Quattro squadre, un Trofeo

di Simone Serafini

17/02/2012

Simone SerafiniSimone Serafini
Simone Serafini
Commedia sportiva in due tempi (sabato e domenica) e tre atti (semifinali e finalissima).
Personaggi e interpreti:
Il Favorito: Trento. La sfidante: Macerata. Il Terzo Incomodo: Modena. L’Invitato a Sorpresa: Belluno.
La Coppa Italia (nel ruolo di se stessa).
Rappresentazione che andrà in scena al PalaLottomatica in Roma questo weekend. Nonostante si conoscano molto bene tutte le caratteristiche dei protagonisti dello spettacolo, nulla è trapelato sulla trama. Nonostante numerose ricerche nessuno è riuscito a sapere quale sarà il finale. Possiamo solo lasciarci andare a teorizzare differenti intrecci con epiloghi diversi. Ne trascriviamo alcuni:
Plot 1: “Le semifinali non provocano sussulti di pathos. Il Favorito Trento e La Sfidante Macerata asfaltano gli altri duellanti Modena e Belluno e vanno dritti all’atto finale. Dove Trento indossa il vestito delle occasioni importanti e fornisce la migliore interpretazione di se stessa, ovvero lo Schiacciasassi. I bulldozer trentini avanzano indisturbati sgombrando con la loro forza ogni tipo di difficoltà che Macerata prova a sottoporgli, e si porta a casa il primo trofeo del 2012. E se gioca così non sarà neanche l’ultimo. Commento del giorno dopo: uff, sempre la stessa solfa”
Plot 2: “Gli spettatori Nostalgici hanno un tuffo al cuore, l’emozione pervade i loro cuori a vedere tredici uomini vestiti di gialloblu esultare al termine della finale. Il Terzo Incomodo Modena porta tutti nella macchina del tempo e torna agli antichi fasti, quando il suo inconfondibile marchio spesso era dominante sul gradino più alto nei podi delle manifestazioni nazionali Nel primo atto approfitta di una Macerata che conferma i tentennamenti di stagione (se non si conta il bellissimo e decisivo successo al golden set di Champions contro Cuneo la striscia è 0 vinte – 5 perse prima della Final Four). Nel terzo atto completa l’opera battendo Il Favorito Trento con la più romantica delle “partita della vita”. Commento del giorno dopo: amarcord gialloblu”.
Plot 3: “La Sfidante Macerata si fa forza su alcuni precedenti, tipo Nadal vs Federer a Wimbledon 2008 oppure Rocky Balboa vs Apollo Creed in Rocky II. In entrambi i casi vinsero non già i favoriti. I marchigiani (non dimentichiamolo, il sestetto ha l’ossatura della nostra nazionale) sfoderano prestazioni convincenti e concrete, con la batteria degli schiacciatori tricolori sugli scudi e l’altro italico direttore d’orchestra a dirigere da par suo. Il Favorito Trento in finale è sorpreso e tramortito da cotanta forza e organizzazione, sbanda, è alle corde e poi al tappeto. Del resto in campionato a ottobre La Sfidante già sconfisse Il Favorito. E la storia, si sa, è fatta di corsi e ricorsi. Commento del giorno dopo: Rivincita Tricolore”
Plot 4: “Arriva non senza preavviso, ma perché a Sorpresa (e con merito) ha estromesso la big Cuneo a domicilio. Già che c’è, perché non provare a completare la sorpresa? Del resto il Favorito Trento sarà anche una macchina, ma proprio per definizione queste possono incepparsi, finire la benzina, rompere qualche ingranaggio. E l’Invitato a Sorpresa Belluno non è sprovveduto, solisti e coro sono ben amalgamati e nel romanzo del campionato lo spartito è molto ben recitato. Battuto il Favorito, la sorpresa può essere completata. D’altronde il marchio sulla maglia è Sisley, che di vittorie se ne intende. E come ogni favola che si rispetti, il lieto fine è assicurato. Commento del giorno dopo: Cenerentola orogranata”
Sigla.com - Internet Partner