Modena e Macerata in semifinale con Trento e Cuneo

20/04/2011

Valerie Campbell, Jason, Michael e Stelio De RoccoValerie Campbell, Jason, Michael e Stelio De Rocco
Valerie Campbell, Jason, Michael e Stelio De Rocco
Verdetti conclusivi peri quarti di finale dei play off maschili, con Macerata e Modena capaci di battere Treviso e Monza qualificandosi per le semifinali scudetto, nelle quali affronteranno rispettivamente Cuneo e Trento dal giorno di Pasqua.

MODENA IN SEMIFINALE.
Erano otto anni che i gialloblù non riuscivano a raggiungere questo obiettivo (l'ultima volta era stato nella stagione 2002/03 con la Kerakoll poi sconfitta in finale da Treviso in 4 partite), mentre questo traguardo e rimasto invece una chimera per Monza, sconfitta nella quinta e decisiva sfida per 3-0. In un palasport letteralmente gremito, Casa Modena ha regalato un lungo sorriso ai tanti suoi tifosi giunti nel cuore della Brianza battendo un'Acqua Paradiso combattiva ma non sufficientemente lucida nei momenti decisivi. La squadra di Daniele Bagnoli ha invece giocato le palle finali di ogni set con attenzione, capitalizzando ogni occasione propizia, e alla fine ha potuto festeggiare. Ho assistito a gran parte della partita non lontano dal presidente emiliano Giuliano Grani, e mai lo avevo visto così teso, partecipe, preoccupato: ci teneva moltissimo a questo risultato, e alla fine il suo è stato un urlo liberatorio. Bello anche il suo abbraccio in sala vip con l'altra presidente, Giulia Gabana, cui ha dedicato un sorriso e un puffetto su una guancia. Che bella scena, diversa assai rispetto a quelle cui ci hanno abituato altri sport... E' stata una piacevole serata di pallavolo, e alla fine anche i tantissimi sostenitori dell'Acqua Paradiso - compresi i fedelissimi giunti da Montichiari - hanno appaludito tutti i protagonisti di questa serie molto intensa, mescolandosi poi sul campo per l'ormai consueto rito degli autografi e delle fotografie, con il pubblico mescolato con i giocatori in un bellissimo puzzle multicolor. Adesso per Modena l'avversario è proibitivo: si tratta di Trento campione d'Europa e campione del Mondo. Ho visto Rado Stoytchev e Roberto Sernitotti prendere appunti in tribuna: serviranno loro per preparare una semifinale che scatterà il domenica 24 aprile e che sulla carta pare scontata ma potrebbe anche regalare qualche sorpresa, visto che adesso i geminiani non hanno più nulla da perdere. E questo lo sa bene anche il gm Bruno Da Re, espertissimo di queste situazioni, che ho salutato poco prima di andarmene trovandolo molto sereno e fiducioso: chissà che non riesca a trasmettere le sue sensazioni alla sua squadra...

MACERATA IN SEMIFINALE. Giovedì sera è andata in scena a Macerata la quinta e decisiva sfida tra Lube Banca Marche e Sisley, vinta dai padroni di casa con il più classico dei 3-0. La squadra di Mauro Berruto ha approcciato in maniera perfetta la partita dimenticando le paure del passato (nel 2005 aveva vanificato un vantaggio simile in semifinale sempre contro gli orogranata) e ha metabolizzato al meglio la tensione nervosa, mentre il sestetto di Roberto Piazza non ha trovato la forza di reagire chiudendo in tal modo la propria stagione (che ha regalato la vittoria in Coppa Cev ma nel complesso non ha entusiasmato, a parte le ultime due impennate d'orgoglio nei play off). Per i marchigiani, che hanno ritrovato un eccellente Igor Omrcen e hanno utilizzato sempre Facundo Conte tenendo in panchina Matteo Martino (che fine farà il prossimo anno dopo un'estate passata nelle vesti di beacher?), adesso l'avversario in semifinale è ostico assai, ovvero i campioni d'Italia di Cuneo. Questa serie scatta lunedì dell'Angelo, con diretta su RaiSport 1 (di cui ho finalmente visto giovedì sera riprese degne di essere chiamate tali).

MOVIMENTI IN PANCHINA. Intanto è iniziato il valzer degli allenatori: Silvano Prandi è andato a Latina, Andrea Giani è stato confermato a Roma, Monza e Monti si sono separati: chi andrà al suo posto è ancora prematuro prevederlo, anche se a gara 5 c'era tra gli altri anche Flavio Gulinelli... E tiene sempre banco il toto-Macerata: chi sarà il sostituto di Berruto? io continuo a puntare su Alberto Giuliani, con Emanuele Zanini seconda opzione.

NOTTE FONDA. Dopo Messina, Napoli e Fortitudo Bologna, il massimo campionato di basket rischia di perdere Avellino, Sassari e Teramo, alle prese con significativi problemi di carattere economico. Gira e rigira, il problema è sempre lo stesso: mancano i soldi. E la situazione temo sia destinata a peggiorare nei prossimi tempi, in quanto la crisi generale avrà inevitabili ripercussioni sul mondo dello sport: è proprio per questo che adesso occorre più che mai usare la testa, facendo il passo lungo come la gamba, senza azzardare nulla. Parto dal basket per arrivare al volley, perchè tanto siamo tutti sulla stessa barca. Questi casi devono fare riflettere: meglio ridimensionarsi che rischiare di leccarsi poi le ferite. Piccola postilla: ancora poco e se ne andrà anche il gruppo Benetton da basket e volley: per l'attuale Sisley si vocifera ci sia un interessamento di Belluno, dove già gli orogranata hanno disputato quest'anno le partite di Coppa Cev.

QUALE CASA? Villa Cortese ha opzionato il Forum di Assago per le semifinali dei play off femminili, in quanto è inagibile causa l'inizio dei lavori di ristrutturazione il Palalido, dove era invece stata accolta per la parte conclusiva della passata stagione la squadra di Marcello Abbondanza (con il quale mi sono complimentato mercoledì sera a Monza per l'impresa di Catania). Una scelta ambiziosa per la società che ha appena festeggiato la conquista della seconda Coppa Italia consecutiva, visto che la capienza dell'impianto dell'hinterland milanese è di 11.000 posti. Chi invece rischia di essere a breve senza casa è Bergamo, dove l'Amministrazione comunale continua a fare orecchie da mercante alle lecite richieste della plurititolata società orobica (sono cose che sento da almeno dieci anni...): il palasport, a dir poco obsoleto e inadeguato, è stato costruito nel lontano 1965, e chiaramente non è in linea con le esigenza di una squadra di vertice come la Foppapedretti. Che minaccia ancora una volta di cambiare città, trasferendosi forse a Montichiari, dove invece cercano una squadra di vertice per rivitalizzare il PalaGeorge.

DE ROCCO BROTHERS A MARIBOR. Nei miei ricordi pallavolistici occupa un posto di rilievo la promozione in serie A2 conquistata con il Gramsci Reggio Emilia nella stagione 79-80 (età paleolitica dello sport...). Con me giocava il grande Stelio De Rocco - per tutti Cocco - poi passato a Bologna, dove ha vinto lo scudetto nel 1985 con la Mapier, e poi in nazionale e a Montichiari, dove ha chiuso la carriera anzitempo per un brutto infortunio al ginocchio (giocando a beach volley) e dove poi vinto anche due Coppe delle Coppe come allenatore. Era venuto nella mia città giovanissimo per seguire la sua fidanzata Valerie Campbell, oggi sua moglie, bravissima palleggiatrice alla Nelsen. Valerie e Stelio hanno due figli che eccellono nelle vesti di pallavolisti, ma del resto non potrebbe essere altrimenti visto il dna che cotanti genitori hanno trasmesso loro: Michael, palleggiatore 23enne di 1,93 già laureato all'Universita di Alberta, e Jason, martello-ricevitore di 2,01 con ancora due anni da frequentare nella medesima Università. Entrambi hanno deciso di vivere un anno con la nazionale canadese, per affinare le proprie già eccellenti doti: staranno in collegiale a Maribor in Slovenia dal 21 al 30 Aprile. Chi vuole andare a visionare questi due giocatori molto, molto interessanti sa dove andare... 

TANTI CARI AUGURI. Iniziamo con il fare i più sinceri auguri di Buona Pasqua a tutti quelli che ci vogliono bene, e in particolar modo a quelli che ci vogliono bene e amano la pallavolo. Rivolgendo un piccolo pensiero agli amici che non ci sono più, costa poco anche in termini di tempo. Mi ha fatto piacere ricevere una telefonata da Alessadro Gullo, in passato compagno di tante trasferte quando scriveva di pallavolo per il Corriere della Sera, oggi plurilaureato preside, persona vera, di spessore, umano e culturale: "Visto che si avvicina la Pasqua, perchè non ricordi Roberto Lobietti, un galantuomo innamorato della vita e del nostro sport che ci ha lasciato premutaramente?". Lo faccio con immenso piacere attraverso il tuo pensiero e le tue parole, amico mio. Ce ne fossero di persone come Roberto e Alessandro...

Buona pallavolo a tutti!

P.S. Visto che da maggio i pensieri (non sempre positivi) saranno rivolti anche al pagamento delle tasse, vi ricordo come ogni anno la possibilità di devolvere il 5 per mille alla Casa Luce e Sorriso di Casola di Montefiorino, cui da sempre sono vicino insieme a tanti amici: il codice della LILT di Modena da indicare è 94097010360. Un piccolo gesto che moltiplicato può consentire la realizzazione di grandi progetti, a fin di bene ovviamente.
Sigla.com - Internet Partner