Minetti Vicenza e FIDAS insieme per la donazione del sangue

02/10/2008

Coviello, Munaretto, De Gennaro e MiccoliCoviello, Munaretto, De Gennaro e Miccoli
Coviello, Munaretto, De Gennaro e Miccoli
"Noi la pallavolo ce l'abbiamo nel sangue". E' lo slogan pensato dalla FIDAS Vicenza per presentare l'accordo tra l'associazione vicentina dei donatori di sangue presieduta da Giuseppe Munaretto e la Minetti Vicenza. La partnership nasce già nella passata stagione con le ragazze che hanno disputato il campionato di B1 con il nome di Novello Fidas Vicenza, ma da quest'anno riguarderà anche le giocatrici della serie A1 biancorossa e in particolare Monica "Moky" De Gennaro, scelta come testimonial per le campagne di sensibilizzazione per la donazione di sangue dell'associazione vicentina.
Il libero della formazione di Fangareggi porterà il logo FIDAS sul retro dei pantaloncini di gara e la simpatica mascotte dell'associazione a forma di goccia di sangue, Emolino, sulla maglia ufficiale. La bella Moky sarà inoltre protagonista di alcuni spot radiofonici e presto anche televisivi per invitare i giovani a compiere un prezioso gesto di civiltà e di solidarietà: donare il sangue.
"Siamo doppiamente contenti di dare una mano alla Fidas di Vicenza, al di là del loro importante supporto economico e di tifo - ha spiegato il presidente della Minetti Vicenza Giovanni Coviello - Da oggi la collaborazione sarà non solo con il gruppo Joy Volley, ma anche con la Minetti di A1 e il messaggio potrà così a essere veicolato ad un pubblico molto maggiore che in passato. Ci siamo incontrati per individuare una possibile testimonial che avesse le seguenti caratteristiche: giovane, carina, conosciuta a Vicenza; la scelta di Monica De Gennaro è venuta in qualche modo spontanea. Il supporto della Fidas è importante; noi saremo accanto a loro e loro accanto a noi".
"Donare il sangue è un gesto semplice, non costa niente e può aiutare le persone
- ha aggiunto la giocatrice biancorossa Monica De Gennaro - Tra l'altro ho letto che può farlo senza problemi anche chi pratica attività sportiva e che donando il sangue si tiene sotto controllo la propria salute. Sono felice di portare questo messaggio in giro nei palazzetti".

Il consigliere della FIDAS Vicenza delegato alla pubbliche relazioni Bruno Miccoli (che ha coniato lo slogan presentato oggi alla stampa) ha illustrato alcune delle iniziative comuni già programmate. Oltre alla già citata campagna radiofonica (presto on air su radiovenetointernational.eu, anche sul bouquet Sky), ci saranno messaggi e striscioni al PalaRewatt in occasione delle partite e le ragazzine che si occupano del servizio campo indosseranno delle magliette con il logo FIDAS e la mascotte Emolino.

Il direttore sportivo del settore giovanile della Minetti Claudio Bianchi ha invece ricordato le azioni intraprese nella scorsa stagione con le cadette biancorosse: "Le nostre ragazze e gli allenatori hanno subito iniziato a donare il sangue, quelle che potevano farlo dato che molte erano minorenni, ma tutte sono andate volentieri nelle scuole per le iniziative della FIDAS. C'era poi un gruppetto di donatori che veniva spesso alle nostre partite, si è creato un bel legame con la squadra".

È toccato infine al presidente della FIDAS Vicenza Giuseppe Munaretto spiegare le ragioni del rinnovato accordo:
"Abbiamo bisogno di veicolare il nostro messaggio, invitare la gente e soprattutto i giovani a donare il sangue. Molti danno per scontato che le scorte ci siano, ma il sangue c'è solo perché esistono i donatori. Si può donare sangue dai 18 ai 65 anni e c'è dunque bisogno di un continuo ricambio. Per avvicinare i giovani abbiamo scelto lo sport, e in particolare uno sport pulito come la pallavolo, femminile perché la donna è un'immagine di vita. I giovani sono il nostro futuro e con la Minetti e con Monica De Gennaro puntiamo a diffondere la cultura della donazione. Donare il sangue è semplicissimo, permette di effettuare un check-up gratuito del proprio stato di salute e consente alle aziende sanitarie, cioè a tutti noi cittadini, di risparmiare soldi non dovendo acquistare sacche dalle altre Ulss".
Sigla.com - Internet Partner