SuperLega maschile: i risultati della 7a giornata di ritorno

09/02/2020

Risultati 7a giornata di ritorno SuperLega Credem Banca:
Kioene Padova-Itas Trentino 2-3 (25-19, 20-25, 18-25, 30-28, 18-20); Leo Shoes Modena-Allianz Milano 3-0 (27-25, 25-14, 25-19); Top Volley Cisterna-Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 3-1 (25-15, 25-23, 24-26, 25-18); Cucine Lube Civitanova-Consar Ravenna 3-0 (25-21, 25-23, 25-19); Sir Safety Conad Perugia-Gas Sales Piacenza 3-1 (23-25, 25-18, 25-22, 25-14).

Giocata ieri:
Calzedonia Verona-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1 (22-25, 25-21, 28-26, 31-29).

Riposa: Vero Volley Monza.

 

Kioene Padova - Itas Trentino 2-3 (25-19, 20-25, 18-25, 30-28, 18-20) - Kioene Padova: Travica 4, Ishikawa 19, Polo 12, Hernandez Ramos 31, Randazzo 6, Volpato 12, Bassanello (L), Barnes 4, Casaro 1, Danani La Fuente (L), Cottarelli 0. N.E. Bottolo, Canella, Fusaro. All. Baldovin. Itas Trentino: Giannelli 3, Russell 17, Lisinac 16, Vettori 17, Kovacevic 20, Candellaro 5, De Angelis (L), Michieletto 0, Grebennikov (L), Sosa Sierra 0, Cebulj 5, Djuric 0, Codarin 0. N.E. Daldello. All. Lorenzetti. ARBITRI: Rapisarda, Santi. NOTE - durata set: 25', 27', 27', 36', 26'; tot: 141'. Spettatori: 3.366. Incasso: 38.487 euro. MVP: Grebennikov.

Vittoria sudata per l’Itas Trentino che in 2 ore e 21 minuti di gara riscatta la sconfitta subita all’andata con la Kioene Padova violando l’impianto patavino al tie break. Una sfida con percentuali simili in attacco (53%) e difesa (48%), a dimostrazione del grande equilibrio. Un super Hernandez (31 punti e 58% in attacco) basta alla Kioene per chiudere una partita caratterizzata dalla grande prova in difesa di Grebennikov, MVP del match.

La cronaca.
Avvio intenso di gara, con Trento a chiedere il primo time out discrezionale del match sul 7-5 con Ishikawa insidioso al servizio. Gli ospiti devono rincorrere e sulla lunghissima azione del 21-18 chiusa dallo schiacciatore giapponese, l’Itas chiede nuovamente pausa. Michieletto entra in campo ma Padova è galvanizzata e trova il set ball col 24-19 di Randazzo, che poi mura Vettori per il 25-20. Trento reagisce bene nel secondo parziale con Lisinac a trovare due ace e costringendo coach Baldovin a chiedere pausa sul 2-6. Padova prova a recuperare, ma l’Itas gestisce bene il vantaggio con Russell grazie a una maggiore efficienza in attacco (10-15). A chiudere è il mani out di Kovacevic che pareggia i conti (20-25). Il terzo set inizia con Trento avanti grazie al solito Russell e a un Kovacevic in netta crescita (7-12). Lo schiacciatore serbo è ispirato e l’Itas controlla. Nonostante l’ace del neo entrato Casaro (17-21), i trentini non si fanno prendere dal panico e chiudono agevolmente 18-25 con il primo tempo di Lisinac. In apertura di quarto parziale Padova prova a reagire con Hernandez (7-5), ma qualche errore di troppo in attacco rimanda avanti gli ospiti (13-14). E’ un testa a testa con Trento a chiedere pausa dopo l’ace di Ishikawa che vale il 23-22. Si procede punto a punto e l’ace del 30-28 di Ishikawa manda la sfida al tie break. Il quinto e ultimo parziale è assai equilibrato e al cambio campo si va con l’ace del 7-8 firmato da Cebulj. Trento pecca in fase di ricostruzione e coach Lorenzetti si rifugia in time out sull’11-9. Al servizio Giannelli recupera il gap trovando l’ace del 12-13. Si va ai vantaggi e a mettere il sigillo al match è il muro di Giannelli per il 18-20.

MVP: Jenia Grebennikov (Itas Trentino)
Spettatori: 3.366.
Incasso: 38.487 euro

Valerio Baldovin (allenatore Kioene Padova): “Abbiamo giocato una buona partita a lunghi tratti, ma nel secondo e terzo set Trento ha sbagliato pochissimo sfoderando una grande prestazione. Alla luce di tutto ciò, il punto raccolto è importante in vista delle prossime sfide che ci attendono, a partire dalla trasferta di Latina che sarà molto delicata”.
Simone Giannelli (Itas Trentino): “Volevamo concentrarci sul nostro gioco prima ancora che sul risultato. Sapevamo che sarebbe stata una sfida difficile e Padova ha dimostrato di essere una grande squadra anche stasera. Per noi è una vittoria importante, che dimostra la tenacia del nostro gruppo”.

 

Leo Shoes Modena - Allianz Milano 3-0 (27-25, 25-14, 25-19) - Leo Shoes Modena: Christenson 6, Anderson 14, Holt 11, Zaytsev 8, Bednorz 15, Mazzone 5, Iannelli (L), Estrada Mazorra 1, Salsi 0, Rossini (L). N.E. Sanguinetti, Kaliberda, Bossi, Pinali. All. Giani. Allianz Milano: Sbertoli 1, Clevenot 14, Kozamernik 3, Abdel-Aziz 15, Petric 6, Alletti 2, Gironi (L), Pesaresi (L), Basic 3, Weber 0, Hoffer (L), Izzo 0, Okolic 0. N.E. All. Piazza. ARBITRI: Cesare, Florian. NOTE - durata set: 31', 25', 24'; tot: 80'. Spettatori: 4.780. Incasso: 59.142 euro. MVP: Bednorz.

Una Leo Shoes Modena sontuosa si abbatte su Milano e la doma con un 3-0 in poco più di un’ora e 20 minuti grazie a uno spettacolo di volley. Un palazzo con oltre 4700 spettatori accoglie la settima gara di ritorno della Superlega tra i gialli di Giani e l’Allianz Milano dell’ex Roberto Piazza. Prima del match il Presidente Catia Pedrini e tutto il PalaPanini celebrano il ritorno da ospite di Nemanja Petric. La Leo Shoes parte con la diagonale Christenson-Zaytsev, in banda ci sono Bartosz Bednorz e Matt Anderson, al centro Holt-Mazzone, il libero è Salvatore Rossini. Milano parte con Sbertoli – Abdel-Aziz, Clevenot-Petric, al centro Kozamernik-Alletti con Pesaresi libero. L’inizio del match è un punto a punto senza esclusione di colpi, Modena fatica davanti a un’Allianz perfetta (12-14). E’ altissimo il livello di gioco e si arriva al 17-17 con le due squadre che difendono alla grande. Modena alza il ritmo, Zaytsev e Bednorz fanno la differenza, il primo set si chiude 27-25. Il secondo parziale inizia nel segno della Leo Shoes (7-4). Modena va in fuga con un sideout praticamente perfetto (10-5). Non si fermano Christenson e compagni che arrivano al 20-13. I gialli infiammano il PalaPanini e chiudono il parziale 25-14 per il 2 a 0. Il terzo set inizia nel segno di Milano, ma Modena rialza subito la testa (7-5) e piazza un altro break (13-10) per poi volare sul 21-15.La squadra di casa chiude il set 25-19 e intasca a posta piena in 82 minuti netti.

MVP: Bartosz Bednorz (Leo Shoes Modena)
Spettatori: 4.780
Incasso: 59.142 euro

Bartosz Bednorz (Leo Shoes Modena): “Sono molto contento, abbiamo giocato un’ottima gara in un grande PalaPanini, è la strada giusta. Abbiamo trovato il ritmo giusto e dobbiamo assolutamente mantenerlo. Il mercato? Il mio cuore e la mia mente sono qui, a Modena. Il mio focus è su questa stagione e su quello che dobbiamo vincere: Scudetto, Coppa Italia e Cev. Il resto non conta”.
Nemanja Petric (Allianz Milano) : "Difficile commentare una partita così: abbiamo approcciato bene nel primo set, poi siamo calati. È purtroppo qualcosa che sta accadendo spesso nelle ultime partite e dobbiamo capire il perché. Stiamo lavorando durante gli allenamenti per questo, ma oggi dobbiamo anche dire che Modena ha giocato bene. Quando battono così forte e difendono così tanto, è difficile per tutti giocare contro di loro. Ora abbiamo altre sfide: non dobbiamo sottovalutare i prossimi avversari, anche se sulla carta abbiamo concluso i big match. Ogni squadra vorrà mettersi in mostra contro di noi”.

 

Top Volley Cisterna - Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 3-1 (25-15, 25-23, 24-26, 25-18) - Top Volley Cisterna: Sottile 5, Van Garderen 15, Szwarc 12, Patry 23, Palacios 16, Rossi 5, Rondoni (L), Cavaccini (L), Peslac 0, Karlitzek 2, Elia 1. N.E. Rossato, Onwuelo. All. Tubertini. Globo Banca Popolare del Frusinate Sora: Radke 2, De Barros Ferreira 13, Caneschi 6, Miskevich 4, Grozdanov 13, Di Martino 10, Mauti (L), Sorgente (L), Fey 0, Alfieri 0, Van Tilburg 12, Scopelliti 0. N.E. Battaglia. All. Colucci. ARBITRI: Goitre, Vagni. NOTE - durata set: 24', 33', 35', 28'; tot: 120'. Spettatori: 1.012. MVP: Cavaccini.

La Top Volley Cisterna sconfigge la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 3-1 e conquista l’ottava vittoria consecutiva nei derby laziali con i volsci. I pontini, con questo quarto risultato positivo stagionale, salgono a quota 12 punti nella classifica di Superlega e continuano la rincorsa salvezza. Decisiva la reazione dei padroni di casa che, dopo aver vinto i primi due set (2-0), subiscono il ritorno di Sora (2-1) ma nel quarto reagiscono chiudendo 25-18.

La cronaca.
L’avvio di match della Top Volley Cisterna è come al solito a mille all’ora e il primo set è tutto dei pontini che s’impongono 25-15. Mai in discussione il parziale: Patry va al servizio e piazza un break di quattro punti con due aces di fila (16-7) ed è lo strappo decisivo del set che poi vede anche Palacios molto concreto (22-13), mentre Sora si dimostra fallosa dalla linea dei nove metri (cinque errori). Di sottile il tocco decisivo. I pontini chiudono con un attacco migliore (68% contro il 56% di Sora), una ricezione più precisa (82% a 40%) e quattro ace a zero. Più equilibrato il secondo parziale ma la Top Volley Cisterna lo porta a casa 25-23. Sora arriva fino al 23 a 20 ma Grozdanov e Scopellitti sbagliano la battuta e la Top Volley ringrazia con Alberto Elia che chiude 25-23. I pontini archiviano il parziale con sei muri punto e tantissime palle toccate mentre Sora sbaglia quattro servizi. Nel terzo spicchio di gara la Top Volley concede a Sora la possibilità di riaprire il match e cede 24-26 dopo essere stata costantemente avanti (6-1, 11-16 e 13-8) ma Sora ricuce lo svantaggio e inizia a mettere moltissima pressione con la battuta così dal 20-17 si passa al 23-23 e fino al 24-26 che fa sorridere i volsci, più precisi in attacco (54% contro 44%) e più efficaci a muro (tre a zero). Obbligati a vincere da 3, Patry e compagni danno tutto e chiudono 25-18 davanti a un pubblico sempre in piedi nel finale anche di fronte ai quattro match point consecutivi annullati da Sora. Con un grande Cavaccini, tornato ai livelli di inizio stagione tanto da meritarsi il premio come MVP, la Top Volley è avanti 9-5e allunga sul 19-11 con Palacios al servizio. Sul 24-15 servono altri cinque scambi per domare Sora e pensare al prossimo match contro Padova.

MVP: Mimmo Cavaccini (Top Volley Cisterna)
Spettatori: 1.012

Domenico Cavaccini (Top Volley Cisterna): "Siamo felicissimi per la vittoria, ci voleva in questa fase delicata. Dovevamo giocare prima contro le nostre paure e poi contro i nostri avversari. Quando è così è sempre difficile. Mi è piaciuta la reazione nel quarto set, abbiamo dato una grande risposta".
Simone Roscini (secondo allenatore Globo Banca Popolare del Frusinate Sora): "Peccato per il secondo set, parziale in cui siamo riusciti a recuperare lo svantaggio, ma abbiamo perso 25-23. Eravamo rientrati in partita e potevamo gestire meglio quel momento perché saremmo arrivati sull'1-1 e forse la gara avrebbe potuto prendere una piega diversa. Cisterna ci ha messo grandissima pressione con la battuta".

 

Cucine Lube Civitanova - Consar Ravenna 3-0 (25-21, 25-23, 25-19) - Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende 1, Juantorena 11, Anzani 2, Rychlicki 11, Kovar 9, Simon 16, Diamantini 2, Balaso (L), Bieniek 3. N.E. D'Hulst, Marchisio, Massari. All. De Giorgi. Consar Ravenna: Saitta 0, Lavia 12, Cortesia 5, Vernon-Evans 3, Ter Horst 7, Grozdanov 8, Marchini (L), Kovacic (L), Stefani 7, Batak 1, Alonso 0, Cavuto 0, Recine 0. N.E. Bortolozzo. All. Bonitta. ARBITRI: Curto, Caretti. NOTE - durata set: 28', 28', 29'; tot: 85'. Spettatori: 2.976. Incasso: 29.412 euro. MVP: Simon.

La Cucine Lube Civitanova rialza subito la testa in campionato, sbarazzandosi della Consar Ravenna con un secco 3-0 nella settima di ritorno della Regular Season di SuperLega Credem Banca (25-21, 25-23, 25-19), andata in scena all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche davanti a 2976 spettatori. Marchigiani con Leal ancora a riposo e Kovar in campo, la novità rispetto alle ultime uscite si registra al centro, dove torna Anzani a far coppia con Simon. Il servizio e il solito ottimo Balaso sono le armi che consentono ai padroni di casa di raddrizzare una situazione difficile nel parziale d’apertura. Gli ace in serie di Rychlicki prima e Simon poi valgono la parità a quota 13 (dal -3), dopo una buonissima partenza della squadra di Bonitta, con Ter Horst trascinatore. Quindi l’ace di Kovar che mette la Lube per la prima volta col muso davanti sul 20-19. Il gran lavoro in seconda linea di Balaso, successivamente consente a Bruno di impostare i contrattacchi della fuga decisiva. Il 25-21 matura con un muro vincente di Bieniek, subentrato nel frattempo ad Anzani e subito protagonista. Al ritorno in campo alza subito il muro la Cucine Lube, mettendo il set inizialmente in discesa: 9-5 dopo i blocchi vincenti di Simon e Bruno (17-7), dopo quello di Juantorena su Kernan, che poco dopo lascia il campo (con Saitta) alla diagonale d’attacco Batak-Stefani. Con questa mossa Bonitta prova a scuotere i suoi, riuscendo nell’intento: Ravenna tiene botta nonostante le fiammate di Simon (17-14), ritrovando addirittura la parità sul 22-22 (muro di Alonso su Kovar), ma si arrende 23-25 davanti allo strapotere fisico e tecnico del cubano (6 punti, 80% in attacco, 1 ace e 1 muro), che schianta a terra il primo tempo del 24-23 e la successiva palla corta dai nove metri che beffa la ricezione ravennate, fissando il 25-23. Il terzo set è un monologo della Cucine Lube, con Simon ancora protagonista: suo il titolo di Mvp della gara (con 16 punti e addirittura il 91% di efficacia in attacco, più 4 ace e 2 muri), che conferma capitan Juantorena e compagni in vetta a braccetto con Perugia.

MVP: Robertlandy Simon (Cucine Lube Civitanova)
Spettatori: 2.976.
Incasso: 29.412 euro.

Fabio Balaso (Cucine Lube Civitanova) : "Dopo la brutta sconfitta di Modena era fondamentale ritrovare immediatamente la vittoria da tre punti, quindi obiettivo centrato. Si tratta di un successo salutare per la classifica, dato che la lotta per il primo posto è decisamente aperta, ma anche per il morale. Ora testa alla partita di Champions League che tra pochi giorni ci vedrà di scena a Trento".
Marco Bonitta (allenatore Consar Ravenna): "Sapevamo che qui a Civitanova ci aspettava una partita molto difficile, e siamo quindi scesi in campo con l'obiettivo di tenere botta agli avversari. Ci siamo riusciti in maniera molto concreta nei primi due set, non nel terzo dove ho voluto dare spazio anche a chi aveva giocato meno. Usciamo a testa alta e va bene così, guardiamo avanti fiduciosi".

 

Sir Safety Conad Perugia - Gas Sales Piacenza 3-1 (23-25, 25-18, 25-22, 25-14) - Sir Safety Conad Perugia: De Cecco 0, Leon Venero 18, Podrascanin 10, Atanasijevic 6, Lanza 10, Russo 12, Biglino (L), Zhukouski 2, Colaci (L), Taht 0, Ricci 0, Hoogendoorn 10. N.E. Plotnytskyi, Piccinelli. All. Heynen. Gas Sales Piacenza: Cavanna 0, Berger 13, Krsmanovic 8, Nelli 9, Kooy 16, Stankovic 8, Fanuli (L), Paris 0, Scanferla (L), Fei 0, Botto 1. N.E. Tondo, Pistolesi, Copelli. All. Gardini. ARBITRI: Puecher, Zanussi. NOTE - durata set: 31', 25', 31', 21'; tot: 108'. Spettatori: 3.147. MVP: Hoogendoorn.

Vittoria in rimonta della Sir Safety Conad Perugia. I Block Devils rispettano il fattore campo e sconfiggono 3-1 un’ottima Gas Sales Piacenza nella settima di ritorno di Superlega prendendosi i tre punti decisivi per restare al comando della classifica in coabitazione con Civitanova. Sale a diciannove la striscia di successi consecutivi, nuovo record per la società del presidente Sirci. Una gara dura al PalaBarton per i ragazzi di Heynen, merito di una Gas Sales Piacenza partita a razzo, sfruttando la battuta e trovando in Kooy un terminale offensivo implacabile (16 i punti alla fine del martello olandese di passaporto italiano). Poi dal secondo parziale Perugia cresce, trova qualità dai nove metri (7 alla fine gli ace) e soprattutto a muro, dove Russo e Podrascanin sono dominanti (7 dei 13 complessivi sono firmati dalla coppia centrale bianconera). Heynen trova infine dalla panchina la mossa vincente inserendo sul 4-5 del terzo set Hoogendoorn per Atanasijevic. L’opposto olandese diventa il trascinatore dei suoi mettendo a referto 10 punti con 1 ace e 9 su 9 in attacco, prendendosi anche il premio di MVP della partita. Doppia cifra nella metà campo bianconera per Leon (18 punti), Lanza (10 punti), Russo (12 palloni vincenti) e Podrascanin (10) che chiude l’ultimo punto e fa partire la festa del pubblico del PalaBarton. Tifosi che prima e dopo il match salutano con un’ovazione e con tanti applausi l’ex Alexander Berger, tre stagioni a Perugia e molto amato da tutto il palazzetto.

MVP: Sjoerd Hoogendoorn (Sir Safety Conad Perugia)
Spettatori: 3.147

Roberto Russo (Sir Safety Conad Perugia): “Prima di tutto complimenti a Piacenza che ha giocato molto bene. Noi, dopo un primo set altalenante, siamo riusciti a esprimere il nostro gioco ed è stato importante vincere. La mia prova? Si lavora per la squadra, oggi è andata bene”.
Maximiliano Cavanna (Gas Sales Piacenza): “Abbiamo avuto un bell’approccio, un bell’atteggiamento di squadra che ci ha permesso di iniziare al meglio il match. Perugia è una squadra forte, è uscita alla distanza e ci ha messo in difficoltà. È difficile portare via punti da questo palazzetto e con questo tifo. Credo che comunque questa prova ci serva per guardare con fiducia alle prossime partite decisive per arrivare ai Play Off".

 

Giocata ieri:
Calzedonia Verona - Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1 (22-25, 25-21, 28-26, 31-29) - Calzedonia Verona: Spirito 1, Muagututia 17, Cester 4, Boyer 25, Asparuhov 19, Solé 8, Donati (L), Bonami (L), Marretta 0, Birarelli 1, Kluth 0. N.E. Zanotti, Franciskovic, Chavers. All. Stoytchev. Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Baranowicz 1, Defalco 7, Chinenyeze 12, Drame Neto 29, Carle 11, Mengozzi 8, Sardanelli (L), Rizzo (L), Vitelli 1, Hirsch 0, Ngapeth 4. N.E. Marsili, Pierotti. All. Cichello. ARBITRI: Gnani, Pozzato. NOTE - durata set: 30', 26', 38', 42'; tot: 136'. Spettatori: 2.712. MVP: Boyer.

 

Classifica
Sir Safety Conad Perugia 48, Cucine Lube Civitanova 48, Leo Shoes Modena 46, Itas Trentino 41, Allianz Milano 33, Kioene Padova 25, Consar Ravenna 24, Calzedonia Verona 21, Vero Volley Monza 21, Gas Sales Piacenza 18, Top Volley Cisterna 12, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 12, Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 5.

1 incontro in più: Sir Safety Conad Perugia, Leo Shoes Modena, Consar Ravenna, Gas Sales Piacenza.
1 incontro in meno: Kioene Padova, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.

Prossimo turno
8a di ritorno SuperLega Credem Banca
Domenica 16 febbraio 2020, ore 18.00

Consar Ravenna – Sir Safety Conad Perugia   Diretta Eleven Sports
Vero Volley Monza – Calzedonia Verona  Diretta Eleven Sports
Top Volley Cisterna – Kioene Padova   Diretta Eleven Sports
Allianz Milano – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora  Diretta Eleven Sports
Cucine Lube Civitanova – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia  Diretta Eleven Sports
Domenica 16 febbraio 2020, ore 20.30
Itas Trentino – Leo Shoes Modena  Diretta RAI Sport
Diretta streaming su raiplay.it

Turno di riposo:
Gas Sales Piacenza

Recupero 2a giornata di ritorno SuperLega CredemBanca
Venerdì 21 febbraio 2020, ore 19.30

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Kioene Padova Diretta Eleven Sports

Sigla.com - Internet Partner