Finali World League: inizio in salita Italia battuta dall'Argentina

06/07/2011

Finali World League: inizio in salita Italia battuta dall'Argentina
ITALIA-ARGENTINA 1-3 (25-20, 20-25, 22-25, 22-25)
ITALIA: Travica 3, Zaytsev 9, Birarelli 7, Lasko 12, Savani 20, Buti 9, Bari (L), Maruotti 2. N.e. Della Lunga, Sabbi, Barone, Baranowicz. All. Berruto.
ARGENTINA: De Cecco 4, Quiroga 2, Crer 7, Pereyra 14, Conte 25, Sole 12, Gonzalez (L), Ocampo 5, Arroyo. N.e. Uriarte, Scholtis, Giustiniano. all. Weber.
ARBITRI: Deregnaoucourt (Fra) e Cespedes (Dom).
Spettatori: 4400. Durata set: 22, 25, 30, 27. Italia: bv 5, bs 19, m 5, e 6. Argentina: bv 7, bs 15, m 11. e 11.
Gdansk. Esordio amaro, per l’Italia di Mauro Berruto, nelle finali della World League. Gli azzurri sono stati superati per 3-1 dall’Argentina al termine di un match iniziato benissimo, ma che poi si sono lasciati sfuggire di mano. Un risultato che trasforma in una gara decisiva la sfida di domani (ore 20) con la Polonia padrona di casa. Solo battendo il sestetto guidato da Anastasi l’Italia può sperare di rimanere in corsa per l’accesso in semifinale. Per l’esordio Berruto ha schierato la squadra titolare, poi durante il match ha utilizzato Gabriele Maruotti al posto di Ivan Zaytsev.
Sconfitta che lascia l’amaro in bocca perché l’Italia ha fatto vedere di avere le carte per controbattere i sudamericani, ma non c’è riuscita, soprattutto, come ha sottolineato il ct a fine match: “Tranne che nel primo set siamo stati sempre in svantaggio e questo ci ha pesato e il nostro gioco non ha funzionato come poteva e come speravamo. Non dobbiamo vedere troppo nero. Certo non possiamo essere ottimisti, ma sapere che il match di domani sarà decisivo ci da una carica in più”
L’Italia ha vinto il primo set mostrando la sua faccia migliore, Lasko e Savani incontenibili in atttacco, muro e difesa ben disposti, servizio pungente. Poi il match è cambiato. L’Argentina ha fatto tutto quello che doveva per risollevarsi, il bravo regista De Cecco ha trovato in Conte e Pereyra le armi giuste per scardinare il muro italiano. Gli azzurri hanno perduto il secondo set, poi nel terzo sono arrivati a condurre 12-8, ma non hanno retto al ritorno dell’Argentina e ceduto 25-22. Stesso punteggio con cui si è concluso anche il quarto set, in cui l’Italia dopo un altro sprazzo iniziale ha sempre inseguito.

Pool E – 6 luglio Italia-Argentina 1-3 (25-20 20-25 22-25 22-25); Polonia-Bulgaria. 7 luglio ore 17.15 Argentina-Bulgaria; ore 20 Polonia-Italia. 8 luglio ore 17.15 Italia-Bulgaria; ore 20 Polonia-Argentina. Classifica: Argentina 3, Polonia, Bulgaria e Italia 0.
Pool F – 6 luglio Russia-Usa 3-1 (29-31 25-16 25-21 25-22); Brasile-Cuba 3-2 ( 18-25 21-25 25-16 30-28 15-12). 7 luglio ore 11 Cuba-Russia; ore 13.30 Brasile-Usa. 8 luglio ore 11 Usa-Cuba; ore 13.30 Russia-Brasile. Classifica: Russia 3, Brasile 2, Cuba 1, Stati Uniti 0.
Semifinali – 9 luglio ore 17.15, ore 20 Finali – 10 luglio ore 17.15 Terzo posto; ore 20 Primo posto.
Sigla.com - Internet Partner