Piero Rebaudengo, nuovo A.D. di Bluvolley, presentato oggi a Verona

23/04/2014

Piero Rebaudengo, nuovo A.D. di Bluvolley, presentato oggi a Verona
Si è tenuta questa mattina presso la sede del Banco Popolare a Verona la presentazione ufficiale del nuovo amministratore delegato di BluVolley Verona, Piero Rebaudengo. Nutrita la presenza di giornalisti ma anche di tifosi che hanno voluto salutare l’arrivo in gialloblù del nuovo manager.
A fare gli onori di casa è stato Leonello Guidetti, direttore divisione Banca Popolare di Verona, che ha aperto con il suo intervento la conferenza stampa: “Sono circa otto anni che siamo a fianco di BluVolley Verona – ha esordito il direttore – lo siamo stati in anni un po’ più complicati e in anni invece positivi. Vediamo che l’attività svolta dalla compagine sociale, negli ultimi tempi, è stata estremamente positiva. Questo ci dà ottimismo in questo rapporto storico, ce lo dà soprattutto in prospettiva futura. Alcune piazze dello sport sono in difficoltà, non è il caso di Verona che nel corso di questi anni ha lavorato bene per essere presente ai vertici nazionali. Credo che l’arrivo di Piero Rebaudengo sia un ulteriore tassello importante in uno scenario già ben gestito negli ultimi tempi; quindi non possiamo fare altro che confermare la nostra vicinanza alla società con l'augurio che possa vivere esperienze ancora più importanti”.
La parola, successivamente è andata a Stefano Magrini, socio di BluVolley Verona: “Un ringraziamento va alla Banca Popolare di Verona per la vicinanza e l’aiuto che negli ultimi due anni ci ha dato. Se siamo qui oggi, merito è anche della Banca Popolare che ci ha sostenuto nei momenti di difficoltà. Voglio un po’ stravolgere il luogo comune che le banche non sostengono le società e le persone; io, invece, sono testimone dell’aiuto e della vicinanza che abbiamo vissuto. Eravamo in una situazione difficile e ci hanno aiutato senza pensarci un secondo; ora abbiamo riportato i conti in ordine, abbiamo ancora degli sforzi di risanamento da fare, ma siamo ormai alla fase finale”. Magrini ha poi proseguito: “La scelta di Rebaudengo è una scelta importante. Il mondo sportivo ha salutato con grande entusiasmo il nostro annuncio e dopo l’arrivo di Andrea Giani nell’estate scorsa ora mettiamo un altro tassello importante. Si volta pagina, con l’inserimento di un amministratore delegato. Sarà la persona al timone della società in un momento importante anche perchè siamo vicini alla riconferma del title sponsor. Tutto questo fa si che si possa vivere questa avventura con entusiasmo”. A rafforzare le parole della società, Luca Bazzoni, socio di BluVolley Verona, ha aggiunto: “Mi unisco nel ringraziamento alla Banca Popolare di Verona, fondamentale per il consolidamento del volley a Verona. Rebaudengo è stato scelto come una persona seria e di grande esperienza con grande voglia di lavorare. Conosce molto bene questo mondo, forte del suo passato da giocatore e di manager ad altissimo livello internazionale. Credo che tutta la città di Verona sia contenta di questa nuova figura”.
La parola, successivamente, è andata al nuovo amministratore delegato del club gialloblù, Rebaudengo: “Sono lusingato dalle belle parole spese nei miei confronti. Per me si tratta di un ritorno in Italia dopo esperienze fatte nel mondo sportivo prima e nel mondo manageriale. Sono molto contento di poter apprezzare questa bellissima location che è davvero la conferma che Verona è una città di cultura, arte e storia ma anche di sport. La città di Verona ha un grande presente sportivo e questo ci dà sicuramente una gran voglia di fare bene. Io non voglio fare né proclami né progetti in questa sede, sono arrivato da pochissimo. Stiamo verificando con la Società alcune cose però c’è un progetto triennale alla base che ci deve fare salire nel ranking delle squadre italiane. Questo progetto deve essere affrontato con onestà, trasparenza e con sobrietà; è importante che oggi lo sport prenda una strada che forse ha lasciato perdere da qualche anno. La nostra società deve diventare sostenibile e noi abbiamo cominciato questa strada: il grande coinvolgimento delle persone, che ci lavorano e appassionate. Il tutto deve essere gestito da noi, da noi società, con una chimica che faccia andare avanti le cose per bene. Da adesso in avanti dobbiamo lavorare per chiudere la stagione e per aprire quelle nuove; da un punto di vista sportivo lavoreremo con i tecnici, con le persone che sono vicine alla squadra e con la proprietà. La parte gestionale e commerciale è il nostro motore, arrivo in una società che ha un grosso potenziale. Ritengo che si possa fare bene e che il nostro motore commerciale possa essere funzionale alla riuscita sportiva. Non dobbiamo dimenticarci delle istituzioni: siamo in una città, in una provincia importante e dobbiamo avere anche l’appoggio delle istituzioni. Nei prossimi mesi sarà nostro compito avvicinare le istituzioni anche con progetti specifici per fare vedere che siamo uno sport sostenibile”.

All’incontro ha partecipato anche Roberto Maso, presidente della FIPAV Veneto, accompagnato da Stefano Bianchini (Presidente FIPAV Verona) e Davide De Meo (Presidente FIPAV Vicenza).
Sigla.com - Internet Partner