Italia, obbligo di riscatto per sognare le medaglie mondiali

03/11/2010

Italia, obbligo di riscatto per sognare le medaglie mondiali
Un saluto agli amici di “Top Volley”, rotocalco settimanale ideato e condotto da Laura Tommasini giunto alla terza puntata: diretta giovedì dalle ore 21 sul canale 891 di Sky e poi differita alle ore 23.15 sui canali analogici del gruppo E'TV. Qualche spunto per Michele Grassano, opposto del Cavriago, e gli altri ospiti in studio? Eccoli qui.
 
I Mondiali femminili sono iniziati bene per l’Italia con le vittorie su Portorico, Olanda e Kenya, poi due brutti stop con Repubblica Ceca e soprattutto con il Brasile (pesantissimo, terzo set perso a 7!) hanno complicato non poco la vita alla squadra di Massimo Barbolini.

VITA COMPLICATA. Partite con l’obiettivo-podio, le azzurre sono costrette adesso a dare il massimo per non essere escluse dalle sfide che assegneranno le medaglie. La formula prevede infatti che alla seconda fase, in cui si giocheranno 2 gironi da 8, le prime due di ciascun raggruppamento accedano alle finali per il 1°- 4°posto, la terza e la quarta a quelle per il 5°-8° posto, la quinta e la sesta a quelle per il 9°-12° posto. Portandosi in eredità i risultati maturati nei confronti diretti della prima fase: dal che ne consegue che l’Italia parta con 2 soli punti, alla luce del 3-2 con il quale si è imposta sull’Olanda. Il cammino è decisamente in salita, inutile negarlo. Con il grande rimpianto della ghiotta occasione gettata al vento contro la pur brava Repubblica Ceca, che ha tolto punti importanti all'Italia piegandola dopo 13 anni di digiuno in virtù del veemente recupero dall'iniziale 0-2.

VINCERE O PIANGERE. L'Italia inizia sabato a Nagoya contro la Germania di Giovanni Guidetti, poi domenica l’avversaria è la temibile formazione degli Stati Uniti, martedì la Thailandia e mercoledì infine Cuba. L’impresa non appare impossibile, ma neppure semplicissima, soprattutto alla luce della scialba prestazione offerta contro le temibilissime brasiliane di Zé Roberto. Il nostro ct comunque ha quella maestria e quell’esperienza che gli consentiranno di capire al meglio dove intervenire per rimettere in carreggiata la sue ragazze.

TOKYO. Nell'altro girone, in scena nella capitale nipponica, ci sono invece Russia e Giappone (6 punti), Serbia e Sud Corea (4), Turchia e Polonia (2), Cina e Perù (0). Le solite note, con la novità delle padrone di casa in vetta e le cinesi in coda alla classifica parziale. Il vero Mondiale inizia adesso, ma la prima fase non può essere cancellato con un colpo di spugna, anzi...

TRENTO AVANTI TUTTA. Nell’anticipo della decima giornata della serie A1 maschile, resa necessaria per consentire a Trento di giocare il Mondiale per Club a Doha in Qatar a metà dicembre, i campioni del Mondo hanno piegato per 3-0 Piacenza nella ripetizione della finale scudetto di due anni fa: Rado Stoytchev ha ritrovato Matey Kaziyski, tornato poco prima dalle vacanze e subito protagonista. I trentini mantengono dunque la propria imbattibilità, i biancorossi di Angelo Lorenzetti restano invece ancora a digiuno, a conferma del tanto lavoro cui ancora dovranno sottoporsi gli emiliani per trovare il giusto assetto e la necessaria chimica del proprio collettivo.
Buon Mondiale a tutti! Soprattutto alle azzurre...
Sigla.com - Internet Partner