L'Italia nella storia del volley con il poker iridato

11/09/2022

Una straordinaria Italia, 24 anni dopo il titolo conquistato a Tokyo nel 1998, è tornata sul trono mondiale festeggiando il quarto titolo iridato della storia. E lo ha fatto con grandissimo merito, stupendo davvero tutti. Come ha ammesso anche Fabio Balaso subito dopo la finale vinta 3-1 contro la Polonia: “Nessuno si aspettava questa impresa, neanche noi. Però abbiamo meritato questo fantastico successo, mantenendo la calma e la lucidità come se dovessimo recuperare e non gestire il vantaggio”. Concordo pienamente con il miglior libero in circolazione, protagonista di un torneo a dir poco superlativo. 

GRANDISSIMA ITALIA. Gli azzurri hanno sempre dato l’impressione di controllare la finale, anche dopo aver perso il primo set vanificando il vantaggio sul 21-18. Hanno messo in mostra una pallavolo stellare, mettendo intensità sulla battuta e pressione sul muro, dimostrando lucidità in attacco e trovando nella regia illuminante di capitan Simone Giannelli (premiato mvp del torneo) il faro del gioco: un grande campione che ha fatto la differenza gestendo sempre i suoi compagni con intelligenza. Bravissimi tutti, quelli in campo e quelli in panchina: e bravissimo Fefè de Giorgi, tecnico dalle idee chiare assai, che ha plasmato il gruppo trasmettendogli il suo credo tecnico e tattico e una mentalità vincente incredibile. Stanno a confermarlo l’Europeo vinto a Katowice lo scorso anno battendo in finale la Slovenia e il Mondiale conquistato domenica nello stesso impianto contro i temibilissimi padroni guidati da Nikola Grbic, grandi favoriti della vigilia. Una conferma importante e meritata per l’Italia, capace di centrare un trionfo tanto incredibile quanto meritato, colto senza perdere una sola partita, battendo prima i campioni d’Olimpia in carica della Francia e poi i bi-campioni del mondo della Polonia, cui non è bastato nemmeno il tifo di 20.000 tifosi biancorossi.

IMPRESA INCREDIBILE. Dopo i trionfi festeggiati nel 1990 a Rio de Janeiro, nel 1994 ad Atene e nel 1998 a Tokyo da giocatore, De Giorgi ha realizzato il poker personale conquistando il suo primo titolo da allenatore, un’autentica impresa. Ho seguito la partita in tv (non dico su quale canale…) e ammetto di aver sempre mantenuto la calma: me la trasmettevano gli azzurri anche attraverso il video. Perso il primo set 25-22 complice qualche errore di troppo nel finale, nel secondo set l’Italia ha reagito in fretta imponendosi 25-21 grazie ai muri, a un’ottima battuta e alle difese incredibili di Balaso. Nel terzo set si è assistito a un monologo azzurro, con una squadra sempre più sicura di sé: 25-18 e morale alle stelle per approcciare in maniera vincente il quarto parziale, vinto 25-20 senza neppure tremare troppo. Un risultato incredibile che sta a confermare anche la bontà delle scelte del CT quando ha optato per un gruppo infarcito di giovani talentuosi e pieni di ardore come Alessandro Michiletto (destinato a diventare il numero uno assoluto), Daniele Lavia (molto molto cresciuto durante il torneo) e Yuri Romanò, la grande sorpresa di una nazionale cha ha stupito il mondo anche per la serenità e la spregiudicatezza con cui è sempre statoa in campo. Al terzo posto ha chiuso il Brasile, vincitore per 3-1 della Slovenia nel match che valeva il bronzo con 22 punti di Wallace e 19 di Leal. E adesso chiudiamo gli occhi immaginando una storica doppietta mondiale con la nazionale femminile di Davide Mazzanti. Abbandoniamoci ai sogni, gli unici che fino ad oggi non sono ancora stati tassati…   

WORK SHOP PER ALLENATORI. Finito il Mondiale maschile e prima del Mondiale femminile torna il momento più atteso per i tecnici del volley: al Centro Pavesi di Milano andrà in scena l’undicesima edizione del work shop nel pomeriggio di domenica 18 settembre alla presenza di due carissimi amici, entrambi ex ct della nazionale italiana: Andrea Anastasi parlerà del “cambio palla” e Massimo Barbolini si occuperà del “muro”, con i ragazzi della Selezione Lombarda che faranno da dimostratori/interpreti delle idee di questi due bravissimi allenatori. Ci sono ancora alcuni posti a disposizione: per ogni info cliccate nel banner che vedere in alto a questa home page.

Buona pallavolo e buon Mondiale a tutti!

Sigla.com - Internet Partner