La Lega maschile vara il progetto di sostenibilità

24/02/2012

Diego MosnaDiego Mosna
Diego Mosna
"Si è tenuta oggi a Bologna l’Assemblea delle Società della Lega Pallavolo Serie A maschile. Punto chiave dell’Assemblea è stato il progetto di sostenibilità, che punta a portare in equilibrio finanziario i bilanci dei Club di Serie A ed evitare l’abbandono di Società che sta caratterizzando lo sport in generale in Italia. Il Consiglio di Amministrazione presieduto da Diego Mosna aveva individuato varie soluzioni, proposte oggi all’Assemblea per la discussione: l’Assemblea ha a lungo dibattuto le ipotesi ed infine deliberato quanto indicato dalle precedenti riunioni dei Proprietari dei Club dando mandato al CdA di discutere con la FIPAV la seguente proposta: il blocco delle retrocessioni per due anni dalla Serie A1 alla Serie A2 e conseguente diminuzione delle retrocessioni da 4 a 2 tra serie A2 e Serie B1. Inoltre il CdA avrà mandato di discutere una maggior apertura del tesseramento con equiparazione dei giocatori comunitari a quelli italiani, con l’eventuale diminuzione delle squadre partecipanti al Campionato di Serie A1. L’Assemblea ha anche votato di irrigidire ulteriormente le norme di Ammissione al Campionato. E’ stato discussa anche la prosecuzione della positiva esperienza della Selezione Nazionale Under 23 di Lega: questo progetto sarà affinato nelle prossime settimane".
Questo il comunicato ufficiale. Apprendo da un tweet di Massimo Righi, ad della Lega, che non è stato facile guidare compattare l'Assemblea delle società di serie A maschile. Non stento a crederlo, visto che gli interessi comuni non sono considivisi da tutti, viste le differenti potenzialità economiche delle varie realtà. Quello che conta è comunque pensare al futuro del nostro sport, visto che di risorse ce ne sono sempre meno conseguentemente alla preoccupante situazione economica del Paese (che peraltro non pare assolutamente vedere una soluzione nel breve e forse nemmeno nel medio periodo...). Adesso il pallino passa alla Federazione, che presumibilmente metterà il sigillo a quanto deciso quest'oggi.
Sigla.com - Internet Partner