Le azzurre hanno travolto il Kazakhistan 3-0

11/08/2008

Olga Karpova murata da Jenny Barazza Olga Karpova murata da Jenny Barazza
Olga Karpova murata da Jenny Barazza
ITALIA-KAZAKHISTAN 3-0 (25-19, 25-15, 25-21)
ITALIA: Piccinini 13, Gioli 13, Lo Bianco 2, Ortolani 11, Barazza 9, Centoni 7, Cardullo (L), Croce, Aguero 5, Ferretti, Secolo. N.e. Guiggi. All. Barbolini.
KAZAKHISTAN: Zhukova 6, Karpova 4, Ilyuchshenko 1, Grushko 3, Pavlova 11, Matveyeva 5, Ezau (L), Ishimtseva 1, Nassedkina 4, Pyurova 4, Kutsko 2. N.e. Zaitseva. All. Zhuravlev.
ARBITRI: Salvatore (Usa) e Salas (Mex).
Durata set 19, 20, 22. Italia: bs 9, a 1, m 7, e 6. Kazakhistan: bs 5, a 2, m 4, e 10.

Pechino. In sessantuno minuti di gioco effettivo le azzurre hanno regolato la pratica Kazakhistan e conquistato il secondo successo della loro Olimpiade. Un 3-0 piuttosto netto e decisamente meritato da una squadra che sta dimostrando di essere arrivata a Pechino nella condizione migliore.
Massimo Barbolini ha mandato in campo la stessa formazione con cui aveva esordito contro la Russia: affidando la regia a Lo Bianco con Centoni in diagonale, Ortolani e Piccinini martelli, Gioli e Barazza centrali, Cardullo libero. Sul 22-14 del second set il ct dell’Italia è deciso che fosse arrivato il momento di gettare nella mischia Taismary Aguero, che è entrata in campo per rilevare Serena Ortolani. Un occasione per sciogliere il ghiaccio dopo le note vicende. Nel set successivo, Ortolani è rientrata in campo, ma nella posizione di opposto. Aguero ha giocato qualche pallone, siglando 5 punti tra cui quello che ha chiuso il match.
In casa azzurra da sottolineare i progressi di Piccinini e Barazza, abbastanza in ombra con la Russia, decisamente piú toniche e convincenti con il Kazakhistan. Sono state loro insieme ad una precisa Lo Bianco le migliori tra le italiane.
La gara ha avuto pochississima storia. L’Italia ha fatto capire subito che non era in vena di regali imponendosi 25-19 nel primo e 25-15 nel secondo set, in cui si era trovata addirittura in svantaggio 5-1. Anche nel terzo set l’Italia ha guadagnato subito un buon margine e pur regalando qualcosa nel finale ha chiuso senza affanni.
Domani riposo, mercoledí terzo impegno contro l’Algeria: una vittoria potrebbe significare mettersi giá in tasca la qualificazione per i quarti di finale.
Risultati1a giornata: Pool A Polonia-Cuba 1-3; Cina-Venezuela 3-0; Giappone-Usa 1-3. 2a giornata: Pool A Usa – Cuba, Cina – Polonia; Giappone – Venezuela.
Pool B 1a giornata Brasile-Algeria 3-0; Serbia-Kazakhistan 3-1; Italia-Russia 3-1. 2a giornata Algeria – Serbia 0-3; Kazakhstan – Italia; Brasile - Russia
Classifiche – Pool A Cuba 4, Cina e Stati Uniti 2, Giappone, Polonia e Venezuela 0. Pool B Serbia e Italia 4; Brasile, 2, Russia, Kazakhistan, Algeria 0.
Programma - mercoledì 13 agosto
Beijing Institute of Technology Gymnasium: Pool A ore 6 Venezuela – Usa; Pool B ore 4 Italia – Algeria.
Capital Indoor Stadium: Pool A ore 14 Cuba – Cina, ore 16 Polonia – Giappone. Pool B ore 6.30 Russia – Kazakhstan, ore 8.30 Serbia – Brasile.

COMMENTI – Migliore in campo contro la Russia, anche con il Kazakhistan ha fornito una prestazione di alto livello, Paola Cardullo ha cosí commentato il successo: “Vincere per 3-0 fa bene all’umore. Questa era una partita apparentemente facile, ma in realtá nascondeva alcune difficoltá perchè loro giocano ad un ritmo inferiore al nostro e si ti ci adegui rischi qualcosa. Cosí come è successo nel terzo set per quei pochi punti in cui abbiamo allentato la concetrazione.”
Francesca Piccinini ha fatto vedere alcuni dei colpi del suo grande repertorio: “Siamo state brave a portare a casa velocemente il risultato. Alle Olimpiadi non puoi sottovalutare nessun avversario, perchè poi rischi di complicarti la vita. Per ora stiamo vivendo questa Olimpiade con grande serenitá.”
DEL CORE – Il presidente Carlo Magri ha annunciato che sabato prossimo arriverá a Pechino, invitata dalla Fipav, Antonella Del Core, la sfortunata azzurra fermata alla vigilia dei giochi da un problema fisico.
Sigla.com - Internet Partner