Nella prima giornata dei play off scudetto maschili vincono Trento, Macerata, Cuneo e Latina

07/04/2012

Nella prima giornata dei play off scudetto maschili vincono Trento, Macerata, Cuneo e Latina
Risultati prima giornata Quarti di Finale Play Off:
Itas Diatec Trentino - Energy Resources San Giustino 3-0 (25-23, 25-15, 25-22)
Lube Banca Marche Macerata - Marmi Lanza Verona 3-1 (21-25, 25-21, 25-19, 25-22)
Bre Banca Lannutti Cuneo - Tonno Callipo Vibo Valentia 3-1 (21-25, 25-21, 29-27, 28-26)
Sisley Belluno-Andreoli Latina 0-3 (26-28, 23-25, 21-25)

ITAS DIATEC TRENTINO - ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO 3-0 (25-23, 25-15, 25-22)
ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 9, Birarelli 10, Della Lunga, Juantorena 7, Zygadlo, Vieira De Oliveira 1, Sokolov 3, Colaci (L), Stokr 13, Bari (L), Burgsthaler 2. N.e. Lanza, Djuric. All. Stoytchev.
ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO: Creus Larry 8, Rauwerdink 6, Patak 8, Mc Kibbin, Finazzi 5, Petkovic, Giovi (L), Sammelvuo 5, Urnaut 4. N.e. Cozzi, Bartoletti, Tholse, Lo Bianco. All. Held.
ARBITRI: Puecher, Rapisarda. NOTE - Spettatori 1712, incasso 10838, durata set: 26', 21', 26'; tot: 73'.

LUBE BANCA MARCHE MACERATA - MARMI LANZA VERONA 3-1 (21-25, 25-21, 25-19, 25-22)
LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Lampariello, Savani 21, Exiga (L), Parodi 15, Stankovic 8, Travica 1, Omrcen 17, Podrascanin 3. N.e. Pajenk, Kovar, Monopoli, Van Walle. All. Giuliani.
MARMI LANZA VERONA: Popp 8, Kosmina 1, Ter Horst 1, Calderan, Meoni, Smerilli (L), Patriarca 8, Zingel 2, Casarin 1, Kromm 10, Postiglioni 9, Gasparini 15. All. Bagnoli.
ARBITRI: Satanassi, Vagni. NOTE - Spettatori 1920, incasso 6530, durata set: 30', 26', 25', 32'; tot: 113'.

BRE BANCA LANNUTTI CUNEO - TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA 3-1 (21-25, 25-21, 29-27, 28-26)
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Mastrangelo 9, Henno (L), Ngapeth 12, Fortunato 6, Van Lankvelt, Wijsmans 22, Vissotto Neves 21, Grbic 2, Caceres 3, Patriarca 2. N.e. Rossi, Pieri, Baranowicz. All. Placì.
TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Falasca 19, Coscione 1, Serafini, Cernic 10, Diaz 13, Grassano, Rak 7, Klapwijk, Barone 7, Fanuli (L), Nikolov 11. N.e. Mignolo, Banderò. All. Blengini.
ARBITRI: Sobrero, Cesare. NOTE - Spettatori 2100, incasso 8800, durata set: 26', 27', 36', 32'; tot: 121'.

SISLEY BELLUNO - ANDREOLI LATINA 0-3 (26-28, 23-25, 21-25)
SISLEY BELLUNO: Abdelaziz 1, Fei 16, Horstink 10, Dolfo, Farina (L), Kohut 10, De Togni 5, Suxho 2, Antonov 1, Ogurcak 6. N.e. Szabò, Curti, Sorato. All. Piazza.
ANDREOLI LATINA: Rivera Caamano 2, Pantaleon, Gitto 8, Sottile 2, Jarosz 27, De Pandis (L), Troy 1, Diachkov 6, Cester 7, Fragkos 4. N.e. Guemart, Tailli, Galabinov. All. Prandi.
ARBITRI: Santi, La Micela. NOTE - Spettatori 1290, incasso 7311, durata set: 31', 30', 29'; tot: 90'.

I Campioni d’Italia in carica non steccano l’esordio nei Play Off Scudetto 2012 e si regalano una Pasqua senza partite ufficiali. Il 3-0 imposto stasera al PalaTrento sulla Energy Resources San Giustino nella prima gara del girone A ha infatti visto l’Itas Diatec Trentino dominare la scena senza apparenti difficoltà. Merito di una prova di squadra senza particolari sbavature, se si eccettua gli errori al servizio e la partenza diesel del primo set, e degli acuti di Birarelli ( mvp con 4 muri ed il 71% in primo tempo) e Stokr (60% in attacco), che hanno reso più semplice il compito di rompere il ghiaccio in questo primo turno della fase post season. Gli ospiti hanno avuto un’unica grande occasione nel primo parziale, ma gli errori di Patak hanno fatto svanire l’opportunità e condotto il match nei binari desiderati dei gialloblù.
Trento ora starà alla finestra e guarderà con interesse la sfida di domani sera fra Roma e la stessa San Giustino, per capire quali armi utilizzare per riuscire poi a vincere anche la partita di lunedì sera contro i capitolini.

Jan Stokr (Itas Diatec Trentino): “Siamo partiti un po’ contratti ed in difficoltà specialmente al servizio ed in attacco; sentivamo la tensione di dover dimostrare qualcosa ma a gioco lungo abbiamo saputo scioglierci e conquistare questo primo passo verso le possibili Semifinali. Dobbiamo crescere molto ma il risultato è assolutamente importante”.

Andrea Giovi (Energy Resources San Giustino): “Ci abbiamo provato, in particolar modo nel primo set ma giocare contro una Trento che ti mette così tanta pressione addosso non è semplice. Sapevamo che non avevamo tante possibilità ma qualcosa in più avremmo potuto farlo. Ora proviamo a guadagnare un buon risultato contro Roma”.

In vista della gara di domani:

Alberto Cisolla (M. Roma Volley): “Ci stiamo preparando con impegno per cercare di onorare nel migliore dei modi i Play Off che ci siamo guadagnati e che nessuno ci ha regalato. Indubbiamente, Trento è il cliente più pericoloso che poteva capitarci. Per spuntarla servirebbe un miracolo, bisognerebbe dare il 120% delle nostre possibilità o sperare che loro incappino in una giornata storta. Ma occhio anche a San Giustino. Gli umbri ci hanno già battuti in Campionato, per cui abbiamo il dovere di non sottovalutarli, anche se sembrano essere alla nostra portata. Disputare un ottimo Play Off, giocando come abbiamo fatto in qualche occasione, magari, mettendo in difficoltà proprio Trento e vedere come va a finire: sarebbe un’ottima e ghiotta occasione per lasciarci alle spalle una stagione che è stata più avara che prodiga”.

Classifica Girone A
Itas Diatec Trentino 3, M. Roma Volley 0*, Energy Resources San Giustino 0
*una partita in meno

Nella prima gara del girone dei Quarti Play Off di scena al Palasport Fontescodella di Macerata, la Lube Banca Marche batte la Marmi Lanza Verona 3-1, compiendo il primo importante passo sulla strada che porta alla Semifinale. Alla luce di questo risultato gli uomini di Alberto Giuliani domani (inizio alle 18.00) saranno spettatori interessati della sfida tra gli scaligeri e l’Acqua Paradiso Monza, la terza squadra del gruppo, che a sua volta sarà avversaria dei biancorossi lunedì (sempre alle 18.00), nella gara che emetterà il verdetto finale sul discorso qualificazione.
Tutta in salita la partenza dei maceratesi, che ripresentano Kovar nei dodici, al rientro dopo l’infortunio alla caviglia di due settimane fa a Belluno. Con Postiglioni titolare al centro al posto dell’acciaccato Zingel, in avvio Verona sorprende infatti i padroni di casa con i velenosi turni al servizio di Kromm e Gasperini (8-3), i due uomini che con Popp (4 punti), nel corso del parziale riusciranno a sfruttare al meglio l’ottimo lavoro del muro-difesa, per capitalizzare al massimo il vantaggio accumulato inizialmente (5 punti per l’opposto sloveno). Macerata accusa evidenti difficoltà in ricezione (solo 50% di positività col 32% di perfette), ma riesce comunque a risalire fino al 21-23 trascinata dalle battute di Omrcen, poi si ferma lì. E’ nel secondo set che Lube Banca Marche ritrova un buon equilibrio in tutti i fondamentali, al cospetto di una Marmi Lanza fallosa in battuta (9 errori) ma molto efficace in attacco, tanto da portare sopra il 60% tutte le sue bocche di fuoco, con la sola eccezione di Kromm. Meoni innesca spesso e volentieri anche i primi tempi di Patriarca (5 punti, 80%), mentre sulla sponda maceratese Travica, ottimo anche a muro, ha buone risposte da Savani (5 punti) e dal solito Omrcen. E’ sempre lui l’uomo chiave, ed ancora dai nove metri: la sua terza battuta vincente della partita fissa il 18-15 in favore dei cucinieri, che metteranno al sicuro la parità già nell’azione successiva, quando Kromm spara out la palla che vale il +4. Chiuderà sul 25-21 Macerata (errore in battuta del neo entrato Ter Horst), che nel terzo parziale parte non a caso nuovamente con Omrcen in battuta, ricavandone un buon 4-0 iniziale che mette subito in discesa la strada dei cucinieri. Bravi in seconda linea con Exiga e Parodi (in ricezione su 13 palloni totali 83% per il primo e 86% per il secondo, autore anche di 4 punti), e sempre più efficaci in attacco grazie ancora ad Omrcen (5 punti, 57%) e ad un Savani in crescita esponenziale (5 punti con l’80%). Chiuderà Stankovic sul 25-19, mettendo in apparenza a terra una Verona che nel quarto parziale non molla neppure dopo le due battute vincenti (stavolta) di Parodi (13-10) che danno il là ad un buon allungo della squadra di Giuliani (muro di Savani che scrive il 16-11). Kromm mette a terra addirittura il pallone del 20-21, ma la Lube Banca Marche stavolta non concede ulteriori sconti. Chiude Savani, Mvp e top scorer con 21 punti totali (58% in attacco), con un mani out che fissa il 25-22 e quindi il 3-1.

Alberto Giuliani (allenatore Lube Banca Marche Macerata): “Abbiamo approcciato male la gara, forse anche prevedibile data la formula in cui nessuno può permettersi di sbagliare. Abbiamo pagato care le nostre incertezze iniziali, ma anche nel primo set già con la battuta di Igor che aveva avviato la nostra rimonta, si era visto che avevamo una gran voglia di vincere. Ci prendiamo questa vittoria importantissima, e concentriamoci subito su quello che a questo punto sarà l’incontro top del girone, lunedì con Monza. La squadra di Zanini propone delle soluzioni tattiche molto interessanti, e dovremo farci trovare preparati”.

Bruno Bagnoli (allenatore Marmi Lanza Verona): “Nonostante siamo arrivati a giocare questa gara con alcuni elementi in non perfette condizioni fisiche, sono molto contento del percorso tecnico fatto dalla mia squadra. Nel primo set abbiamo battuto come una squadra di alto livello, mentre nel quarto è stato il loro di servizio a tagliarci le gambe. Questo vuol dire che la differenza tra le due squadre va ricercata nel mezzo, e la individuo nel fatto che con un servizio normale da entrambe le parti, a decidere il risultato è stata la loro maggiore efficacia in attacco”.

In vista della gara di domani:

Facundo Conte (Acqua Paradiso Monza Brianza): “Domani siamo obbligati a vincere da tre punti per sperare poi di poterci giocare la qualificazione nella partita di lunedì contro la Lube Banca Marche. Non sarà certamente semplice, visto che anche contro la squadra maceratese Verona ha dimostrato di saper giocare una buonissima pallavolo, riuscendo ad incidere moltissimo con il suo servizio, molto pericoloso quando entra. Dovremo cercare di giocare al meglio per centrare l’obiettivo, ci sarà da sudare ma siamo molto fiduciosi”.

Classifica Girone B
Lube Banca Marche Macerata 3, Acqua Paradiso Monza Brianza 0*, Marmi Lanza Verona 0
*una partita in meno

La Bre Banca Lannutti si aggiudica gara 1 dei Quarti dei Play Off Scudetto battendo per 3 set a 1 la Tonno Callipo Vibo Valentia, nella prima giornata della tre giorni di volley a Cuneo, con in scena il Girone C dei quarti di finale.
Camillo Placì schiera Grbic in palleggio, Vissotto opposto, NGapeth e Wijsmans in attacco, Mastrangelo e Fortunato al centro, Henno libero. Blengini risponde con Manuel Coscione in regia, Nikolay Nikolov opposto, Cernic e Diaz in banda, Rak e Barone al centro, Fanuli libero.
Primo set con la formazione ospite costantemente in vantaggio di un paio di lunghezze,con i cuneesi che vanno sotto nel punteggio e non riescono a rientrare. Ai cuneesi manca la verve per recuperare e trovare il vantaggio, in un set molto nervoso e condizionato da alcune decisioni arbitrali contestate dai cuneesi. Così Vibo conquista e gestisce le due lunghezze, mantenendole fino alla fine. Seconda frazione che parte con lo stesse premesse della precedente, con i cuneesi sotto di due lunghezze. Poi capitan Wisjmans e compagni reagiscono e piazzano un break di 6-0 che li porta dal 12-14 al 18-14, senza che gli uomini di Blengini riescano a fermarli. I cuneesi, meno fallosi in battuta, ma soprattutto più determinati e grintosi mantengono il vantaggio e vanno a chiudere 25-21. Bre Lannutti in vantaggio anche al primo time out tecnico del terzo set, dopo che, nelle prime fasi si era infortunato alla caviglia Rak, sostituito da Rocco Barone. Vibo si avvicina fino al -1, ma i cuneesi riescono a mantenere il margine di vantaggio fino alle fasi conclusive del set, quando Vibo impatta. Recuperato dal 19-16 al 20-19, Vibo trova il pareggio sul 22 pari con Falasca. Di qui in poi è un continuo punto a punto, con Cuneo che si procura quattro set ball e Vibo ne annulla quattro. Chiude capitan Wijsmans con il quinto set ball, sul 29-27. Ultimo set tutto giocato all’inseguimento per la formazione di Placì, che ad un certo punto si ritrova sotto 13-18. Come già era successo nel secondo set, i cuneesi trovano il break decisivo che li riporta in parità sul 23-23 e chiudono al terzo match ball, con Wijsmans, premiato mvp del match, che mette a terra la palla del 28-26 che vale il 3-1.

Domani in scena gara 2, alle 17.30 al PalaBreBanca la Copra Elior Piacenza incontra la Tonno Callipo Vibo Valentia.

Hubert Henno (Bre Banca Lannutti): “A questo punto quello che conta è solo vincere, il resto non conta più. Abbiamo avuto tempo per lavorare, ora è tempo di giocare e basta. Dobbiamo pensare solo a giocare, parole e chiacchiere a questo punto della stagione non servono più, lunedì dovremmo scendere in campo solo per vincere”.

Manuel Coscione (Tonno Callipo Vibo Valentia): “Questa è stata per noi la settimana delle mille difficoltà. Prima Klapwijk fuori, poi un problema al piede a Falasca, che stasera ha giocato dolorante, ed ora l’infortunio a Rak. La cosa positiva è che abbiamo combattuto, resta il rammarico per non essere riusciti a portare il match al tie-break, ma è stato merito loro. Un po’ di rammarico, ma con la certezza di avere dato il massimo”.

In vista della gara di domani:

Luca Monti (allenatore Copra Elior Piacenza): “C’era grande tensione in campo, ma è normale quando la posta in palio è così alta. Quando giochi una partita così importante, e senza ritorno, è sempre dura. Sarà dura anche per noi domani, sicuramente ci sarà tensione altissima anche domani”.

Classifica Girone C
Bre Banca Lannutti Cuneo 3, Copra Elior Piacenza 0*, Tonno Callipo Vibo Valentia 0
*una partita in meno

GIRONE D

Dopo la premiazione di Alessandro Fei, capitano della Sisley, con il prestigioso Trofeo Gazzetta, si inizia il Play Off senza esclusione di colpi: grande equilibrio tra Sisley Belluno e Andreoli Latina in un primo set pieno di sorpassi tra le due squadre. Alla fine, dopo 3 set point annullati ai padroni di casa, un muro di Sottile dà il primo set alla squadra di Silvano Prandi (al suo 29° play off) per 28-26. Secondo set ancora in equilibrio, costellato da molti errori: prova l’allungo iniziale Latina (5-2), risponde Belluno che con il muro ancora in evidenza va avanti 18-16. Un malessere estromette Diachkov per Latina che non demorde: Jarosz, scatenato (11 punti nel set!), propizia un parziale di 6-1 per i suoi e, nonostante i tentativi di Fei, l’Andreoli sigla il 23-25 e vola 2-0. Terzo parziale e Belluno ci prova all’inizio, ma senza successo fino al break di Jarosz, sempre lui, e di Gitto per il 15-20. Sarà il break decisivo e Latina vince 21-15 e 3-0. Lunedì Latina giocherà contro Casa Modena per l’accesso in semifinale, invece la Sisley domani affronterà Modena sempre alla Spes Arena.

Silvano Prandi (allenatore Andreoli Latina): “Abbiamo vinto perché siamo stati più bravi della Sisley a gestire gli errori. Non è stata una pallavolo stellare da ambo le parti, ma in gare come queste la squadra che vince è quella che sbaglia meno e noi, specie nella seconda metà, siamo stati bravi a trovare buoni colpi e a giocare un po’ più sciolti della Sisley che di certo non ha giocato la sua miglior pallavolo. Ora abbiamo un giorno di riposo e poi avremo il match di lunedì contro Modena, altra squadra di alto livello come la Sisley. Sarà un match che farà storia a sé, di certo questo successo ci dà grande carica e motivazione, ma mi aspetto un’altra battaglia e dovremo essere bravi ad interpretare il match bene come contro Belluno”.

Roberto Piazza (allenatore Sisley Belluno): “Nel primo set avevamo ottenuto due set ball, sul 24-22 potevamo chiudere, invece non ci siamo riusciti. Le grandi squadre sanno come essere ciniche, noi non lo siamo stati perché dobbiamo ancora crescere molto. Poi nonostante il gioco non fosse limpido, con il muro siamo stati in partita, ma non è bastato e complici anche qualche errore di troppo da parte nostra loro hanno preso fiducia. Sapevo che Latina è un’ottima squadra e quello che aveva fatto durante l’anno lo dimostrava, avevo messo in guardia tutti, mi dispiace di aver avuto ragione. Domani abbiamo davanti la partita più importante della stagione, dobbiamo ricaricarci in fretta perché Modena è una grande squadra e lo sappiamo. Bisognerà giocare meglio di oggi e cercare una vittoria che però non ci darebbe nessuna certezza di qualificazione. Per questo dovremo giocare a tutta birra e provarci fino all’ultimo, quello che mi dispiace è che in ogni caso saremo poi nelle mani dei risultati altrui”.

In vista della gara di domani:

Daniele Bagnoli (allenatore Casa Modena): “La gara di oggi ha visto la Sisley giocare sotto il suo standard, il risultato è stato sorprendente a testimonianza di quanto incerto sia questo Play Off. Il primo set è stato rocambolesco, poi Latina ha vinto con merito gli altri due e ha confezionato un gran risultato a suo favore. Comunque domani non ci aspettiamo regali, né una Sisley arrendevole, sarà una gara diversa per i nostri avversari che certamente vorranno riscattarsi. In un girone così ogni gara fa storia a sé, noi dobbiamo essere concentrati e non lasciare spazio a un’avversaria che avrà sete di rivincita in una gara che mi aspetto molto combattuta. Certo che questo risultato di stasera ci apre buone prospettive, dovremo essere bravi ad approfittarne”.

Classifica Girone D
Andreoli Latina 3, Sisley Belluno 0, Casa Modena 0*
*una partita in meno

Prossimo turno
Domenica 8 aprile 2012, ore 17.30
GIRONE C
A Cuneo
Copra Elior Piacenza (6a) - Tonno Callipo Vibo Valentia (Perdente gara 1) Diretta Rai Sport 1
(Sampaolo-Pasquali)
Domenica 8 aprile 2012, ore 18.00
GIRONE A
A Trento
M. Roma Volley (8a) – Energy Resources San Giustino (Perdente gara 1)
(Bartolini-Pol)

GIRONE B
A Macerata
Acqua Paradiso Monza Brianza (7a) - Marmi Lanza Verona (Perdente gara 1)
(Castagna-Gnani)

GIRONE D
A Belluno
Casa Modena (5a) - (Perdente gara 1)
(Saltalippi-Boris)
Sigla.com - Internet Partner