Francesco D’Amico a Bergamo

27/06/2020

Francesco D’Amico è il nuovo libero della Agnelli Tipiesse, classe 1999 per 183 cm di Ostuni; il giovane talento pugliese non ha esitato alla chiamata alla corte di coach Graziosi.
Dopo il suo esordio e alcune stagioni in serie B ad Ostuni con la Pallavolo 2000, D’Amico ha già collezionato diverse esperienze in serie A, a Potenza Picena tra A2 e A3 ed era a disposizione anche della prima squadra la Lube Civitanova.
Con la maglia della Lube volley ha disputato la Junior League di Civitanova Marche e la finale Nazionale under 20 disputata ad Agropoli.
Dinamico e promettente, D’Amico si è distinto a Potenza Picena tra i più forti della categoria nel ruolo di libero, ed è subito risaltato all’attenzione del direttore sportivo Insalata che lo ha voluto nella nuova squadra che si sta andando a delineare orientata su una linea verde di atleti promettenti e pronti al salto di qualità.
D’Amico inoltre è campione d’Italia con la nazionale under 20 e ha ottenuto il premio come miglior libero proprio ad Agropoli.
Sponsorizzato da Rovetta-Abbigliamento da lavoro-antinfortunistica-promozionale, D’Amico ha già le idee chiare e tanta voglia di cominciare.
Le sue parole:”Sono contento e stimolato a venire a Bergamo: è risaputo che Bergamo è una grande società che ha ottenuto ottimi risultati in questi ultimi anni, e con mister Graziosi non si può che fare bene. Io l’ho conosciuto la prima volta ad un camp con la Lube Civitanova e mi è piaciuto molto sin da subito. Ho sempre avuto questo pallino di potermi allenare con lui e mi aspetto un campionato buono, speriamo di fare bene e sono fiducioso sia per la società che per lo staff tecnico e la rosa che stanno allestendo. Penso che mi troverò bene anche con i compagni. Sono carico e curioso di poter cominciare al più presto.”
Mister Graziosi lo ha fortemente voluto nel suo roster, avendolo conosciuto già da un paio di anni: “La scelta è ricaduta su D’Amico perché Francesco è uno dei ragazzi più talentuosi e promettenti nel ruolo di libero sul panorama italiano, è nel giro della Nazionale Juniores, è bravo in entrambi i fondamentali sia in ricezione che in difesa ed ha delle motivazioni incredibili, lo seguo da un paio di anni e me lo sarei portato in qualsiasi posto in cui sarei andato ed ho sfruttato subito l’occasione per poterci lavorare insieme. E’ uno dei ragazzi più interessanti che ci sono in circolazione in Italia, giovanissimo ma già al terzo anno in serie A, e ha già una buona esperienza”.
Sigla.com - Internet Partner