Nell'anticipo di A1 femminile Urbino supera Novara al tie break

04/12/2010

Nell'anticipo di A1 femminile Urbino supera Novara al tie break
CHATEAU D'AX URBINO VOLLEY - ASYSTEL VOLLEY NOVARA 3-2 (22-25, 21-25, 25-20, 25-17, 15-10)
CHATEAU D'AX URBINO VOLLEY: Garzaro 16, Wilson 15, Dalia 3, Roani 1, Petrauskaite 17, Leonardi (L), Di Iulio 19, Jaline 11, Di Crescenzo, Renatinha 6. Non entrate Lapi. All. Salvagni.
ASYSTEL VOLLEY NOVARA: Paolini 8, Bechis 1, Barun 26, Barcellini 12, Nesovic 1, Veljkovic 5, Zardo (L), Sansonna (L), Camera, Lombardo 8, Folie 3. Non entrate Horvath. All. Caprara.
ARBITRI: Pasquali, Sampaolo. NOTE - Spettatori 760, durata set: 28', 27', 25', 25', 15'; tot: 120'.
Primi due punti stagionali per la Chateau d'Ax Urbino che batte 3-2 in rimonta l'Asystel Novara. Nell'anticipo della seconda giornata della Findomestic Volley Cup A1, davanti alle telecamere di RaiSport 2, la formazione di François Salvagni ha confermato il fattore campo, mostrando gioco e muscoli soprattutto in attacco. Protagonista della partita la brasiliana Jaline Prado, entrata stabilmente dal terzo set, cambiando decisamente volto all'inerzia dell'incontro. Da rivedere l'Asystel Novara, per due set praticamente perfetta, poi calata vistosamente e crollata sotto i colpi di Jaline e Petrauskaite.
Salvagni in campo con la formazione titolare, con Petrauskaite regolarmente nel 6+1 di partenza e Renatinha in diagonale con Dalia. Caprara invece senza Horvath, manda in campo Lombardo e recupera il libero Sansonna.
Nel primo set parte con il turbo l'Aystel Novara (10-15) con la coppia Barcellini-Barun a fare la differenza. La squadra piemontese ha una marcia in piu' anche dal centro e Veljkovic conferma tutto il suo talento (11-17). Timida reazione della Chauteu d'Ax che con Renatinha prova a rientrare in partita (20-22), ma è la scatenata Barun e un errore in attacco di Di Iulio a portare le piemontesi sullo 0-1 (22-25). Secondo set sempre nelle mani dell'Asystel che trova sull'asse Bechis-Paolini giocate da applausi (11-16). La Chateu d'Ax in attacco non punge, e in difesa Leonardi soffre tantissimo la scatenata Barun (14-21). Nel finale Di Iulio e Garzaro provano a scuotere le marchigiane, ma è il guizzo di Barun a chiudere la frazione (21-25) e 0-2 per l'Asystel. Coach Salvagni tenta il tutto per tutto, inserendo la carioca Jaline Prado al posto di una Renatinha vistosamente calata di condizione. E proprio la neo entrata diventa la chiave di volta della partita. L'Asystel parte bene anche nel terzo (1-4) con Lombardo, poi sale in cattedra Petrauskaite (13-9) che suona la carica. Jaline prende per mano la Chateau d'Ax con tre punti consecutivi (16-12). L'Asystel lentamente esce dalla scena, quando Di Iulio ed ancora una volta Jaline confezionano l'uno-due che riapre il set (25-20). Senza storia la quarta frazione. Wilsone Makare giganteggia dal centro con Garzaro (9-3), mentre l'Asystel si aggrappa a Barun e Barcellini per restare nel match (11-7). E' la squadra di Salvagni ora dettare i ritmi del gioco. Non basta a Caprara la volenterosa Nesovic per riaprire il set, perchè Jaline dall'altra parte rete mette a terra i palloni caldi (21-15). Di Iulio poi mura Barun per il 25-17 e squadre al tie-brak. Ultimo set da brividi. Sugli spalti il pubblico del PalaMondolce trascina la squadra al successo. In campo la Chateau d'Ax completa l'impresa. Jaline (4-2) ed ancora Di Iulio mettono in ghiacciaia la partita (12-9). Petrauskaite poi scrive i titoli di coda mettendo a terra la palla del 15-10. E' festa in campo e sugli spalti. La Chateau d'Ax trova il primo successo nella Findomestic Volley Cup e mercoledì affronta in CEV Cup le russe dell'Uralochka-Ntml Ekaterinbrug. Per l'Asystel Novara seconda sconfitta consecutiva, e secondo tie-break fatale.

Le voci dei protagonisti
François Salvagni (all. Chateau d'Ax Urbino): "Stasera ho visto la squadra che conosco che non si disunisce nelle difficoltà. Siamo un gruppo unito che stasera ha dimostro carattere. Sono di 2-0, la squadra ha reagito e ha lottato palla su palla. Un pubblico fantastico che ci ha sempre sostenuto e che ci ha letteramente spinti verso l'impresa. Ho una rosa di titolari. Chi entra in un secondo momento sa bene che deve dare il duecento per cento. E stasera tutto il gruppo ha dato il suo apporto per raggiungere il successo. Da stasera pensiamo alla Coppa Cev".

Marta Bechis (alzatrice Asystel Novara): "C'è molto rammarico per come è maturata questa sconfitta. Peccato perchè proprio nel nostro momento migliore non siamo riuscite a capitalizzare il vantaggio e chiudere il match. Brave le nostre avversarie a non mollare mai ed a crederci. Abbiamo sofferto Jaline che dal momento in cui è entrata in campo ci ha creato non poche difficoltà. E' il secondo tie-break che perdiamo, ma lo penso che lo spirito di squadra sia quello giusto. Siamo un cantiere aperto e dobbiamo lavorare".

FINDOMESTIC VOLLEY CUP SERIE A1 - La classifica dopo l'anticipo
Yamamay Busto Arsizio 3, LIU.JO Volley Modena 3, Scavolini Pesaro 3, MC-Carnaghi Villa Cortese 3, Spes Conegliano 2, Rebecchi Nordmeccanica Piacenza 2, Chateau d'Ax Urbino Volley 2, Asystel Volley Novara 2, Norda Foppapedretti Bergamo 1, Riso Scotti Pavia 0, Despar Perugia 0, Florens Castellana Grotte 0.
Sigla.com - Internet Partner