Macerata vince ad Innsbruck e vola in testa nella Pool E di Champions League

15/12/2011

Macerata vince ad Innsbruck e vola in testa nella Pool E di Champions League
HYPO TIROL INNSBRUCK - LUBE BANCA MARCHE MACERATA 1-3 (25-18, 15-25, 23-25, 20-25)
HYPO TIROL INNSBRUCK: Cebron 4, Carletti 1, Chrtiansky 8, Gavan 9, Laure (L), Rodrigo, Boff 7, Pedro Henrique 3, Berger 2, Arvydas 18. Non entrati Koncal, Tusch. All. Chrtiansky.
LUBE BANCA MARCHE MACERATA : De Moraes Lampariello, Pajenk 15, Exiga (L), Parodi 16, Kovar 10, Monopoli, Travica 3, Omrcen 17, Podrascanin 9. Non entrati Stankovic, Sarpong, Van Walle. All. Giuliani.
ARBITRI: Cambre Wim - Adler Laszlo. NOTE - Spettatori 1000, durata set: 22', 22', 28', 25'; tot: 0'. Hypo Tirol INNSBRUCK: Battute errate 12, Ace 3. Lube Banca Marche MACERATA : Battute errate 15, Ace 7.

Missione compiuta in Europa per la Lube Banca Marche, che dopo una partenza shock bagna il ritorno nella CEV Volleyball Champions League con una vittoria per 1-3 sull’Hypo Tirol, uscendo dalla Universitats Sport Halle di Innsbruck con i tre punti utili per piazzarsi da sola in vetta alla classifica del girone. I biancorossi, che martedì prossimo (nella prima gara di ritorno) affronteranno nuovamente gli austriaci ma stavolta al Palasport Fontescodella di Macerata (alle 20.00), dopo tre giornate di gare andate in archivio vantano sette punti in graduatoria, uno in più dei russi del Lokomotiv Novosibirsk che martedì scorso hanno vinto per 3-0 sul campo del Fenerbahce Istanbul.
Senza Cristian Savani, bloccato a Macerata da un’infiammazione tendinea al gomito del braccio destro (in rosa il giovane Vincenzo Sarpong), a Innsbruck il tecnico Alberto Giuliani ha confermato Kovar in posto 4 in diagonale con Simone Parodi, presentando un’ulteriore novità al centro, dove viene applicato il turn over schierando lo sloveno Pajenk per Stankovic. Il primo set è decisamente da dimenticare, con i padroni di casa che sfoderando una concreta linearità nel proprio del gioco. Il fallo di seconda linea fischiato a Parodi regala all’Hypo Tirol il massimo vantaggio nel parziale sul 19-12, Giuliani prova invano a scuotere i suoi inserendo Monopoli in regia, ma gli austriaci chiudono piuttosto agevolmente sul 25-18, con un errore al servizio di Kovar.
La Lube Banca Marche si sveglia fortunatamente nel secondo parziale, dominato e messo subito in cassaforte all’efficienza del muro (due di Parodi, uno di Kovar e uno di Podrascanin valgono l'8-13): verrà chiuso da un mani out di Parodi sul 15-25. Ed il muro è la chiave vincente per la rimonta nel terzo set, che vede i maceratesi risalire dal 19-15 al 20-21, con un blocco vincente di Parodi che arriva subito dopo quello di Pajenk che aveva sancito la parità. Nei frangenti finali, decide il muro-difesa dei biancorossi, con il contrattacco vincente di Jiri Kovar che fissa il 23-25, spianando la strada verso i tre punti. Il quarto set sembra infatti tutto in discesa grazie alla ritrovata efficienza del servizio, che consente alla squadra di Giuliani di prendere subito il largo (6-12 con un ace di Kovar). Sembra, perché dal 12-18 gli austriaci (complici anche gli arbitri) riescono a risalire addirittura fino al -1 (17-18), per poi arrendersi comunque sul 20-25, con Kovar ancora protagonista sul versante maceratese.
La squadra stanotte pernotterà in Austria, per poi partire domani mattina alla volta di Padova, dove ad attenderla ci sarà Cristian Savani, che si unirà dunque subito al gruppo in vista della gara di campionato di domenica prossima contro la Fidia di Paolo Montagnani.
La CEV Volleyball Champions League tornerà invece martedì prossimo, con la prima giornata di ritorno della Main Phase, che vedrà i maceratesi impegnati in casa nel remake della gara odierna.

Alberto Giuliani (allenatore Lube banca Marche Macerata): “In questo momento la Lube Banca Marche è come l’avete vista stasera, una squadra che paga il fatto di essersi potuta allenare poco, che dunque deve oliare nuovamente i propri meccanismi, e che oltretutto deve pure fare i conti con qualche atleta che non è in perfetta condizione. Siamo mancati decisamente di personalità nel primo set, ma poi siamo cresciuti, abbiamo lottato e ci siamo conquistati credo meritatamente questa vittoria che vale l’importante primo posto nel nostro girone. Andiamo via da Innsbruck molto contenti, quindi. La Champions League è così, non esistono partite facili: vero che l’Innsbruck ci è tecnicamente inferiore, ma si tratta comunque di una squadra che in patria è abituata a vincere, e potendo giocare dinanzi ai propri tifosi senza alcuna pressione di sorta, diventa per forza pericolosa. Permettetemi di ringraziare i nostri tifosi, che erano numerosissimi anche qui ad Innsbruck, ed il oro affetto si è fatto sentire ed è stato prezioso come sempre. Non è da tutti essere seguiti anche nelle trasferte in Europa, il popolo biancorosso ci è sempre vicino e questo rappresenta sicuramente un valore aggiunto per noi. Adesso andiamo a Padova per tornare in campionato con l’obiettivo di conquistare un’altra vittoria utile a rimanere attaccati ai piani alti della classifica”.

2012 CEV Champions League
POOL E
Hypo Tirol Innsbruck (AUT) - Lube Banca Marche Macerata (ITA) 1-3 (25-18, 15-25, 23-25, 20-25)

Classifica: Lube Banca Marche Macerata 7, Lokomotiv Novosibirsk 6, Fenerbahce Instanbul 5, Hypo Tirol Innsbruck 0

Prossimo turno
CEV Champions League - 1a giornata di ritorno
POOL E
Martedì 20 dicembre 2011, ore 20.00
Lube Banca Marche Macerata (ITA) - Hypo Tirol Innsbruck (AUT)
Sigla.com - Internet Partner