Pechino 2008: gli azzurri battono la Cina 3 a 2

18/08/2008

Pechino 2008: gli azzurri battono la Cina 3 a 2
ITALIA-CINA 3-2 (25-17, 25-23, 21-25, 20-25, 16-14)
ITALIA: Martino 10, Birarelli 10, Gavotto 18, Zlatanov 29, Bovolenta 5, Meoni 2, Paparoni (L), Mastrangelo 4, Cisolla 4. N.e. Vermiglio. All. Anastasi.
CINA: Jiao 3, Shen 11, Yu 11, Fang 20, Cui 5, Bian 8, Ren (L), Sui, Shi 13, Guo 2. N.e. Yuan, Jiang. All. Zhou.
ARBITRI: Davidson (Can) e Salas (Mex).
Spettatori: 12500. Durata set: 20, 27 28, 25, 16. Italia: bs 14, a 5, m 10, e 17. Cina: bs 12, a 2, m 4, e 13.

Pechino. Gli azzurri hanno chiuso la fase preliminare superando a fatica la Cina 3-2 ed ora aspettano la conclusione dell’ultimo match tra Stati uniti e Giappone per conoscere il nome dell’avversaria nei quarti di finale, che uscirá tramite sorteggio tra Russia e Polonia classificatesi in questo ordine nell’altro raggruppamento.
L’Italia ha gicato un match dai due volte bello e preciso per quasi due set, poi meno ordinato che ha permesso alla Cina di rimontare e di rendersi pericolosa anche nel tie-break vinto dai ragazzi di Andrea Anastasi 16-14.
Il ct azzurro ha dovuto ancora una volta fare i conti con il bollettino medico. Con Fei (presente sugli spalti) e Corsano ancora in infermeria, l’Italia si è schierata con Meoni in regia, Gavotto opposto, Zlatanov e Martino di banda, Birarelli e Bovolenta centrali, Paparoni libero. Poi nel corso della gara, dalla fine del terzo set in poi Mastrangelo è subentrato a Bovolenta ed in un paio di frangenti Cisolla a Gavotto sulla diagonale del regista.
A parte il risultato (quarta vittoria su cinque gare) le notizie migliori riguardano Zlatanov e Mastrangelo. Il primo è entrato in squadra con grandissima personalitá, ha siglato 29 punti, ma soprattutto è stato un punto costante di riferimento in attacco, un giocatore che puó risultare determinante nelle attese gare ad eliminazione diretta. Il centrale di Mottola ha dimostrato di essere completamente recuperato e pronto a tornare a dare il suo contributo alla squadra nel momento piú importante dei Giochi.
A fine match Anastasi parlando delle possibili avversarie ha sottolineato: “Sapevamo gia prima della partenza dall’Italia che nei quarti di finale ci sarebbe toccato un avversario di grandissimo livello, del resto nell’altro raggruppamento c’erano squadre come Brasile, Serbia, Polonia, Russia. C’era soltanto l’imbarazzo della scelta...”
Risultati - 1a giornata: Pool A Italia – Giappone 3-1; Usa – Venezuela 3-1; Bulgaria – Cina 3-1. 2a giornata Usa – Italia 3-1; Venezuela – Cina 2-3; Giappone – Bulgaria 1-3. 3a giornata Italia – Venezuela 3-0; Cina – Giappone 3-2; Bulgaria – Usa 1-3. 4a giornata Usa – Cina 3-0; Italia – Bulgaria 3-0; Venezuela – Giappone. 5a Bulgaria – Venezuela 3-1; Cina – Italia 2-3; Giappone – Usa. Pool B 1a giornata Serbia – Russia 1-3; Brasile – Egitto 3-0; Polonia – Germania 3-0. 2a giornata Russia – Germania 3-2; Egitto – Polonia 0-3; Serbia – Brasile 1-3. 3a giornata Brasile – Russia 1-3; Polonia – Serbia 3-1; Germania – Egitto 3-0. 4a giornata Russia – Egitto 3-0; Serbia – Germania 3-1; Brasile – Polonia. 5° giornata: Germania – Brasile 0-3, Polonia – Russia 3-2; Egitto – Serbia 0-3.
Classifiche - Pool A Usa 8, Italia 8, Bulgaria 6, Cina 4, Giappone e Venezuela 0. Pool B Brasile, Russia e Polonia 8; Serbia 4; Germania 2, Egitto 0.
Sigla.com - Internet Partner