Nel posticipo della 2a giornata di Superlega Vibo Valentia vince a Siena al tie break

23/10/2018

Nel posticipo della 2a giornata di Superlega Vibo Valentia vince a Siena al tie break
2ª Giornata (23/10/2018) - Posticipo Regular Season Superlega maschile Credem Banca

Emma Villas Siena - Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 2-3 (32-30, 23-25, 30-32, 25-18, 13-15)

Emma Villas Siena: Marouflakrani 2, Ishikawa 13, Gladyr 15, Hernandez Ramos 27, Maruotti 17, Mattei 12, Cortesia 0, Giraudo 0, Giovi (L), Spadavecchia 0, Vedovotto 0. N.E. Johansen, Fedrizzi. All. Cichello.
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Zhukouski 4, Skrimov 18, Mengozzi 7, Al Hachdadi 25, Strohbach 12, Vitelli 4, Cappio (L), Barreto Silva 10, Marra (L), Marsili 0, Presta 3. N.E. Focosi, Domagala. All. Valentini.
ARBITRI: Puecher, Piana. NOTE - durata set: 42', 27', 40', 25', 20'; tot: 154'. 

Vibo Valentia vince al tie break una sfida che va oltre le due ore e trenta minuti. E’ un match lunghissimo, con tantissime emozioni e colpi di scena. Siena vince il primo set, poi va sotto 1-2, reagisce e vince il quarto parziale portando la sfida al tie break. Al tie break lo scatto finale è dei calabresi che piazzano un break decisivo per la conquista della gara.
 
Primo set Questi i sestetti delle due squadre: la Emma Villas Siena è in campo con la diagonale composta dall’iraniano Marouf e dall’opposto Hernandez, le bande sono Ishikawa e Maruotti, al centro Gladyr e Mattei, libero è Giovi. Vibo Valentia risponde con Zhukouski in cabina di regia, Al Hachdadi opposto, gli schiacciatori sono Skrimov e Strohbach, al centro agiscono Mengozzi e Vitelli, in seconda linea a difendere c’è Marra.
 
La gara si apre immediatamente con l’ace di Todor Skrimov: lo schiacciatore bulgaro prosegue dunque sull’onda lunga della sfida vinta sette giorni fa contro Castellana Grotte quando aveva totalizzato 27 punti con 6 ace. Hernandez e Maruotti mettono a segno i primi punti, ma i calabresi piazzano un parziale al giro seguente con la battuta di Skrimov, che piazza ancora un ace. Mengozzi a rete è un fattore rilevante: il centrale della Tonno Callipo mette a segno due punti in bello stile, il secondo porta i suoi sul +3: 8-11. Gladyr dà due punti alla sua squadra, prima con una veloce potente e precisa e poi dai nove metri (10-12), il successivo errore di Al Hachdadi avvicina ancora i due team (11-12). C’è grande equilibrio in campo, Mattei fa vedere un grande colpo mentre Marouf è addirittura autore di una vera e propria magia.
 
Alla fine Siena mette la testa avanti quando Gladyr mura Skrimov prima di un altro errore della banda bulgara (21-19). Maruotti è freddo e da posto 4 non fallisce l’occasione. Sul punteggio di parità (23-23) Marouf serve Hernandez che non sbaglia e dà il set point a Siena. Si va però ai vantaggi; Gladyr prende proprio la riga e dopo una invasione in attacco dei biancoblu è nuovamente Hernandez a dare il vantaggio a Siena. Gli risponde per le rime l’opposto dei calabresi Mohamed Al Hachdadi (28-28). Alla fine il primo set parla biancoblu: Ishikawa realizza il 31-30, poi un errore difensivo di Vibo Valentia dà il primo set alla Emma Villas (32-30).
 
La Emma Villas ha attaccato con il 61%, ben 8 i punti in questo set da parte dell’opposto cubano Fernando Hernandez, 5 quelli del centrale ucraino Gladyr. Per Vibo Valentia sono stati 7 i punti di Skrimov, che ha attaccato con il 50%.
 
Secondo set Ancora Hernandez protagonista in maglia biancoblu, è lui a guidare l’attacco senese anche nel secondo parziale. Andrea Mattei urla di gioia per un muro vincente, Siena tenta l’allungo con il turno di servizio del solito Hernandez, che è autore dell’ace del 16-14. Vibo ribalta tutto e si porta sul +2, con Siena che commette errori di troppo in attacco (la percentuale in questo set scende al 50%) e che non riesce ad essere incisiva in battuta. Maruotti però guida la Emma Villas alla rimonta con tre punti in un amen e Siena è di nuovo lì (23-23). Stavolta tuttavia il servizio di Hernandez è di poco lungo e dà il set point agli ospiti. Che lo sfruttano: il palleggiatore Zhukouski serve bene, la ricezione senese non è perfetta e il tedesco Strohbach chiude il punto e con esso il set (23-25). Il tedesco è stato il miglior realizzatore dei suoi in questo parziale con 5 punti a segno e addirittura l’80% in attacco.
 
Terzo set Ishikawa e Maruotti producono un buon bottino di punti, così come Hernandez che trova anche un bel muro vincente. Imitato in questo anche da Mattei, che finalizza il 10-8 per Siena. La Emma Villas adesso dà spettacolo: prima la seconda di Marouf fa spellare le mani ai tifosi senesi presenti al PalaEstra, poi Ishikawa piazza una diagonale precisissima delle sue (13-9). Un altro “missile” del cubano della Emma Villas vale il 14-10 per i padroni di casa. Applausi anche per Gladyr, autore di un altro ace, il suo secondo della sfida (17-12). Vibo ha in campo Presta al centro e Barreto in banda insieme a Skrimov. Proprio lo schiacciatore brasiliano realizza in bello stile l’ace del -3 (20-17). Che poi diventa -2 quando Zhukouski mura Ishikawa (20-18). Mattei fa fare un altro passettino a Siena, ma Vibo impatta con Al Hachdadi che gioca sulle mani a muro di Yuki Ishikawa (21-21). Il servizio di Zhukouski produce l’ace del 22-23 però Siena con carattere ribalta di nuovo tutto: prima va a segno la veloce di Gladyr poi anche la schiacciata di Maruotti (24-23). Al Hachdadi porta ai vantaggi e l’ace del solito Skrimov dà un punto break a Vibo che così ha un set point (24-25). Coach Cichello inserisce Vedovotto al posto di Ishikawa. Skrimov stavolta sbaglia la battuta ed è di nuovo parità.
 
Uno dei momenti più belli della sfida è il tuffo di Saeid Marouf che vola a prendere un pallone in difesa; da lì nasce il punto di Maruotti che porta il risultato sul 26-25. Si prosegue con i vantaggi con Barreto protagonista tra i suoi e con Ishikawa che torna in campo al posto di Vedovotto. E’ un match dalle mille emozioni: Al Hachdadi schiaccia a terra il nuovo vantaggio vibonese, con Ishikawa che realizza l’ennesimo pareggio. E’ ancora il giapponese a salvare Siena da una situazione difficile con il muro del 30-30. E’ ancora un ace ad essere decisivo: lo mette a segno il palleggiatore Zhukouski.
 
Quarto set I nomi di Hernandez e di Maruotti risuonano in avvio di quarto parziale per le buone giocate del cubano e dell’azzurro. Poi Mattei piazza un altro muro-punto, il suo quarto in questa sfida. Hernandez martella e varia le direzione d’attacco mentre Mattei può esultare per un altro colpo meraviglioso. Un colpo pesante perché porta Siena sul +6 (18-12) ed è un vantaggio consistente. Che i biancoblu mantengono con i punti di Hernandez e Gladyr. Ci pensa il giapponese Yuki Ishikawa a portare il match al tie break con l’ace del 25-18.
 
Quinto set Vibo inizia bene il tie break (1-3). Mattei chiude dal centro per il 2-4 e un punto break arriva con Hernandez (3-4). Il cubano si carica sulle spalle la squadra, incitata dai 1.300 spettatori presenti al PalaEstra. Presta è molto bravo a murare Mattei per il nuovo vantaggio ospite (6-7). Al Hachdadi angola in maniera perfetta e le due squadre cambiano campo sul 7-8. Pareggia Gladyr (8-8). Le due squadre danno fondo a tutte le energie. Ishikawa in diagonale per il 10-10. Sul 12-11 coach Cichello mette dentro Vincenzo Spadavecchia. E' bravo Gladyr che dai nove metri piazza l’ace del +2: 13-11. Al Hachdadi realizza il 13-12. Per Vibo Valentia entra Marsili che va in battuta. Presta mura Maruotti ed è match point per Vibo: 13-14. Poi Maruotti spara fuori (13-15). Finisce qui. 
 
Emma Villas Siena – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 2-3 (32-30, 23-25, 30-32, 25-18, 13-15)
EMMA VILLAS SIENA: Giraudo, Cortesia, Spadavecchia, Marouf 2, Giovi (L), Gladyr 15, Vedovotto, Mattei 12, Ishikawa 13, Fedrizzi, Johansen, Maruotti 17, Hernandez 27. Coach: Cichello.
TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Zhukouski 4, Marra (L), Cappio (L), Vitelli 4, Marsili, Skrimov 18, Barreto 10, Domagala, Al Hachdadi 25, Presta 3, Strohbach 12, Focosi, Mengozzi 7. Coach: Valentini.
Arbitri: Andrea Puecher, Rossella Piana.
NOTE. Video Check: nel primo set richiesto da Vibo Valentia sul 9-11 (decisione cambiata) e sul 30-29 (decisione cambiata), richiesto dall’arbitro sul 26-25; richiesto nel secondo set da Siena sul 23-24; richiesto nel terzo set da Vibo Valentia sul 5-2 e sul 9-7 e dall’arbitro sul 30-30; richiesto nel quarto set dall’arbitro sul 7-5.
Percentuali in attacco: Siena 53%, Vibo Valentia 46%. Positività in ricezione: Siena 50%, Vibo Valentia 43%. Ace: Siena 7, Vibo Valentia 9. Errori in battuta: Siena 21, Vibo Valentia 22. Muri punto: Siena 6, Vibo Valentia 13. Durata match: 2 ore e 34 minuti (42’, 27’, 40’, 25’, 20’).
Spettatori: 1.300.
Prima del match coach Juan Manuel Cichello è stato premiato come miglior allenatore dello scorso campionato di Serie A2. Il riconoscimento, assegnato dalla Legavolley, è stato consegnato sul taraflex dal Presidente della Emma Villas Siena, Giammarco Bisogno.

Risultati 2a giornata di andata Superlega maschile:
Cucine Lube Civitanova-Consar Ravenna 3-0 (25-19, 25-23, 25-18);
Calzedonia Verona-Sir Safety Conad Perugia 0-3 (12-25, 17-25, 18-25);
Revivre Axopower Milano-Kioene Padova 3-1 (19-25, 25-23, 25-23, 28-26);
Top Volley Latina-Vero Volley Monza 1-3 (24-26, 23-25, 25-22, 23-25);
Globo Banca Popolare del Frusinate Sora-Itas Trentino 1-3 (22-25, 20-25, 25-22, 19-25);
BCC Castellana Grotte-Azimut Leo Shoes Modena 2-3 (17-25, 25-23, 19-25, 25-20, 10-15).
Emma Villas Siena-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 2-3 (32-30, 23-25, 30-32, 25-18, 13-15)
 
Classifica:
Sir Safety Conad Perugia 6, Cucine Lube Civitanova 6, Itas Trentino 6, Azimut Leo Shoes Modena 5, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 5, Consar Ravenna 3, Vero Volley Monza 3, Calzedonia Verona 3, Revivre Axopower Milano 3, BCC Castellana Grotte 1, Emma Villas Siena 1, Top Volley Latina 0, Kioene Padova 0, Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 0.
Sigla.com - Internet Partner