Azzurre contro la Cina nei quarti di finale al Mondiale

09/10/2022

Dentro o fuori: inizia adesso la fase decisiva del Mondiale femminile, con le azzurre di Davide Mazzanti costrette a non sbagliare un colpo iniziando dalla sfida dei quarti di finale con la Cina. Intanto la SuperLega sta mantenendo le premesse e continua a regalare emozioni e sorprese a go-go, mentre il campionato maschile di A2 è scattato con Vibo grande favorita. 

I SOGNI DELLE AZZURRE. L’Italia ha chiuso la parentesi di Rotterdam con la qualificazione ai quarti di finale della rassegna iridata grazie al primo posto nella Pool E con 25 punti e 8 vittorie: dopo il trasferiranno ad Apeldoorn il prossimo impegno delle azzurre è martedì contro la Cina, già battuta nell’ultima sfida della seconda fase per 3-0 (con parziali 26-24, 25-16, 25-20 e buoni ascolti tv). Si gioca all'Omnisport di Apeldoorn anche un interessante Brasile-Giappone, e qui andranno in scena anche una semifinale il 13 ottobre e le finali che assegneranno le medaglie iridate sabato 15. Gli altri due match dei quarti si giocheranno invece in Polonia a Gliwice e vedranno in campo Stati Uniti-Turchia e Serbia-Polonia, oltre che successivamente la semifinale tra le due vincenti il 12 ottobre. Questo Mondiale pressochè infinito entra adesso nella fase decisiva, in cui è vietato concedersi distrazioni. Lo sanno bene il ct e le sue splendide ragazze, animate dalla ferma intenzione di realizzare i loro sogni tinti d’oro.

QUANTE SORPRESE! Se volevate lo spettacolo in SuperLega, eccovi accontentati. Anche la seconda giornata ha offerto spunti degni di interesse e risultati decisamente inattesi. Innanzi tutto ha confermato che Verona è squadra con gli attributi: dopo aver vinto a Piacenza una sfida infinita terminata 22-24 al tie break (a proposito, il ricorso della società emiliana è stato rigettato) si è ripetuta contro Trento, altra squadra destinata a essere grande protagonista in questa stagione. Sabato sera il sestetto di Rado Stoytchev ha piegato quello di Angelo Lorenzetti per 3-2 aggiudicandosi lo sprint del quinto set 17-15. Semplicemente mostruoso il gigante russo Maksim Sapozhkov, 2 metri e 20 di potenza pura, che messo a segno la bellezza di 39 punti. Efficacie il solito Mozic, autore di 28 punti al pari dell’eterno Matey Kaziyski nelle file trentine. Il medesimo discorso vale anche per la decisamente coriacea Padova, che dopo aver battuto Modena al quinto set ha riservato la stessa sorte a Civitanova sul parquet marchigiano: determinanti ancora una volta i 22 punti di Takahashi e i 21 di Petkovic. Molto molto bene anche la sorprendente Cisterna di Fabio Soli, che dopo aver vinto 3-0 a Milano ha piegato con lo stesso punteggio Taranto con 24 punti di un eccellente Dirlic. Due partite e due sconfitte invece per l’ambiziosissima Piacenza, pur molto diverse tra loro: dopo il passo falso casalingo dell’esordio con Verona, domenica i biancorossi di Lorenzo Bernardi sono scivolati 3-1 a Modena (Lagumdzija 21 punti da una parte, Romanò 20 dall’altra). E nel prossimo incontro devono ospitare Trento… L’inizio di stagione pare tutto in salita. Per chiudere il derby meneghino, che ha visto prevalere per 3-2 Milano a Monza al termine di una rincorsa infinita: decisivo il cubano Mergerejo Hernandez con i suoi 18 punti che hanno cambiato l’inerzia del match. Nel prossimo week end obiettivo da spostare sabato sera sulla trasferta a Perugia di Verona (che inizio di campionato per gli scaligeri!), e poi domenica sulla classicissima Civitanova-Modena e sul già annunciato, avvincente faccia a faccia tra Piacenza e Trento.

BOOM SUPERLEGA. Molto interessanti i dati resi pubblici dalla ricerca demoscopica multicliente Sponsor Value di StageUp e Ipsos, considerata l'auditel degli eventi sportivi e spettacolistici italiani e rappresentativa dell’universo della popolazione italiana con età compresa tra 14 e 64 anni. Al termine della stagione 2021-22 il bacino di interessati alla SuperLega è di 15.419.000 persone: il numero riflette un aumento del +8,8% rispetto al novembre 2021 e addirittura di 3,7 milioni di unità rispetto al maggio del 2020. 
Gli oltre 15 milioni di fan della SuperLega rappresentano il numero più alto mai raggiunto dall’evento negli ultimi 20 anni. Il target degli interessati è contraddistinto da un equilibrio crescente tra uomini (54%) e donne (46%), età giovane, reddito medio/alto (68%) e possesso di diploma o laurea (73%). Quello degli appassionati, ovvero coloro che seguono il campionato "regolarmente” o “abbastanza regolarmente”, rappresenta il 32% dei follower complessivi e evidenzia un ancor maggior equilibrio di genere (uomini 53% donne 47%), giovane età (il 40% ha tra i 14 e i 34 anni, il 44% tra i 35 e i 54), una accentuazione della presenza di fan con reddito medio-alto (69%) e possesso di diploma o laurea (74%). Dati di cui il volley maschile deve senza dubbio andare fiero.

A CACCIA DELLA SUPERLEGA. Ha preso il via anche il campionato maschile di A2, in cui c’è una squadra nettamente favorita: Vibo Valentia. Nella prima trasferta la Tonno Callipo ha però faticato assai per domare Lagonegro, formazione da tenere d’occhio. E’ finita 15-13 al tie break per i calabresi di Douglas Cezar, nelle cui file ha fatto 25 punti Buchegger. Chi sogna di gare il colpaccio quest’anno è Bergamo: ho partecipato alla presentazione della squadra e ho trovato molti sorrisi, serenità e ottimismo, componenti essenziali per divertirsi e fare grandi risultati. E poi in panchina c’è un ottimo allenatore come Gianluca Grazioli.  Nella prima trasferta dell’anno l’Agnelli Tipiesse ha vinto con un netto 3-0 a Cantù, con 15 punti a testa della coppia di bomber Cominetti-Padura Diaz. Le altre? Da tenere d’occhio Prata (guidata dalla coppia Boninfrante-Papi), vincente 3-0 con Porto Viro, la giovane Santa Croce (capace di espugnare Ravenna per 3-1), con Reggio Emilia formato-Cantagalli che sogna di essere una sorpresa. In palio una sola promozione alla fine dei play off: la stagione sarà molto lunga e complessa.

Buona pallavolo e buon Mondiale a tutti!

Sigla.com - Internet Partner