Nell'anticipo di A2 femminile Vicenza supera 3 a 0 il Club Italia

30/01/2010

Nell'anticipo di A2 femminile Vicenza supera 3 a 0 il Club Italia
Linkem Club Italia - Minetti Banca Popolare di Vicenza 0-3 (16-25, 22-25, 10-25)
LINKEM CLUB ITALIA: Cagninelli 5, Rubini (L), Bianchini, Gabrieli 7, Segalina 3, Pisani 1, Di Crescenzo 3, Partenio 8, Postiglione 4, Diouf, Biccheri 4, Bianchini (L), Caneva ne, Lucchetta ne. All. Barbolini
MINETTI BANCA POPOLARE DI VICENZA: Lyutikova 1, Gorini, Popovic 6, Arimattei 17, Strobbe ne, Gomiero, Zilio (L), Assirelli 6, Tsekova 12, Paccagnella 8, Zuccollo ne, Muri. All. Marasciulo
Arbitri: Valeriani (Rm), Costantini (Rm)
Note. Durata set: 19', 22', 19', tot 1h 00'. Club Italia: battute sbagliate 8, vincenti 3, muro 6, errori 30. Vicenza: battute sbagliate 7, vincenti 6, muro 5, errori 23.

Missione compiuta per la Minetti Banca Popolare di Vicenza. A Monterotondo Le biancorosse di Marasciulo espugnano in tre set il campo del Club Italia centrando così la seconda vittoria di fila nel girone di ritorno (la quarta consecutiva contando anche i due successi in Coppa Italia) e ritrovando il risultato più netto, quel 3-0 che mancava esattamente dal match di andata. Solo nel secondo set Pacca e compagne hanno sofferto, rischiando di dover lasciare il punto della staffa alle padrone di casa; ma una volta scampato il pericolo la squadra biancorossa, che si conferma in un buon momento sia atletico che di gioco, non ha avuto problemi ad aver ragione delle giovani azzurrine guidate da Barbolini. Buone notizie per il tecnico carioca anche da Lyutikova, entrata nel primo e nel terzo set e autrice del suo primo punto "italiano", ma soprattutto dalle condizioni fisiche della squadra, uscita molto bene dal ciclo serrato di partite concentrate nelle ultime due settimane. Ora due giorni di meritato riposo attendono le minettine; si tornerà in palestra martedì per iniziare la marcia di avvicinamento al match con San Vito, in programma domenica 7 febbraio al PalaRewatt con inizio alle ore 18.

LA CRONACA. La Minetti BPVi schiera Muri in regia, Popovic opposta, Tsekova e Arimattei in banda, Assirelli e la capitana Paccagnella centrali, Zilio libero.
Nel primo set le biancorosse partono subito bene (3-8), mantengono le distanze nella fase centrale (12-19) e accelerano nettamente nel finale fino al 16-25, chiudendo un primo set che porta impressa la firma di Tsekova con 5 punti personali.
Tutt'altra storia il secondo parziale: in avvio comanda il Club Italia (6-4), Vicenza sorpassa con Arimattei (6-7) ma viene ricacciato sotto da Biccheri (9-8). Inizia un botta e risposta serrato con continui ribaltamenti di fronte. L'ultimo vantaggio azzurrino è sul 21-20; il set rimane in bilico, ma lo sprint finale è targato nuovamente Arimattei, 8 punti per lei nel set (22-25)
Un monologo vicentino il terzo parziale. La Minetti BPVi non vuole rischiare e mette le cose in chiaro da subito (3-9, 4-11, 7-18). La resistenza delle ragazze di Barbolini è davvero poca cosa e Paccagnella e compagne chiudono set e partita sul 10-25. È ancora Sofia Arimattei la miglior realizzatrice con 6 centri personali.

IL COMMENTO. Parla il tecnico della Minetti BPVi Mauro Marasciulo, che domani sarà al PalaOlimpia per fare da opinionista durante la partita tra Verona e San Vito trasmessa in diretta da Puglia Channel alle 18: "Abbiamo avuto un buon approccio al match, con un primo set giocato come dovevamo. Nel secondo la concentrazione è calata leggermente, ma le ragazze sono riuscite a venir fuori dai momenti difficili e il terzo è andato via liscio. Queste sono partite in cui si rischia la brutta figura, perché avevamo tutto da perdere e niente da guadagnare; per fortuna, dopo la bella impresa in Coppa Italia, tutto è andato bene. Inoltre si sono confermate ad alti livelli sia Arimattei che Tsekova, e sappiamo quanto è importante per noi poter contare su entrambi i nostri posti quattro nella migliore condizione possibile. Ora stacchiamo un po', da martedì si pensa a San Vito. Scontro diretto? Non si può dire che sia una partita che conta per il quinto posto, come ho già detto per andare ai play off bisogna andare bene fino al termine del campionato".
Sigla.com - Internet Partner