Gara 1 Quarti di Finale Play Off scudetto femminili: Scandicci batte Novara, Casalmaggiore vince a Busto. Sabato Firenze-Conegliano e Modena-Bergamo

07/04/2017

Gara 1 Quarti di Finale Play Off scudetto femminili: Scandicci batte Novara, Casalmaggiore vince a Busto. Sabato Firenze-Conegliano e Modena-Bergamo

Sono di Pomì Casalmaggiore e Savino Del Bene Scandicci i primi urrà dei quarti di finale dei Play Off Samsung Gear Volley Cup. Le rosa di Gianni Caprara superano in trasferta la Unet Yamamay Busto Arsizio per 3-2 vendicando l’eliminazione in semifinale di CEV Cup e assicurandosi due opportunità di ottenere la qualificazione tra le mura di casa. Le ragazze di Alessandro Beltrami mostrano la migliore versione di sé e hanno nettamente la meglio sulla Igor Gorgonzola Novara, sconfitta 3-0. La serie si sposta ora al PalaIgor e le toscane avranno due occasioni per conquistare il punto della semifinale.

Sabato le gare di apertura dei quarti di finale della parte alta del tabellone: il Nelson Mandela Forum sarà il teatro del match tra Il Bisonte Firenze e Imoco Volley Conegliano, mentre al PalaPanini si affronteranno Liu Jo Nordmeccanica Modena e Foppapedretti Bergamo.

UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – POMI’ CASALMAGGIORE 2-3 (21-25, 28-26, 25-23, 17-25, 11-15)
La Pomì Casalmaggiore si vendica della doppia sconfitta in CEV Cup e sbanca il PalaYamamay al tie-break, rimontando dall’1-2. Le rosa, nonostante l’assenza di Lloyd, una Fabris (quasi) a mezzo servizio e l’infortunio alla caviglia che ha messo fuori causa Sirressi dal terzo set, vincono una gara molto intensa e si portano avanti nella serie, garantendosi la doppia chance di chiudere in casa (Gara-2 mercoledì 19 aprile, l’eventuale Gara-3 un giorno dopo sempre al PalaRadi).

Assente Carli Lloyd, al palleggio per la Pomì Casalmaggiore c’è Klara Peric. L’opposta è Turlea (con Fabris inizialmente in panchina), Tirozzi e Lucia Bosetti in banda, Stevanovic e Gibbemeyer al centro e Sirressi libero. La Unet Yamamay Busto Arsizio recupera Valentina Diouf, in diagonale con Signorile, mentre in posto 4 ci sono Fiorin e Martinez, Stufi è al centro insieme a Negretti, che sostituisce in seconda linea l’altra centrale Berti, il libero prescelto è Spirito.

Il pallonetto di Tirozzi vale il vantaggio rosa (2-3), poi è out quello di Stevanovic e sorpasso bustocco con Martinez (5-3). La dominicana passa tra le mani del muro avversario per il 7-4, il primo tempo vincente di Berti convince coach Caprara a fermare subito il gioco: 8-4. Parata di Stevanovic sotto rete, Berti stavolta non passa e 9-7. Si avvicina ulteriormente la Pomì con il muro di Bosetti su Diouf, l’aggancio arriva a quota 11 sul contrattacco di Turlea. Picchia la dominicana di Busto, seguita a ruota da Diouf e nuovo +2 (14-12). Entrambe out – una lunga e una larga – le fast di Berti e di nuovo pari sul 15-15 (time out Mencarelli). Caprara inserisce Fabris per Peric, anche in fase di cambio palla, così Stevanovic si ritrova a palleggiare. Il servizio di Tirozzi si arrampica sul nastro, 16-17. Funziona l’assetto senza regia, l’errore di Diouf regala il 17-19. Rientra Peric e serve Bosetti, 19-21. La panchina di casa interrompe di nuovo il gioco. Splendida parallela di Fiorin, così come il palleggio a una mano di Peric per il primo tempo di Gibbemeyer. La statunitense si ripete ed è 20-23. Tirozzi passa al secondo tentativo, l’ace di Guerra chiude il parziale 21-25.

Si riparte con le formazioni iniziali, Diouf fa sentire i suoi colpi in avvio, in attacco e al servizio: 4-1. Peric colta in fallo al palleggio, Stufi esplode la fast e poi impallina la seconda linea dai nove metri, è 7-3. Innesta le marce alte la Unet Yamamay, Martinez fissa il 9-5. Lungo scambio, decide Fiorin cadendo indietro: 11-6 e Caprara si appella al time out. Rispondono le casalasche, con Tirozzi e la pipe di Bosetti (12-10), riaprendo il parziale. Prosegue la rimonta anche dopo il time out di Mencarelli, Tirozzi scaglia con tutta la forza il 13-13. Ed è sempre la capitana rosa a indirizzare la battuta al salto all’incrocio delle righe per il 15-16. Busto in difficoltà, Diouf sbatte contro Stevanovic e sul -2 Mencarelli utilizza anche il secondo tempo discrezionale. Caprara si affida allo stesso sistema di gioco del primo set, senza palleggiatore di ruolo e con Fabris in campo insieme a Turlea: proprio della croata il mani out del 17-19. Cambio in banda per le biancorosse, con Vasilantonaki per Fiorin. Martinez in rete con la battuta, Diouf allarga la traiettoria della parallela e 19-22. Peric, di nuovo in campo, salva e sulla ricostruzione avversaria Gibbemeyer mura il +4 (19-23). Block vincente anche di Stufi e -2, le farfalle salvano due dei tre set point prima che Caprara fermi il gioco (23-24). Si alza il grido del PalaYamamay quando Stufi respinge il pallonetto di Tirozzi. Miracolo di Spirito con il piede, ma Tirozzi fa 24-25. Guerra però stavolta non trova il campo con il servizio e un errore in attacco consegna il set point a Busto: annulla Turlea, 26-26. Altro muro, di Signorile su Tirozzi. Diouf difende e Martinez completa l’opera: 28-26 e 1-1.

Prende fiducia la Unet Yamamay, soprattutto in difesa. Volo di Fiorin e Stufi è pronta a stoppare Gibbemeyer. Intensità altissima, Diouf si scatena per il 3-2 al termine di uno scambio infinito. Si fa male alla caviglia Sirressi, medicata in panchina mentre Stevanovic inchioda il 4-5. Tris di Tirozzi, caldissima: 4-7. Fast a segno di Stevanovic e Mencarelli chiama a rapporto le sue giocatrici. Tirozzi piazza un’altra perla, Peric indovina il tocco di seconda e 5-11. C’è Gibertini in campo, secondo libero rosa. Gibbemeyer sbaglia un ‘rigore’, Bosetti giudica male la parabola sulla difesa di Stufi e 9-12. Chiamato out il fendente di Fiorin, il Video Check conferma la decisione arbitrale millimetrica (10-15). Ci prova Busto, difendendo e contrattaccando con Diouf. Anche Martinez sale di colpi, doppio muro su Stevanovic e 15-17 che costringe Caprara al time out. Non c’è la copertura sul muro di Diouf, quindi la neo entrata Vasilantonaki spolvera la riga di fondo e parità 18-18. La temperatura sale e con essa gli errori: 20-20. A Turlea risponde Vasilantonaki, sull’ace di Guerra c’è un fischio affrettato del primo arbitro ed è sempre parità. Avanza Busto con Martinez, 23-22. Tirozzi a segno, pure la dominicana (24-23). Fuori la pipe di Turlea e la Unet Yamamay è avanti 2-1.

Sempre out Sirressi a inizio quarto set. Mani out di Tirozzi, muro di Turlea e 1-4 Pomì. Le rosa non ci stanno ad inchinarsi ancora a Busto e sprintano fino all’1-6 con l’ace di Bosetti. Tirozzi raggiunge quota 20 punti personali griffando il 2-8. Ecco il contro-parziale, anche nel quarto: Martinez e due errori casalaschi scrivono il 6-8. Tirozzi ricaccia indietro le farfalle con l’ace del 7-11, Gibbemeyer dice ‘no’ a Diouf (8-13). Mencarelli chiama time out, sperando che sortisca lo stesso effetto del set precedente. Casalmaggiore, però, non intende ripetere l’errore e con Bosetti al servizio sale 10-17. Dentro Vasilantonaki per Fiorin, ma la musica non cambia, visto che Tirozzi sigla il 10-19. Busto è lontana, il set scivola via velocemente (13-22 ancora di Tirozzi). Entra anche Fabris per mettere il sigillo al parziale, che si allunga per qualche punto e termina 17-25. Si va al quinto.

Resta in campo Vasilantonaki, che fallisce il lungolinea (1-2). Busto contesta la mancata chiamata di quarto tocco, Gibbemeyer mura Diouf e 1-3. C’è anche l’ace di Bosetti, Mencarelli vuole riportare la calma nella sua metà campo e chiama time out. Martinez accorcia, Diouf sbaglia e 3-5 (mentre rientra Fiorin). Parità sull’errore di Bosetti, sorpasso biancorosso grazie al muro su Tirozzi. Guerra dà fiato alla capitana rosa, ma il suo servizio è lungo e al cambio di campo è 8-7. Parziale Pomì: due muri di Bosetti e Gibbemeyer gelano il PalaYamamay, 8-10 e time out Mencarelli. Fast di Gibbemeyer, tocco di Guerra da seconda linea: 9-12. La statunitense è una sentenza, ancora block-in su Diouf (10-13). Stufi out con la fast, il punto decisivo è di Guerra.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-0 (25-21, 25-20, 25-20)
Travolgente, appassionante e bella come non mai. La miglior Savino Del Bene Scandicci si vede ai playoff e travolge Novara 3-0, grazie ad un gioco corale, a delle individualità che hanno spiccato e ad una sicurezza dei propri mezzi finalmente dimostrata sul campo.

Dopo una bella partenza di Novara – priva dell’acciaccata Piccinini -, Scandicci inizia a macinare gioco: sboccia il tulipano Meijners e riporta la partita in equilibrio con una bellissima pipe (7-7). Muro e fast di Valentina Arrighetti: 9 – 9. Igor che orchestra bene il gioco con Dijkema trovando molte soluzioni. Sul 13 a 11 Igor, Beltrami chiama il primo time-out. Time-out che ha i suoi frutti. Scandicci lavora bene col muro-difesa e grazie ad un’ace di Havlickova si porta avanti 15 a 14. Perfetta Meijners in ricezione e in attacco che porta al primo doppio vantaggio 20 a 18 delle padrone di casa. Murone della Dea Adenizia su Barun, 19 a 16. Havlickova tiene Novara a distanza con una palla piazzata: 22 a 19. Grande intensità della squadra di coach Beltrami. Tre muri consecutivi ancora della Dea, 24 a 20. Donà sbaglia il servizio, scandiccesi con tecnica e cuore: 25 a 21.

Novara accusa il colpo e Scandicci sulle ali dell’entusiasmo parte forte: Arrighetti e Da Silva sono ispirate in tutti i fondamentali e portano in alto la Savino Del Bene (7-2). Le piemontesi non mollano e con Plak in battuta arriva un break di 3 punti che riporta sotto Novara, coach Beltrami sul 7-5 chiama il time out. Alla ripresa del gioco ci pensa la Dea Adenizia Da Silva ad interrompere il break di Novara con un primo tempo potente ed angolato (8-5). Flot di Havlickova che vale il 10-7 per la Savino Del Bene. La Igor Gorgonzola Novara non molla, ma la fast di Adenizia Da Silva tiene a distanza di tre punti la squadra ospite (15-12). Havlickova è in un ottimo momento e Rondon lo capisce, il capitano di Scandicci smista bene i palloni e Aneta ne butta a terra due consecutivamente, il gap tra le due squadre torna ad essere importante (18-13). Zannoni va in battuta e Novara si rifà sotto (18-16), il break di tre punti costringe coach Beltrami a chiamare il time out che sortisce subito l’effetto desiderato con un altro punto di Havlickova. Chirichella sbaglia la fast e la Savino Del Bene vola sul 22-18. L’errore di Cambi in battuta vale il 25-20 e le toscane passano a condurre due set a zero infiammando il Palazzetto dello Sport.

Inizio del terzo set giocato punto a punto, a Plak risponde Meijners: 3 a 3. Bellissima pallavolo. Delizia i palati fini ‘Flo Meijners’, tocco in zona 5 perfetto: 6 a 4. Recupero di Merlo in tribuna, Rondon alza una pipe per la stessa olandese: 8 a 6. Novara si porta avanti 9 a 8. Entra Loda per Cruz  dopo il break di Novara: 13 a 10. Scontro tra la stessa bergamasca e Havlickova, la ceca è costretta a lasciare il campo, al suo posto Zago. Rondon prende in mano la squadra e grazie a due aces ristabilisce la parità: 13 a 13. Murone della Dea: 15 a 13. Lungolinea di Zago che non lascia scampo a Novara (18-15). Mani fuori di Loda che vale il 19-16 per la Savino Del Bene trascinata a gran voce dal proprio pubblico. Tutta la pressione del match è su Novara che inizia a commettere errori in battuta (22-19). Il diagonale di Meijners trova la riga del parquet di Novara (23-20). Zago trova il 24-20, la battuta di Meijners mette in difficoltà la difesa di Novara e basta il primo match point alla Savino Del Bene per aggiudicarsi il match: 25-20 e 3-0!

Floortje Meijners: “Abbiamo giocato da squadra, abbiamo superato i momenti di difficoltà con molta unione e intelligenza. Sono contenta anche della mia prestazione perché i miei colpi sono serviti nei momenti importanti, ma sono soprattutto contenta della Savino Del Bene che ha giocato finalmente come sa. Ora non c’è una favorita, andiamo a Novara consci che possiamo farcela. C’è tempo per preparare bene la partita, per ricaricare le energie fisiche e mentali. Io l’ho sempre detto: i playoff sono un altro campionato, e noi in questo campionato vogliamo essere protagonisti”.

Il capitano Giulia Rondon guarda avanti: “Volevamo chiudere la partita il prima possibile, ci siamo riuscite, siamo state più brave di infortuni, di avversità. In poche parole siamo state una squadra. Ora abbiamo un obiettivo che è quello di prepararci bene per andare e vincere gara 2 a Novara. I playoff sono un campionato a parte e abbiamo dimostrato di crederci. Ringrazio i tifosi per il calore che ci hanno dimostrato in questa stagione e in particolare stasera”.

I TABELLINI
UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – POMì CASALMAGGIORE 2-3 (21-25, 28-26, 25-23, 17-25, 11-15)
UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Stufi 7, Signorile 1, Spirito (L), Fiorin 9, Martinez 23, Vasilantonaki 7, Diouf 19, Moneta, Berti 4, Negretti Beatrice. Non entrate Cialfi, Witkowska, Pisani. All. Mencarelli.
POMì CASALMAGGIORE: Peric 1, Sirressi (L), Turlea 12, Gibbemeyer 18, Bosetti 12, Gibertini (L), Guerra 3, Fabris 4, Stevanovic 12, Tirozzi 24. Non entrate Bacchi, Garcia Zuleta, Lloyd. All. Caprara.
ARBITRI: Gnani, Satanassi.
NOTE – Spettatori 1819, durata set: 27′, 32′, 32′, 26′, 17′; tot: 134′.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-0 (25-21, 25-20, 25-20)
SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Zago 2, Havlickova 10, Ferreira Da Silva 11, Loda 1, Merlo (L), Cruz 2, Arrighetti 8, Meijners 15, Rondon 5. Non entrate Casillo, Crisanti, Giampietri, Scacchetti. All. Beltrami.
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Cambi, Plak 9, Donà, Pietersen 4, Bonifacio 7, Chirichella 10, Sansonna (L), Piccinini, Dijkema, Zannoni, Barcellini, Barun-susnjar 21. Non entrate Alberti, Rapisarda Sofia. All. Fenoglio.
ARBITRI: Cappello, Rolla.
NOTE – Spettatori 1250, durata set: 25′, 26′, 30′; tot: 81′.

IL TABELLONE DEI PLAY OFF SCUDETTO
(1) Imoco Volley Conegliano – (9) Il Bisonte Firenze
(4) Foppapedretti Bergamo – (5) Liu Jo Nordmeccanica Modena
(2) Pomì Casalmaggiore – (7) Unet Yamamay Busto Arsizio 1-0
(3) Igor Gorgonzola Novara – (6) Savino Del Bene Scandicci 0-1

IL PROGRAMMA DEI QUARTI DI FINALE
GARA-1
Venerdì 7 aprile, ore 20.30 (diretta Rai Sport + HD)
Unet Yamamay Busto Arsizio – Pomì Casalmaggiore 2-3 (21-25, 28-26, 25-23, 17-25, 11-15)
ARBITRI: Gnani-Satanassi  ADDETTO VIDEO CHECK: Salvemini
Venerdì 7 aprile, ore 20.30 (diretta LVF TV)
Savino Del Bene Scandicci – Igor Gorgonzola Novara 3-0 (25-21, 25-20, 25-20)
ARBITRI: Cappello-Rolla  ADDETTO VIDEO CHECK: Nannini
Sabato 8 aprile, ore 20.30 (diretta Rai Sport + HD)
Il Bisonte Firenze – Imoco Volley Conegliano
ARBITRI: Pozzato-Prati  ADDETTO VIDEO CHECK: Paolieri
Sabato 8 aprile, ore 20.30 (diretta LVF TV)
Liu Jo Nordmeccanica Modena – Foppapedretti Bergamo
ARBITRI: Zanussi-Zucca  ADDETTO VIDEO CHECK: Libardi

GARA-2
Lunedì 17 aprile, ore 18.00 (diretta Rai Sport + HD)
Igor Gorgonzola Novara – Savino Del Bene Scandicci
Lunedì 17 aprile, ore 18.00 (diretta LVF TV)
Imoco Volley Conegliano – Il Bisonte Firenze
Martedì 18 aprile, ore 20.30 (diretta Rai Sport + HD)
Foppapedretti Bergamo – Liu Jo Nordmeccanica Modena
Mercoledì 19 aprile, ore 20.30 (diretta LVF TV)
Pomì Casalmaggiore – Unet Yamamay Busto Arsizio

EV. GARA-3
Martedì 18 aprile, ore 20.30 (diretta LVF TV)
Imoco Volley Conegliano – Il Bisonte Firenze
Igor Gorgonzola Novara – Savino Del Bene Scandicci
Mercoledì 19 aprile, ore 20.30 (diretta LVF TV)
Foppapedretti Bergamo – Liu Jo Nordmeccanica Modena
Giovedì 20 aprile, ore 20.45 (diretta Rai Sport + HD)
Pomì Casalmaggiore – Unet Yamamay Busto Arsizio LA FORMULA DEI PLAY OFF

Si sono qualificate ai Play Off Scudetto le prime 10 squadre classificate al termine della Regular Season. Le squadre dalla 1^ alla 6^ posizione hanno preso posto direttamente nei quarti di finale, mentre le formazioni dalla 7^ alla 10^ hanno affrontato un turno preliminare.

QUARTI DI FINALE: partecipano le prime 6 squadre classificate al termine della Regular Season e le due squadre vincenti gli ottavi di finale. Le 8 squadre qualificate, abbinate secondo il tabellone definito dalla classifica al termine della Regular Season (1^ vs 8^/9^; 4^ vs 5^; 2^ vs 7^/10^; 3^ vs 6^) disputano i quarti di finale con la formula delle due gare vinte su 3. La gara di andata in casa della peggiore classificata (5^, 6^, 7^/10^, 8^/9^) e il ritorno e l’eventuale spareggio in casa della migliore classificata. In tutte le serie dei quarti, Gara-2 e l’eventuale Gara-3 si disputano in due giorni consecutivi sul campo della migliore classificata.

SEMIFINALI: le quattro squadre vincenti i quarti di finale, abbinate secondo il tabellone illustrato, disputano le semifinali con la formula delle 2 gare vinte su 3. Gara-1 in casa della peggiore classificata nella Regular Season, Gara-2 e l’eventuale Gara-3 su due giorni consecutivi in casa della migliore classificata.

FINALE: le due squadre vincenti le semifinali disputano la finale con la formula delle 2 gare vinte su 3. Gara-1 in casa della peggiore classificata nella Regular Season, mentre la seconda e l’eventuale spareggio in casa della migliore classificata. Nel caso in cui nessuna squadra italiana otterrà il diritto a partecipare al Mondiale per Club, la finale si disputerà con la formula delle 3 gare vinte su 5: Gara-1 e l’eventuale Gara-4 sarebbero disputate in casa della peggiore classificata in Regular Season, mentre Gara-2, Gara-3 e l’eventuale Gara-5 sarebbero disputate sul campo della migliore classificata.

Opzione 1
Gara-1: lunedì 1 maggio, ore 18.00
Gara-2: mercoledì 3 maggio, ore 20.30
Eventuale Gara-3: venerdì 5 maggio, ore 20.45

Opzione 2 (nessuna squadra italiana partecipa al Mondiale per Club)
Gara-1: lunedì 1 maggio, ore 18.00
Gara-2: mercoledì 3 maggio, ore 20.30
Gara-3: sabato 6 maggio, ore 20.45
Eventuale Gara-4: giovedì 11 maggio, ore 20.45
Eventuale Gara-5: domenica 14 maggio, ore 17.30
tutte le gare di finale, sia in caso di opzione 1 che in caso di opzione 2, saranno trasmesse su Rai Sport + HD

Sigla.com - Internet Partner