del Sol Levante (l’Italia verrà trasmessa da Raisport Più). Ti auguro di centrare l’obiettivo, amico mio, come te lo augura tutto il mondo del volley: è un momento troppo importante per l’intero movimento, e non voglio neanche pensare all’eventualità di non andare a Pechino. Anzi, visto che ci siamo, mi sbilancio: non solo andiamo all’Olimpiade (anzi, ci vanno gli azzurri), ma una volta in Cina ci sarà da divertirsi, con il podio dietro l’angolo. Io sono fiducioso, e sono certo che lo sono anche Anastasi e i suoi ragazzi (tra i quali tornano Vermiglio, Meoni e Fei, grandi assenti al torneo di gennaio, convocati insieme a Gavotto, Mastrangelo, Birarelli, Bovolenta, Zlatanov, Cisolla, Martino, Paparoni e Manià, neo papà: una gran bella squadra, consentitemelo).

MERCATO AVANTI TUTTA. Le ultime di mercato in ordine sparso, nel cuore di tante operazioni. Tra le donne Simona Gioli ha lasciato Perugia per accasarsi alla Dinamo Mosca per un super-ingaggio: insieme all’mvp della Champions League giocherà l’eterna Irina Kirillova, che torna così in campo dopo due stagioni trascorse alla guida della nazionale russa insieme a suo marito Gianni Caprara. Antonella Del Core è andata a Bergamo, l’opposto olandese Flier è approdata a Jesi al posto della Togut, che potrebbe finire a Perugia oppure in Francia, nuova destinazione della Fiorin (andata a Cannes). Busto Arsizio ha ufficializzato il libero Borri, Vicenza la Devetag, Sassuolo la Leggeri, Busto Arsizio la Kovacova, Pesaro invece la forte polacca Skowronska. Andrea Simoncelli è il nuovo allenatore della Magic Pack Cremona. Tra gli uomini, Andrea Giani è sempre più ancorato alla panchina di Modena, dove Giuliano Grani è il nuovo proprietario della società gialloblù. Taranto ha confermato Vissotto ma Roma (proprietaria del cartellino e ancora in attesa dell’ok di Glenn Hoag) ha diverse richieste per il forte opposto brasiliano; Savani continua a essere inseguito da Perugia al pari di Granvorka e Bovolenta; Saitta potrebbe palleggiare a Padova; Zlatanov è sempre inseguito da Macerata (Piacenza però non vuole mollarlo, e intanto sta trattando Rinaldi per sostituire Sergio, rientrato in Brasile); i campioni d’Italia di Trento hanno ingaggiato il palleggiatore polacco Lukasz Zygadlo, mentre Treviso continua a essere sulle tracce di un martello (Cernic o Savani). Allenatori: Gulinelli è in pole position per sostituire Travica a Vibo Valentia (dove potrebbe arrivare Parodi), Ricci dovrebbe andare a Pineto, Paolino Guidetti è stato confermato dalla neo-promossa Cavriago; Mario Fangareggi sostituisce Manu Benelli a Vicenza.

Buona pallavolo a tutti!

P.S. Complimenti a Marco Bonitta, che ha centrato la qualificazione olimpica con la Polonia: l’ex ct continua a tenere alto l’onore del nostro volley all’estero, al pari di alcuni suoi colleghi (Cuccarini, Guidetti, Caprara). Bravi davvero.

2° P.S. Fra un po’ è tempo di dichiarazione dei redditi e di tasse: vi prego di prendere nota della locandina che trovate in questa home page: se sceglierete di destinare il 5 per mille alla Casa della Luce e del Sorriso farete un’opera meritoria. E vi ringrazio di cuore a nome di tutti quelli che – purtroppo – dovranno usufruirne.
Sigla.com - Internet Partner