Quarta giornata di serie A1 maschile, Modena al comando

16/10/2011

Quarta giornata di serie A1 maschile, Modena al comando
4ª Giornata And. (16/10/2011) - Regular Season A1, Stagione 2011/2012
RISULTATI

Itas Diatec Trentino-Lube Banca Marche Macerata - Non ancora disputata 17/10/2011 ore 20:00 Dir. Sportube.tv;
Sisley Belluno-Energy Resources San Giustino 3-0 (25-21, 25-22, 26-24);
CMC Ravenna-Acqua Paradiso Monza Brianza 1-3 (21-25, 29-27, 19-25, 19-25);
Bre Banca Lannutti Cuneo-Andreoli Latina 3-2 (24-26, 25-23, 24-26, 25-23, 15-10) 15/10/2011 ore 17:30 Dir. Rai Sport 1;
Casa Modena-Copra Elior Piacenza 3-0 (25-20, 25-13, 25-18);
Tonno Callipo Vibo Valentia-M. Roma Volley 0-3 (27-29, 16-25, 19-25);
Marmi Lanza Verona-Fidia Padova 3-2 (25-16, 22-25, 22-25, 25-21, 15-6) Ore 17:30 Diretta Rai Sport 1


CLASSIFICA
Casa Modena 12, Bre Banca Lannutti Cuneo 10, Lube Banca Marche Macerata 9, Itas Diatec Trentino 8, Andreoli Latina 8, Acqua Paradiso Monza Brianza 6, Tonno Callipo Vibo Valentia 5, Energy Resources San Giustino 5, Sisley Belluno 5, Marmi Lanza Verona 4, Fidia Padova 4, M. Roma Volley 3, CMC Ravenna 1, Copra Elior Piacenza 1.
Note: 1 Incontro in meno: Lube Banca Marche Macerata, Itas Diatec Trentino;


Serie A1 Sustenium
Quarta giornata. Record assoluto di ace in Serie A1 Sustenium: Gasparini della Marmi Lanza Verona mette giù 11 battute vincenti, record totale alla pari con Cazzaniga in A2. Casa Modena mantiene saldo il comando in vetta. Domani alle 20.00 la sfida Itas Diatec Trentino – Lube Banca Marche Macerata

Il numero 16 della Marmi Lanza Verona, lo schiacciatore Mitja Gasparini, nell’incontro odierno tra Marmi Lanza Verona e Fidia Padova (3-2), ha segnato il record assoluto di ace in Serie A1 Sustenium. Lo schiacciatore con 11 battute vincenti eguaglia e raggiungere il record totale nelle mani di Roberto Cazzaniga (BCC-NEP Castellana Grotte) in Serie A2 Sustenium.
Con i set a 15, prima dell’introduzione del Rally Point System, lo schiacciatore bulgaro Ljubomir Ganev aveva totalizzato il record di 10 ace.

Ecco una tabella riassuntiva:
Atleta Ace Er. TOT
Cazzaniga Roberto 11 4 29
(Samgas Crema - Andreoli Latina 3-2 - 15ª Rit RS A2 2008)
Cazzaniga Roberto 11 1 34
(Volley Segrate 1978 - Eurogroup Gela 3-0 - 11ª Andata RS A2 2010)
Gasparini Mitja 11 6 39
(Marmi Lanza Verona - Fidia Padova 3-2 - 4ª Andata RS A1 2011)
Miraglia Carvalho 10 5 24
(Canadiens Mantova - Pallavolo Padova 3-2 - 13ª Rit RS A2 2009)
Savani Cristian 9 4 21
(M. Roma Volley - Lube Banca Marche Macerata 0-3 - 2ª And RS A1 2011)
Gato Ramon Moya 9 4 24
(Marmi Lanza Verona - Giotto Padova 3-1 - 4ª Rit RS A1 2005)
Kaziyski Matey 9 6 24
(Itas Diatec Trentino - Tonno Callipo Vibo Valentia 3-2 - Gara 1 Quarti Play Off A1 2008)
Bratoev Valentin 9 8 24
(Quasar Massa Versilia - Canadiens Mantova 2-3 - 11ª Rit RS A2 2009)
Rodrigues Anderson 9 6 26
(Codyeco S.Croce - Bre Banca Lannutti Cuneo 1-3 - 6ª Andata RS A1 2005)
Juantorena Osmany 9 4 28
(Itas Diatec Trentino - Bre Banca Lannutti Cuneo 3-0 - 13ª And RS A1 2010

MARMI LANZA VERONA - FIDIA PADOVA 3-2 (25-16, 22-25, 22-25, 25-21, 15-6)
MARMI LANZA VERONA: Popp 6, Ter Horst, Calderan, Meoni 5, Smerilli (L), Patriarca 7, Zingel 6, Casarin, Kromm 22, Postiglioni, Gasparini 37. Non entrati Kosmina. All. Bagnoli.
FIDIA PADOVA: Garghella (L), Schwarz 2, Gonzalez 6, Cricca 4, Koshikawa, Rosso 10, De Marchi 7, Simeonov 27, Semenzato 7, Suljagic 1. Non entrati Tiberti, Giannotti, Zingaro. All. Montagnani.
ARBITRI: Prandi, La Micela. NOTE - Spettatori 2480, durata set: 25', 29', 28', 31', 13'; tot: 126'.

I 2500 del PalaOlimpia festeggiano l’impresa della Marmi Lanza che sotto 2-1 trova la forza di portare la Fidia Padova al tie break e poi di dominarlo per 15-6. A fare la voce grossa in casa di Verona è l’opposto gialloblù Mitja Gasparini, MVP della gara, con un muro punto, il 52 per cento in attacco e soprattutto 11 ace personali che lo incoronano miglior battitore di tutta la Serie A1 di sempre. Verona conduce il primo parziale con facilità poi per due set sembra spegnersi la luce e Padova trova gli spazi giusti per portarsi sull’1-2, la Marmi Lanza non ci sta e davanti al pubblico di casa si ritrova. Tutti in piedi per il 3-2 finale e per il protagonista Gasparini.

Mitja Gasparini (Marmi Lanza Verona): “Sono contentissimo della mia prestazione, ho voglia di farmi apprezzare da Verona e di contribuire ai risultati della squadra, oggi ho potuto farlo! La squadra nel momento della difficoltà si è unita e la scelta è stata premiante, abbiamo lottato su ogni pallone e avevamo una gran voglia di dimenticare la partita di Latina”.

Paolo Montagnani (allenatore Fidia Padova): “Oggi Gasparini è stato decisivo in battuta e per questo ne abbiamo sofferto. Probabilmente, se non avesse fatto la grande partita di cui è stato protagonista, le cose sarebbero andate diversamente. Portiamo a casa un punto importante per la classifica e ora ci concentriamo per la non semplice sfida con Modena. Gli schiacciatori? Schwarz era partito bene, poi è calato in attacco e in difesa, per quello ho optato per la soluzione De Marchi che si è comportato bene in campo”.

CMC RAVENNA - ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA 1-3 (21-25, 29-27, 19-25, 19-25)
CMC RAVENNA: Mengozzi 3, Leonardi 2, Bendandi, Corvetta 1, Sirri 6, Tabanelli (L), Quiroga 15, Moro 10, Brunner 10, Gruszka 12, Roberts 10. Non entrati Verhanneman, Gallosti. All. Babini.
ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA: Ciabattini (L), Rossini (L), Zhukouski, Nikic 13, Forni 11, Molteni, Buti 6, Rooney 22, De Cecco 3, Gavotto 6, Roumeliotis 12. Non entrati Aleksiev, Shumov. All. Zanini.
ARBITRI: Padoan, Zucca. NOTE - Spettatori 2700, durata set: 28', 34', 27', 26'; tot: 115'.

L'Acqua Paradiso sbanca Ravenna con autorità, soffrendo solo nel secondo set con la CMC a segno al quinto set-ball con due punti consecutivi di Mengozzi. Benissimo De Cecco che ha armato al meglio il braccio di Rooney e quello di Roumeliotis, entrato dalla panchina per Gavotto. Primo set punto a punto, poi i muri di Monza creano il divario decisivo. Nel secondo la CMC riesce a rimanere avanti ed a chiudere con il brivido ma poi il terzo e quarto set sono preda di Monza, che con ricezione buona riesce sempre a passare e tiene alla grande con la correlazione muro-difesa.

Antonio Babini (allenatore CMC Ravenna): “Monza si è dimostrata superiore in particolare a muro ma anche in attacco ha avuto sempre un apporto importante da Rooney e Roumeliotis. Monza ha avuto molto da una correlazione muro- difesa che ha permesso a Rooney di attaccare palle che non sono alla portata del nostro muri. Buono, però, l'atteggiamento dei miei e di chi è entrato dalla panchina”.

Emanuele Zanini (allenatore Acqua Paradiso Monza Brianza): “Siamo contenti per la vittoria e per i progressi che abbiamo dimostrato rispetto alle prime partite. Dobbiamo solo migliorare un po' in continuità, perché abbiamo ancora sofferto qualche calo di tensione a tratti”.

SISLEY BELLUNO - ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO 3-0 (25-21, 25-22, 26-24)
SISLEY BELLUNO: Abdelaziz, Szabò, Fei 10, Horstink 18, Dolfo, Farina (L), Kohut 6, De Togni 4, Suxho 3, Ogurcak 8. Non entrati Curti, Antonov, Sorato. All. Piazza.
ENERGY RESOURCES SAN GIUSTINO: Creus Larry 5, Rauwerdink 4, Mc Kibbin 2, Cozzi 8, Bartoletti, Conte 12, Petkovic, Giovi (L), Urnaut 16. Non entrati Finazzi, Tholse, Lo Bianco. All. De Giorgi.
ARBITRI: Satanassi, Cipolla. NOTE - Spettatori 1100, incasso 6000, durata set: 26', 27', 28'; tot: 81'.

La Sisley Belluno nel quarto turno contro l’Energy Resources San Giustino ritrova il libero Farina. La gara mostra nei primi due set un’altra squadra rispetto a quella ancora a secco di vittorie vista fin qui: Belluno infatti è concreta e cinica quando conta, chiudendo sempre i finali di parziale con un ottimo Horstink (MVP della partita con 18 punti e il 73% in attacco) e un capitan Fei molto deciso. 25-21, 25-22, due set quasi in fotocopia. Nel terzo parziale coach De Giorgi prova Mc Kinney in regia al posto di Petkovic per gli umbri, ma l’andamento della gara è ancora equilibratissimo, con Belluno che prova a scappare e la squadra ospite sempre attaccata fino allo sprint finale, deciso da una Sisley meno fallosa per 26-24. Il campionato dei veneti inizia qui, con questo 3-0 che ha rotto il ghiaccio.



Roberto Piazza (allenatore Sisley Belluno): “E’ stata una bella gara, quadrata e decisa da parte della mia squadra che ha scaricato la rabbia delle prime tre partite giocando un bel match di fronte al pubblico di Belluno. Già c’erano state cose buone nelle ultime due gare e i miglioramenti si sono confermati stasera grazie anche all’ingresso di Farina che ha dato più ordine e tranquillità alla squadra”.

Paolo Cozzi (Energy Resources San Giustino): “Non abbiamo giocato bene, specie nei primi due set, dove la Sisley nei momenti decisivi ci è stata superiore. Poi nel terzo set abbiamo fatto meglio e con più cattiveria potevamo anche portarlo a casa, ma anche nell’ultimo parziale siamo stati troppo fallosi nel finale.”

CASA MODENA - COPRA ELIOR PIACENZA 3-0 (25-20, 25-13, 25-18)
CASA MODENA: Manià (L), Sala 4, Dennis 11, Kooy 19, Yosifov 9, Esko 3, Martino, Casoli, Anderson 12. Non entrati Catellani, Diachkov, Nemec, Carletti. All. Bagnoli.
COPRA ELIOR PIACENZA: Ammerman 1, Marra (L), Kral 2, Sidibé 3, Papi 7, Zhekov, Nikolov 15, Tencati 4, Marretta 3, Penchev 1. Non entrati Massari, Zlatanov. All. Lorenzetti.
ARBITRI: Gnani, Vagni. NOTE - Spettatori 3690, incasso 25611, durata set: 26', 21', 25'; tot: 72'.

Casa Modena centra la quarta vittoria in altrettanti incontri e si conferma al comando della classifica di Serie A1. I gialloblù hanno sfoderato una prestazione maiuscola ed hanno piegato nel derby della via Emilia una Copra Elior Piacenza comunque non al meglio (assente Holt e Zlatanov solo in panchina per un problema fisico).Davanti ai quasi 4000 tifosi del PalaCasaModena, capitan Dennis e compagni hanno condotto la gara praticamente dal primo all’ultimo punto. La differenza anche nei numeri: Casa Modena ha chiuso con il 59% in ricezione ed il 58% in attacco, mentre Piacenza con il 35% in ricezione ed il 37% in attacco.
Daniele Bagnoli ha confermato il sestetto con Kooy e Anderson schiacciatori titolari e Matteo Martino (oggi per la prima volta a disposizione) ha fatto il suo esordio giocando scampoli di tutti e tre i set sempre in seconda linea. In campo dall’inizio alla fine anche il recuperato centrale Yosifov, mentre per l’ultimo arrivato Nemec non c’è stato l’ingresso in campo.
Dall’altra parte della rete l’ex Angelo Lorenzetti, salutato dal PalaCasaModena con un bell’applauso, ha schierato il francese Sibidè titolare in posto per Zlatanov e Kral al centro per Holt. Modena è sempre stata avanti, “spingendo” al servizio e concretizzando a muro e nelle rigiocate. Miglior Giocatore in campo lo schiacciatore olandese di Casa Modena Dick Kooy: per lui 19 punti, 4 ace, 2 muri, il 75% in ricezione e l’81% in attacco.

Daniele Bagnoli (allenatore Casa Modena): “Da un lato bisogna riconoscere che Piacenza non era al meglio e lamentava alcune assenze importanti. Dall’altro c’è da segnalare la nostra prestazione davvero di buon livello sia per la concentrazione sia per l’applicazione tecnica. Naturalmente sono molto contento per il risultato, ora dobbiamo continuare ad allenarci con questa intensità”.

Angelo Lorenzetti (allenatore Copra Elior Piacenza): “Non è semplice allenarsi con queste assenze e naturalmente anche giocare. Ho preferito non rischiare Zlatanov, lo avrei inserito solo in caso di un finale di set in equilibrio. Potevamo comunque fare qualcosa in più, soprattutto nel primo set”.

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA - M. ROMA VOLLEY 0-3 (27-29, 16-25, 19-25)
TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Falasca 7, Coscione 2, Cernic 6, Diaz 11, Grassano, Bratoev, Rak 7, Bonetti, Klapwijk 4, Barone 9, Fanuli (L), Nikolov 2. Non entrati Mignolo. All. Blengini.
M. ROMA VOLLEY: Lebl 3, Paolucci, Paparoni (L), Maruotti, Zaytsev 17, Boninfante 4, Bencz 2, Sabbi 15, Cisolla 10, Bjelica 7. Non entrati Passier, Puliti, Corsano. All. Giani.
ARBITRI: Braico, Boris. NOTE - Spettatori 1000, incasso 5500, durata set: 32', 25', 26'; tot: 83'

Dura solo un set il gioco di una Tonno Callipo Vibo apparsa in affanno e costretta a soccombere ad una M. Roma affamata di vittorie, più precisa e cinica sotto rete. Un set, il primo, in cui le due formazioni si fronteggiano alla pari e in cui i padroni di casa danno l’impressione di poter replicare le buone prove già mostrate nelle prime tre giornate. Ma è nel finale del primo parziale, quando i calabresi si vedono annullare tre palle set da Sabbi e compagni, che il match prende per il sestetto di Blengini una brutta piega, fino al definitivo 27-29. Comincia male e prosegue peggio il secondo set. Poche le idee dei giallorossi, molti errori in battuta e, per contro, Roma forza il servizio costringendo Vibo ad una ricezione difettosa che complica la vita agli schiacciatori vibonesi. Allunga così Roma, guadagnando ampi parziali e chiudendo il set su un sonoro 16-25. È il terzo il set della verità. Vibo sembra reagire, parte bene, mette a terra palloni importanti ma la festa dura poco, Roma fa presto ad accorciare e in seguito a fare ancora male, chiudendo la pratica, senza troppi complimenti, sul 19-25.

Gianlorenzo Blengini (allenatore Tonno Callipo Vibo Valentia): “La partita è stata giocata alla pari fino alla fine del primo set. Credo abbia preso una piega diversa proprio per come è finito il primo parziale, dove, tengo a sottolineare, loro hanno guadagnato la vittoria. Non hanno mollato anche se erano sotto 24 a 21, ci hanno creduto e hanno portato a casa il set. In seguito la partita è cambiata, hanno preso grande fiducia lasciando andare il braccio in battuta e la differenza grossa è stata tutta lì, nel rapporto battuta/ricezione: la loro molto più potente, noi non altrettanto bravi a creargli problemi. Nell’ultimo set, invece, dopo una prima fase punto a punto, abbiamo faticato in ricezione su palle molto più semplici, e lì ci è mancata la giusta sicurezza”.

Andrea Giani (allenatore M. Roma Volley): “Abbiamo iniziato il campionato con tre big, soffrendo molto anche per non essere riusciti a sfruttare le occasioni che si sono presentate. Da oggi, però, inizia per noi un campionato diverso: andremo ad incontrare squadre attrezzate come noi e ce la giocheremo alla pari. È chiaro che stare a zero punti non ci faceva piacere e onestamente Vibo veniva da tre partite molto buone per cui non eravamo proprio sereni. Credo, però, che possiamo ancora crescere, migliorare il nostro gioco. Ho detto ai miei ragazzi che ci bastava poco per volare, perché li ho visti giocare e crescere giorno per giorno, allenarsi bene e sono convinto che pian piano questa squadra potrà fare un buon campionato. Devo comunque riconoscere che anche Vibo è un gran bella squadra”.

Giocata il 15/10/2011

BRE BANCA LANNUTTI CUNEO - ANDREOLI LATINA 3-2 (24-26, 25-23, 24-26, 25-23, 15-10)
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Mastrangelo 8, Henno (L), Ngapeth 15, Fortunato 5, Wijsmans 21, Vissotto Neves 35, Grbic 4, Patriarca 1, Rossi, Baranowicz. Non entrati Van Lankvelt, Caceres, Pieri. All. Gulinelli.
ANDREOLI LATINA: Rivera Caamano 8, Hardy-Dessources 11, Gitto 8, Sottile 1, Jarosz 9, De Pandis (L), Guemart, Troy 16, Roca Borrero 20, Cester 1, Fragkos 2. Non entrati Tailli, Galabinov. All. Prandi.
ARBITRI: Puecher, Sampaolo. NOTE - Spettatori 3100, incasso 12000, durata set: 29', 29', 32', 29', 18'; tot: 137'.

Prossimo turno
4a giornata di andata Serie A1 Sustenium
Lunedì, 17 ottobre 2011, ore 20.00
Itas Diatec Trentino - Lube Banca Marche Macerata Diretta Sportube.tv

Prossimo turno
5a giornata di andata Serie A1 Sustenium
Sabato 22 ottobre 2011, ore 17.30
CMC Ravenna - Marmi Lanza Verona Diretta Rai Sport 1

Domenica 23 ottobre 2011, ore 17.30
Fidia Padova - Casa Modena Diretta Rai Sport 1

Domenica 23 ottobre 2011, ore 18.00
Lube Banca Marche Macerata - Bre Banca Lannutti
Itas Diatec Trentino - Energy Resources San Giustino
M. Roma Volley - Sisley Belluno Diretta Sportube.tv
Acqua Paradiso Monza Brianza - Andreoli Latina
Copra Elior Piacenza - Tonno Callipo Vibo Valentia
Sigla.com - Internet Partner