Qualificazioni Europei 2017: l’Italia soffre, ma supera l’Ucraina 3-2

18/09/2016

Qualificazioni Europei 2017: l’Italia soffre, ma supera l’Ucraina 3-2


Yuzhny (Ucraina). Nelle Qualificazioni agli Europei femminili 2017 la nazionale italiana ha ottenuto il terzo successo consecutivo, battendo l’Ucraina 3-2 (25-17, 21-25, 19-25, 25-11, 15-12) al termine di un match molto combattuto. Dopo un ottimo avvio, le ragazze di Lucchi hanno accusato diversi passaggi a vuoto nel secondo e terzo parziale, per poi reagire nel quarto. Nel tie-break l’Italia si è trovata ancora in difficoltà, ma è riuscita nel finale a superare le avversarie, ottenendo una vittoria molto importante in chiave qualificazione.
Archiviate le partite in Ucraina la prossima settimana le azzurre che guidano la classifica del girone (3 vittorie e 8 punti) saranno in campo a Montecatini Terme (23-25 settembre) per la seconda fase del torneo qualificazione, dove saranno presenti le stesse quattro squadre. Al termine della competizione (sommando i risultati dei due tornei) la prima classificata si guadagnerà il pass diretto per gli Europei 2017 (Azerbaijan e Georgia).
Tra le fila italiane da segnalare la prestazione di Paola Egonu che è risultata la top scorer del match, mettendo a segno ben 29 punti e trascinando per lunghi tratti le compagne. A muro molto positiva la prova di Cristina Chirichella: 7 quelli messi a segno su 14 totali.
Come sestetto iniziale Cristiano Lucchi ha schierato Orro in palleggio, Egonu opposto, schiacciatrici Tirozzi e Sylla, centrali Danesi e Chirichella, libero Leonardi.
Ottima la partenza dell’Italia che ha subito messo in grande difficoltà le avversarie, sfruttando molto bene il muro. A fare il resto c’ha pensato Paola Egonu (10 punti nel set) che con i suoi attacchi ha permesso alle azzurre di incrementare sempre di più il vantaggio. Le ragazze di Lucchi così non hanno avuto problemi a chiudere sul (25-17).
Molto diverso l’andamento del secondo parziale con l’Italia meno efficace in attacco e in sofferenza in ricezione. Diversi errori delle azzurre hanno permesso alle padrone di casa di prendere coraggio e portarsi al comando. Per due volte la nazionale tricolore ha provato a rimontare, ma l’Ucraina ha difeso il vantaggio e si è imposta (25-21).
Il momento negativo delle ragazze di Lucchi è proseguito nella terza frazione con le padrone di casa che si sono portate subito al comando. In un primo momento l’Italia ha tentato di reagire, ma dopo essersi portata in parità sono state nuovamente le ucraine ad allungare. Gli ingressi di Nicoletti e Bosetti non ha prodotto effetti e le azzurre hanno ceduto (19-25).
La reazione italiana è arrivata nel quarto set (dentro Bosetti e Folie), le azzurre hanno ritrovato convinzione e sono riuscite ad imporre il proprio ritmo. Un’ottima Paola Egonu ha trascinato le compagne verso la vittoria del parziale che ha visto l’Italia fissare il punteggio sul (25-11).
Il tie break si è trascinato in parità sino al 9-9, con le padrone di casa hanno trovato il primo allungo, portandosi sul 12-10. Nel momento di massima difficoltà, però, la nazionale italiana ha trovato la forza di reagire e complice il buon turno in battuta di Caterina Bosetti ha vinto (15-12). Domani mattina Tirozzi e compagne lasceranno Yuzhny e voleranno a Milano per poi spostarsi direttamente a Montecatini Terme, sede di gioco del prossimo week end.
RISULTATI E CLASSIFICA Pool A: Italia-Ucraina 3-2 (25-17, 21-25, 19-25, 25-11, 15-12), Lettonia-Austria. Italia 3V (8 p.), Ucraina 2V (7 p.), Austria e Lettonia 0V (0 p.).
CALENDARIO POOL MONTECATINI - 23 settembre Lettonia-Ucraina (ore 17), Italia-Austria (ore 20.30); 24 settembre Ucraina-Austria (ore 17), Lettonia-Italia (ore 20.30); 25 settembre Austria-Lettonia (ore 17), Ucrainia-Italia (ore 20.30).  
Tabellino: ITALIA - UCRAINA 3-2 (25-17, 21-25, 19-25, 25-11, 15-12)
ITALIA: Orro 4, Tirozzi 9, Chirichella 13, Egonu 29, Sylla 11, Danesi 5, Leonardi (L), Folie 5, C. Bosetti 4, Nicoletti. N.e. Malinov, Guerra , Bonifacio, Parrocchiale. All. Lucchi.
UCRAINA: Trushkina 6, Novgorodchenko 3, Kodola 14, Dorsman 13, Chernukha 2, Kyrychenko 8, Delros (L), Yurchenko 8, Kozlova 1, Stepaniuk 1. N.e. Degtiarova, Moloftsova. All. Yegiazarov.
Arbitri: Michlic (Pol) e Vaitsiakhovich (Blr).
Spettatori: 1550. Durata Set: 23’, 24’, 25’, 19’, 16’. Italia: 10 bs, 10 a, 14 m, 29 e. Ucraina: 13 bs, 6 a, 7 m, 26 e.

CRISITIANO LUCCHI: “Sapevamo che non sarebbe stata una gara facile e bisogna dar grosso merito all’Ucraina di averci messo per lunghi tratti in difficoltà, soprattutto con la battuta. Noi siamo stati bravi a non perdere la testa e con pazienza a tirarci fuori da delle situazioni parecchio complicate. Alla fine abbiamo conquistato una vittoria molto importante in chiave qualificazione perché ci dà tanto morale in vista delle gare di Montecatini della prossima settimana. Abbiamo ancora molto lavoro da fare, perché sicuramente il livello del gioco deve crescere, però penso che aver disputato tre gare possa essere molto importante per l’amalgama di questa squadra che si allena insieme da un mese. Siamo soddisfatti di tornare in Italia con tre vittorie e vogliamo continuare su questa strada.”
PAOLA EGONU: “È stata una partita molto difficile durante la quale non siamo state costanti e per questo abbiamo dovuto soffrire a lungo. Alla fine la nota positiva è aver conquistato la vittoria, anche grazie alle ragazze che sono entrate dalla panchina e si sono fatte trovare pronte. Oggi ho messo a segno molti punti, però, forse ho commesso qualche errore di troppo: nelle prossime gare cercherò di migliorare ancora. Queste tre vittorie sono molto importanti perché ci permettono di arrivare alla seconda fase con più tranquillità, anche se come dimostra questa partita nulla è scontato. Tutta la squadra deve ancora crescere, perché il discorso qualificazione non è assolutamente a chiuso. A Montecatini sono convinta che la gara decisiva sarà di nuovo quella contro l’Ucraina.”
GIULIA LEONARDI: “Siamo riuscite ad ottenere una vittoria davvero sofferta, al termine di una partita combattutissima. L’Ucraina ha disputato un match molto buono e ci ha messo tanto in difficoltà, però nel finale è emerso il carattere della squadra che ha permesso di imporci. Da parte nostra ci sono stati molti alti e bassi, perché nel primo e quarto set quando abbiamo commesso pochi errori i parziali sono stati sempre nettamente a nostro favore. Nella seconda e terza frazione, invece, non ci siamo espresse al meglio e così l’Ucraina ha approfittato dei nostri passaggi a vuoto. Siamo molto felici che le prossime gare si disputeranno in Italia perché il fattore casa può aiutarci a ottenere questa qualificazione.”  
Sigla.com - Internet Partner