Perugia batte Jesi 3 a 0 e si porta sul 2 a 0 nella finale scudetto femminile

10/06/2007

Waleska in attacco contrastata dal muro di JesiWaleska in attacco contrastata dal muro di Jesi
Waleska in attacco contrastata dal muro di Jesi
Perugia capitalizza ancora gli errori avversari, 8 in questo parziale e soprattutto ha il grande merito di nascondere lo 0% in attacco di Mirka Francia.
Nella seconda frazione Jesi riparte dalle ottime percentuali in attacco mostrate nel primo set, integrando negli schemi d’attacco, anche Elisa Cella che sfrutta il fatto di avere a muro Fofao (5-8).
La Despar Perugia non molla ed è Tony Zetova a conquistare il muro del pareggio (9-9) e poi a firmare la fuga con un ace ed una seconda linea per il 16-14. Marcello Abbondanza lancia Jaqueline in campo al posto di Cella e dalla brasiliana ottiene subito risposte positive. Dall’altra parte della rete però c’è una squadra che concede sempre meno, che cresce con le difese di Chiara Arcangeli e che ritrova le seconde linee di Mirka Francia (19-16).
Fofao stupisce il quasi sold out del PalaEvangelisti, quando nel momento più caldo del parziale inizia a giocare gli schemi e a giocare incroci con Del Core e Zetova che incantano.
Il pallone non cade nel campo della Despar e Mirka Francia ottiene in diagonale il 24-19. Antonella Del Core sbaglia il servizio ma ora il capitano cubano c’è ed anche il secondo set finisce nelle casse della formazione di casa.
Concreta e cinica la Despar Perugia costruisce la vittoria di gara 2 grazie ad un terzo parziale in cui la difesa si esprime ad altissimi livelli che inizia a contenere Elisa Togut. L’unica giocatrice della Monte Schiavo a passare con continuità è Simona Rinieri sfruttata a più non posso da Marinova.
Fofao, Zetova e Walewska spingono ed aumentano il ritmo (14-9). Il solco è scavato e nonostante Raffaella Calloni tocchi a muro palloni da cui si realizzano contrattacchi importanti, la Monte Schiavo continua a sbagliare troppoin attacco.
Il primo tempo di Walewska torna a far male: Fofao sceglie lei per conquistare il match point (24-19).Sugli spalti la festa si scatena, ma Jesi trova la reazione: Raffaella Calloni confeziona un mezzo ace e Bown ferma Tony Zetova. Proprio la centrale spara fuori l’ultimo servizio ed ora è sempre più vicina alla realizzazione del sogno.

FINDOMESTIC VOLLEY CUP – Le dichiarazioni
Carlo Iacone (Presidente Despar Perugia): “Grande pubblico e grandissima squadra. Questa era una partita che dovevamo vincere. In campo si è visto maggiore equilibrio rispetto alla prima partita in cui ci sono stati anche molti errori ed in cui le squadre hanno giocato alternativamente male”.
Marcello Abbondanza (Tecnico Monte Schiavo Banca Marche Jesi): “Non siamo stati bravi a lavare la brutta sconfitta di mercoledì. Forse siamo scesi in campo ancora più contratti, commettendo tanti errori gratuiti nei momenti in cui potevamo impattare il match ed invece abbiamo lanciato la fuga. Per gara 3 l’unica ricetta disposizione è quella di migliorare il nostro gioco in tutti i fondamentali e giocare con maggiore spregiudicatezza.
Sigla.com - Internet Partner