Nell'anticipo di serie A1 femminile Chieri vince a Bergamo al tie break

05/01/2013

Francesca Piccinini con la maglia nr 12 ritirata da BergamoFrancesca Piccinini con la maglia nr 12 ritirata da Bergamo
Francesca Piccinini con la maglia nr 12 ritirata da Bergamo
FOPPAPEDRETTI BERGAMO - DUCK FARM CHIERI TORINO 2-3 (25-14, 26-28, 22-25, 25-12, 12-15)
FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Bruno, Crimes 15, Brown 11, Weiss 3, Blagojevic 13, Merlo (L), Di Iulio 21, Devetag 2, Diouf 10, Balboni, Zambelli 6. Non entrate Klisura. All. Lavarini.
DUCK FARM CHIERI TORINO: Bechis 3, Sirressi (L), Guiggi 9, Ravetta 2, Fernandez Navarro 6, Vietti, Piccinini 18, Fabris 18, Zauri, Vindevoghel 13. Non entrate Borgogno, Potokar. All. Salvagni.
ARBITRI: Cipolla, Florian. NOTE - Spettatori 2800, durata set: 21', 32', 28', 20', 18'; tot: 119'.

La Duck Farm Chieri Torino si conferma bestia nera della Foppapedretti Bergamo. Nell'anticipo della prima giornata del girone di ritorno del 68° Campionato di Serie A1, la squadra di Francois Salvagni espugna 3-2 il PalaNorda, ottenendo il successo più bello della stagione. Ancor più splendente del soffertissimo 3-2 dell'andata, quando le piemontesi ebbero la meglio sulle rossoblù dopo aver annullato un match point. Seconda sconfitta in partite ufficiali per le ragazze di Stefano Lavarini, che interrompono così la striscia di 10 vittorie consecutive. Protagonista del match, insieme all'opposta Samanta Fabris, in campo dal secondo set e autrice di 18 punti, Francesca Piccinini, la cui notte perfetta ha il suo apice nella schiacciata del 15-12. Insomma, il romanzo doveva finire proprio così.

E' la serata della "Picci", che calca il taraflex rosa di Bergamo per la prima volta da avversaria. Un carico di emozioni sin dal riscaldamento. Appena entra in campo, la curva del PalaNorda espone lo striscione "Un grande amore va al di là di ogni colore", applaude e intona cori per la propria indimenticata beniamina. Che ha bisogno di un fazzoletto per asciugare le lacrime di commozione. Poco prima dell'inizio della gara, Giovanni Panzetti, direttore generale della Foppapedretti, consegna a Francesca la 'sua' maglia numero 12, che mai più nessuna indosserà nella storia del Volley Bergamo. Tutto il palazzetto tributa la standing ovation alla giocatrice che in rossoblù ha vinto ogni cosa. Da brividi.

Non è un caso che i primi due attacchi della festeggiata siano traballanti e atterrino oltre la riga laterale, lo spirito è ovviamente toccato da quanto vissuto qualche minuto prima. La Foppa scappa, approfittando di una Di Iulio sensazionale, che indovina traiettorie impossibili da intercettare: 6-1, 11-6, 16-9 al secondo time out tecnico. Francesca si scalda, mette giù qualche pallone, i pochi che Merlo non calamita nei suoi tentacoli. Muro a uno di Crimes per il 22-13, Diouf ferma Piccinini e il set si conclude velocemente 25-14.

La Duck Farm sembra scuotersi nel secondo set, restando a contatto con la squadra più vincente del Campionato (nel girone di andata 10 successi e una sola sconfitta, patita proprio a Torino). Ma dal 5-4 quattro punti consecutivi della Foppapedretti rimettono le cose in chiaro: le orobiche non hanno intenzione di fermarsi. L'ace di Weiss vale l'11-6 e Salvagni prova a cambiare l'inerzia del match inserendo Samanta Fabris per Ravetta. Mossa azzeccata, perché la croata fa subito punto in attacco e Chieri Torino rientra sul 10-12 e resta a contatto sul 14-16 con il muro di Vindevoghel. La belga trascina le compagne a suon di bordate ed ecco la parità a quota 17. Bergamo sale 20-17, Fabris e Piccinini operano il sorpasso 20-21. Altro capovolgimento, la parallela di Di Iulio (23-21) scatena il PalaNorda. Ma errore in battuta di Blagojevic e muro di Guiggi per il 23-23. Crimes non passa in primo tempo, le piemontesi hanno un set point, annullato da Diouf. Quindi Devetag stampa un block-in a Piccinini, Fabris passa tra le mani del muro (25-25). Diouf spara lungo, Di Iulio stende Sirressi e si prosegue nella bolgia. Servizio lungo dell'opposto di casa e al terzo set point Fabris regala il 28-26.

Nel terzo Salvagni prosegue con la 20enne croata da opposto e Vietti al palleggio e la Duck Farm sprinta 4-1. Lavarini scorge Diouf in difficoltà e la rimpiazza con Blair Brown. Statunitense subito a segno e Bergamo passa a condurre 8-7. Il match resta in equilibrio, Piccinini e Di Iulio tornano a picchiare (11-11). La numero 9 rossoblù scava un piccolo solco, il muro della neo-entrata Zambelli fissa il punteggio sul 16-13. Le ospiti, tra cui nel frattempo è rientrata Bechis, provano a restare in scia aggrappandosi a Fabris. Sul turno di servizio di Vindevoghel è 19-19, la croata mura Brown e c'è il sorpasso 20-19. Brown che si prende la rivincita su Piccinini (21-21). Vindevoghel e l'errore di Di Iulio consegnano due set point alla Duck Farm, è sufficiente il primo ed è 25-22.

E' Crimes a ridare vigore al pubblico, con il primo tempo dell'8-5 nel quarto parziale. Lungo il pallonetto di Vindevoghel e le piemontesi si ritrovano sotto 6-11. Salvagni ci riprova con Vietti, ma stavolta non ottiene l'effetto sperato e l'ace di Blagojevic segna sul tabellone il 15-7. Orobiche scatenate, muro a uno di Di Iulio su Guiggi e 19-9. La testa di Chieri Torino è già al tie-break, che si concretizza poco dopo, con l'errore di Fabris (25-12).

Il parziale decisivo si apre con scambi all'ultimo respiro, Merlo e Sirressi dominano la scena. Il primo strappo lo dà la Foppa: la Duck Farm contesta animatamente la decisione dell'arbitro che giudica sulla riga il pallonetto di Di Iulio e merita il cartellino giallo (4-3 dal possibile 2-4). Guiggi spunta nel momento del bisogno per il 5-5, la pipe di Piccinini vale il 6-5 e il tocco di seconda di Bechis il +2. Il bolide di Brown esce di un soffio e al cambio campo è 8-5 per le ospiti. Lavarini inserisce Diouf, Fabris fabbrica il 10-6. Due colpi di Blagojevic riaprono improvvisamente il match (9-10), Weiss sbaglia il servizio, Brown la schiacciata e di nuovo +3 Duck Farm. Il muro di Guiggi al termine di un sensazionale scambio vale il 14-11. Match point: palla a Piccinini, il lungolinea è lungo. Scambio successivo, Bechis serve ancora Francesca, che infine mette giù il punto del 15-12 e si gode il boato dei suoi nuovi tifosi e pure di quelli vecchi, che si spellano le mani per salutare l'idolo di una vita.

Domani il resto della prima giornata del girone di ritorno. Occhi puntati sul confronto tra Banca Reale Yoyogurt Giaveno e Unendo Yamamay Busto Arsizio, in live streaming su Sportube 2 e visibile anche sul sito ufficiale www.legavolleyfemminile.it. Le farfalle tricolori hanno l'opportunità di una mini-fuga.

68° Campionato Serie A1 Femminile - Il programma della dodicesima giornata (domenica 6 gennaio, ore 18):
Banca Reale Yoyogurt Giaveno - Unendo Yamamay Busto Arsizio Arbitri: Piana-Perri DIRETTA SPORTUBE 2 e www.legavolleyfemminile.it
Asystel MC Carnaghi Villa Cortese - Idea Volley 2002 Bologna Cardaci-Pristerà
Imoco Volley Conegliano - Chateau d'Ax Urbino Gelati-Marchello
Icos Crema - Rebecchi Nordmeccanica Piacenza Padoan-Gini rinv. 29/01 ore 20.30
KGS Robursport Pesaro - Assicuratrice Milanese Volley Modena Castagna-Valeriani ore 16
Foppapedretti Bergamo - Duck Farm Chieri Torino 2-3 (25-14, 26-28, 22-25, 25-12, 12-15)

68° Campionato Serie A1 Femminile - La classifica:

Foppapedretti Bergamo 27, Unendo Yamamay Busto Arsizio 27, Rebecchi Nordmeccanica Piacenza 24, Assicuratrice Milanese Volley Modena 21, Asystel Mc Carnaghi Villa Cortese 20, Duck Farm Chieri Torino 18, Kgs Robursport Pesaro 15, Imoco Volley Conegliano 14, Chateau D'Ax Urbino 13, Icos Crema 11, Banca Reale Yoyogurt Giaveno 10, Idea Volley 2002 Bologna 1.
Sigla.com - Internet Partner