Il Brasile piega l'Italia 3-1 e domenica gioca la finalissima contro Cuba. Azzurri contro la Serbia per la medaglia di bronzo

10/10/2010

Il Brasile piega l'Italia 3-1 e domenica gioca la finalissima contro Cuba. Azzurri contro la Serbia per la medaglia di bronzo
Giocando una partita fantastica, il Brasile ha piegato 3-1 l'Italia nella seconda semifinale del Mondiale: 25/15, 25/22, 23/25, 25/17 i parziali per la squadra di Bernardinho, che ha approcciato il match in maniera eccezionale e ha trovato una disarmante continuità di rendimento offensivo. "Onore ai nostri avversari - ha commentato Andrea Anastasi - il Brasile ci è stato superiore. Domenica cercheremo di vincere il bronzo contro la Serbia per regalare una grande soddisfazione al meraviglioso pubblico italiano". La Seleçao insegue dunque il terzo titolo iridato consecutivo dopo i trionfi di Buenos Aires nel 2002 e di Tokyo nel 2006, le due precedenti edizioni in cui gli azzurri hanno chiuso al quinto posto.

ITALIA-BRASILE 1-3 (15-25, 22-25, 25-23, 17-25)
ITALIA: Vermiglio 1, Savani 12, Mastrangelo 12, Fei 20, Parodi, Sala 1. Libero: Marra. Birarelli 6, Cernic 9, Zaytsev, Travica 1, Lasko 2. All. Anastasi.
BRASILE: Bruno 2, Murilo 10, Rodrigao 6, Vissotto 24, Dante 17, Lucas 8. Libero: Mario Jr. Marlon 1, Theo 2, Bravo. Non entrati: Sidao, Giba. All. Bernardinho.
ARBITRI: Wang (Chn) e Sakaide (Jpn).
Spettatori: 12178. Durata set: 21, 28, 27, 24. Italia: bv 3, bs 16, m 6, e 15. Brasile: bv 4, bs 11, m 5, e 7.

Roma. Sarà Brasile-Cuba la finale del 17mo Mondiale di pallavolo maschile. Nella semifinale contro i padroni di casa dell’Italia i verdeoro di Bernardinho si sono imposti per 3-1, al termine di un match non bellissimo, in cui la squadra italiana in difficoltà in ricezione, ha sbagliato parecchio in fase offensiva e al servizio non ha quasi mai messo in difficoltà i brasiliani. Dal canto suo, il Brasile con Dante e Vissotto in giornata felice ha sempre comandato il gioco eccezion fatta per il terzo set in cui il sestetto italiano, spinto anche dal meraviglioso pubblico di Roma ha cercato di riaprire un match già compromesso, riuscendovi almeno in parte.
Grandi i rimpianti finali in casa italiana, per non aver realizzato il sogno della finalissima, ma rimane ancora un obiettivo di prestigio una medaglia di bronzo che dovrà essere contesa alla Serbia.
L’Italia è scesa in campo con il sestetto delle ultime gare, ma già nel primo set Anastasi ha rilevato Sala con Birarelli e Parodi con Cernic. Il Brasile ha vinto senza grandi problemi il primo set, poi nel secondo l’Italia è tornata competitiva, è stata anche in vantaggio prima di cedere 25-22.
Nel terzo gli azzurri hanno dato tutto, hanno messo in difficoltà i sudamericani e riaperto il match. Nel quarto sono nuovamente calati, hanno commesso troppi errori ed hanno finito per cedere 3-1. 
Sigla.com - Internet Partner