Novara-Conegliano la finale della Coppa Italia femminile

02/02/2019

Novara-Conegliano la finale della Coppa Italia femminile
Sarà Igor Gorgonzola Novara-Imoco Conegliano la finale della Coppa Italia di Serie A1 Femminile. Le pantere battuto 3-0 la Savino Del Bene Scandicci, mentre con lo stesso punteggio le piemontesi hanno avuto la meglio della Unet Busto Arsizio. Si rinnova così anche all'AGSM Forum di Verona la sfida infinita tra le due dominatrici del volley italiano, visto che si affrontano per la quinta volta consecutiva in competizioni di vertice. L'ultimo atto delle finali andrà in scena alle 18, preceduto alle 14.30 dalla finale della Coppa Italia di Serie A2 LPM Bam Mondovì-Canovi Sassuolo.

La cronaca di Conegliano-Scandicci. Dopo l'interpretazione da brividi del "Va, pensiero" da parte del Coro dell'Arena di Verona, le due squadre entrano in campo. La Savino Del Bene si presenta con Haak opposta a Malinov, Vasileva e Lucia Bosetti in banda, Adenizia e Stevanovic al centro, Merlo libero. L'Imoco Volley risponde con Fabris e Wolosz in diagonale di posto 2, Hill e Sylla le schiacciatrici-ricevitrici, Danesi e De Kruijf al centro e De Gennaro libero.

Parte forte la squadra di Carlo Parisi, che sale 3-0. Muro di Bosetti, a cui risponde quello di Danesi su Haak. Il primo tempo tonante di Adenizia sigla l'8-5. Rientrano piano piano le gialloblù, soprattutto con il servizio: Danesi fa 9-9, Fabris firma il primo vantaggio 10-11. In difficoltà la ricezione toscana, Haak è contenuta da De Gennaro e l'Imoco in un attimo scappa: prima Hill, poi Sylla picchiano forte per l'11-17. Wolosz riesce a coinvolgere tutte le sue attaccanti, di De Kruijf in fast il 12-18. Altra scarica di adrenalina di Sylla, due punti in fila di Fabris e 14-21. Parisi inserisce Bisconti nel giro dietro e Caracuta al palleggio. Bosetti passa tra le mani del muro, Danesi mette out un primo tempo e Scandicci si avvicina. Haak trasforma il -3 e Santarelli ferma il gioco. Interminabile il punto successivo, concluso con il muro vincente di Vasileva: 20-22. L'Imoco sente il pericolo e accelera fino al 20-24. Haak annulla il primo set point, il Video Check - non c'è tocco del muro sull'errore di Hill - il secondo. Poi una piccola frittata in fase di ricostruzione ferma la rimonta della Savino Del Bene: 22-25. 

Rientra Malinov tra le toscane, che sprintano 6-3 con il block-in di Stevanovic su Fabris. Sylla e Bosetti, compagne di Nazionale, inscenano un duello che porta il punteggio sul 9-7. Fabris sbaglia in attacco, sul 12-8 Santarelli la richiama in panchina per Lowe. Funzionano tutti gli ingranaggi della Savino Del Bene, muro di Haak e 14-8. Il livello sale vertiginosamente, a De Gennaro non riesce il volo plastico all'indietro (15-10). Altro  scambio di rara intensità, risolto da Vasileva in difesa prima e in attacco poi. Sylla sopra il muro a due toscano, De Kruijf para su Vasileva e mini break Imoco: 16-13 e time out Parisi. Il break prosegue sul servizio di Hill, -1 sulla slash di Wolosz. Sylla infila due punti e la curva Imoco impazzisce. Sotto nel punteggio, Parisi cambia tutto: fuori Vasileva, Haak e Malinov, dentro Papa, Mitchem e Caracuta. E' proprio Papa a stoppare lo 0-8 gialloblù. L'Imoco sente l'odore del sangue e morde: 17-20. Rientrano Haak e Malinov, ma troppe sono le incomprensioni. Due primi tempi di Danesi avvicinano le gialloblù al secondo set (20-23). Un contrasto a rete glielo porta definitivamente: 22-25 e 0-2. 

Santarelli conferma Lowe a inizio terzo set ed è proprio la statunitense a favorire la parità a quota 5 e poi il vantaggio 6-7. Haak prova a incidere sul match, firmando l'8-8. Inside-out di Hill, che poi mura Haak per il +2 in favore delle pantere. Wolosz si ripete su Bosetti, le gialloblù provano la fuga. Il servizio delle pantere fa la differenza, per i punti diretti che riesce a ottenere. Vasileva tiene la Savino Del Bene a contatto (13-14). Sylla ha idee diverse, salendo in cielo per murare la bulgara: 14-17. Monumentale De Gennaro, le attaccanti non sbagliano, orchestrate da una Wolosz perfetta e 15-20. Pare arrendersi Scandicci all'incontenibile energia di Sylla e compagne. E invece un lieve calo elettrico delle pantere induce le toscane a crederci: Santarelli ferma il gioco sul 21-23. Savino Del Bene a -1, Lowe fa subito 22-24 per il doppio match point. Haak cancella il primo con il mani out. La svedese ha la palla del pari, ma la spara fuori. Almeno secondo il direttore di gara. Il Video Check, però, mostra un tocco del muro: 24-24. Danesi fa 24-25, Haak ancora fuori e questa volta il Video Check conferma: Conegliano è in finale.

LE DICHIARAZIONI
Miriam Sylla (schiacciatrice Imoco Volley Conegliano): "Partite come questa sono quelle per cui viviamo! Siamo state brave a non mollare mai, soprattutto nel secondo set, in cui eravamo sotto di parecchi punti. Il pubblico è stato fantastico, un'emozione incredibile girarci e vedere così tanta gente, sembrava di essere una in più in campo. Domani in finale mi aspetto una partita fatta di coraggio, determinazione, sorrisi e divertimento, perché è questo che siamo e credo proprio che non deluderemo".
Carlo Parisi (allenatore Savino Del Bene Scandicci): "Obiettivamente c'è un po' di delusione, perché tutto quello che di buono è stato fatto negli ultimi tempi questa sera l'abbiamo dimostrato solamente a tratti. Sono riaffiorate difficoltà che avevamo a inizio stagione, e che pian piano eravamo riusciti a limare sotto tanti punti di vista. Abbiamo perso una partita che avremmo potuto riaprire: in tutti e tre i set abbiamo avuto momenti di blackout in cui la squadra ha perso quella lucidità che contro avversarie del genere è necessario mantenere sempre".
Francesca Piccinini (schiacciatrice Igor Gorgonzola Novara): "Siamo state brave a tenere sempre il controllo del match, Busto ha sbagliato poco ma noi abbiamo lavorato benissimo con il muro-difesa e loro hanno sofferto parecchio questa situazione. Domani giochiamo una finale, non mi preoccupo di chi sarà l’avversario, da uno scontro diretto esce la migliore e domani affronteremo quella squadra. Servirà un’altra prova importante di tutta la squadra”.
Marco Mencarelli (allenatore Unet E-Work Busto Arsizio): "L'incontro si commenta da solo: contro una squadra così forte come Novara abbiamo provato a fare gli straordinari e siamo riusciti a tenere il punto a punto per i primi due set fino a metà. Poi è chiaro che qualcosa ci è sfuggito di mano, soprattutto in attacco. I presupposti per fare bene c'erano e non lasciavano presagire i cali nei finali di set, l'aspetto che mi è dispiaciuto di più: con queste corazzate non ce lo si può permettere".

La cronaca di Novara-Busto Arsizio. La Igor Gorgonzola Novara si schiera con Carlini in palleggio, Egonu opposto, Chirichella e Veljkovic centrali, Bartsch-Hackley e Plak schiacciatrici e Sansonna libero. Risponde la Unet E-Work Busto Arsizio con Orro in regia, Grobelna opposto, Bonifacio e Samadan al centro, Herbots e Gennari schiacciatrici e Leonardi con la maglia del libero.

A firmare il primo break della partita è Paola Egonu, che porta la Igor sul 3-1; le novaresi allungano fino al 5-2, ma Busto Arsizio spinge al servizio con Herbots e ribalta il risultato grazie a 3 punti di Gennari (5-7). Novara pareggia sul 9-9 con Plak e il punto a punto prosegue fino al 14-14, quando la squadra di Barbolini piazza un nuovo break di 3-0 firmato da Bartsch ed Egonu, che convince Mencarelli a chiamare il time out. Sul 19-15 il coach bustocco prova a inserire Meijners per Grobelna; la UYBA riesce a riavvicinarsi (20-18, 22-21) ma un attacco di Egonu e un muro di Bartsch regalano tre set point all’Igor, che chiude al secondo tentativo con la stessa Bartsch per il 25-22.

Il secondo set inizia sul filo dell’equilibrio, con tentativi di fuga da una parte e dall’altra (2-4, 8-6). Novara prova ancora a scappare sul 12-10 con un ace di Bartsch, ma viene subito raggiunta e superata da Bonifacio. Due muri consecutivi di Bartsch e Chirichella regalano alle novaresi il nuovo break del 17-15 e stavolta Busto Arsizio non riesce a rientrare: sul servizio di Zannoni l’Igor incrementa anzi il bottino (20-16). La Unet E-Work non molla, ma Veljkovic tiene avanti le piemontesi (22-19) ed Egonu realizza l’ace che mette a fine al set sul 25-21.

In avvio di terzo set Busto Arsizio recupera dal 3-1 al 3-5 grazie a Grobelna, ma la Igor risponde con un controbreak di 7-0, con la scatenata Bartsch sempre sugli scudi. Mencarelli prova di nuovo a inserire Meijners, Novara però non si lascia avvicinare (12-7) e resta saldamente avanti fino al 16-10 firmato da Veljkovic. La Unet E-Work tenta una disperata rimonta sulla battuta di Herbots (18-15) ma non basta: è ancora Bartsch a murare per il 21-16, poi il servizio out di Gennari regala 5 match point e Veljkovic realizza l’ace del definitivo 25-19 in favore della Igor Gorgonzola Novara.

IL PROGRAMMA
Sabato 2 febbraio, ore 18.00 (diretta Rai Sport + HD)
Prima semifinale: Igor Gorgonzola Novara - Unet E-Work Busto Arsizio 3-0 (25-22, 25-21, 25-19)
Sabato 2 febbraio, ore 20.30 (diretta Rai Sport + HD)
Seconda semifinale: Savino Del Bene Scandicci - Imoco Volley Conegliano 0-3 (22-25, 22-25, 24-26)
Domenica 3 febbraio, ore 14.30 (diretta LVF TV)
Finale A2: LPM Bam Mondovì - Canovi Coperture Sassuolo
Domenica 3 febbraio, ore 18.00 (diretta Rai Sport + HD)
Finale A1: Igor Gorgonzola Novara - Imoco Volley Conegliano

I TABELLINI
SAVINO DEL BENE SCANDICCI - IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 0-3 (22-25 22-25 24-26) - SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Bosetti 8, Ferreira Da Silva 5, Haak 18, Vasileva 10, Stevanovic 2, Malinov 1, Merlo (L), Papa 1, Bisconti, Caracuta, Mitchem. Non entrate: Zago, Mazzaro, Mastrodicasa. All. Parisi. IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Danesi 7, Fabris 6, Hill 11, De Kruijf 8, Wolosz 4, Sylla 17, De Gennaro (L), Lowe 7, Tirozzi, Fersino. Non entrate: Bechis, Moretto, Folie. All. Santarelli. ARBITRI: Boris, Zavater. NOTE - Spettatori: 3327, Durata set: 25', 29', 27'; Tot: 81'.

IGOR GORGONZOLA NOVARA - UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 3-0 (25-22 25-21 25-19) - IGOR GORGONZOLA NOVARA: Bartsch 22, Veljkovic 6, Egonu 21, Plak 7, Chirichella 4, Carlini 2, Sansonna (L), Piccinini 1, Zannoni 1. Non entrate: Bici, Stufi, Nizetich, Camera. All. Barbolini. UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Gennari 5, Samadan 4, Orro 1, Herbots 13, Bonifacio 9, Grobelna 8, Leonardi (L), Meijners 4, Berti 1, Botezat. Non entrate: Piani, Cumino, Peruzzo. All. Mencarelli. ARBITRI: Florian, Frapiccini. NOTE - Spettatori: 3327, Durata set: 26', 28', 27'; Tot: 81'.
Sigla.com - Internet Partner