Prima giornata di ritorno in A1 maschile: cade Macerata e Trento torna capolista

03/01/2009

L'esultanza di Trento capolistaL'esultanza di Trento capolista
L'esultanza di Trento capolista
Inizio scoppiettante di nuovo anno nel masssimo campionato maschile. Risultato a sorpresa a Martina Franca, dove è caduta la Lube Banca Marche Macerata, capolista del torneo: contro la Stamplast di D'Onghia nella trasferta pugliese i ragazzi di Fefè De Giorgi hanno conquistato un solo set. I primi due sono stati tutti di marca pugliese, grazie ad una prestazione su alti livelli in tutti i fondamentali. Poi è stata Macerata a scuotersi e a vincere il terzo parziale, in maniera netta, per 7-25: è stato il set con più divario tra le due squadre mai giocato dall'entrata in vigore del rally point system in Serie A1 TIM. Nel quarto parziale, poi, Mastrangelo e compagni hanno mostrato grande determinazione chiudendo la pratica Lube e conquistando i tre punti in palio.

Al Palaverde, colpo esterno incredibile della Yoga Forlì, capace di sconfiggere con il punteggio di 1-3 la Sisley conquistando tre punti preziosi per la corsa verso la salvezza dei romagnoli, trascinati da un incontenibile Tuba, MVP dell'incontro, punto di riferimento continuo per l'attacco della squadra di Piero Molducci.

Con lo stesso punteggio è finita anche la gara tra Antonveneta Padova e Trenkwalder Modena: seconda vittoria esterna consecutiva con Zanini sulla panchina della Trenwalder. L'Antonveneta si è presentata senza due pedine fondamentali del proprio scacchiere, Mattera e Parazzolo, entrati solamente per una brevissima apparizione. In casa Modena invece Sidao, dopo l'infortunio patito contro Montichiari, era regolarmente in campo: per lui alla fine 14 punti, di cui ben 7 nel fondamentale del muro.

A Vibo Valentia, colpo esterno della Copra Nordmeccanica Piacenza: 1-3 sulla Tonno Callipo in una gara comunque equilibrata nei parziali. Mattatori dell'incontro Zlatanov e Marshall: per loro 38 punti in due.

Nei posticipi, netta vittoria a Trento per i campioni d'Italia dell'Itas: 3-0 con un super Winiarski e leadership della classifica. Terza posizione invece per una Bre Banca Lannutti Cuneo in continua crescita: la squadra di Silvano Prandi è andata a espugnare il campo di Pineto per 3-1 grazie a una buona prova collettiva e alle bordate di Nikolov e Wijsmans, rispettivamente 19 e 18 punti alla fine. Bene anche Perugia, capace di imporsi per 3-0 sul difficile campo di Montichiari reagendo nel modo migliore alle ultime prove incolori che avevano fatto infuriare il presidente umbro Claudio Sciurpa.

2a GIORNATA DI RITORNO
Stamplast Martina Franca - Lube Banca Marche Macerata 3-1 (25-17, 25-14, 7-25, 25-17)
Tonno Callipo Vibo Valentia - Copra Nordmeccanica Piacenza 1-3 (26-28, 19-25, 25-23, 22-25)
Antonveneta Padova - Trenkwalder Modena 1-3 (14-25, 25-17, 17-25, 23-25)
Sisley Treviso - Yoga Forlì 1-3 (25-23, 19-25, 22-25, 20-25)
Framasil Pineto - Bre Banca Lannutti Cuneo 1-3 (25-17, 19-25, 20-25, 16-25)
Acqua Paradiso Gabeca Montichiari - RPA-LuigiBacchi.it Perugia 0-3 (22-25, 18-25, 23-25)
Itas Diatec Trentino - Marmi Lanza Verona 3-0 (25-17, 25-19, 25-20)

LA CLASSIFICA
Itas Diatec Trentino 35, Lube Banca Marche Macerata 33, Bre Banca Lannutti Cuneo 32, Copra Nordmeccanica Piacenza 30, Acqua Paradiso Gabeca Montichiari 25,  RPA-LuigiBacchi.it Perugia 24, Marmi Lanza Verona 23, Sisley Treviso 21, Tonno Callipo Vibo Valentia 18, Trenkwalder Modena 18, Stamplast Martina Franca 18, Framasil Pineto 15, Yoga Forlì 14, Antonveneta Padova 9.

I TABELLINI
STAMPLAST MARTINA FRANCA - LUBE BANCA MARCHE MACERATA 3-1 (25-17, 25-14, 7-25, 25-17)
STAMPLAST MARTINA FRANCA: Ricciardello (L), Coscione, Cernic 13, Guglielmi, Stoijkovic, Mastrangelo 14, Corsini 12, Sequeira 8, Quartarone, Rodriguez 10. Non entrati Granvorka. All. D'onghia Gianni.
LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Lebl 1, Giovi (L), Vermiglio 2, Bartoletti, Snippe 1, Saraceni, Martino 3, Monopoli, Corsano (L), Santana 7, Omrcen 22, Swiderski 11, Podrascanin 5. All. De Giorgi Ferdinando.
ARBITRI: Giorgio Gnani, Omero Satanassi.
NOTE - Spettatori 1700, incasso 6000, durata set: 25', 21', 18', 29'; tot: 93'.

Gianni D'Onghia (All. Stamplast Martina Franca): "I ragazzi hanno disputato una prestazione eccezionale. Sono stati bravi, soprattutto dopo aver perso il terzo set in modo nettissimo, a ritrovare grande concentrazione nel quarto parziale. Miglior esordio in casa non ci poteva essere. Dedico questo successo alla società ed alla mia famiglia".
Sebastian Swiderski (Lube Banca Marche Macerata): "Martina ha giocato molto bene, dobbiamo assolutamente dimenticare questa partita perchè siamo partiti troppo tranquilli. Loro sono stati molto aggressivi in battuta e noi abbiamo commesso tantissimi errori in ricezione. Ci sono state inoltre difficoltà a creare gioco e nessun fondamentale ha funzionato".

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA - COPRA NORDMECCANICA PIACENZA 1-3 (26-28, 19-25, 25-23, 22-25)
TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Ditlevsen, Contreras 3, Cozzi 10, Sammelvuo 15, Vieira De Oliveira 4, Ferraro (L), Diaz Mayorca 8, Simeonov 15, Divis 4, Barone, Shumov 3, Bozidis, Cicola (L). All. Gulinelli Flavio.
COPRA NORDMECCANICA PIACENZA: Rak 5, Pampel, Insalata 7, Meoni 2, Marshall 20, Boninfante 1, Zingaro, Zlatanov 18, Durante (L), Bravo 10, Bjelica 5. All. Lorenzetti Angelo.
ARBITRI: Roberto Boris, Nunzio Caltabiano.
NOTE - Spettatori 1700, incasso 2500, durata set: 31', 26', 27', 28'; tot: 112'.

Ventceslav Simeonov (Tonno Callipo Vibo Valentia): "Sapevamo di giocare contro una buona squadra che ha dimostrato di essere in buona forma. Ora dobbiamo ricominciare sin dalla prossima partita a macinare gioco e punti, anche perché visti i risultati maturati sugli altri campi, la classifica è di nuovo molto corta".
Joao Paolo Bravo (Copra Nordmeccanica Piacenza): "Un'altra partita molto difficile contro questa Tonno Callipo che sapevamo in forte crescita. La differenza nel quarto set l'ha fatta la nostra maggiore incisività e l'abbiamo costruito recuperando e difendendo molto".

ANTONVENETA PADOVA - TRENKWALDER MODENA 1-3 (14-25, 25-17, 17-25, 23-25)
ANTONVENETA PADOVA: Garghella (L), De Togni 2, Meggiolaro, Maniero, Raymaekers 4, Kral 9, Mattera, Gato 6, Perazzolo, Kromm 21, Maruotti 15. Non entrati Gottardo. All. Bagnoli Bruno. TRENKWALDER MODENA: Lee 2, Tencati, Kooistra 22, Rinaldi (L), Dennis 13, Sartoretti, Santos 14, Travica 2, Siebeck, Pagni, Casoli 12. Non entrati Smuc. All. Zanini Emanuele.
ARBITRI: Massimo Cinti, Vittorio Sampaolo.
NOTE - Spettatori 1800, incasso 5500, durata set: 22', 25', 25', 28'; tot: 100'.

Bruno Bagnoli (All. Antonveneta Padova): "Oltre alla sfortuna di aver dovuto rinunciare a Mattera che ha contratto l'influenza alla vigilia della sfida di oggi, per noi è iniziata subito in salita. Abbiamo fatto molta difficoltà contro una squadra organizzata e la brutta prestazione di Gato non ci ha aiutato".
Emanuele Zanini (All. Trenkwalder Modena): "Abbiamo ottenuto punti importanti che si rivelavano indispensabili per raggiungere i nostri obiettivi. Lentamente stiamo crescendo sia da un punto di vista tecnico che morale. Dobbiamo continuare con questo spirito".

SISLEY TREVISO - YOGA FORLì 1-3 (25-23, 19-25, 22-25, 20-25)
SISLEY TREVISO: Fei 10, Hubner 9, Papi 6, Farina (L), Saitta 1, Antonov 6, Endres 14, Cisolla 21, Daldello (L), Garcia 2, Gallotta. Non entrati Dolfo, Kohut. All. Dall'Olio Francesco.
YOGA FORLì: Henno (L), Molteni 16, Bittar 19, Haldane 10, Redwitz 2, Di Franco 9, Casadei, Patriarca 13, Bozko. Non entrati Bendi, Loglisci, Dolfo. All. Molducci Piero.
ARBITRI: Paolo Lavorenti, Giuseppe Caldarola.
NOTE - Spettatori 1000, incasso 4400, durata set: 25', 22', 25', 25'; tot: 97'.

Francesco Dall'Olio (All. Sisley Treviso): "Abbiamo avuto un approccio sbagliato al match, all'inizio troppo sicuri, poi quando l'aversario gioca rischiando, con leggerezza, e trova momenti favorevoli, veniamo presi dall'insicurezza e perdiamo il filo della partita. Non riusciamo a tenere alta la tensione del match e ad esprimere la nostra pallavolo, quella che ci permetterebbe di vincere partite come questa."
Piero Molducci (All. Yoga Forlì): "Abbiamo interpretato bene la partita , specie nei fondamentali di muro e difesa, ma direi che il segreto di questa vittoria al Palaverde è stato il collettivo, giocando di squadra abbiamo dato il 100% giocando un'ottima partita. Abbiamo ritrovato Tuba, fondamentale nel ruolo di opposto e in battuta, questo ci ha dato sicurezza in attacco, così come invece Henno ci ha risolto partecchi problemi con la sua ricezione. Sono contento per la squadra, abbiamo vinto contro una Sisley discontinua, ma no era ugualmente facile e ci godiamo questi tre punti".

FRAMASIL PINETO - BRE BANCA LANNUTTI CUNEO 1-3 (25-17, 19-25, 20-25, 16-25)
FRAMASIL PINETO: De Oliveira 8, Hietanen 3, Fantin 11, Vicini (L), Lampariello (L), De Gennaro Leme 2, Rodrigo 19, Buti 7, Fabroni 2, Ravellino 6. Non entrati Sborgia, Mancini, Vigilante. All. Montagnani Paolo.
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Wijsmans 18, Gonzalez 5, Fortunato 9, Vergnaghi (L), Jeroncic 3, Nikolov 19, Nuti, Curti 4, Abbadi 3, Biribanti 1, Pieri (L), Platenik 11. Non entrati Ariaudo. All. Prandi Silvano.
ARBITRI: Nicola Castagna, Massimo Pessolano.
NOTE - Spettatori 2400, incasso 11000, durata set: 23', 24', 26', 21'; tot: 94'.

Paolo Montagnani (Framasil Pineto): "Abbiamo lottato, ma alla fine contro queste grandi squadre è sempre difficile imporsi. Continuiamo a lavorare in vista delle prossime gare, molto importanti ai fini della classifica".
ACQUA PARADISO GABECA MONTICHIARI - RPA-LUIGIBACCHI.IT PERUGIA 0-3 (22-25, 18-25, 23-25)
ACQUA PARADISO GABECA MONTICHIARI: Sala 9, Rauwerdink 2, Pesenti, Horstink 6, Tiberti, Paparoni 4, Esko 1, Howard 4, Gavotto 18, Zito (L), Manià (L). Non entrati Forni, Bellei. All. Berruto Mauro.
RPA-LUIGIBACCHI.IT PERUGIA: Kovacevic, Fanuli (L), Savani 12, Nemec, Sintini 1, Felizardo 6, Pippi (L), Vujevic 12, Stokr 13, Bovolenta 6. Non entrati Cruz De Carvalho, Botti. All. Di Pinto Vincenzo.
ARBITRI: Roberto Locatelli, Paolo Barbero.
NOTE - Spettatori 2700, incasso 10000, durata set: 26', 23', 25'; tot: 74'.

Loris Manià (Acqua Paradiso Gabeca Montichiari): "Quella di questa è quella che si definisce una giornata storta. E' andato tutto male, non siamo mai riusciti ad esprimere il nostro gioco ed ad entrare in partita. Complimenti a Perugia, che ha giocato un'ottima gara. Ora dobbiamo solo rimetterci al lavoro e ritrovare lo spirito giusto per riprendere la nostra corsa già da martedì sera."
Cristian Savani (RPA-LuigiBacchi.it Perugia): "E' stata una partita perfetta. Avevamo bisogno di questo risultato anche per riscattarci dal mancato accesso alla Final Eight di TIM Cup. Ora speriamo di proseguire su questa strada. Martedì contro Forlì sarà una gara tosta. Speriamo di non ripetere il risultato dell'andata."

ITAS DIATEC TRENTINO - MARMI LANZA VERONA 3-0 (25-17, 25-19, 25-20)
ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 8, Segnalini (L), Zygadlo, Della Lunga 7, Vissotto Neves 16, Grbic 3, Leonardi 3, Winiarski 16, Bari (L), Piscopo 5. Non entrati De Paola, Garcia Pires Ribeiro, Stefanov. All. Stoytchev Radostin.
MARMI LANZA VERONA: Latelli (L), Parodi 8, Popp 9, Sottile, Lasko 2, Dehne 2, Colaci (L), Maric 6, Semenzato 10, Bontje 1, Mosterts 3. Non entrati Volpini. All. Giuliani Alberto.
ARBITRI: Roberto Mastrodonato, Giampiero Perri.
NOTE - Spettatori 4000, incasso 32000, durata set: 24', 27', 25'; tot: 76'.

Radostin Stoytchev (Itas Diatec Trentino): "E' un risultato importante, più per i tre punti che per il gioco espresso anche se anche a livello di prestazione non abbiamo assolutamente sfigurato. Eravamo molto determinati a portare a casa questi tre punti perché ci permettevano di tornare in testa alla classifica. Senza Riad e Birarelli non era facile vincere 3-0 con questa Verona ma ce l'abbiamo fatta grazie ad una grande prova corale in cui si è esaltato Winiarski, davvero un giocatore straordinario".
Alberto Giuliani (Marmi Lanza Verona): "Trento al servizio si è espressa davvero molto bene, costringendoci a giocare quasi sempre attacco di palla alta scontata. I nostri problemi stasera sono derivati tutti da lì, anche perché abbiamo faticato più del solito a passare con Lasko e Popp".
Sigla.com - Internet Partner