Nella seconda giornata dei play off scudetto maschili affermazioni per Roma, Monza, Piacenza e Belluno

08/04/2012

Nella seconda giornata dei play off scudetto maschili affermazioni per Roma, Monza, Piacenza e Belluno
2ª Giornata Andata (08/04/2012) - Play Off scadetto 2011/12 - Girone A
M. ROMA VOLLEY - ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO 3-2 (21-25, 25-23, 21-25, 25-23, 15-9)
M. ROMA VOLLEY: Lebl 9, Paolucci, Paparoni (L), Maruotti 9, Zaytsev 23, Boninfante 1, Bencz 8, Puliti, Sabbi 17, Bjelica 8. N.e. Passier, Corsano, Cisolla. All. Andrea Giani.
ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO: Creus Larry 8, Rauwerdink 14, Patak 21, Mc Kibbin 3, Finazzi 9, Petkovic, Giovi (L), Sammelvuo 3, Urnaut 11. N.e. Cozzi, Bartoletti, Tholse, Lo Bianco. All. Henk Jan Held.
ARBITRI: Bartolini, Pol. NOTE - Spettatori 1042, incasso 7454, durata set: 25', 25', 25', 25', 13'; tot: 113'.

Girone B
ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA - MARMI LANZA VERONA 3-1 (25-23, 21-25, 25-16, 25-18)
ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA: Rossini (L), Zhukouski 6, Conte 15, Nikic 1, Molteni, Buti 4, Rooney 10, De Cecco 3, Gavotto 21, Shumov 10, Roumeliotis. N.e. Ciabattini, Mckniff. All. Emanuele Zanini.
MARMI LANZA VERONA: Popp 15, Kosmina 1, Ter Horst 2, Calderan, Meoni 2, Smerilli (L), Patriarca 11, Zingel 5, Casarin, Kromm 10, Postiglioni, Gasparini 13. All. Bruno Bagnoli.
ARBITRI: Castagna, Gnani. NOTE - Spettatori 1038, incasso 4020, durata set: 28', 26', 26', 24'; tot: 104'.

Girone C
COPRA ELIOR PIACENZA - TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA 3-0 (25-19, 25-20, 25-20)
COPRA ELIOR PIACENZA: Marra (L), Papi 8, Zhekov 2, Nikolov 15, Zlatanov 20, Holt 8, Tencati 4. N.e. Kral, Sidibé, Massari, Kampa, De Oliveira, Binaghi. All. Luca Monti.
TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Falasca 9, Coscione, Serafini, Cernic 9, Diaz 17, Grassano 1, Barone 3, Fanuli (L), Nikolov 5. N.e. Mignolo, Banderò, Klapwijk. All. Gianlorenzo Blengini.
ARBITRI: Sampaolo, Pasquali. NOTE - Spettatori 1600, incasso 5800, durata set: 26', 27', 26'; tot: 79'.
Girone D
SISLEY BELLUNO - CASA MODENA 3-1 (25-21, 21-25, 25-18, 25-22)
SISLEY BELLUNO: Abdelaziz, Fei 20, Horstink 13, Dolfo, Farina (L), Kohut 9, Curti, De Togni 8, Suxho 3, Antonov, Ogurcak 9. N.e. Szabò, Sorato. All. Roberto Piazza.
CASA MODENA: Manià (L), Sala 12, Kadziewicz 4, Dennis 21, Carletti 1, Bellei 1, Esko 4, Martino 12, Casoli, Anderson 11. N.e. Catellani. All. Daniele Bagnoli.
ARBITRI: Saltalippi, Boris. NOTE - Spettatori 1100, incasso 6000, durata set: 25', 27', 25', 25'; tot: 102'.

La giornata di Pasqua non regala sorprese sgradite nell’uovo della M. Roma Volley. La squadra capitolina ha confermato, seppur a fatica, questa sera al PalaTrento la superiorità evidenziata già nella classifica finale della Serie A1 Sustenium sull’Energy Resources San Giustino superando gli umbri con il punteggio di 3-2. Una vittoria che proietta gli uomini di Andrea Giani alla sfida di domani contro i padroni di casa di Trento con tutte le possibilità intatte per ambire alla Semifinale dei Play Off, traguardo che i neroverdi non sono più riusciti a centrare dalla stagione 2008 (ultima partecipazione ai playoff). Nel match odierno tanta discontinuità di rendimento per entrambe le squadre: meglio San Giustino nel primo e terzo set grazie soprattutto alla vena di Patak , replica di Roma nella seconda e quarta frazione ispirata dal servizio e dalla prolificità di Zaytsev. Il set meno equilibrato è stato così il quinto, vinto a mani basse dai capitolini. Per accedere alla semifinale alla squadra di Giani ora servirà una vittoria con qualsiasi punteggio; se andrà male ci sarà comunque sempre la possibilità di concorrere per la Challenge Cup. Per San Giustino invece la stagione termina fra gli applausi dei mille presenti al PalaTrento.

Henk Jan Held (allenatore Energy Resources San Giustino): “Mi dispiace molto perché questa squadra meritava di più; in tanti momenti abbiamo avuto in mano il match ma abbiamo perso anche a causa di nostri errori talvolta banali. L’inizio del tie break è stato deficitario anche a causa del brutto finale di quarto set; Roma ha servito meglio e noi abbiamo subito”.

Gabriele Maruotti (M. Roma Volley): “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile perché San Giustino aveva poco da perdere e avrebbe tirato a tutto braccio qualsiasi pallone. Siamo stati imprecisi in alcune situazioni ma abbiamo saputo ritrovarci nel corso del quarto set, quando contava davvero. Domani contro Trento ci attende una partita difficilissima, lo sappiamo bene ma cercheremo di giocarci le nostre chance”.

In vista della gara di domani:

Matey Kaziyski (Itas Diatec Trentino): “Vincendo contro San Giustino sabato abbiamo fatto solo il 50% del nostro compito; lo dovremo quindi completare domani con una bella prestazione ed una vittoria contro la M. Roma Volley. Non sarà una partita semplice ma abbiamo avuto il vantaggio di un giorno in più di preparazione rispetto ai nostri avversari; cercheremo di farlo fruttare gettando in campo tutta la determinazione che abbiamo: vogliamo la Semifinale”.

Classifica Girone A
Itas Diatec Trentino 3, M. Roma Volley 2, Energy Resources San Giustino 1*
*un incontro in più

GIRONE B

Si chiude al Palasport Fontescodella di Macerata la stagione della Marmi Lanza Verona. Dopo la sconfitta rimediata ieri contro i padroni di casa, all’esordio nel girone B dei Quarti Play Off, la formazione di Bagnoli perde 3-1 anche dall’Acqua Paradiso Monza, che dunque domani alle 18.00 affronterà la Lube Banca Marche a parità di punti in classifica, e con la qualificazione alla semifinale nel piatto della posta in palio. Rispetto alla prima gara, Verona presenta Zingel al centro al posto di Postiglioni, le sorprese maggiori arrivano però dalla metà campo brianzola, dove Zanini lascia inizialmente a riposo la coppia argentina De Cecco-Conte presentando Zhukouski in palleggio e Rooney nella diagonale di posto 4 con Nikic. Il giovane alzatore croato si fa subito apprezzare per il servizio, ma nell’economia di un set per larghi tratti dominato dall’Acqua Paradiso risulterà decisivo anche a muro: ben quattro punti nello suo score personale del primo parziale in cui i lombardi, avanti anche 21-15 sull’asse Rooney-Gavotto (9 punti in due), si fanno rimontare fino al 24-23, previo poi chiudere il conto sul 25-23 con un mani out di Conte, entrato proprio nel finale. La rimonta, pur non andando a buon fine, fornisce comunque nuova linfa alla Marmi Lanza, orchestrata magistralmente da un ottimo Meoni. Nel secondo set il regista padovano, assistito da un’eccellente ricezione (88%) innesca a più riprese e con successo i suoi centrali (75% per Patriarca e 67% per Zingel), così come l’ottimo Popp, che chiuderà il parziale con 4 punti ed il 100% di positività sulle schiacciate. Monza, sull’altra sponda, sbaglia un po’ troppo al servizio (6 errori), e nonostante il 70% di Gavotto su 10 attacchi deve richiamare dalla panchina sia De Cecco che Conte (sull’11-13, per Nikic) per provare a riaprire un set condotto dai veronesi anche 20-13. Conte è subito protagonista (3 attacchi su 4 a terra), tanto da convincere il suo tecnico a lasciarlo in campo anche nel terzo set, nel quale l’Acqua Paradiso (con De Cecco al palleggio dall’inizio), ritrova la determinazione e le soluzioni giuste per riportare la partita sul suo binario. Verona? Tiene botta fino a metà set, poi si scioglie dal 10-13 in poi, colpa dei troppi errori (8) e pure del nervosismo generato da alcune decisioni arbitrali molto contestate (cartellino rosso per il Direttore Sportivo scaligero, Cottarelli). Monza, che regala più sostanza alla sua seconda linea inserendo Molteni per Rooney, vince 25-16 vanificando tutti i tentativi di Bagnoli di riaprire la situazione, pescando a mani piene dalla panchina. Il quarto set, sulla scia di quello precedente, è un monologo di Monza, che ha dalla sua ben più motivazioni degli avversari. Gavotto, autore di 21 punti (53%, 2 muri e 1 ace), è l’Mvp.

Marco Meoni (Marmi Lanza Verona): “Siamo riusciti a giocare una discreta pallavolo per due set, poi siamo calati, anche perché la nostra squadra non è abituata a giocare gare di questa importanza a distanza ravvicinata l’una dall’altra. Si è chiusa una stagione che per noi va comunque valutata in maniera positiva, dato che l’obiettivo più importante era la salvezza, e l’abbiamo conquistata”.

Emanuele Zanini (allenatore Acqua Paradiso Monza): “Ho scelto di lasciare De Cecco e Conte inizialmente in panchina perché entrambi sono alle prese con qualche problemino fisico. Abbiamo giocato una buona gara, trovando belle risposte dal muro, ed anche dalla gestione delle varie situazioni che si sono presentate. Loro ad un certo punto hanno un po’ mollato, e noi siamo stati bravi ad approfittarne. Domani, però, per riuscire a battere la Lube Banca Marche dovremo giocare tutti al 101%”.

In vista della gara di domani:

Alberto Giuliani (allenatore Lube Banca Marche Macerata): “Tra Monza e Verona è andata secondo pronostico, con la formazione lombarda che ha provato anche a far riposare qualche giocatore titolare, credo proprio in vista della sfida decisiva di domani contro di noi. Sarà una partita durissima, perché l’Acqua Paradiso è indubbiamente una squadra di alto livello. Servirà quindi una Lube Banca Marche molto determinata per centrare l’obiettivo, che per noi è veramente molto importante”.

Classifica Girone B
Acqua Paradiso Monza Brianza 3, Lube Banca Marche Macerata 3, Marmi Lanza Verona 0*
*un incontro in più

GIRONE C

Al PalaBreBanca il match tra Copra Elior Piacenza e Tonno Callipo Vibo Valentia, gara 2 dei Quarti di finale dei Play Off, vede la formazione di Monti aggiudicarsi il match per 3-0. Domani gara 3, tra Cuneo e Piacenza, deciderà il passaggio in semifinale. Luca Monti schiera Zhekov in palleggio, Nikolov opposto, Zlatanov e Papi in attacco, Holt e Tencati al centro, Marra libero. Blengini risponde con Manuel Coscione in regia, Falasca opposto, Cernic e Diaz in banda, Nikolay Nikolov e Barone (al posto di Rak, infortunatosi durante il match di ieri con Cuneo) al centro, Fanuli libero. Dopo una primissima fase di equilibrio, con Vibo avanti 7-8 al primo time out tecnico, Piacenza trova il ritmo, recupera e allunga 19-13 (ace di Zlatanov) per poi mantenere intatto il suo vantaggio fino alla fine del set. Conquista il set ball sul 24-19 e chiude la frazione con la prima palla utile, sul 25-19. La formazione di Monti fa meglio in attacco, trascinata da uno Zlatanov che fa segnare il 70% di positività, mentre Vibo fatica notevolmente (32% di positività), e a muro, con 6 block vincenti contro i tre dei vibonesi. Piacentini avanti anche nella seconda frazione: 13-8 il vantaggio che gli uomini di Blengini riescono a ridurre fino al 20-18, con un muro vincente di Diaz. Ancora Diaz, con un mani out, e Vibo rientra fino al -1 (22-21). Piacenza ritrova tre lunghezze di tranquillità sul 23-20 (con una ace di Zlatanov) e il set ball sul 24-20. Ancora un ace di Zlatanov ed è il 25-20 che vale il 2-0. Piacenza continua a fare bene a muro (6) e si fa più pericolosa in battuta (4 ace), mentre gli uomini di Blengini crescono un po’ in attacco, con Cernic più continuo. Terzo set sulla falsa riga dei due precedenti, con Piacenza che guadagna un paio di lunghezze già al primo time out tecnico, ma questa volta Vibo riesce a rientrare, impattando sul 15-15, con un ace di Cernic. Sono però i piacentini ad andare al primo time out tecnico in vantaggio sul 16-15 e ad allungare 18-16. Vibo non molla e pareggia ancora una volta sul 18-18 con Diaz. Risponde Piacenza con un break di 5-0 che la porta sul 23-18, pesante ipoteca sulla vittoria del match. L’ace di Diaz vale il 23-19, ma Piacenza chiude 25-20. Al termine i giornalisti presenti premiano Zlatanov mvp del match, per lui 20 punti. Domani, alle 18 al PalaBreBanca, gara 3 tra Cuneo e Piacenza, il match decisivo che vale il passaggio in semifinale.

Gianlorenzo Blengini (allenatore Tonno Callipo Vibo Valentia): “Stasera abbiamo faticato ad alzare l’intensità, non è proprio stata una delle nostre migliori prestazioni. Non era facile recuperare dopo una partita come quella di ieri, anche dal punto di vista emotivo. E’ stata una partita non agonisticamente interessante come ieri, ci resta un po’ il rimpianto per come è finita con Cuneo, quando abbiamo giocato uno delle nostre migliori partite”.

Hristo Zlatanov (Copra Elior Piacenza): “Dovevamo fare una buona partita e l’abbiamo fatto stasera. Questa stagione ci ha visti partire un po’ lenti, poi siamo riusciti a recuperare, ora staremo a vedere come andrà domani. Con Cuneo sarà una vera e propria finale dentro o fuori. Chiunque perda ha molto da perdere, certo Cuneo avrà un po’ più di pressione addosso rispetto a noi”.

In vista della gara di domani:

Leandro Vissotto (Bre Banca Lannutti Cuneo): “Dobbiamo provare a giocare più uniti, contro Piacenza ci servirà il gioco di squadra, quello che è mancato sabato contro Vibo. Non stiamo facendo del nostro meglio e non stiamo assolutamente giocando la nostra miglior pallavolo, finora sono venuti fuori sono le prove individuali, ci è mancato il giusto affiatamento all’interno del gruppo. Domani dovremo trovarlo subito se vogliamo vincere e passare in semifinale”.

Classifica Girone C
Copra Elior Piacenza 3, Bre Banca Lannutti Cuneo 3, Tonno Callipo Vibo Valentia 0*
*un incontro in più

GIRONE D

Nella seconda giornata del girone D dei Quarti Play Off i padroni di casa della Sisley Belluno si impongono 3-1 contro Casa Modena rendendo meno amara la netta sconfitta iniziale contro Latina. La Semifinalista si deciderà dunque domani alla Spes Arena con la decisiva gara tra i canarini e i pontini. L’inizio orogranata è di altro spessore rispetto a quelli di ieri con Latina; Belluno accelera già inizialmente 8-5, e prosegue con un altro strappo firmato Kohut 14-10. Nel primo set sono decisivi gli 8 errori in battuta della squadra di Bagnoli che facilitano il compito di Belluno; i padroni di casa tengono il +4, ottengono un +6 rassicurante e possono gestire gli ultimi scambi chiudendo con Fei 25-21. Nel secondo set inizia ancora forte la Sisley (6-3). Gli orogranata sono avanti al primo timeout tecnico 8-6 ma subiscono il recupero degli ospiti. Sono Martino e Dennis gli alfieri del sorpasso modenese. Belluno cala in attacco e in ricezione e vede sfrecciare Modena che chiude il set 21-25, 1-1. Il terzo set vede la crescita del capitano orogranata: Fei è l’uomo che regala il primo (8-4) e il secondo (17-9) strappo della frazione. Modena è distratta e tra errori e indecisioni deve abdicare 25-18, 2-1 per Belluno. Il quarto e ultimo set vede più equilibrio, passa però la Sisley nel finale grazie al break ottenuto da Horstink. Complici altri errori modenesi la Sisley chiude 25-22 aggiudicandosi il match. Mvp del match è Alessandro Fei. Nella terza sfida di questo gironcino Modena e Latina dunque si giocheranno tutto domani pomeriggio alle 17.30. I canarini dovranno sperare nel 3-0 per passare in Semifinale.

Roberto Piazza (allenatore Sisley Belluno): “Dopo la partita di ieri oggi siamo stati bravi a reagire in questo modo. Dopo aver sprecato un’occasione ci siamo rifatti contro Modena. Onore a Latina per la splendida partita di ieri, oggi però si è vista un’altra Sisley: le pressioni in queste partite sono molte e gli errori dei nostri avversari fanno parte del gioco. Aspettiamo domani e vediamo che succederà tra Modena e Latina: di certo ora speriamo di ottenere il secondo posto”.

Mikko Esko (Casa Modena): “Abbiamo dato tutto questa sera contro la Sisley ma purtroppo non è bastato. Ci mancavano alcuni giocatori importanti certo, ma questa non è una scusa per la sconfitta. Questa sera non dovremo pensare troppo a questa partita, domani ci aspetta un altro match fondamentale, pensiamo a voltare pagina e cambiare capitolo. Siamo arrabbiati ma dobbiamo pensare che abbiamo ancora una chances, quella di vincere 3-0 contro Latina. Ci proveremo”.

In vista della gara di domani:

Daniele Sottile (Andreoli Latina): “Vista la sfida tra Sisley e Casa Modena, devo ammettere che rispetto a ieri Belluno è stata una squadra diversa, molto più determinata. Siamo stati fortunati a trovarli in giornata storta. Modena invece mi è apparsa un po’ in difficoltà all’inizio, forse dovevano ancora abituarsi a questi playoff dove il clima è particolare, la tensione è tanta, e ci si gioca tutto in due partite. Credo siano derivanti da questi aspetti i tanti errori iniziali che hanno compiuto in battuta. Staremo a vedere che faranno con noi, di certo da parte nostra la carica dopo aver ottenuto una vittoria importantissima come quella contro Belluno è tanta. Si è trattato di una bella partita, nella quale noi siamo stati più cinici dei nostri avversari nei momenti decisivi. Ora con Modena l’occasione è davvero ghiotta, dovremo fare una grandissima partita. Modena, esattamente come la Sisley, è una della grandi della pallavolo italiana, se abbiamo fatto una gran cosa sabato, non vedo perché non possiamo replicare lunedì. Siamo in corsa e dobbiamo correre”.

Classifica Girone D
Andreoli Latina 3, Sisley Belluno 3*, Casa Modena 0
*un incontro in più

Prossimo turno
Lunedì 9 aprile 2012, ore 17.30

GIRONE D
A Belluno
Andreoli Latina (Vincente gara 1) - (5a) Casa Modena Diretta Rai Sport 1
(La Micela–Saltalippi)

Lunedì 9 aprile 2012, ore 18.00
GIRONE A
A Trento
Itas Diatec Trentino (Vincente gara 1) - (8a) M. Roma Volley
(Rapisarda-Bertolini)

GIRONE B
A Macerata
Lube Banca Marche Macerata (Vincente gara 1) - (7a) Acqua Paradiso Monza Brianza Diretta web Sportube.tv
(Gnani-Satanassi)

GIRONE C
A Cuneo
Bre Banca Lannutti Cuneo (Vincente gara 1) - (6a) Copra Elior Piacenza
(Pasquali-Sobrero)

SEMIFINALI PLAY OFF SCUDETTO
Gara 1 Semifinale: giovedì 12 aprile
Gara 2 Semifinale: domenica 15 aprile
Ev. Gara 3 Semifinale: mercoledì 18 aprile

FINALE PLAY OFF SCUDETTO
Finale (V-Day Sustenium): domenica 22 aprile, ore 17.30 - Mediolanum Forum Assago (MI)
Sigla.com - Internet Partner