Posticipo 11a di ritorno A1 maschile: Cuneo domina a Monza. Domani c’è Trento–Belluno

21/03/2012

Posticipo 11a di ritorno A1 maschile: Cuneo domina a Monza. Domani c’è Trento–Belluno
ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA - BRE BANCA LANNUTTI CUNEO 0-3 (22-25, 22-25, 21-25)
ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA: Rossini (L), Zhukouski, Conte 17, Nikic 4, Forni 5, Buti 6, Rooney 5, De Cecco 1, Gavotto 5, Roumeliotis 4. Non entrati Ciabattini, Molteni, Shumov. All. Zanini.
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Mastrangelo 8, Henno (L), Ngapeth 18, Fortunato 4, Vissotto Neves 7, Grbic 5, Caceres 8, Patriarca 4, Pieri (L). Non entrati Van Lankvelt, Wijsmans, Rossi, Baranowicz. All. Placì.
ARBITRI: Pessolano, Saltalippi. NOTE - Spettatori 1300, incasso 2100, durata set: 28', 30', 34'; tot: 92'.

Quinta sconfitta consecutiva in Campionato per l'Acqua Paradiso Monza Brianza, che nel recupero dell'11a di ritorno contro Bre Banca Lannutti Cuneo non riesce a strappare nemmeno un set alla squadra ospite. La squadra di Emanuele Zanini offre una prestazione non convincente, mentre Cuneo, forse più motivato, riesce a imporre il proprio ritmo per tutta la durata dell'incontro: 22-25 l'esito del primo e del secondo parziale, 21-25 quello del terzo. Nonostante percentuali di attacco analoghe (41% per l'Acqua Paradiso, 42% per la Bre Banca Lannutti) e la ricezione perfetta a favore dei padroni di casa (41% contro 29%), i piemontesi primeggiano per numero di muri (12 contro i 5) e soprattutto per la capacità di gestire il risultato in tutte le fasi dell'incontro, concedendo poco o nulla agli avversari.

Nicolas Roumeliotis (Acqua Paradiso Monza Brianza): “Penso che la squadra non abbia ancora metabolizzato del tutto la sconfitta in CEV Cup. Non è stato facile tornare subito in campo e con un avversario di grande qualità come Cuneo. Sono però fiducioso che la squadra recuperi al più presto la giusta mentalità, e che abbia tutte le carte in regola per poter vincere le ultime due partite di Campionato e di arrivare ai Play Off con la giusta grinta”.

Nikola Grbic (Bre Banca Lannutti Cuneo): “Credo che loro abbiano pagato un po’ le fatiche della Coppa, erano abbastanza spremuti per come la vedo io, quindi forse è anche per questo che il loro gioco non è stato al solito livello. Noi d’altra parte stiamo caricando abbastanza in vista dei Play Off, e questa vittoria ci permette di mantenere il terzo posto e di stare più tranquilli per lavorare bene sia per tenere salda la posizione in classifica sia di arrivare ai Play Off con la giusta tranquillità”.

Classifica
Itas Diatec Trentino 61*, Lube Banca Marche Macerata 54, Bre Banca Lannutti Cuneo 52, Sisley Belluno 44*, Casa Modena 40, Copra Elior Piacenza 38, Acqua Paradiso Monza Brianza 36, Andreoli Latina 31, Tonno Callipo Vibo Valentia 30, Marmi Lanza Verona 28, M. Roma Volley 27, Energy Resources San Giustino 27, Fidia Padova 23, CMC Ravenna 10
*1 incontro in meno: Itas Diatec Trentino e Sisley Belluno

Posticipi 11a giornata di ritorno Serie A1 Sustenium
Giovedì 22 marzo 2012, ore 20.30
Itas Diatec Trentino – Sisley Belluno
(Cipolla-Tanasi)

Confronto n. 34 quello che vede protagoniste Itas Diatec Trentino e Sisley Belluno nel recupero dell’11a giornata di ritorno: domani, giovedì 22 marzo alle ore 20.30, sarà il PalaTrento ad accogliere Kaziyski e compagni di ritorno dalla Final Four di Champions League, che per la prima volta dopo tre anni non ha visto tingere di gialloblù il gradino più alto del podio.
Gara insidiosa per i padroni di casa che, sebbene ormai matematicamente primi in classifica e quindi già vincitori della Regular Season 2011-2012, dovranno affrontare una Sisley Belluno in grande stato di forma come dimostrano le nove vittorie conquistate sulle dieci giornate giocate nel girone di ritorno, di cui otto consecutive. Per i ragazzi di Piazza, che avranno al seguito circa 200 sostenitori in arrivo da Belluno e Treviso, espugnare il PalaTrento significherebbe non solo invertire un ruolino di marcia negativo che non vede i trevigiani prevalere sui trentini dal dicembre 2009, ma anche mettere una buona ipoteca sul quarto posto in classifica, conquistando così la possibilità di disputare il girone dei Quarti Play Off alla Spes Arena di Belluno.

Itas Diatec Trentino – Sisley Belluno
PRECEDENTI: 33 (12 successi Trento, 21 successi Belluno)
EX: non ci sono ex tra queste due formazioni
A CACCIA DI RECORD
In Regular Season: Osmany Juantorena – 17 punti ai 1000, Matey Kaziyski – 20 attacchi vincenti ai 1500 (Itas Diatec Trentino); Giorgio De Togni – 5 attacchi vincenti ai 500, David Szabò – 1 partita giocata alle 100 (Sisley Belluno).
In Campionato e Coppa Italia: Ludovico Dolfo – 1 partita giocata alle 100 (Sisley Belluno).

Massimo Colaci (Itas Diatec Trentino): “Sono convinto che la gara di giovedì sera al PalaTrento contro Belluno sia comunque un test importante, nonostante la classifica ci ponga al riparo da eventuali brutte sorprese. Vogliamo continuare a vincere e auspico che il pubblico risponda presente come nelle partite di cartello, anche perché questa lo è a tutti gli effetti vedendo quanto bene sta andando in questo ultimo periodo la Sisley. Spero in un grande spettacolo ed in una partita intensa”.

Roberto Piazza (allenatore Sisley Belluno): “Per prima cosa ringrazio i nostri splendidi tifosi che ci seguiranno a Trento con 3 pullman. Un’occasione unica e straordinaria che andando a memoria non ricordo con questi numeri. Credo sia la dimostrazione che il pubblico bellunese si stia affezionando sempre più a noi, e anche quello trevigiano che ci ha seguito a Belluno. I nostri sostenitori stanno dando tanto a questa squadra e per noi questo vuol dire avere ulteriori stimoli per vincere. Logico che contro una corrazzata come Trento bisognerà giocare bene, al meglio. Comunque non è un caso se a Modena la squadra abbia sentito il calore del pubblico: poco dopo l’ingresso dei tifosi orogranata nel palazzetto la squadra è riuscita a ribaltare il risultato. Sull’avversaria non c’è molto da dire: Trento non è imbattibile ma è fortissima. E’ una formazione che gioca molto bene ma ogni tanto non è impeccabile. Sappiamo che anche i più bravi sbagliano e restano uno squadrone: se giocassero per altre 100 volte la Semifinale di Champions, vincerebbero 95 volte. La loro forza l’hanno dimostrata subito dopo la sconfitta, vincendo la finale 3°-4° posto. Rispetto alla gara d’andata loro sono cresciuti molto, ma siamo cresciuti anche noi. Nonostante qualche acciacco di alcuni nostri giocatori saremo al completo. Abbiamo ritrovato tutti gli effettivi superando qualche problemino fisico. La forma è buona, e dobbiamo farci trovare pronti e preparati ad affrontare qualsiasi formazione con cui loro potrebbero scendere in campo”.
Sigla.com - Internet Partner