Tante novità sottorete per i giovani

30/03/2011

Bruninho a ModenaBruninho a Modena
Bruninho a Modena
Puntata particolare quella di giovedì per "Top Volley", il rotocalco tv condotto da Laura Tommasini in onda alle ore 21.00 su E'Tv: è stato un piacere un essere in studio insieme a Paolo Penazzi e a Rosario Palladino, potendo colloquiare telefonicamente con i due ct dell'Italvolley, Mauro Berruto e Massimo Barbolini.

ITALIA COME I MAIA. A proposito del nuovo allenatore della nazionale maschile, lunedì la sua presentazione ufficiale a Roma ha destato sensazione per la qualità delle sue parole. Chi si è stupito ovviamente non lo conosceva - come ha correttamente riconosciuto il presidente del Coni Gianni Petrucci - oppure non è in grado di comprendere l'acume dei suoi interventi. "Il mio riferimento sono i Maia e la loro profezia: per me, e chiederò che sia lo stesso per la squadra, il mondo chiude all'Olimpiade di Londra. Il dopo non esiste...". devo ammettere che concordo con il tecnico-filosofo. "Mi sono presentato in tuta non causalmente, è un segnale preciso: se quella precedente è stata la generazione di fenomeni, questa che mi è stata affidata dovrà essere la generazione di lavoratori: la fame metaforica deve essere una componente essenziale". Tutto vero. Bene, bravo, bis."Il progetto con la Finlandia era diverso, adesso serve la mia presenza a tempo pieno: voglio avere un contatto diretto e continuo con tutte le società, vedere all'opera i giocatori anche non del giro azzurro, programmare il futuro". Sono contento di 
sentirglielo dire, come tutti quelli che hanno a cuore le sorti del nostro amato sport. Poi a proposito della lista dei neo-convocati per la World League 2011: "Considero questa manifestazione un laboratorio straordinario, e non voglio ritardare l'ingresso di giovani talenti sulla ribalta: il gruppo deve lavorare intensamente per costruirsi un'identità di squadra. Ho parlato con una quarantina di atleti, e ho trovato in tutti grande disponibilità: alla fine deciderò con chi giocare l'Europeo e le qualificazioni per la Rassegna a Cinque Cerchi". E anche per la World Cup: significherebbe che l'Italia si sarebbe qualificata tra le prima due della rassegna continentale. Per adesso, un grande in bocca al lupo al nuovo nocchiero azzurro.

QUANTE NOVITA'. Nella lista dei 25 convocati da Berruto figurano tantissimi volti nuovi per l'azzurro, come ad esempio Giulio Sabbi, capocannoniere della serie A2 con Isernia, Marco Falaschi regista di Castellana Grotte, Luca Vettori bomber del Club Italia, Enrico Cester centrale di San Giustino, Daniele Mazzone centrale del Club Italia, Ludovico Dolfo martello di Loreto, Massimo Colaci secondo libero di Trento e Daniele De Pandis libero di Forlì. Aria di novità dunque sottorete. Manca invece Matteo Martino, a conferma del fatto che il talentuoso martello di Macerata si dedicherà ancora al beach volley durante l'estate: un bene o un male per lui e per la pallavolo italiana?

NEWS PER I GIOVANI. Mi hanno riferito delle novità che dovrebbero essere introdotte a brevissimo tra in campo giovanile maschile, se ho capito bene a partire dagli Under 16. Sono tre e molto importanti: innanzi tutto la seconda battuta come nel tennis, con il primo servizio obbligatoriamente effettuato in salto e il secondo piedi a terra: questo per migliorare la qualità del servizio dei ragazzi, che in tal modo affinerebbero la loro confidenza con la forzatura della prima palla potendo contare su un'alternativa. Poi l'avanzamento della linea dei ricettori, favorendo la ricezione in palleggio: più precisa ma assai più complicata, soprattutto se dall'altra parte entra la battuta in salto. Infine il muro a 3 da motivare e da mettere in pratica con continuità: non credo obbligatorietà, vista la complessità del gesto tattico (a volte anche in serie A...). Iniziative senza dubbio interessanti, per dare un'indubbia svolta al lavoro finora svolto in Italia. Il neo ct ha confermato in diretta queste anticipazioni, motivandole, e lo ringrazio per la correttezza e la simpatia dimostrata nei miei confronti.

TRENTO NELLA STORIA. Con la sua terza vittoria consecutiva in Champions League, Trento è senza dubbio entrata nella storia della pallavolo italiana e mondiale, emulando l'impresa che era riuscita finora solo a Ravenna dal 1992 al 1994 e a Modena dal 1996 al 1998. A questi trionfi però la squadra guidata dall'ottimo Rado Stoytchev deve aggiungere i due successi nel Mondiale per Club, lo scudetto del 2008 e la Coppa Italia dell'anno scorso. Una bacheca ricchissima, che sta a confermare l'eccellente lavoro svolto da una società che in poco tempo ha saputo bruciare le tappe, consolidandosi, crescendo, e infiammando il suo meraviglioso e caldissimo pubblico. Un "case history" da studiare e da applaudire.

BRUNINHO A MODENA.
Mettendo a segno un eccezionale colpo sul mercato, Casa Modena si è assicurata le gesta del regista della nazionale brasiliana, campione del Mondo a Roma il 10 ottobre dello scorso anno. Figlio d'arte, del ct verdeoro Bernardinho e dell'ex campionessa Vera Mossa (applaudita anche in Italia), questo talentuoso 24enne palleggiatore è già arrivato nella città della Ghirlandina, dove all'inizio degli Anni 90 ha allenato papà. Bruninho è appena stato eliminato dai play off in Brasile con il suo Cimed ad opera del Futura di Ricardinho. Per la squadra di Daniele Bagnoli (che sta trattando il prolungamento del contratto) la migliore soluzione possibile per sostituire Mikka Esko, infortunatosi ad un dito e di conseguenza out per i play off scudetto. Complimenti sinceri a Bruno da Re, motore dell'operazione.

URBINO A UN PASSO DAL SOGNO. Bellissima impresa di Urbino nella prima partita di finale della Coppa Cev femminile: la squadra di Salvagni ha espugnato il campo  della Dinamo Krasnodar per 3-0, con punti della Wilson, 13 di Renatinha e 10 della Di Iulio. Domenica sera innanzi al proprio pubblico le marchigiane cercheranno di centrare un obiettivo prestigioso per il volley rosa.

Buona pallavolo a tutti.

P.S.
La frase di oggi è di Jim Morrison: "Non importa quando, non importa come, ma un giorno di questi il mondo cambierà". Attendiamo fiduciosi, perchè non ne possiamo quasi più di questa situazione...
Sigla.com - Internet Partner