Latina e Vibo Valentia conquistano i Quarti di Finale dei Play off scudetto maschili

24/03/2013

Un attacco di Verhees dell'Andreoli LatinaUn attacco di Verhees dell'Andreoli Latina
Un attacco di Verhees dell'Andreoli Latina
Linkem Cup Play Off A1 maschili – Risultati OTTAVI DI FINALE Gara 3
Andreoli Latina - Altotevere San Giustino 3-2 (25-17, 23-25, 24-26, 25-16, 17-15)
BCC-NEP Castellana Grotte - Tonno Callipo Vibo Valentia 1-3 (25-21, 22-25, 23-25, 23-25)

ANDREOLI LATINA - ALTOTEVERE SAN GIUSTINO 3-2 (25-17, 23-25, 24-26, 25-16, 17-15)
ANDREOLI LATINA: Rauwerdink 19, Rossini (L), Sottile 7, Patriarca 11, Verhees 9, Troy 25, Noda Blanco 10, Fragkos 1. Non entrati Gitto, Jarosz, Prandi, Guemart. All. Prandi.
ALTOTEVERE SAN GIUSTINO: Fiore 4, Van Den Dries 2, Mc Kibbin 2, Coali, Cesarini (L), Bohme 10, Mattioli 4, Torre 1, De Togni 13, Maric 19, Cebulj 16. Non entrati Gradi, Lo Bianco. All. Fenoglio.
ARBITRI: Bartolini, Pol. NOTE - Spettatori 868, incasso 6043, durata set: 23', 27', 30', 21', 19'; tot: 120'.

Una partita da cardiopalma si chiude con l’Andreoli Latina che conquista i Quarti di Finale della Linkem Cup Play Off. Cinque set tiratissimi, con entrambe le squadre che non volevano mollare la possibilità di superare il turno. Latina è scesa in campo con l’infermeria piena: Jarosz (affaticamento) e Gitto (piccolo stiramento) out, Patriarca (lombalgia), Rauwerdink e Verhees (tendinite) recuperati in extremis dallo staff medico coordinato da Amedeo Verri con la collaborazione del fisioterapista Vincenzo Annarumma e l’osteopeta Giacinta Milita. Non c’è il tempo per analizzare la gara che già mercoledì il PalaBianchini ospiterà alle 20.30 gara-2 con la Lube Macerata che parte 1-0.
Rawerdink al servizio (2 ace) porta i suoi avanti 5-2, San Giustino con due muri e un ace si porta avanti 7-8. L’Andreoli allunga con Troy e Rawerdink chiude con un muro di Patriarca 25-17. Dopo un avvio equilibrato nel secondo set San Giustino con un muro dell’ex Mattioli si porta sul 9-14 e poi 15-21, l’Andreoli non si arrende e con i servizi di Sottile prima e Rauwerdink dopo riporta la parità sul 22-22 ma sono gli ospiti a chiudere il set sul 23-25. Terzo parziale con Fenoglio che conferma Torre, l’Andreoli si porta sull’8-3, ritorna in regia McKibbin e gli ospiti si rifanno sotto 11-10, Prandi prova la carta Fragkos e un muro di Sottile spinge Latina sul 13-10. L’Altotevere recupera e s’inizia a giocare palla su palla, Rauwerdink mette a terra un doppio break per il 24-22, ma Cebulj al servizio chiude il set con due ace sul 24-26. Il quarto set inizia con Fiore e McKibbin in campo, ma prima c’è il cartellino rosso ai due direttori sportivi Sartoretti e Grande e un giallo a San Giustino, Un ace di Noda per il 7-4, l’Andreoli allunga 10-5 prima e 19-12 dopo per chiudere con capitan Sottile sul 25-16. Tiebreak: contrattacco Maric (1-2), muro Patriarca (3-2), contrattacco Maric (5-6) si cambia campo sul 7-8. Contrattacco Noda (11-10), contrattacco Cebulj (14-15), contrattacco e muro Rauwerdink per 18-16.

Stefano Patriarca (Andreoli Latina): “Non ce l’avrei mai fatta senza l’aiuto dello staff medico dell’Andreoli, questa mattina non riuscivo a stare in piedi e ora sono stata premiato come MVP della gara, forse la più importante della stagione. Siamo un gruppo fantastico che non ha mai mollato anche in questa settimana dove ci siamo allenati con grande difficoltà”.

Paolo Torre (Altotevere San Giustino): “Bellissima partita da Play Off. Nessuno voleva mollare, con tutti i set adrenalinici. Noi ce la siamo giocata all’ultimo punto. La nostra stagione si chiude però con un bilancio positivo. Poi voglio sottolineare il pubblico meraviglioso, un applauso a tutte e due le tifoserie. Auguro a Latina che questo pubblico la segua ancora perché credo che dopo questo spettacolo si sia di nuovo innamorata di questo sport”.

BCC-NEP CASTELLANA GROTTE - TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA 1-3 (25-21, 22-25, 23-25, 23-25)
BCC-NEP CASTELLANA GROTTE: Menzel 4, Elia 2, Paparoni (L), Falaschi 3, Dolfo 2, Stivachtis, Sabbi 20, Ferreira 13, Yosifov 2, Cester 9, Casoli 10. Non entrati Ricciardello. All. Gulinelli.
TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Coscione 3, Cortellazzi, Kaliberda 10, Farina (L), Forni 4, Buti 10, Klapwijk 24, Barone 3, Urnaut 13. Non entrati Montesanti, Lavia, Rocamora, Badawy. All. Blengini.
ARBITRI: Saltalippi, Sampaolo. NOTE - Spettatori 1500, incasso 11000, durata set: 28', 32', 30', 29'; tot: 119'.

Finisce a gara 3 dei Quarti di Finale la prima esaltante avventura nei Play Off della BCC-NEP Castellana Grotte. la Tonno Callipo Vibo Valentia si aggiudica 1-3 un match molto sentito e portato a casa soprattutto grazie alla maggiore esperienza degli uomini di Blengini che sono riusciti a girare il match proprio quando Castellana sembrava aver trovato il ritmo giusto. Dal punto do vista tecnico indubbiamente è stata la battuta la chiave della gara, sempre ficcante e concreta quella ospite, assente o quasi per tutto la durata dei giochi quella castellanese. Ma le vera svolta della gara è avvenuta a ridosso del primo tempo tecnico del terzo set quando in vantaggio di un set e 7-5 l’urlo di gioia di Alex Ferreira , spinto forse troppo verso la rete, ha portato al cartellino giallo del portoghese con gli esperti vibonesi pronti ad enfatizzare platealmente il gesto dell’ingenuo attaccante di casa. Da allora in poi la squadra di Gulinelli è diventata vittima del proprio nervosismo e dei propri errori mettendoci sì tutto quanto rimasto in corpo ma peccando spesse di lucidità. Grande merito alla squadra del Presidente Callipo che si giocherà la sfida dei Quarti di Finale con Trento, non inficiando minimamente la straordinaria stagione della formazione pugliese che ripartirà da questo per continuare il grande lavoro intrapreso.
Si comincia nel ricordo di Vigor Bovolenta e Pietro Mennea in un momento di commozione vera. Klapwijk , il migliore in campo, conferma quella continuità messa in campo in gara 2 e prova a spaccare la partita con due ace sporchi, con Kaliberda in attacco che porta le squadre al 5-8. Comincia a carburare palla dopo palla la New Mater ed il turno di servizio di Falaschi mette la freccia; il 4-0 di parziale porta la forma di Sabbi a muro su Kaliberda, di Cester su ricezione lunga e l’errore di Klapwik, 13-12. Si scioglie la tensione in casa gialloblù ed il gioco comincia a prendere i giusti ritmi. Sabbi punge in battuta ed il muro di Falaschi e Yosifov fa il resto, 18-15 Rispondono i calabresi con Urnaut alla battuta che pizzica Paparoni, 19-19. Che la battuta sia il fondamentale più importante di questo match lo sottoscrive anche Yosifov; il suo turno al servizio spinge definitivamente i suoi con un vincente diretto, il muro di Alex su Klapwijk e la doppia a Coscione, 23-19. Sabbi ed il muro di Cester su Barone completano l’opera, 25-21.
Il turno di battuta di Yosifov si prolunga anche nel secondo set con due errori di Vibo causati dal servizio del centrale bulgaro, 2-0. Dopo un piccolo strappo dei padroni di casa , 6-3, la gara si avvia verso l’assoluto equilibrio con il cambio palla assoluto dominatore di questa fase. Qualche dubbio sulla battuta di Sabbi che spolvera la linea non rilevata dai giudici cui segue l'ace di Klapwijk, 14-15. Qualche sofferenza nella ricezione pugliese con Coscione che ne approfitta e punge sulla zona di conflitto Paparoni-Ferreira, 18-20. Cester, Sabbi ed un grande Casoli provano a rientrare ma il cambio palla di Vibo funziona ed il muro di Forni (entrato per Barone) su Sabbi impatta il match, 22-25.
È di Cester il primo punto del terzo set il quale però mette in rete il servizio successivo. Coscione sfrutta molto Urnaut in pipe con lo sloveno che risponde presente, 2-2; a ridosso del primo tempio tecnico Alex esulta un po’ troppo vivacemente e l'esperto Coscione richiama l’attenzione degli arbitri che infliggono il giallo ad Alex. Da 7-5 e battuta, Vibo approfitta del nervosismo giovanile della BCC-NEP ed allunga complice un invasione inesistente fischiata a Casoli, le cui conseguenze sono due errori gratuiti in attacco della BCC-NEP, 10-14. Gulinelli manda a calmarsi in panca prima Falaschi per Stivachtis, poi Casoli per Dolfo ed ancora Sabbi per Menzel; proprio l’americano è positivo dai nove metri ed accorcia le distanze. 13-14. Dall’altro lato gli risponde Klapwijk in battuta e trova il vincente per il nuovo allungo Vibo, 13-17. È ancora la battuta a fare la differenza, non entra quella castellanese al contrario di quella ospite che trova ancora l’ace con Coscione, 17-21. Grinta e cuore non mancano agli uomini di Gulinelli che rientrano grazie al muro-difesa ed ad un Casoli straordinario. Suo il difficile diagonale del 20-21, rovinato dall’ennesimo errore al servizio gialloblù. Ci provano ad annullare il break i padroni di casa ma Forni e Klapwijk mantengono il sangue freddo e chiudono gli ultimi due punti, 23-25
I numeri della ricezione castellanese sono impietosi, solo il 5% di doppio positivo nel terzo set; questa la chiave del match sinora con i calabresi che sono avanti grazie soprattutto alla battuta float. Yosifov viene subito rilevato da Elia in avvio di quarto parziale; ma è tutta la New Mater che appare spenta, con Vibo sicuramente più preparata a giocarsi gare di questa portata. La murata su Sabbi e l’errore di Alex mandano Vibo al massimo vantaggio, 14-19, ma la Mater butta il cuore oltre l'ostacolo e tenta l’ennesimo miracolo. Bastano tre battute in fila di Cester per permettere a Sabbi di ridiventare padrone sotto rete, 21-22. Coscione tiene caldo Klapwijk che non sbaglia, 21- 23, l'opposto azzurro di Castellana trova il primo ace, con l’aiuto del nastro ed infiamma il Palagrotte che ci crede. La seconda battuta di Sabbi finisce di poco fuori e Klapwjik tira a sua volta un siluro che abbatte la ricezione avversaria, mandando ai Quarti di Finale la Tonno Callipo Vibo Valentia ma consegna comunque agli annali una storica stagione per i colori pugliesi.

Ludovico Dolfo (BCC-NEP Castellana Grotte): “Sicuramente loro sono più abituati di noi a giocare questo tipo di gare, peccato per come è andata questa partita, forse ci siamo innervositi troppo al terzo set e credo che l’abbiamo pagata. Resto comunque soddisfatto della stagione della squadra e spero che l’anno prossimo si possa crescere ancora insieme”.

Alessandro Farina
(Tonno Callipo Vibo Valentia): “Volevamo vincere a tutti i costi questa gara consapevoli di venire a giocarci una battaglia. Finalmente abbiamo sfatato il campo pugliese che finora mai ci aveva visto vincere. La nostra squadra deve puntare molto sulla battuta per riuscire a mettere sulle giuste linee il nostro gioco. Ci siamo riusciti, non è stato facile ma adesso andiamo a giocarci i quarti provando a metter in campo tutto quello che abbiamo.”

Linkem Cup Play Off Serie A1 – QUARTI DI FINALE Gara 2
Mercoledì 27 marzo 2013, ore 20.30
Tonno Callipo Vibo Valentia (9a) - Itas Diatec Trentino (1a) Diretta Rai Sport 1
Andreoli Latina (7a) - Cucine Lube Banca Marche Macerata (2a) Diretta Sportube.tv

Giovedì 28 marzo 2013, ore 20.30
Casa Modena (5a) – Bre Banca Lannutti Cuneo (4a) Diretta Sportube.tv
Sir Safety Perugia (6a) - Copra Elior Piacenza (3a) Diretta Rai Sport 1
Sigla.com - Internet Partner