Settima giornata di A1 maschile: Trento in fuga, Modena non perde il passo

21/10/2009

Dennis contrastato a muro da PapiDennis contrastato a muro da Papi
Dennis contrastato a muro da Papi
Risultati settima giornata del girone di andata di serie A1 maschile: 

Itas Diatec Trentino - Prisma Taranto 3 - 0 (25-22, 25-21, 25-15);
Bre Banca Lannutti Cuneo - RPA-LuigiBacchi.it Perugia 3 - 2 (27-25, 25-19, 21-25, 21-25, 16-14) ;
Yoga Forlì - CoprAtlantide Piacenza 0 - 3 (21-25, 18-25, 19-25);
Tonno Callipo Vibo Valentia - Esse-ti Carilo Loreto 3 - 2 (36-34, 21-25, 25-22, 23-25, 15-11);
Acqua Paradiso Monza - Andreoli Latina 3 - 0 (25-22, 25-18, 25-15);
Sisley Treviso - Trenkwalder Modena 1 - 3 (25-19, 24-26, 20-25, 21-25);
Aran Cucine Abruzzon Pineto - Marmi Lanza Verona 2 - 3 (25-18, 25-18, 19-25, 19-25, 11-15)
Ha riposato: Lube Banca Marche Macerata

Classifica
Itas Diatec Trentino 18, Trenkwalder Modena 16, Sisley Treviso, CoprAtlantide Piacenza 13, Bre Banca Lannutti Cuneo 12, Marmi Lanza Verona, Prisma Taranto 10, Lube Banca Marche Macerata, Acqua Paradiso Monza, Tonno Callipo Vibo Valentia 9, Esse-ti Carilo Loreto 8, RPA-LuigiBacchi.it Perugia 7, Andreoli Latina 6, Yoga Forlì 3, Aran Cucine Abruzzo Pineto 1.
Note: 1 incontro in meno: Trenkwalder Modena, Prisma Taranto, Lube Banca Marche Macerata, Acqua Paradiso Monza, Tonno Callipo Vibo Valentia, RPA-LuigiBacchi.it Perugia, Yoga Forlì; 2 incontri in meno: Aran Cucine Abruzzo Pineto.

BRE BANCA LANNUTTI CUNEO - RPA-LUIGIBACCHI.IT PERUGIA 3-2 (27-25, 25-19, 21-25, 21-25, 16-14)
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Wijsmans 21, Henno (L), Parodi 16, Fortunato 11, Nuti, Jeroncic, Nikolov 15, Grbic 7, Peda 5, Mastrangelo 13, Patriarca, Pieri (L). Non entrati Ariaudo. All. Giuliani Alberto.
RPA-LUIGIBACCHI.IT PERUGIA: Savani 15, Bucaioni, Cernic 27, Nemec 1, Botti 8, Ogurcak, Sintini, Pippi (L), Stokr 18, Fanuli (L), Bovolenta 7. Non entrati Lo Bianco, Petruzzo. All. Sartoretti Andrea.
ARBITRI: Diego Pol, Gianni Bartolini. NOTE - Spettatori 2200, incasso 8200, durata set: 30', 25', 25', 26', 23'; tot: 129'.

Gara da cardiopalma per il pubblico del palasport di Cuneo, la Bre Banca Lannutti dopo essersi aggiudicata i primi due set accusa un calo e cede spazio a Perugia che vince terzo e quarto parziale. Si va al tie break giocando punto a punto con Wijsmans e compagni che inseguono Perugia trascinata da Cernic, sul 14 pari due ace di Mastrangelo portano la vittoria a Cuneo per 16-14.

Wout Wijsmans (Bre Banca Lannutti): "Abbiamo avuto un calo di tensione che però non possiamo permetterci, stasera abbiamo rischiato moltissimo. Dopo il quarto set ci siamo detti che dovevamo dimenticare tutto e ricominciare perchè in questo periodo dobbiamo lottare senza mollare mai”.
Perugia nel dopo gara non ha rilasciato dichiarazioni.

ITAS DIATEC TRENTINO - PRISMA TARANTO 3-0 (25-22, 25-21, 25-15)
ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 10, Gallosti (L), Portuondo Juantorena 14, Zygadlo 2, Vissotto Neves 17, Sala 5, Sokolov 1, Corsini 5, Herpe, Bari (L). Non entrati Birarelli, Vieira De Oliveira, Fedrizzi. All. Stoytchev Radostin.
PRISMA TARANTO: De Oliveira 7, Ricciardello (L), Candellaro 2, Montagna (L), Cozzi 8, Moretti, Suxho 2, Rodrigo Pinto 16, Abbadi 7, Spescha. Non entrati Elia, Westphal, Quartarone. All. Montagnani Paolo.
ARBITRI: Maurizio Giani, Giorgio Gnani. NOTE - durata set: 25', 26', 21'; tot: 72'.

L’Itas Diatec Trentino cala la cinquina sul mondoflex di casa, superando Taranto in tre set e conseguendo quindi il quinto risultato utile consecutivo a fronte di 15 punti su 15 ottenuti in classifica negli ultimi dodici giorni. Di match vero al PalaTrento questa sera se n’è visto solo per un set, il primo in cui Taranto ha provato a scappare via (15-19) ma poi si è fatta velocemente recuperare, figlia di troppi errori in attacco e di un muro che ha fatto il solletico agli scatenati Vissotto (17 punti col 59% a rete) e Juantorena, alla fine mvp per aver deciso il primo set con un paio di attacchi risolutori e deliziato poi i tremila spettatori con 4 ace consecutivi nella terza frazione di gioco. Buona anche la prova di Zygadlo e Corsini che Stoytchev ha utilizzato sin dall’inizio regalando una giornata di riposo rispettivamente a Raphael e Birarelli. Per Taranto si salva solo il solito Rivaldo (16 punti col 54%) ma il brasiliano è stato sicuramente mal assistito dai compagni.

Radostin Stoytchev (Itas Diatec Trentino): “Siamo stati bravi a non calare mai di intensità ed ad andare a prenderci altri punti importanti per la nostra classifica; il successo è ulteriormente prezioso perché ho potuto schierare in campo Zygadlo e Corsini per tutta la gara e ho avuto risposte assolutamente positive da loro due come del resto da tutta la squadra. Non abbiamo abbassato la guarda e nonostante qualche errore di troppo abbiamo sempre tenuto le redini dell’incontro in mano”.

Paolo Cozzi (Prisma Taranto): “Abbiamo buttato via il primo set che secondo me meritavamo di vincere, poi un poco alla volta sia usciti di partita e questo non possiamo permetterlo, perché si può perdere 3-0 su un campo come questo ma bisogna farlo con un altro spirito e non con quello fatto vedere nella seconda metà della gara”.

YOGA FORLI’ - COPRATLANTIDE PIACENZA 0-3 (21-25, 18-25, 19-25)
YOGA FORLI’: Mengozzi, Coscione 1, Carrol 4, Popp 13, Stancu 5, Ainsworth 5, Gjorgiev, De Pandis (L), Bianchi (L), Casadei 4, Bacci, Kolev 2. Non entrati Da Massa Nicola. All. Molducci Piero.
COPRATLANTIDE PIACENZA: Mazza (L), Meoni 2, Marshall 14, Grassano, Boninfante, Sequeira 2, Zlatanov 10, Durante (L), Bravo 5, Oivanen 2, Urnaut 8, Bjelica 11. Non entrati Rak. All. Lorenzetti Angelo.
ARBITRI: Fabrizio Padoan, Massimo Cinti. NOTE - Spettatori 900, incasso 2500, durata set: 27', 24', 24'; tot: 75'.

Troppo netta la differenza di caratura tra Forlì e Piacenza. I Campioni d'Italia hanno concesso qualcosa solo nel primo set, quando la Yoga, con Casadei opposto e Kolev in campo al posto di Maric, ha graffiato con un attacco di buon livello. Nel secondo e terzo, invece, poca storia, con la CoprAtlantide che ha schierato la panchina riuscendo comunque a tenere testa alla squadra di Molducci. Popp il trascinatore di Forlì, Meoni la guida sicura di Piacenza che continua la sua marcia.

Graydon Ainsworth (Yoga Forlì): “Gara quasi impossibile. Abbiamo fatto del nostro meglio, ma Piacenza è molto superiore; noi in formazione rimaneggiata abbiamo dato il massimo”.

Novica Bjelica (CoprAtlantide Piacenza): “L'importante era restare concentrati, ed abbiamo fatto la nostra partita. Il risultato ci premia, abbiamo fatto bene dopo aver lasciato qualcosa con Macerata”.

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA - ESSE-TI CARILO LORETO 3-2 (36-34, 21-25, 25-22, 23-25, 15-11)
TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Contreras 32, Gonzalez 8, Corvetta 2, Marquez 8, Andrae 19, Ferraro (L), Saraceni 3, Moltò 2, Tencati 12, Barone 7, Cicola (L). Non entrati Cannistrà, Simeonov. All. Uriarte Jon.
ESSE-TI CARILO LORETO: De Angelo Freitas 12, Marra (L), Diachkov 9, Dolfo 7, Van Dijk 19, Visentin 4, Vigilante, Belcecchi, Paoli 1, Cester 7, Shumov 18. Non entrati Marzola. All. Moretti Luca.
ARBITRI: Giampiero Perri, Roberto Boris. NOTE - Spettatori 1000, durata set: 42', 26', 27', 28', 16'; tot: 139'.
Riprende il cammino la Tonno Callipo nel Campionato di Serie A1 TIM, dopo le due sconfitte consecutive che ne avevano frenato la corsa. Difficile la gara con Loreto che ha venduto carissima la pelle giocando una gran partita sotto tutti i punti di vista”.

Jon Uriarte (Tonno Callipo Vibo Valentia): “Sapevamo che Loreto era una squadra molto difficile da affrontare e così è stato. Abbiamo lottato sino alla fine e per fortuna abbiamo portato a casa una vittoria importante”.

Luca Moretti (Esse-ti Carilo Loreto): “Non posso che essere felice per il punto conquistato qui a Vibo Valentia contro la Tonno Callipo. A mio avviso abbiamo espresso un gran bel gioco, con una rosa piena zeppa di giovani che hanno dato tutto”.

ACQUA PARADISO MONZA - ANDREOLI LATINA 3-0 (25-22, 25-18, 25-15)
ACQUA PARADISO MONZA: Rauwerdink 9, Pesenti (L), Haldane, Forni 13, Molteni 12, Buti 5, Travica 3, Gavotto 16, Exiga (L). Non entrati Sivula, Krumins, Semenzato, Tuominen, De Luca. All. Berruto Mauro.
ANDREOLI LATINA: Van Den Dries 5, Gitto, Giovi (L), Saitta 1, Snippe 5, Nikic 8, Fabroni, Geric 3, Vujevic 2, Spairani 5, Giombini 11. Non entrati Cortina. All. Ricci Daniele.
ARBITRI: Nunzio Caltabiano, Fabrizio Saltalippi. NOTE - Spettatori 300, incasso 1900, durata set: 26', 26', 21'; tot: 73'.

Terza vittoria consecutiva tra le mura amiche per l’Acqua Paradiso Monza, che per il momento resta imbattuta al Pala Iper e si sbarazza della pratica Andreoli in soli 3 set. Berruto preferiva la sostanza rispetto al bel gioco ma i suoi ragazzi oltre ai 3 punti messi in cascina danno vita ad una prestazione pressoché perfetta. Nel primo parziale è Gavotto (febbricitante) a sobbarcarsi il maggior numero di palloni poi però viene fuori la forza del collettivo capace di annichilire l’avversario, di divertirsi e di creare spettacolo.

Jean-Francois Exiga (Acqua Paradiso Monza): “Penso che questa sia stata la nostra miglior partita dall’inizio del campionato, abbiamo giocato in maniera perfetta in ogni fondamentale, c’è veramente riuscito tutto. Questi 3 punti poi sono davvero importanti per il prosieguo del nostro Campionato”.

Leondino Giombini (Andreoli Latina): “Dobbiamo lavorare in palestra con grande umiltà e cercare di impostare al meglio il nostro gioco e cercare poi di crescere”.


SISLEY TREVISO - TRENKWALDER MODENA 1-3 (25-19, 24-26, 20-25, 21-25)
SISLEY TREVISO: Carletti, Fei 20, Horstink 12, Papi 5, Farina (L), Kohut, De Togni 10, Bontje 9, Maruotti 12, Vanin (L), Garcia 2. Non entrati Sabbi, Cuda. All. Piazza Roberto.
TRENKWALDER MODENA: Manià (L), Ciabattini (L), Kooistra 10, Dennis 30, Biribanti, Esko 2, Meszaros 5, Casoli 10, Diaz Mayorca 6, Piscopo 6. Non entrati Soli, Pagni, Kooy. All. Prandi Silvano.
ARBITRI: Vittorio Sampaolo, Luca Sobrero. NOTE - Spettatori 1100, incasso 3900, durata set: 25', 29', 25', 22'; tot: 101'.

La Sisley Volley viene sconfitta per 1-3 dalla Trenkwalder Modena nella settima giornata del Campionato serie A1 TIM. Seconda sconfitta stagionale e primo ko interno degli orogranata alla vigilia del turno di riposo che la formazione trevigiana osserverà domenica prossima.

Roberto Piazza (Sisley Treviso): "Peccato, direi che Modena ha giocato una buonissima gara, mentre la Sisley Volley non lo ha fatto, questo non vuol dire che abbiamo giocato male. Bene noi nel primo set, il secondo ci è scivolato via per un mio errore di valutazione: ho tolto Papi pensando di alzare il muro con Horstink, forse senza questo cambio le cose sarebbero state diverse. Da lì in poi abbiamo perso il filo logico con cui dovevamo affrontare il match: è la cosa che in teoria non deve succedere, ma che purtroppo sul campo alle volte accade; forse ci siamo portati dietro psicologicamente il finale del secondo parziale e su questo fattore dovremo lavorare da domani".

Silvano Prandi (Trenkwalder Modena): "Forse abbiamo avuto un pizzico di fortuna nel finale di secondo set, ma questo ci ha dato grande fiducia per il resto della gara, questa vittoria significa innanzitutto tre punti per restare nei quartieri alti dando fiducia al gruppo ed al lavoro che stiamo facendo".

ARAN CUCINE ABRUZZO PINETO - MARMI LANZA VERONA 2-3 (25-18, 25-18, 19-25, 19-25, 11-15)
ARAN CUCINE ABRUZZO PINETO: Ravellino 9, Perez Moreno, Roberts 4, Modica, Lampariello (L), Henrique 4, Sborgia 3, Di Franco 9, Perazzolo 21, Ereu 15, Armeti (L), Gradinarov 11. Non entrati Centorame. All. Brutti Alessandro.
MARMI LANZA VERONA: Latelli (L), Groppi, Sottile 2, Della Lunga 12, Lasko 17, Kovar 5, Curti 5, Holt 2, Galabinov, Colaci (L), Kromm 22, Howard 9. Non entrati Peslac. All. Bagnoli Bruno. ARBITRI: Stefano Cesare, Nico Castagna. NOTE - durata set: 26', 27', 26', 24', 14'; tot: 117'.

Sconfitta con onore per l'Aran Cucine Abruzzo Pineto che cede solo al tie-break alla Marmi Lanza Verona; ed anzi, per Pineto c'è il rammarico di non essere riuscita a chiudere la contesa dopo essere stata avanti 2-0. I primi due set sono un monologo dei padroni di casa, sempre avanti nel punteggio, che hanno messo alle corde Verona con un gioco spumeggiante e spettacolare. A partire dal terzo set arriva la reazione scaligera che, complice il crollo mentale e fisico dei ragazzi di mister Brutti, capovolge l'inerzia della partita e consegna la vittoria al 5° set agli ospiti.

Alessandro Brutti (Aran Cucine Abruzzo Pineto): "Peccato! Abbiamo giocato alla pari contro una squadra forte come Verona, ma non siamo riusciti a cogliere il successo. I primi due set siamo stati perfetti, poi loro sono cresciuti, e noi calati alla distanza, da un punto di vista fisico e mentale. Abbiamo se non altro mosso la classifica e questo fa ben sperare per il futuro".

Diego Flisi (Marmi Lanza Verona): "Vittoria importante contro un Pineto che per la prima volta in stagione è partita col sestetto titolare. Nei primi due set siamo stati nulli, ma non abbiamo mollato e la vittoria è importante anche per questo. Pineto è squadra che in casa darà filo da torcere a tutti, capace di sopperire con l'abnegazione e il sacrificio a qualche carenza tecnica."

Prossimo Turno
Sabato 24 ottobre 2009, ore 16.30
Trenkwalder Modena – Bre Banca Lannutti Cuneo Diretta Rai Sport Più

Domenica 25 ottobre 2009, ore 18.00
Yoga Forlì – Lube Banca Marche Macerata; Esse-ti Carilo Loreto – Itas Diatec Trentino; Andreoli Latina – CoprAtlantide Piacenza Diretta Rai Sport Più; Aran Cucine Abruzzo Pineto – RPA-LuigiBacchi.it Perugia; Prisma Taranto – Acqua Paradiso Monza; Marmi Lanza Verona – Tonno Callipo Vibo Valentia.
Riposa: Sisley Treviso

Sigla.com - Internet Partner