Regole di Gioco 2013-2016 del Sitting Volley

terza parte

18/09/2013

Regole di Gioco 2013-2016 del Sitting Volley
CAPITOLO TERZO – FORMULA DEL GIOCO
6 ACQUISIRE UN PUNTO, VINCERE UN SET E LA GARA
6.1 ACQUISIRE UN PUNTO
6.1.1 Punto
Una squadra conquista un punto:
6.1.1.1 Quando la palla cade a terra nel campo opposto;
6.1.1.2 Quando la squadra avversa commette un fallo;
6.1.1.3 Quando la squadra avversa riceve una penalizzazione.
6.1.2 Fallo di gioco
Una squadra commette un fallo di gioco eseguendo un’azione contraria alle regole (o violandole per altri versi). Gli arbitri giudicano i falli e ne stabiliscono le conseguenze in accordo con le Regole di Gioco:
6.1.2.1 Se due o più falli sono commessi poi, solo il loro primo è sanzionato;
6.1.2.2 Se due o più falli sono commessi contemporaneamente da avversari, è sanzionato un doppio fallo e l’azione è ripetuta.
6.1.3 Azione di gioco e azione di gioco completata
Un’azione di gioco è la sequenza di scambi dal momento del colpo di servizio da parte del battitore fino a che la palla è fuori gioco. Un’azione di gioco completata è la sequenza di scambi che assegna un punto:
6.1.3.1 Se la squadra al servizio vince l’azione di gioco, essa conquista un punto e continua a servire;
6.1.3.2 Se la squadra in ricezione vince l’azione di gioco, essa acquisisce un punto e deve successivamente servire.
6.2 VINCERE UN SET
Un set (eccetto il decisivo 5° set) è vinto dalla squadra che per prima consegue 25 punti con uno scarto di almeno due punti.
In caso di 24 punti pari, il gioco continua fino a conseguire lo scarto di due punti (26 24; 27 25; ...).
6.3 VINCERE LA GARA
6.3.1 La gara è vinta dalla squadra che si aggiudica tre set.
6.3.2 Nel caso di 2 set pari, il set decisivo (5°) è giocato a 15 punti con uno scarto di almeno due punti.
6.4 RINUNCIA E SQUADRA INCOMPLETA
6.4.1 Se una squadra rifiuta di giocare dopo essere stata invitata a farlo, è dichiarata perdente per rinuncia, con il punteggio di 0 3 per la gara e 0 25 per ogni set.
6.4.2 Una squadra che non si presenta in tempo sul terreno di gioco senza una valida ragione, è dichiarata perdente con il medesimo risultato di cui alla Regola 6.4.1.
6.4.3 Una squadra dichiarata incompleta per il set o per la gara, perde il set o la gara. Si attribuiscono alla squadra avversaria i punti ed i set mancanti per vincere il set o la gara. La squadra incompleta conserva i punti ed i set acquisiti.

7 STRUTTURA DEL GIOCO
7.1 IL SORTEGGIO
Prima del riscaldamento ufficiale, il 1° arbitro effettua il sorteggio per decidere sul primo servizio e sulla parte del terreno di gioco (campo) del primo set.
Se deve essere giocato il set decisivo, sarà effettuato un nuovo sorteggio.
7.1.1 Il sorteggio è effettuato alla presenza dei due capitani delle squadre.
7.1.2 Il vincente il sorteggio sceglie:
7.1.2.1 Il diritto a servire o a ricevere il servizio,
oppure
7.1.2.2 La parte del terreno di gioco.
Il perdente sceglie la restante alternativa.
7.2 RISCALDAMENTO UFFICIALE
7.2.1 Prima della gara, se le squadre hanno potuto avere a disposizione un campo di riscaldamento, esse hanno diritto ad un riscaldamento ufficiale di 6 minuti insieme a rete, altrimenti 10 minuti.
7.2.2 Se uno dei capitani richiede di effettuare il riscaldamento ufficiale a rete separatamente, le squadre possono farlo consecutivamente per 3 minuti ciascuna o 5 minuti, in conformità alla Regola 7.2.1.
7.2.3 In caso di riscaldamento ufficiale separato, la squadra che ha il primo servizio si riscalda per prima a rete.
7.3 FORMAZIONE INIZIALE DELLA SQUADRA
7.3.1 In gioco ci devono essere sempre sei giocatori per squadra.
Il tagliando della formazione iniziale indica l’ordine di rotazione dei giocatori sul campo. Quest’ordine deve essere mantenuto per tutto il set.
7.3.2 Prima dell’inizio di ogni set, l’allenatore deve presentare al 2° arbitro o al segnapunti il tagliando della formazione iniziale della propria squadra, debitamente compilato e firmato.
7.3.3 I giocatori non inclusi in tale tagliando, sono le riserve per quel set (eccetto per i LIBERO).
7.3.4 Una volta che il tagliando della formazione iniziale è stato consegnato, non può essere autorizzato alcun cambiamento senza una normale sostituzione.
7.3.5 Discrepanze tra la posizione dei giocatori in campo ed il tagliando della formazione iniziale sono risolte come segue:
7.3.5.1 Quando la discrepanza è riscontrata prima dell’inizio del set, la posizione dei giocatori in campo deve essere corretta secondo il tagliando stesso, senza alcuna sanzione;
7.3.5.2 Quando, prima dell’inizio del set, un giocatore in campo non è registrato sul tagliando della formazione iniziale di quel set, la formazione in campo deve essere rettificata secondo quanto riportato sul tagliando, senza sanzioni;
7.3.5.3 Tuttavia, se l’allenatore desidera mantenere in campo il/i giocatore/i non riportato/i sul tagliando, deve richiedere la/e sostituzione/i regolamentare/i mostrando il corrispondente gesto ufficiale, da registrare sul referto.
Se una discrepanza tra le posizioni in campo ed il tagliando è rilevata più tardi, la squadra in fallo deve ripristinare la corretta formazione. I punti dell’altra squadra sono mantenuti e in aggiunta essa ottiene un punto e il servizio seguente. Tutti i punti conseguiti dalla squadra in fallo, dal momento esatto del fallo a quello della scoperta del fallo stesso, sono cancellati.
7.3.5.4 Quando si scopre un giocatore in campo che non è registrato nella lista dei giocatori a referto, i punti dell’altra squadra sono mantenuti e in aggiunta essa ottiene un punto e il servizio seguente. La squadra in fallo perde tutti i punti e/o i set (0 25, se necessario) conseguiti dal momento in cui il giocatore non registrato è entrato in campo e deve consegnare un tagliando della formazione corretto, facendo entrare in campo un nuovo giocatore registrato a referto al posto di quello non registrato.
7.4 POSIZIONI
Nel momento in cui la palla è colpita dal battitore, ogni squadra deve essere posizionata dentro il proprio campo nell’ordine di rotazione (ad eccezione del battitore).
7.4.1 Le posizioni dei giocatori sono numerate come segue:
7.4.1.1 I tre giocatori posizionati lungo la rete sono gli avanti ed occupano le posizioni 4 (avanti-sinistro), 3 (avanti-centro) e 2 (avanti-destro);
7.4.1.2 Gli altri tre sono i difensori occupanti le posizioni 5 (dietro-sinistro), 6 (dietro-centro) e 1 (dietro-destro).
7.4.2 Posizioni relative fra i giocatori:
7.4.2.1 Ciascun giocatore difensore deve essere posizionato più distante dalla linea centrale del proprio corrispondente avanti;
7.4.2.2 I giocatori avanti e quelli difensori, rispettivamente, devono posizionarsi in orizzontale nell’ordine indicato nella Regola 7.4.1.
7.4.3 Le posizioni dei giocatori sono determinate e controllate attraverso il contatto dei loro piedi con il terreno come segue:
7.4.3.1 Ogni giocatore avanti deve avere almeno una parte del proprio piede più vicino alla linea centrale dei piedi del corrispondente difensore;
7.4.3.2 Ogni giocatore destro (sinistro) deve avere almeno una parte del proprio piede più vicino alla linea laterale destra (sinistra) dei piedi del giocatore di centro della propria linea.
7.4.4 Dopo il colpo di servizio i giocatori possono spostarsi ed occupare qualsiasi posizione sul proprio campo e sulla zona libera.
7.5 FALLO DI POSIZIONE
7.5.1 La squadra commette un fallo di posizione se un giocatore non è nella sua corretta posizione nel momento in cui la palla è colpita dal giocatore al servizio, compreso quando un giocatore è in campo in seguito a una sostituzione irregolare.
7.5.2 Se il giocatore al servizio commette un fallo di esecuzione del servizio, il suo fallo prevale su quello eventuale di posizione.
7.5.3 Se il servizio diviene falloso dopo l’esecuzione, è il fallo di posizione che deve essere sanzionato.
7.5.4 Un fallo di posizione comporta le seguenti conseguenze:
7.5.4.1 La squadra è sanzionata con un punto ed il servizio all’avversaria;
7.5.4.2 Le posizioni dei giocatori devono essere corrette.
7.6 ROTAZIONE
7.6.1 L’ordine di rotazione è determinato dalla formazione iniziale e controllato attraverso l’ordine del servizio e le posizioni dei giocatori per tutto il set.
7.6.2 Quando la squadra in ricezione conquista il diritto a servire, i suoi giocatori devono ruotare di una posizione in senso orario: il giocatore di posizione 2 si porta nella posizione 1 per servire, il giocatore in posizione 1 si porta in posizione 6, ecc.
7.7 FALLO DI ROTAZIONE
7.7.1 Si determina un fallo di rotazione quando il servizio non è effettuato secondo l’ordine di rotazione. Ciò comporta le seguenti conseguenze:
7.7.1.1 La squadra è sanzionata con un punto ed il servizio all’avversaria;
7.7.1.2 L’ordine di rotazione viene rettificato.
7.7.2 Inoltre, il segnapunti deve determinare il momento esatto in cui è stato commesso il fallo e tutti i punti realizzati dalla squadra in fallo successivamente all’errore devono essere annullati. I punti conseguiti dalla squadra avversa sono mantenuti.
Se questo momento non può essere determinato, non si procede all’annullamento di punti ed un punto ed il servizio all’avversaria è la sola sanzione da adottare.

CAPITOLO QUARTO – AZIONI DI GIOCO
8 SITUAZIONI DI GIOCO
8.1 PALLA “IN GIOCO”
La palla è in gioco dal momento del colpo di servizio autorizzato dal 1° arbitro.
8.2 PALLA “FUORI GIOCO”
La palla è fuori gioco nel momento del fallo che è fischiato da uno degli arbitri; in assenza di un fallo, nel momento del fischio.
8.3 PALLA “DENTRO”
La palla è dentro quando tocca la superficie del campo di gioco, comprese le linee perimetrali.
8.4 PALLA “FUORI”
La palla è fuori quando:
8.4.1 La parte della palla che viene a contatto con il suolo è completamente fuori dalle linee perimetrali;
8.4.2 Tocca un oggetto fuori dal terreno di gioco, il soffitto o una persona esterna al gioco;
8.4.3 Tocca le antenne, i cavi, i pali o la stessa rete oltre le bande laterali;
8.4.4 Attraversa completamente il piano verticale della rete, totalmente o parzialmente nello spazio esterno, ad eccezione di quanto previsto dalla Regola 10.1.2.
8.4.5 Attraversa completamente il piano verticale della rete sotto di essa.

9 GIOCARE LA PALLA
Ogni squadra deve giocare nella sua area e spazio di gioco (ad eccezione della Regola 10.1.2). Tuttavia la palla può essere recuperata oltre la zona libera.
9.1 TOCCHI DI SQUADRA
Un tocco è qualsiasi contatto della palla con un giocatore in gioco.
Ogni squadra ha diritto ad un massimo di tre tocchi (oltre quello di muro) per rinviare la palla. Se ne sono effettuati di più, la squadra commette il fallo di quattro tocchi.
9.1.1 Tocchi consecutivi
Un giocatore non può toccare la palla due volte consecutivamente (eccetto Regole 9.2.3, 14.2 e 14.4.2).
9.1.2 Tocchi simultanei
Due o tre giocatori possono toccare la palla nello stesso momento.
9.1.2.1 Quando due (tre) giocatori della stessa squadra toccano simultaneamente la palla, si considerano due (tre) tocchi (ad eccezione del muro). Se uno solo di essi tocca la palla, si considera un solo tocco. La collisione fra giocatori non costituisce fallo.
9.1.2.2 Se il tocco simultaneo ha luogo tra due avversari al di sopra della rete e la palla resta in gioco, la squadra che la rigioca ha diritto a tre nuovi tocchi.
Se tale palla cade a terra fuori del terreno di gioco, il fallo è della squadra schierata dall’altra parte della rete.
9.1.2.3 Se due o più avversari toccano simultaneamente la palla al di sopra della rete, causando una palla bloccata, il gioco continua.
9.1.3 Tocco agevolato
Entro l’area di gioco, ad un giocatore non è permesso di avvalersi dell’appoggio di un compagno di squadra o delle attrezzature come supporto per toccare la palla.
Tuttavia un giocatore che è sul punto di commettere un fallo (tocco della rete, superamento della linea centrale, ecc.) può essere trattenuto o tirato indietro da un compagno di squadra.
9.2 CARATTERISTICHE DEL TOCCO
9.2.1 La palla può toccare qualsiasi parte del corpo.
9.2.2 La palla non può essere fermata e/o lanciata. Può rimbalzare in qualsiasi direzione.
9.2.3 La palla può toccare più parti del corpo del giocatore a condizione che i contatti avvengano simultaneamente.
Eccezioni:
9.2.3.1 Contatti consecutivi possono essere eseguiti da uno o più giocatori a muro, a condizione che essi avvengano nel corso della stessa azione;
9.2.3.2 Al primo tocco di squadra, la palla può toccare consecutivamente più parti del corpo di un giocatore, a condizione che tali contatti abbiano luogo nel corso della stessa azione.
9.3 FALLI DI TOCCO DI PALLA
9.3.1 QUATTRO TOCCHI: una squadra tocca la palla quattro volte prima di rinviarla.
9.3.2 TOCCO AGEVOLATO: un giocatore si avvale di un compagno di squadra o delle attrezzature come supporto per toccare la palla entro l’area di gioco.
9.3.3 PALLA TRATTENUTA: la palla è fermata e/o lanciata, non rimbalza al tocco.
9.3.4 DOPPIO TOCCO: un giocatore tocca la palla due volte in successione o la palla tocca successivamente varie parti del suo corpo.

10 PALLA IN DIREZIONE DELLA RETE
10.1 PASSAGGIO DELLA PALLA OLTRE LA RETE
10.1.1 La palla inviata nel campo avverso deve passare al di sopra della rete entro lo spazio di passaggio. Lo spazio di passaggio è la parte del piano verticale della rete delimitata:
10.1.1.1 Inferiormente dal bordo superiore della rete;
10.1.1.2 Lateralmente dalle antenne e loro prolungamento immaginario;
10.1.1.3 Superiormente dal soffitto.
10.1.2 La palla che ha attraversato il piano verticale della rete verso la zona libera opposta, totalmente o parzialmente nello spazio esterno, può essere recuperata a condizione che:
10.1.2.1 Non sia toccato il campo opposto dal giocatore in recupero;
10.1.2.2 La palla quando è rinviata all’indietro, attraversi di nuovo il piano verticale della rete, totalmente o parzialmente, nello stesso lato dello spazio esterno.
La squadra avversa non può ostacolare tale azione.
10.1.3 La palla che si dirige verso il campo opposto nello spazio inferiore della rete, è in gioco fintanto che non supera completamente il piano verticale della rete stessa.
10.2 PALLA CHE TOCCA LA RETE
Nell’attraversare la rete, la palla può toccarla.
10.3 PALLA IN RETE
10.3.1 La palla inviata in rete può essere ripresa entro il limite dei tre tocchi permessi.
10.3.2 Se la palla rompe le maglie della rete o la fa cadere, l’azione è annullata e deve essere rigiocata.

11 GIOCATORE A RETE
11.1 PASSAGGIO OLTRE LA RETE
11.1.1 Nel muro, un giocatore può toccare la palla oltre la rete, a condizione che non interferisca nel gioco dell’avversario prima o durante l’ultimo colpo d’attacco.
11.1.2 Dopo il colpo di attacco, al giocatore è permesso di passare con la mano oltre la rete, a condizione che il tocco di palla avvenga nel proprio spazio di gioco.
11.2 INVASIONE SOTTO LA RETE
11.2.1 È permesso invadere lo spazio avverso sotto la rete a condizione che non interferisca con il gioco avversario.
11.2.2 La penetrazione nel campo avverso oltre la linea centrale:
11.2.2.1 È permesso il contatto con il campo avverso con il/i piede/i, a condizione che una parte del/i piede/i invadente/i resti in contatto con la linea centrale o direttamente sopra di essa;
11.2.2.2 Il contatto con il suolo del campo opposto con qualsiasi parte del corpo sopra i piedi, è permesso a condizione che non interferisca con il gioco avversario.
11.2.3 Un giocatore può penetrare nel campo avverso dopo che la palla è fuori gioco.
11.2.4 Un giocatore può penetrare nella zona libera avversaria, purché non interferisca con il gioco avverso.
11.3 CONTATTO CON LA RETE
11.3.1 Il contatto di un giocatore con la rete non è fallo, a condizione che non interferisca con il gioco.
11.3.2 I giocatori possono toccare i pali, i cavi o qualsiasi altro oggetto oltre le antenne, compresa la stessa rete, a condizione che non interferisca con il gioco.
11.3.3 Non è fallo se la palla inviata contro la rete causa il contatto di quest’ultima con un giocatore avverso.
11.4 FALLI DEL GIOCATORE A RETE
11.4.1 Un giocatore tocca la palla o un avversario nello spazio opposto prima o durante l’attacco avversario.
11.4.2 Un giocatore penetra nello spazio opposto sotto la rete interferendo con il gioco avverso.
11.4.3 Il/I piede/i di un giocatore penetra/no completamente nel campo avverso.
11.4.4 Un giocatore interferisce con il gioco avverso (tra l’altro):
• toccando la banda superiore della rete o la parte superiore dell’antenna (80 cm.) durante la sua azione di giocare la palla, o
• prendendo a supporto la rete contemporaneamente al giocare la palla, o
• creando un vantaggio sull’avversario toccando la rete, o
• facendo un’azione che ostacola un legittimo tentativo di giocare la palla di un avversario.

12 SERVIZIO

Il servizio è l’atto della messa in gioco della palla da parte del giocatore difensore destro, posto nella zona di servizio.
12.1 PRIMO SERVIZIO DEL SET
12.1.1 Il primo servizio del 1° e del 5° set è effettuato dalla squadra che ne ha ottenuto il diritto al sorteggio.
12.1.2 Gli altri set iniziano con il servizio della squadra che non lo aveva effettuato per prima nel set precedente.
12.2 ORDINE DEL SERVIZIO
12.2.1 I giocatori devono seguire l’ordine di servizio registrato sul tagliando della formazione iniziale.
12.2.2 Dopo il primo servizio di un set, il giocatore al servizio è determinato come segue:
12.2.2.1 Quando la squadra al servizio vince l’azione, il giocatore (o il suo sostituto) che lo aveva in precedenza effettuato, serve di nuovo;
12.2.2.2 Quando la squadra in ricezione vince l’azione, ottiene il diritto a servire e deve ruotare prima di servire. Il servizio sarà eseguito dal giocatore che ruota dalla posizione di avanti destro a quella di difensore destro.
12.3 AUTORIZZAZIONE AL SERVIZIO
Il 1° arbitro autorizza l’esecuzione del servizio dopo aver verificato che le squadre siano pronte a giocare e che il giocatore che deve servire sia in possesso della palla.
12.4 ESECUZIONE DEL SERVIZIO
12.4.1 La palla deve essere colpita con una mano o con qualsiasi parte del braccio, dopo essere stata lanciata o lasciata dalla/e mano/i.
12.4.2 È permesso lanciare o lasciare la palla una sola volta. È permesso far rimbalzare la palla a terra o scambiarsela tra le mani.
12.4.3 Nel momento in cui colpisce la palla o dello slancio per un servizio al salto, il battitore non deve toccare il campo di gioco (linea di fondo inclusa) o il suolo all’esterno della zona di servizio.
Dopo aver colpito la palla, egli può andare o ricadere fuori della zona di servizio o dentro il campo.
12.4.4 Il giocatore al servizio deve colpire la palla entro gli 8” seguenti il fischio di autorizzazione del 1° arbitro.
12.4.5 Il servizio eseguito prima del fischio dell’arbitro è annullato e deve essere ripetuto.
12.5 VELO
12.5.1 I giocatori della squadra al servizio non devono impedire agli avversari di vedere il giocatore al servizio e la traiettoria della palla per mezzo di un velo individuale o collettivo.
12.5.2 Un giocatore o un gruppo di giocatori della squadra al servizio effettuano un velo se agitano le braccia, saltano o si muovono lateralmente, durante l’esecuzione del servizio, o sono raggruppati per coprire il giocatore al servizio e la traiettoria della palla.
12.6 FALLI DURANTE IL SERVIZIO
12.6.1 Falli di servizio
I seguenti falli causano un cambio del servizio, anche se la squadra avversaria è in fallo di posizione. Il giocatore al servizio:
12.6.1.1 Non rispetta l’ordine di servizio;
12.6.1.2 Non effettua correttamente il servizio.
12.6.2 Falli dopo colpo di servizio
Dopo che la palla è stata colpita correttamente, il servizio diviene falloso (a meno che un giocatore sia in fallo di posizione) se la palla:
12.6.2.1 Tocca un giocatore della squadra al servizio o non supera il piano verticale della rete completamente nello spazio di passaggio;
12.6.2.2 Va fuori;
12.6.2.3 Passa al di sopra di un velo.
12.7 FALLI DI SERVIZIO E FALLI DI POSIZIONE
12.7.1 Se il giocatore al servizio commette un fallo al momento del servizio (esecuzione irregolare, errore di rotazione, ecc.) e la squadra avversaria è in fallo di posizione, è il fallo di servizio che viene sanzionato.
12.7.2 Invece, se l’esecuzione del servizio è stata corretta, ma in seguito esso diviene falloso (va fuori, passa sopra un velo, ecc.), il fallo di posizione è il primo a verificarsi e quindi è sanzionato.

13 ATTACCO
13.1 CARATTERISTICHE DELL’ATTACCO
13.1.1 Tutte le azioni che dirigono la palla verso il campo avversario, ad eccezione del servizio e del muro, sono considerate come attacco.
13.1.2 Durante un attacco, il pallonetto è consentito soltanto se il contatto con la palla è netto e la stessa non viene fermata o accompagnata.
13.1.3 Un attacco è completato nel momento in cui la palla attraversa interamente il piano verticale della rete o è toccata da un avversario.
13.2 RESTRIZIONI DELL’ATTACCO
13.2.1 Un giocatore avanti può completare un attacco a qualsiasi altezza, a condizione che il contatto con la palla avvenga entro il proprio spazio di gioco (ad eccezione delle Regole 13.2.4 e 13.3.6).
13.2.2 Un difensore può completare un attacco, a qualsiasi altezza, dietro la zona di attacco:
13.2.2.1 Al momento del salto il suo piede/i non deve toccare o avere superato la linea di attacco;
13.2.2.2 Dopo il colpo egli può cadere nella zona di attacco.
13.2.3 Un difensore può anche completare un qualsiasi attacco nella zona di attacco, se al momento del tocco una parte della palla si trova al di sotto del bordo superiore della rete.
13.2.4 Non è permesso ai giocatori di completare un attacco sul servizio avversario, quando la palla si trova nella zona d’attacco e interamente al di sopra del bordo superiore della rete.
13.3 FALLI D’ATTACCO
13.3.1 Un giocatore tocca la palla che si trova nello spazio di gioco avversario.
13.3.2 Un giocatore invia la palla fuori.
13.3.3 Un difensore completa un attacco dalla zona di attacco, se al momento del tocco la palla si trova interamente al di sopra del bordo superiore della rete.
13.3.4 Un giocatore completa un attacco sul servizio avversario, quando la palla è nella zona di attacco ed interamente al di sopra del bordo superiore della rete.
13.3.5 Il LIBERO completa un attacco, se al momento del tocco la palla si trova completamente al di sopra del bordo superiore della rete.
13.3.6 Un giocatore completa un attacco con la palla che si trova completamente al di sopra del bordo superiore della rete, proveniente da un “palleggio” con le dita rivolte verso l’alto del LIBERO che si trova nella sua zona d’attacco.

14 MURO
Un tentativo di muro è l’azione di muro senza toccare la palla.
14.1.3 Muro effettivo
Un muro è effettivo quando la palla è toccata da un giocatore partecipante al muro.
14.1.4 Muro collettivo
Un muro collettivo è eseguito da due o tre giocatori vicini fra loro e diviene effettivo quando uno di loro tocca la palla.
14.2 TOCCO DI MURO
Dei tocchi consecutivi (rapidi e continui) possono essere effettuati da parte di uno o più giocatori a muro, a condizione che si susseguano nel corso della medesima azione.
14.3 murare NELLO SPAZIO
14.1 IL MURARE
14.1.1 Il muro è l’azione dei giocatori vicino alla rete per intercettare la
palla proveniente dal campo avverso, superando il bordo superiore
della rete, a prescindere dalla altezza del contatto con la palla.
Soltanto ai giocatori avanti è permesso di effettuare un muro effettivo,
ma al momento del contatto con la palla, parte del corpo deve
trovarsi al di sopra del bordo superiore della rete.

14.1.2 Tentativo di muro
OPPOSTO
Nel muro, il giocatore può passare le sue mani e braccia oltre la rete, a condizione che questa azione non interferisca con il gioco avversario. Quindi non è permesso toccare la palla oltre la rete fino a che l’avversario non ha effettuato il colpo d’attacco.
14.4 MURO E TOCCHI DI SQUADRA
14.4.1 Il contatto del muro con la palla non è conteggiato come un tocco
di squadra. Conseguentemente, dopo il tocco del muro, la squadra
ha diritto a tre tocchi per rinviare la palla.
14.4.2 Il primo tocco dopo il muro può essere effettuato da qualsiasi
giocatore, compreso quello che ha toccato la palla a muro.
14.5 MURARE IL SERVIZIO
È vietato murare la palla del servizio avversario.
14.6 FALLI DI MURO
14.6.1 Il giocatore a muro tocca la palla nello spazio avverso prima o contemporaneamente al colpo d’attacco avversario.
14.6.2 Un difensore o il LIBERO effettua un muro effettivo o partecipa ad un muro effettivo.
14.6.3 Il muro tocca la palla proveniente dal servizio avverso.
14.6.4 Il muro invia la palla fuori.
14.6.5 Il murare la palla nello spazio avverso al di fuori della antenna.
14.6.6 Un LIBERO tenta di effettuare un muro, individuale o collettivo.

La prima parte delle Regole di Gioco 2013-2016 del Sitting Volley è consultabile su questo sito alla pagina http://www.dallarivolley.com/IT0388016817001.asp?P=1

La seconda parte delle Regole di Gioco 2013-2016 del Sitting Volley è consultabile su questo sito alla pagina http://www.dallarivolley.com/IT0388016854001.asp
Sigla.com - Internet Partner