Mondiali maschili: l'Italia batte 3 a 1 anche il Venezuela

22/11/2006

Nagano. L’Italia coglie la quarta vittoria e conclude nel migliore dei modi la prima fase del Mondiale. Gli azzurri si sono imposti per 3-1 al Venezuela e concludono il primo girone alle spalle della Bulgaria. Per i sudamericani, che hanno vinto il secondo parziale ed hanno a lungo combattuto nel terzo, c’è l’addio al torneo per quoziente punti, nonostante il buon avvio con il successo contro gli Stati Uniti.

L’Italia entrerà nel secondo girone con quattro punti, come Brasile, Germania e Francia, due in meno dei bulgari, in piena corsa per entrare tra le migliori quattro al mondo.

Convinto dalla buona prestazione offerta 24 ore prima contro gli Stati Uniti, Gian Paolo Montalia ha confermato nel sestetto di partenza Andrea Semenzato. Per il resto tutte conferme, con la regia affidata a Vermiglio, sulla sua diagonale Fei opposto, Mastrangelo al centro con Semenzato, Papi e Cisolla di banda.

Il Venezuela ha iniziato bene, si è portato avanti 4-1, poi tanta Italia, solo Italia. Gli azzurri sbagliando praticamente nulla, spinti dagli attacchi di Fei e Cisolla, s’impongono in scioltezza per 25-13.

Stesso avvio nel secondo set, ma la reazione italiana tarda, e con il passar dei punti il Venezuela prende morale, resiste alle accelerazioni della squadra di Montali ed arriva a condurre 20-17. L’Italia trova la forza per impattare, 20-20, ma poi si lascia ancora sorprendere e cede 25-22. Nel corso del parziale, il ct italiano, inserisce Cernic per Papi e lo lascia in campo anche in avvio del successivo.

Il terzo set è carico di tensione, l’Italia ci mette un po’a sciogliersi, poi vola 16-11, ma sul più bello si blocca. I sudamericani rimontano, raggiungono il 16-16 e il match si riscalda, si gioca punto a punto sino a quando due muri di Mastrangelo portano gli azzurri sul 24-21, che prelude al 25-22.

Nel quarto l’Italia non corre più rischi e porta a casa il successo con un comodo 25-15.

Domani gli azzurri salutano Nagano e si trasferiscono ad Hiroshima dove sono attesi da Germania, Cuba, Brasile e Francia, che dovrebbero affrontare nell’ordine. Match decisivi che diranno se Papi e compagni lotteranno per le medaglie.

I COMMENTI DELLA SQUADRA ITALIANA

Luigi Mastrangelo: “Una buona prestazione, una vittoria meritata. Non guardo alle mie prestazioni personali, ognuno in un Mondiale si mette a disposizione della squadra. Nel secondo set loro hanno battuto bene e si sono avvantaggiati, meritando di vincerlo, ma non si puó pensare di giocare tutte le undici gare al massimo.”

Alessandro Fei: “L’importante era chiudere con una vittoria e lo abbiamo fatto. Adesso abbiamo bisogno di ricaricare le batterie, di fare un po’ di pesi, per essere al massimo della condizione nelle prossime gare che saranno decisive.”

Valerio Vermiglio: “Al di là dei parziali vinti o persi, credo che sia importante segnalare l’atteggiamento che ha avuto la squadra in questa prima fase. Se lo avremo anche nelle prossime gare sono certo che le soddisfazioni non mancheranno.”
Sigla.com - Internet Partner