Il Volley Mercato non svela (ancora) i dubbi su Roma e Belluno

di Adelio Pistelli

12/07/2011

Pasquale GravinaPasquale Gravina
Pasquale Gravina
Si sono appartati attorno alle 14 di un caldissimo (e non solo meteorologico) martedì. I dirigenti di Treviso/Belluno, quelli della M.Roma, lontano da occhi e orecchi indiscreti hanno provato a chiudere il cerchio aperto da mesi e sempre pieno di chiacchiere, incertezze e tante incomprensioni. Ma da indiscrezioni, sembra che molto (o niente) potrà accadere solo qualche minuto prima della fine del volley mercato previsto per domani (mercoledì) alle 13. E sì, perché dopo il colloquio tra società, Roma s’è messa alla finestra in attesa di ulteriori sviluppi. Il general manager dei veneti, Pasquale Gravina, infatti, insieme ad un avvocato trevigiano sono entrati in una saletta ed è iniziato un lungo conciliabolo con la massima dirigenza del gruppo Benetton. Sul tavolo delle discussioni la scelta operativa definitiva che il gruppo stesso vorrebbe portare avanti e alla quale sono legate tante altre operazioni. Per esempio: Il centrale Bjelica da Treviso andrà a Roma? Dalla Capitale il libero Farina, invece tornerà in Veneto insieme De Togni? Lo schiacciatore Kovar finirà una volta per tutte a Macerata da dove partirebbe il libero Paparoni con direzione Roma? Solo alcuni importanti passaggio di una vicenda che nessuno, nel tardo pomeriggio, riusciva a trovare il bandolo della matassa. E, intorno a questo seguitissimo rebus si sta sviluppando la ‘due giorni’ finale di volley mercato al Savoia Regency hotel di Bologna. Intanto l’undicesima edizione del volley mercato è entrata nel punto di non ritorno, per almeno undici, delle quattordici società di A1. Per loro i giochi erano praticamente fatti ancor prima di arrivare a Bologna. E molti dirigenti, l’impegno primario era (ed è) quello di entrare all’ufficio tesseramento e sottoporre ai responsabili della Fipav (Luca Eusepi e Roberta Panucci), arrivati, come ogni anno, dalla sede centrale di Roma per ufficializzare ogni contratto

Per Treviso/Belluno, per Roma e per Vibo Valentia, appuntamenti rimandati a domani mercoledì, dunque. Sì, c’è anche la società calabrese che, suo malgrado, deve ritardare ogni chiusura operativa. Tonno Callipo praticamente completata da settimane ma il nuovo coach dei calabresi, Blengini, aspetta un nuovo ‘posto due’. Nel primo pomeriggio sembrava un quesito risolto: Vibo stava riportando in Italia l’opposto mancino brasiliano Andrae de Nascimento. Ma il giocatore schiaccerà in Giappone, scelta dettata soprattutto dai oltre 350 mila dollari che Andrae riceverà dai dirigenti del club giapponese. A proposito di brasiliani, una notizia che fa solo da contorno alle trattative attuali. Dopo le Olimpiadi di Londra 2012, Giba potrebbe tornare a schiacciare in Italia. Il capitano della nazionale campione del mondo l’avrebbe rivelato ad un paio di amici presenti a Danzica per le finali di World League. Ma tutto ciò, per il momento, è un’altra storia

SCANDALO - Notizia che, adesso, tutti sperano sia solo di contorno al volley turco. Il presidente del Fenerbahace calcio Istanbul, Azir Yildirim è stato arrestato per calcio scommesse. La squadra è nel mirino per una serie di partite che avrebbero agevolato la conquista dell’ultimo scudetto turco. Solo Fenerbahce calcio, dunque ma il team fa parte di una grande ‘polisportiva’, sicuramente la più conosciuta e apprezzata anche attraverso alla pallavolo e probabilmente Miljkovic, Geric, Marshall e Antiga ultimo arrivato alla corte turca, staranno seguendo con interesse ciò che sta accadendo poco lontano dalla loro rete.
Sigla.com - Internet Partner